2022 . 05 Maggio (11 – 20 maggio)

AGGIORNAMENTO IN CORSO

Non è una rassegna stampa, ma la mia personale raccolta di notizie, fatti, idee e persone che metto a disposizione  di quanti, determinati ma con il sorriso sulle labbra, ancora resistono e lottano per il pane e le rose

Dall’1 al 10 maggio https://sentileranechecantano.net/2022-05-maggio/
Dal 21 al 31 maggio https://sentileranechecantano.net/2022-05-maggio-21-31-maggio/

Vicenza. Morto folgorato, i sindacati indicono 8 ore di sciopero

“Bisogna reagire con azioni concrete ed intervenire subito con provvedimenti ed iniziative in grado di fermare la strage”
continua in
https://www.vicenzatoday.it/attualita/infortunio-mortale-acciaierie-beltrame-vicenza-sindacati-maggio-2022.html

Acciaierie Venete, 4 anni fa, il 13 maggio 2018, la morte dei due operai e il ferimento di due colleghi a Padova

Quarto anniversario della strage di Riviera Francia a Padova, in cui quattro lavoratori furono coinvolti, due gravemente feriti, e due, Marian Bratu e Sergiu Todita, persero la vita. Proprio alla vigilia di questa ricorrenza un operaio della Euromec è morto allo stabilimento delle Acciaierie Beltrame di Vicenza
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/12/news/acciaierie_venete_4_anni_fa_il_13_maggio_2018_la_morte_dei_due_operai_e_il_ferimento_di_due_colleghi_a_padova-2108325/

Napoli. Cade dal tetto per 12 metri, grave operaio: stava lavorando alla piscina comunale
Elena Del Mastro – Il Riformista

Stava lavorando sul tetto della piscina comunale di corso Secondigliano quando è precipitato sulla strada. Subito è stato portato d’urgenza all’Ospedale Cardarelli e le sue condizioni sono gravi. È l’ennesimo incidente sul lavoro, un dramma nazionale senza fine.
L’incidente è avvenuto questa mattina a Secondigliano, periferia nord di Napoli, intorno alle 9,30, quando i carabinieri della locale stazione sono intervenuti presso la piscina comunale di corso Secondigliano 292. L’operaio è precipitato da un’altezza di circa 10, 12 metri. L’uomo, un 48enne napoletano, si trovava sul tetto in legno lamellare della piscina per un sopralluogo. Dopo la caduta è stato trasferito all’ospedale Cardarelli dove è ricoverato in gravi condizioni.
Sul posto anche i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli per i rilievi del caso e personale dell’Asl per le verifiche di competenza. L’area è stata sequestrata


Cosenza. “In Piazza per la Democrazia”, manifestazione della Cgil con la partecipazione di Alessandro Iuliano (segretario generale FP Cgil Cosenza), Mariagrazia Cortese (responsabile CDL Cgil Sangiovanniinfiore), Alessandra Baldari (segretario generale FP Cgil Calabria), Umberto Calabrone (segretario generale Cgil Cosenza). Conclude Angelo Sposato (segretario generale Cgil Calabria) – Mercoledì 11 maggio, ore 9.30, Piazza Matteotti San Giovanni in Fiore – #inpiazzaperlademocrazia#sitin#cgil#mercoledì#11maggio#ore930#piazzamatteotti#sangiovanniinfiore 

https://www.facebook.com/photo/?fbid=10224832415351024&set=a.3903284713911


11 maggio: le notizie di Radio Popolare

La nuova offensiva russa sull’acciaieria di Mariupol, Draghi insiste sulla necessità di una trattativa tra Russia e Ucraina le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 11 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. È il 77esimo giorno di guerra in Ucraina. Mosca ha ripreso l’offensiva sull’acciaieria di Mariupol, e secondo fonti ucraine l’attacco verrebbe ora condotto non solo con raid aerei, ma anche via terra con i carri armati, che starebbero cercando di sfondare nell’Azovstal. Mario Draghi ha fatto un appello al presidente americano Biden, perché cambi atteggiamento, si sieda al tavolo dei negoziati e collabori alla ricerca di un accordo. È stata approvata in via definitiva con il voto del senato questa mattina la cosiddetta “Legge Salvamare”, presentata nel 2018 dall’allora ministro dell’Ambiente, Sergio Costa. Vincenzo Nibali ha annunciato il proprio ritiro: il ciclista lo ha fatto dopo l’arrivo della quinta tappa del Giro d’Italia, a Messina. È morto Paul Anthony Ginsborg, lo storico inglese, 76 anni, viveva da molti anni a Firenze dove era docente universitario di storia dell’Europa contemporanea nell’università della città. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-mercoledi-11-maggio/

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 77

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-77-184b6fb7-567d-4da1-8715-1192773b2880.html

Ucraina. Guerra giorno 77, le analogie e la lezione dell’Afghanistan di 40 anni fa
Andrea Lavazza – Avvenire

Vale la pena ricordare come l’invasione di Kabul nel 1979 da parte dell’Urss vide aiuti ai resistenti dagli Stati Uniti, massacri sui civili e una sconfitta dalle conseguenze di lungo termine
continua in
https://www.avvenire.it/mondo/pagine/il-punto-andrea-lavazza-11-maggio-2022-ucraina


A carissimo amico

Draghi a Biden: tentiamo la pace
Andrea Colombo – il manifesto

Il presidente Biden «non vedeva l’ora» di incontrare Draghi e alle 20 in punto se lo è trovato di fronte nella sala ovale della Casa Bianca, scortato dall’ambasciatrice Zappia e dai consiglieri Mattiolo, il diplomatico, De Leverano, il militare, Giavazzi, l’economico. Ad accoglierli, con Biden, un team tutto femminile: la segretaria al Tesoro Yellen, la vicesegretaria di Stato Sherman, la consigliera per l’Europa Sloat. L’incontro durerà un’ora e mezzo precisa.
continua in
https://ilmanifesto.it/draghi-a-biden-tentiamo-la-pace


L’Ucraina stoppa il gas russo: è la prima volta. Le conseguenze per l’Italia
Miriam Carraretto – QuiFinanza

Stop al gas russo in Ucraina. Per la prima volta dall’inizio della guerra, l’operatore ucraino che gestisce il gasdotto ha dichiarato che interromperà le spedizioni russe di gas attraverso il suo hub di Novopskov, nell’Ucraina orientale, in una zona controllata dai separatisti sostenuti da Mosca
continua in
https://quifinanza.it/editoriali/video/ucraina-stoppa-gas-russo-prima-volta-quali-conseguenze-italia/646747/

Gli oligarchi russi che ora imbarazzano Cipro
Elisa PerrigueurMediapart/Internazionale Francia

La linea dell’orizzonte è interrotta solo dai cantieri. I grattacieli vuoti fanno ombra alle palme della costa. Lungo gli ampi viali, dove le decappottabili sfrecciano sulla corsia sinistra della carreggiata, i cartelloni pubblicitari in inglese e cirillico promuovono investimenti in ville di lusso.
continua in
https://www.internazionale.it/notizie/elisa-perrigueur/2022/05/11/cipro-oligarchi-russi


La guerra è a una svolta storica
Luciana Castellina – Sbilanciamoci

Dopo le parole con cui il segretario generale della Nato Stoltenberg ha zittito Zelenski sulla Crimea, i leaders europei hanno iniziato pur con molte titubanze a capire il concreto rischio di scivolare in una terza guerra mondiale senza che nessun parlamento abbia affrontato la questione. Siamo a una svolta storica e anche la visita di […]
continua in
https://sbilanciamoci.info/la-guerra-e-a-una-svolta-storica/

CHE SIGNIFICA OGGI VINCERE O PERDERE UNA GUERRA?
Guido Formigoni – Il Mulino

Il tema della vittoria è sempre più al centro delle retoriche pubbliche attorno alla guerra. Ma ascoltare questi slogan lascia perplessi. Che cosa significa infatti precisamente «vincere» o «»perdere» una guerra come quella in corso?
continua in
https://www.rivistailmulino.it/a/che-significa-oggi-vincere-o-perdere-una-guerra?&utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Strada+Maggiore+37+%7C+13-17+maggio+%5B8523%5D

La differenza tra il negare le armi a Kyiv e impedirne agli altri l’invio
Adriano Sofri Piccola Posta – Il Foglio

La nonviolenza radicale che non ammette nemmeno la legittima difesa è probabilmente molto meno diffusa, sincera e vincolante di quanto non si deduca dalle pubbliche dichiarazioni. Un conto è dichiarare di non poter armare l’aggredito, un altro è impegnarsi a disarmarlo
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2022/05/11/news/la-differenza-tra-il-negare-le-armi-a-kyiv-e-impedirne-agli-altri-l-invio-3991857/



“Né a Coltano, né altrove”. I NoBase fanno tappa a Roma

Verso la manifestazione del 2 giugno. Il 12 maggio, a Roma e Pisa, un presidio contro la nuova base militare a Coltano
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2022/05/11/ne-a-coltano-ne-altrove-i-nobase-fanno-tappa-a-roma/


Lei si chiamava Shireen Abu Akleh. Lui, Marcelo Pecci. Lei lavorava per Al -Jazeera, lui era un magistrato paraguaiano. Entrambi sono stati uccisi oggi. Lei in Cisgiordania, lui in Colombia dov’era in viaggio di nozze. Uccisi, la prima per garantire l’informazione, il secondo impegnato nella lotta ai narcotrafficanti. Morti per la nostra libertà.

Sandro Ruotolo

https://www.facebook.com/baffone55

Cisgiordania, morta durante uno scontro a fuoco giornalista di Al Jazeera

Una giornalista di Al Jazeera, Shireen Abu Akleh, è rimasta uccisa in uno scontro a fuoco durante un raid dell’esercito israeliano a Jenin in Cisgiordania. Lo ha confermato il ministero della salute palestinese. La reporter è stata colpita da un proiettile al volto ed è morta sul colpo. Un altro giornalista palestinese, Ali Samodi, che lavora per il giornale Al-Quds è stato ferito ed è in condizioni stabili. 
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/cisgiordania-morta-durante-uno-scontro-a-fuoco-giornalista-di-al-jazeera-5b3eaccb-f6ed-4bde-8594-ddd53c9e6c40.html

Adriano Sofri sulla propria pagina Facebook

Shereen Abu Akleh, 51 anni, da 25 corrispondente di Al Jazeera dalla Palestina, è morta stamattina, colpita da un proiettile alla nuca mentre con tre colleghi giornalisti assisteva a un raid israeliano nel campo profughi, che ospita15 mila persone, della cittadina di Jenin, nella Cisgiordania settentrionale. Un altro giornalista di al Jazeera
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10220254230001688&set=a.1156800755965


Le mani addosso, le volgarità, “vieni qui bella figa”, l’atto sessuale mimato quando volti le spalle, i fischi, baci imposti e complimenti non richiesti al raduno delle penne nere. Nessuna ha denunciato, dicono all’Associazione nazionale alpini. Come dire: il fatto non sussiste, o è stata solo goliardia. O “infiltrati”, magari “ubriaconi”. Come se fosse facile presentarsi dai carabinieri e dire che qualcuno (chi? uno o tanti in mezzo a una folla) ti ha palpeggiato o detto frasi irripetibili. E’ già complicato quando puoi indicare un nome, figuriamoci un anonimo (tanti anonimi)sconosciuti. Però attenti: minimizzare come fanno troppi e ridurre tutto a maleducazione “fisiologica” nei grandi numeri o gridare “Viva gli alpini” come Salvini è violenza che si somma alla violenza sulle donne. Gli alpini ricordano che i loro valori sono “pace, fratellanza, solidarietà e amore per la Patria”. Tutto bene, se questi valori non sono declinati solo al maschile. La violenza – verbale, mimata, minacciata, compiuta – non è goliardia. Non riuscire a vederla è vizio di una cultura patriarcale.

https://www.strisciarossa.it/molestie-alladunata-degli-alpini/

Covid Italia, bollettino dell’11 maggio: 42.249 casi e 115 decessi

Sono 42.249 i casi registrati nelle ultime 24 ore in Italia, con 115 decessi. Eseguiti 294.611 tamponi. Il tasso di positività è al 14,3%, in calo dello -0,7%. Diminuiscono anche i ricoveri in terapia intensiva (-20 posti) e nei reparti ordinari (-167)
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2022/05/11/news/covid_italia_bollettino_dell11_maggio_casi_e_decessi-349047542/

Donini (Regioni) a Draghi: “Riarmare la sanità. La salute viene prima delle armi”. “Mancano 4 mld per spese Covid e non abbiamo personale”

Lo ha scritto sulla sua pagina facebook l’assessore alla sanità dell’Emilia Romagna e coordinatore della Commissione Salute delle Regioni rifacendosi all’aumento delle spese militari al 2% del Pil che, scrive Donini, “significherebbe passare dagli attuali 25,8 miliardi di euro all’anno (68 milioni al giorno) a circa 38 miliardi all’anno (104 milioni al giorno)”. E questo mentre la sanità pubblica e universalistica del nostro paese fatica, in tutte le regioni a far tornare i conti”
continua in
https://www.quotidianosanita.it/emilia_romagna/articolo.php?articolo_id=104636

Omicidio Cucchi, un mix tra malapolizia e malasanità
Ercole Olmi – Popoff

Le motivazioni della Cassazione sull’omicidio di Stefano Cucchi. Rischio prescrizione per il maresciallo che avrebbe avviato il depistaggio
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2022/05/11/omicidio-cucchi-motivazioni-della-sentenza-di-cassazione/

Vittorio morto in carcere dopo lo scontro con due agenti: la verità dai video, torna l’incubo Santa Maria
Viviana Lanza – Il Riformista

Sarebbe uscito dal carcere a ottobre. Ancora pochi mesi e la pena scontata gli avrebbe consentito di ritrovare la libertà, comunque di lasciarsi alle spalle la vita dietro le sbarre. Invece è morto, stroncato da un malore dopo una colluttazione con agenti penitenziari, pare. Ma come? La Procura ha deciso di aprire un fascicolo su quanto accaduto ieri nel carcere di Salerno, di indagare sulla morte di Vittorio, originario di Aversa, deceduto all’ospedale Ruggi d’Aragona dove era stato portato d’urgenza, come estremo tentativo.
continua in
https://www.ilriformista.it/vittorio-morto-in-carcere-dopo-lo-scontro-con-due-agenti-la-verita-dai-video-torna-lincubo-santa-maria-298719/

Il Senato Usa blocca il provvedimento sul diritto all’aborto

Come previsto, il Senato americano ha bloccato il provvedimento per trasformare in legge la storica sentenza della Corte Suprema che ha legalizzato l’aborto negli Stati Uniti. La misura, introdotta dai democratici, prevedeva il diritto delle donne all’accesso alle interruzioni di gravidanza a livello federale
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/il-senato-usa-blocca-il-provvedimento-sul-diritto-allaborto–45e1c87a-d092-4ab3-9821-02736873cdb5.html

Diritto di aborto, cosa c’è dietro l’attacco della Corte Suprema
Renato Mannheimer, Pasquale Pasquino – Il Riformista

Ci sono ragioni per pensare che la bozza della decisione della Corte suprema americana sul tema dell’aborto, fatta trapelare e rivelata dalla stampa nei giorni scorsi, possa diventare la decisione finale che verrà resa nota verosimilmente in giugno. In tal caso, gli Stati Uniti sarebbero sulla strada di trasformarsi in uno Justizstaat, un regime politico in cui sono i giudici che decidono sovranamente del diritto alla vita e alla morte dei cittadini: dall’aborto alla eutanasia. Bisogna tener presente i passaggi essenziali della procedura che caratterizza il lavoro della Suprema Corte degli Stati Uniti. Che è molto diversa da quelle in uso nelle Corti costituzionali europee
continua in
https://www.ilriformista.it/diritto-di-aborto-cosa-ce-dietro-lattacco-della-corte-suprema-298674/

LA BATTAGLIA SULL’ABORTO
Maurizio Vaudagna – Il Mulino

Siamo davanti a uno scontro ampiamente annunciato: se la Corte abrogasse la sentenza del 1973 Roe vs Wade, molto probabilmente l’aborto sarebbe vietato in circa 26 Stati a predominio repubblicano
continua in
https://www.rivistailmulino.it/a/la-battaglia-sull-aborto?&utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Strada+Maggiore+37+%7C+13-17+maggio+%5B8523%5D

Gucci prende posizione sul divieto di aborto negli Usa: aiuterà le donne del suo staff per le spese

Con l’ultimo annuncio la maison si unisce a un crescente numero di marchi, come Levi’s, che hanno preso posizione sui rischi a cui stanno andando incontro i diritti delle donne
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/gucci-prende-posizione-contro-lannullamento-della-sentenza-che-permette-laborto-negli-usa-8d0d985b-9b7a-453b-95db-cdde99e291b1.html

Portogallo: i medici potrebbero essere penalizzati per gli aborti

La Federazione nazionale dei medici portoghesi: “Si tratterebbe di una discriminazione salariale, in base alle decisioni individuali dei pazienti”
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/portogallo-i-medici-potrebbero-essere-penalizzati-per-gli-aborti–d4e14dc3-c391-4a6d-806b-9e48e21c8e61.html

El Salvador, una donna condannata a 30 anni di carcere per un aborto spontaneo

Il piccolo Paese dell’America centrale ha una delle legislazioni più restrittive al mondo sull’aborto che prevede pene anche in caso in cui l’interruzione di gravidanza avvenga per cause naturali
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/el-salvador-una-donna-condannata-a-30-anni-di-carcere-per-un-aborto-spontaneo-8c418bbe-c26a-4e23-a9a3-7f2f9f7bc671.html

Cento anni fa nasceva Piero Della Seta. Dalle borgate la visione della città di tutti
Jolanda Bufalini – Strisciarossa

Giovedì 12 maggio, dalle 17 alle 19, alla Protomoteca del Campidoglio si terrà un convegno su Piero Della Seta a cento anni dalla nascita dal titolo “Capire e trasformare la città”. Dopo i saluti del sindaco di Roma Roberto Gualtieri, il convegno sarà introdotto da Francesco Giasi, direttore della Fondazione Gramsci, seguiranno gli interventi di Michele Colucci su “La città come riscatto”, Grazia Pagnotta su “Le giunte di sinistra”, Silvia Viviani su “Le campagne d’Italia”, le testimonianze di Vezio De Lucia e Walter Tocci
continua in
https://www.strisciarossa.it/cento-anni-fa-nasceva-piero-della-seta-dalle-borgate-la-visione-della-citta-di-tutti/


Addio allo storico Paul Ginsborg 

Di Paul Ginsborg, mancato poche ore fa all’età di 76 anni, ci resteranno sicuramente due cose: una dimensione civile di opposizione, propria degli intellettuali radicali dei paesi anglo-sassoni e diversa dal modello dell’estremismo di quelli in Italia; e una dimensione di indagine storica, dove il rapporto cittadino/Stato non riesce mai a emanciparsi davvero dalla figura tra potere e suddito.
continua in
https://maremosso.lafeltrinelli.it/news/addio-allo-storico-paul-ginsborg

Il ricordo di Bruno Gravagnuolo

E’ triste dover fare il regesto degli amici scomparsi. Siamo talmente stufi e addolorati ogni volta, che ormai fantastichiamo di raggiungerli o di smettere. Ma poi come si fa? E allora scegliamo di non fare un necrologio sistematico stavolta. L’amico scomparso è Paul Ginsborg. Grande storico inglese scomparso ieri l’altro a 76 anni. Lo ricordiamo per la cortesia. La disponibilità. La passione per la politica. Inscindibilmente connessa ai suoi studi. Come in ogni storico di vaglia. Un laburista di sinistra. E un italomane. Che dedico’ tanta parte dei suoi studi all’Italia. Grandi temi. Il trasformismo. L’etica civile difettiva. Le fratture dello stivale pur nel suo sviluppo originale. Un maestro gentile e benevolente.
continua in
https://www.facebook.com/bruno.gravagnuolo.1/posts/406419748007759


11 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la


Gianluca Testoni sulla propria pagina Facebook

ENERGIA
Recuperate il question time di oggi perché è sensazionale nel bene e nel male e temo che domani non ne troveremo notizia sui giornali. Il Ministro Cingolani a fronte di domande diverse ha dato risposte(leggermente schizofreniche) in merito a tariffe e disponibilità di energia (…)
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10209462065305814&set=a.10202001224029445


Idroelettrico, concessioni strategiche per lo Stato, sostenibilità in attesa
Fabio Fimiani – Radio Popolare

È cambiato il quadro normativo per le grandi derivazioni idroelettriche, per cui stavano per partire le gare per il rinnovo delle concessioni.
La commissione Finanze e Industria del Senato ha infatti approvato il decreto Ucraina bis voluto dal Movimento 5 Stelle. In Lombardia con le dighe si produce un terzo dell’energia rinnovabile italiana da questa fonte.
continua in
https://www.radiopopolare.it/energia-cambiano-le-modalita-per-i-rinnovi-delle-concessioni-idroelettriche/

Capitalismo, democrazia e lavoro
Roberto Romano – Sbilanciamoci

La crisi dei subprime, poi la pandemia e la guerra hanno svuotato molte narrazioni neoliberiste. Anche in Italia – a Milano alla Fondazione Feltrinelli – si parla di nuovo patto sociale, nuova democrazia del lavoro. Ma serve attenzione per evitare che il lavoro, con uno Stato debole, venga fagocitato.
continua in
https://sbilanciamoci.info/capitalismo-democrazia-e-lavoro/


Labour 7: costruire il bene comune
Maria Teresa Polico – Collettiva

Al via a Berlino il vertice che riunisce i sindacati dei sette paesi più industrializzati al mondo. A latere una tavola rotonda con il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il segretario generale della Cgil Maurizio Landini
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/internazionale/2022/05/11/news/labour_7_costruire_il_bene_comune-2101535/

Lavoro. Si terrà a giugno a Berlino il Labour 7. Oggi Cgil Cisl e Uil incontrano il Cancelliere tedesco Scholz

In vista del G7,programmato per il prossimo mese di giugno, si riuniranno, da oggi mercoledì 11 a venerdì 13 maggio, a Berlino, i vertici delle organizzazioni sindacali dei 7Paesi più industrializzati. A margine di questo “Labour 7”, è previsto, per oggi pomeriggio, un incontro con il Cancelliere tedesco, Olaf Scholz, a cui parteciperanno i Segretari generali di CGIL e UIL, Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri, e il segretario nazionale della CISL Giulio Romani.
continua in
https://www.cisl.it/comunicati-stampa/lavoro-si-terra-a-giugno-a-berlino-il-labour-7-oggi-cgil-cisl-e-uil-incontrano-il-cancelliere-tedesco-scholz/

Cgil, Cisl, Uil a Berlino al Labour 7
Bombardieri, insieme a Landini e Romani, incontra Olaf Scholz

Le organizzazioni sindacali italiane chiederanno, innanzitutto, un forte impegno per una soluzione diplomatica per il cessate il fuoco e la pace. Inoltre, affinché le sanzioni colpiscano il regime di Putin e gli effetti  non siano pagati dalle lavoratrici e dai lavoratori europei, per costoro occorre prevedere ristori proporzionati ai danni economici
continua in
https://www.uil.it/NewsSX.asp?ID_NEWS=2936&Provenienza=2


Caterpillar, la lotta paga. A Jesi un accordo sindacale salva il lavoro e la produzione

Rota-Beldomenico (Fiom): “di fronte alla chiusura voluta dalla multinazionale, si continuerà a produrre senza rinunciare al salario e ai diritti”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/11/news/caterpillar_la_lotta_paga_a_jesi_un_accordo_sindacale_salva_il_lavoro_e_la_produzione-2103716/

Bologna. Galletti, rinnovo del contratto integrativo

Fiom provinciale: “L’accordo migliora sia le condizioni salariali che la conciliazione fra tempi di lavoro, di vita e le esigenze familiari. Il premio di risultato arriverà fino a 1300 euro”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/11/news/galletti_rinnovo_dell_integrativo-2104493/

JSW Steel mette in vendita lo stabilimento siderurgico di Piombino. Giorgetti cosa fa? Convochi subito un tavolo al ministero!

È arrivato oggi, in un’intervista rilasciata al Financial Times l’annuncio da parte di Sajan Jindall, amministratore delegato del colosso siderurgico JSW Steel, dell’intenzione di mettere in vendita lo stabilimento siderurgico di Piombino
continua in
https://www.usb.it/leggi-notizia/jsw-steel-mette-in-vendita-lo-stabilimento-siderurgico-di-piombino-giorgetti-cosa-fa-convochi-subito-un-tavolo-al-ministero-1500-1.html

Genova, alla Selesta ingegneria, rotte le trattative

La rappresentanza sindacale unitaria di Selesta ingegneria, azienda metalmeccanica che sviluppa e produce sistemi e soluzioni hardware e software per il controllo accessi, controllata al 100% dal gruppo Zucchetti, ha proclamato lo stato di agitazione del personale. Da tempo, è in atto un confronto sindacale sull’organizzazione del lavoro e su alcune voci legate alle retribuzioni. Purtroppo, da parte aziendale, non c’è alcuna volontà di venire incontro alle richieste sindacali
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/11/news/genova_alla_selesta_ingegneria_rotte_le_trattative-2104404/

Gruppo Carraro: il 12 maggio sciopero in tutti gli stabilimenti italiani

Il Coordinamento Nazionale delle Rsu del gruppo Carraro insieme ai sindacati territoriali e nazionali ha proclamato per giovedì 12 maggio 2022, uno sciopero di 4 ore con presidio davanti a tutti gli stabilimenti italiani, dalle ore 8.00 alle ore 10.00. “Tale iniziativa insieme al blocco degli straordinari e delle flessibilità rientra in quelle previste dallo stato di agitazione dovuto alla mancanza di disponibilità dell’azienda a confrontarsi sulla piattaforma per il rinnovo del contratto aziendale di secondo livello – si legge in una nota di Fim Fiom Uilm e Coordinamento Nazionale Rsu gruppo Carraro
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/11/news/gruppo_carraro_il_12_maggio_sciopero_in_tutti_gli_stabilimenti_italiani-2104908/

Napoli. Cgil, De Luca nomini assessore regionale alla Sanità

Ricci: “Per uscire dall’emergenza serve programmazione e nuove assunzioni, altrimenti Napoli e tutta la Campania diventerà un ‘imbuto’ dal punto di vista ospedaliero”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/11/news/cgil_napoli_e_campania_de_luca_nomini_assessore_regionale_alla_sanita_-2104905/


Sabato 14 giornata di mobilitazione nazionale contro il DDL Concorrenza. A Roma appuntamento alle 10 in piazza del Campidoglio

L’Unione Sindacale di Base è tra i promotori della giornata di mobilitazione nazionale di sabato 14 maggio contro il DDL Concorrenza (“Per l’acqua, i beni comuni e i servizi pubblici e contro il DDL Concorrenza”), nell’ambito della campagna “Fermare il DDL Concorrenza, difendere acqua, beni comuni, diritti e democrazia”. L’appuntamento a Roma è in piazza del Campidoglio dalle 10 alle 13.
continua in
https://www.usb.it/leggi-notizia/sabato-14-giornata-di-mobilitazione-nazionale-contro-il-ddl-concorrenza-a-roma-appuntamento-alle-10-in-piazza-del-campidoglio-1743-1.html



OXFAM FESTIVAL 2022

12-13 MAGGIO | FIRENZE, ISTITUTO DEGLI INNOCENTI E ONLINE

CREIAMO UN
FUTURO DI
UGUAGLIANZA

OXFAM FESTIVAL 202

Due giorni di incontri per raccontare la disuguaglianza in Italia, per diffondere le storie e testimonianze di chi vive ingiustizie sulla propria pelle e per creare una società più inclusiva
Informazioni e programma
https://festival.oxfam.it/


Napoli, morto l’operaio caduto dal tetto della piscina comunale
Il Roma

L’operaio caduto ieri nel vuoto durante un sopralluogo presso la piscina comunale di Secondigliano purtroppo non ce l’ha fatta ed è deceduto verso le 12 all’ospedale Cardarelli dove era ricoverato. Si tratta di Walter Carbone, 48 anni originario di Volla. Lascia una moglie e due figli. Sull’evento indagano i carabinieri della compagnia Napoli Stella.

La Spezia, muore operaio edile

La vittima, 51 anni, operava per una ditta in sub-appalto. È stato travolto dal crollo di una trave portante durante i lavori di ristrutturazione di uno stabile in pietra. Cgil-Fillea: “La sicurezza sul lavoro va considerata come parte integrante del fare impresa”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/12/news/la_spezia_muore_operaio_edili-2106975/

12 maggio: le notizie di Radio Popolare

La Finlandia vuole entrare nella Nato, la prima foto del buco nero al centro della Via Lattea e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 12 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo alcune dichiarazioni dei giorni scorsi che sembravano in qualche modo aprire uno spiraglio per un dialogo tra le parti, quella di oggi è una giornata che sembra riportare l’ombra di un’escalation nel conflitto. In particolare, ad aumentare le tensioni, è arrivato la conferma da parte della Finlandia della volontà di aderire all’alleanza atlantica. Anche oggi  tre persone sono morte sul lavoro. Il rapporto Oxfam sul lavoro italiano mostra una fotografia sociale sempre più preoccupante. L’Italia è stata condannata dalla Corte di giustizia europea per le “continue e sistematiche” violazioni dei limiti di legge sugli inquinanti nell’aria e per non avere agito adeguatamente per ridurli. 30 anni di precarizzazione del lavoro, la mancanza di servizi per l’infanzia e una cultura che scarica sulle donne la gran parte del lavoro di cura e domestico hanno creato un circolo vizioso che rende avere figli una corsa ad ostacoli. Il telescopio Event Horizon ha fotografato il buco nero che si trova al centro della Via Lattea. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-giovedi-12-maggio/

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 78

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-78-0a8e6d24-316d-414b-a94d-9c24cc662d02.html

Guerra giorno 78, i nuovi attacchi e la fantasia che serve per la trattativa
Andrea Lavazza – Avvenire

Bombardamenti e il ritorno della minaccia nucleare. La trattativa non si sblocca: mancano alternative alle richieste inconciliabili delle parti. Si può cominciare a ragionare di assetti transitori
continua in
https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/il-punto-andrea-lavazza-78-giorno-di-guerra-ucraina

Draghi: «La Russia non è più Golia. Ora un tavolo»

La guerra degli Stati uniti, che «restano indispensabili», e quella dell’Unione europea sono state sin qui la stessa cosa. Lo sono ancora ma potrebbero non esserlo più in un futuro prossimo. Mario Draghi, nella conferenza stampa da Washington, lo fa capire, a tratti quasi lo dice chiaramente pur con toni fraterni. «La Ue è l’alleata degli Usa», ribadisce il premier italiano. Però sul terreno di guerra «le cose stanno cambiando» e un qualche rischio di «divaricazione» c’è. Divaricata, per esempio, è di certo la posizione sulla proposta americana di disertare il G20 se ci sarà la Russia. Il premier italiano boccia l’ipotesi: perché gli altri Paesi resterebbero e non si può certo lasciare la Russia senza i Paesi del G7 ma con tutto il resto del mondo. E sul pagamento in rubli l’Italia è ben lontana dalla linea rigidissima di Washington
continua in
https://ilmanifesto.it/draghi-la-russia-non-e-piu-golia-ora-un-tavolo

“Così facevamo propaganda al servizio di Putin”, la rivelazione di Massimo Micucci
Aldo Torchiaro – Il Riformista

Curare la reputazione di Vladimir Putin per l’Italia. Renderlo meno antipatico, più popolare. Questo, in sintesi, l’incarico ricevuto a Roma dall’agenzia Reti di Massimo Micucci. Un compito portato avanti fino a qualche anno fa e basato sul monitoraggio dei giornali e sulla preparazione di strategie di risposta agli eventuali attacchi. Un servizio che ha preso il via quando i rapporti tra Italia e Russia erano ben diversi da oggi e poi interrotto senza ripensamenti. Perché il cliente è di quelli spigolosi. «E qualcosa di più: un cliente che ha modalità di lavoro difficilmente compatibili, nell’ambito della comunicazione e delle media relations, con le nostre», ammette il titolare di Reti, azienda specializzata nel lobbying e public affairs che per anni ha curato l’immagine percepita sui media italiani – televisioni, radio, carta stampata – per conto della Presidenza della Repubblica russa.
continua in
https://www.ilriformista.it/cosi-facevamo-propaganda-al-servizio-di-putin-la-rivelazione-di-massimo-micucci-298931/


Stampa uccisa, ferita, arrestata: bavaglio israeliano ai Territori palestinesi
Chiara Cruciati – il manifesto

Le operazioni su Gaza e la Seconda Intifada i periodi peggiori. Da Yaser Murtaja a Raffaele Ciriello, non c’è mai nessun colpevole. A oggi 16 reporter in carcere. E un anno fa raid aerei sulle sedi della stampa palestinese e internazionale nella Striscia
continua in
https://ilmanifesto.it/stampa-uccisa-ferita-arrestata-bavaglio-israeliano-ai-territori-palestinesi

Adriano Sofri sulla propria pagina Facebook

Pubblico qui l’articolo dedicato ieri ,sul quotidiano israeliano Haaretz, dall’editorialista Gideon Levy all’uccisione di Shireen Abu Hakleh. (Aggiungo che non mi sfugge, anche quando li lascio lì, la stupidità, la volgarità, la faziosità dei commenti, quando sono, e si compiacciono di essere, stupidi, volgari e faziosi).
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10220260433836780&set=a.1156800755965


Non è solo lo sparo che ha ucciso Shereen Abu Akleh.

Sono tutti gli spari dopo.

Quel video è irrespirabile.

Lucia Goracci

La Finlandia accelera per l’ingresso nella NATO “il prima possibile”: lo smacco di Helsinki a Putin
Carmine Di Niro – Il Riformista

Se nelle scorse settimane si era parlato di “modello Finlandese” o “finlandizzazione” dell’Ucraina per risolvere il conflitto in corso dopo l’invasione delle truppe russe nel Paese, facendo riferimento alla storica posizione di neutralità tra Occidente e Russia di Helsinki, proprio l’aggressione brutale di Vladimir Putin contro Kiev ha cambiato drasticamente lo scenario.
continua in
https://www.ilriformista.it/la-finlandia-accelera-per-lingresso-nella-nato-il-prima-possibile-lo-smacco-di-helsinki-a-putin-298857/

Attacco hacker all’Italia: KillNet usa Mirai, il Paese bloccato da ragazzini – L’analisi
Piero de Cindio – Il Riformista

L’attacco informatico annunciato lo scorso marzo si è verificato in Italia e i siti governativi sono andati giù. Il fatto che come annunciato dagli hacker sia stato colpito il Ministero della Difesa (anche se in serata è arrivata la smentita dal ministero che ha giustificato il down del proprio sito per “manutenzione programmata“, ed è curioso che non sia stato annunciato prima) è essenzialmente sintomo di un attacco collegato alla guerra Ucraina, dove da mesi oltre agli apparati militari dell’esercito russo, il governo di Zelensky ha dato vita ad una squadra di collettivi che si celano dietro il brand di Anonymous ed hanno effettuato degli attacchi prevalentemente di negazione del servizio (DDoS) e di estrazione dati.
continua in
https://www.ilriformista.it/attacco-hacker-allitalia-killnet-usa-mirai-il-paese-bloccato-da-ragazzini-lanalisi-298887/


Giorgio Pinotti racconta Milan Kundera

“Un occidente prigioniero” è un libro che bisogna assolutamente leggere. Il traduttore di Milan Kundera ci racconta perché gli interventi inediti e attualissimi contenuti nel volume siano indispensabili per la comprensione di quel che sta accadendo oggi in Europa.
continua in
https://maremosso.lafeltrinelli.it/interviste/giorgio-pinotti-racconta-un-occidente-prigioniero-di-milan-kundera


Ricordo di Gianni De Michelis, viaggiatore del tempo che leggeva il futuro
Biagio Marzo – Il Riformista

Undici maggio 2019. Gianni De Michelis moriva nella sua Venezia, lasciando sconsolati il ristretto collo di bottiglia di amici più leali con i quali divise la buona e la cattiva sorte. De Michelis sapeva leggere il futuro da fine analista, meglio di tanti futurologi che lo fanno di mestiere. Dal suo punto di vista, l’importanza stava nel come utilizzare le tante occasioni di cambiamento. Pertanto osservava, ascoltava e dava rilievo alle trasformazioni. Per lui, non era necessario “esplorare lo spazio, bensì il tempo”. Per questo si considerava un “argonauta alla ricerca del vello d’oro”. Però non riusciva a vedere all’orizzonte la nave e l’equipaggio con cui intraprendere questo viaggio nel tempo.
continua in
https://www.ilriformista.it/ricordo-di-gianni-de-michelis-viaggiatore-del-tempo-che-leggeva-il-futuro-299022/?refresh_ce

12 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Costruire legalità, giorno dopo giorno

I beni confiscati sono un tassello fondamentale della lotta alle mafie: la restituzione alla società di quanto accumulato attraverso attività illecite. Le aziende sotratte alla criminalità organizzata sono quasi 3 mila, e sono in tutta Italia
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/economia/2022/05/12/video/i_beni_confiscati_alle_mafie-2104893/

Tanti progetti per la legalità
Roberta Lisi – Collettiva

Si è chiuso l’Avviso pubblico del Piano di ripresa e resilienza per l’assegnazione di 300 milioni per il ripristino e il riuso di beni confiscati alla criminalità organizzata. Silvestri, Cgil: “Il bando è stato un successo”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/economia/2022/05/12/news/tanti_progetti_per_la_legalita_-2104900/

Covid Italia, il bollettino del 12 maggio 2022: 39.317 nuovi casi e 130 morti

Sono 39.317 i nuovi casi di Covid registrati in Italia nelle ultime 24 ore, contro i 42.249 di ieri e soprattutto i 48.255 contagi di giovedì scorso, una riduzione del 20% su base settimanale.
I tamponi processati sono 268.654 (ieri 294.611) con il tasso di positività che sale lievemente dal 14,3% al 14,6%.
I decessi sono 130 (ieri 115). Le vittime totali da inizio pandemia salgono a 164.976
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2022/05/12/news/covid_italia_il_bollettino_del_12_maggio_2022-349186935/

Giornata internazionale dell’infermiere. Fnopi: “Ne mancano all’appello 70 mila. Senza infermieri non decolla il Pnrr”

La presidente Mangiacavalli: “E’ necessario che il Governo intervenga in modo incisivo, sia sui numeri, sia sulla formazione e il riconoscimento professionale”.
continua in
https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=104701

Emilia-Romagna, Fp Cgil: situazione drammatica, senza nuove risorse è inimmaginabile garantire il diritto alla salute

“Condividiamo pienamente le preoccupazioni dell’assessore regionale alle Politiche per la Salute dell’Emilia-Romagna, Raffaele Donini nel denunciare il mancato finanziamento della sanità per l’anno in corso. Una situazione drammatica che, senza interventi in tempi brevissimi, rischia di provocare un grave inasprimento delle relazioni all’interno delle aziende, tra chi ha responsabilità di governo, professionisti, rappresentanti politici, organizzazioni sindacali e utenti, che mette a rischio la tenuta e la qualità dei servizi”. La denuncia in un comunicato della Fp Cgil Emilia-Romagna.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/12/news/emilia-romagna_fp_cgil_situazione_drammatica_senza_nuove_risorse_e_inimmaginabile_garantire_il_diritto_alla_salute-2107235/

Contratti. Fp Cgil: “Superati ostacoli risorse, procedere a rinnovi sanità e funzioni locali”

Sorrentino: “Poter sbloccare il contratto della sanità è una gran buona notizia ma rimane aperta per la Cgil la vertenza sul piano straordinario per l’occupazione per circa 600 mila addetti nel prossimo biennio, la stabilizzazione dei precari e la necessità di tornare a investire nella sanità e nella pubblica amministrazione per garantire diritti fondamentali dei cittadini”
continua in
https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=104685

Melfi. Stellantis, sindacati preoccupati

Cgil, Cisl, Uil, Fiom, Fim e Uilm: “Per traghettare l’area industriale al 2024, quando partirà la produzione dei nuovi modelli, sono necessari investimenti su formazione, innovazione del prodotto, infrastrutture. La Regione faccia presto e si riapra il tavolo nazionale sulla componentistica fra Governo e sindacato per garantire l’occupazione dell’intera filiera”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/12/news/stellantis_sindacati_preoccupati-2108234/

Genova. Januaplast, azienda chiude, personale a casa

Filctem Cgil e Uiltec Uil di Genova hanno chiesto un incontro alla conferenza dei capigruppo del Consiglio regionale ligure, alla presenza degli assessori al Lavoro, Giovanni Berrino, e Sviluppo economico, Andrea Benveduti, per riferire sulla situazione della Januaplast. L’azienda è stata acquisita, a fine 2018, dal gruppo Alpla (22.100 dipendenti in 17 sedi nel mondo in 45 paesi). Gruppo leader mondiale nello sviluppo e nella produzione d’imballaggi innovativi in plastica, Alpla ha acquisito lo stabilimento di Busalla per utilizzarlo nella produzione di nicchia per imballaggi particolari e di minore quantitativo
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/12/news/januaplast_azienda_chiude_personale_a_casa-2107797/

Inquinamento. Corte Giustizia Ue condanna l’Italia per il mancato rispetto dei limiti annuali

I giudici del Lussemburgo hanno dato ragione alla Commissione Ue che aveva rilevato alcune infrazioni alla Direttiva del 2008 sulla qualità dell’aria. Oggetto del contendere il mancato rispetto dei valori limite annuali sulla concentrazione di biossido d’azoto nell’atmosfera, in diverse aree urbane e industriali del Paese, nella Pianura padana, in Sicilia e nelle città di Genova, Roma e Firenze e Catania.
LA SENTENZA
continua in
https://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=104717




Luca Billi sulla propria pagina Facebook

Oggi Beatrice Arthur avrebbe compiuto cent’anni. Anzi oggi è il compleanno di Bea, perché le grandissime come lei non muoiono mai.

Bea è Polly nella storica edizione di “The Threepenny Opera” diretta da Marc Blitzstein con Lotte Lenya e nel 1966 fa il provino per il ruolo da protagonista in “Mame”, che però viene assegnato ad Angela Lansbury, uno dei grandi successi della sua incredibile carriera. Bea comunque accetta in quella stessa produzione il ruolo di Vera e anche per lei quello diventa uno dei suoi più luminosi successi. L’interpretazione delle due amiche della canzone “Bosom Buddies” diventa leggendaria. Dopo un altro classico di Broadway come “Fiddler on the Roof” Bea diventa popolarissima in televisione grazie al personaggio di Maude, prima nella serie “All in the Family” – che in Italia abbiamo visto con il titolo “Arcibaldo” – poi nello spin off intitolato proprio “Maude”, una delle prime serie dove si parla, pur in tono di commedia, di femminismo e di temi inaffrontabili come l’aborto. E infine Bea è, insieme a Rue McClanahan, Betty White ed Estelle Getty, una delle “golden girls” della serie che noi conosciamo come “Cuori senza età”.Grazie Bea…

Angela Lansbury and Bea Arthur

Si allunga la scia dei morti sul lavoro: a Enna un operaio perde la vita cadendo da un ponteggio

In un cantiere dell’autostrada A19 all’altezza di Enna, due operai che stavano lavorando su un’impalcatura sono precipitati per cause in corso di accertamento da un’altezza di circa 5 metri
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/si-allunga-ancora-la-scia-dei-morti-sul-lavoro-a-enna-operaio-perde-la-vita-cadendo-da-un-ponteggio-d3ebe238-97ea-48dc-b3b5-f4686d23e379.html

13 maggio: le notizie di Radio Popolare

La prima telefonata tra Pentagono e Ministero della Difesa russo, l’attesa per il terzo decreto sull’invio di armi all’Ucraina e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 13 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La guerra in Ucraina al suo 79° giorno ha visto la telefonata tra il segretario alla Difesa degli Stati Uniti e il ministro della Difesa russo. È la prima volta che Stati Uniti e Russia hanno un contatto pubblico dal 24 febbraio a oggi. Tra oggi e domani dovrebbe essere pubblicato il terzo decreto italiano sull’invio di armi in Ucraina. Attilio Fontana è stato prosciolto dal giudice delle indagini preliminare del Tribunale di Milano per il caso camici che lo vedeva accusato con altre 4 persone (funzionari regionali e il cognato imprenditore) di frode in pubbliche forniture alla Regione per mezzo milione di euro di camici. Elon Musk ha annunciato oggi che l’accordo per l’acquisizione di Twitter è stato temporaneamente sospeso. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-venerdi-13-maggio/

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 79

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-79-1f726f62-089d-4ee1-bb9a-8c3c0ece6866.html

Ucraina. Guerra giorno 79, Kiev riconquista, la Nato s’allarga: adesso Mosca tratterà?
Andrea Lavazza – Avvenire

Le voci di una possibile riapertura di canali diplomatici fra i due Paesi segnalano che la Russia vede i rischi di un conflitto lungo e forse anche la Cina comincia ad avere dubbi
continua in
https://www.avvenire.it/mondo/pagine/guerra-giorno-79-kiev-riconquista-la-nato-s-allarga-adesso-mosca-trattera

Il capo dell’intelligence di Kiev: “Putin è malato di cancro. In Russia c’è chi vorrebbe rimuoverlo”

“L’Europa vede la Russia come una grande minaccia. Hanno paura della sua aggressione. Noi – ha sottolineato Budanov – combattiamo la Russia da otto anni e possiamo dire che questa potenza russa altamente pubblicizzata è un mito. Non è così potente”
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/il-capo-dellintelligence-di-kiev-putin–malato-di-cancro-in-russia-c-chi-vorrebbe-rimuoverlo-d750cde4-c756-4afa-93b4-231b3d057160.html

Conte: «Sulle armi le Camere devono votare»
Andrea Carugati – il manifesto

«Non possiamo avere l’obiettivo di sconfiggere la Russia perché rischia di rivelarsi molto pericoloso». Giuseppe Conte continua a martellare il governo sulla crisi ucraina. «Siamo al terzo decreto per l’invio di armi, a due mesi e mezzo dall’inizio del conflitto abbiamo bisogno di aprire una fase due: non serve adesso mandare ulteriori armi, l’Italia deve essere in prima linea per indirizzare una soluzione politica», ha detto ieri alla stampa estera
continua in
https://ilmanifesto.it/conte-sulle-armi-le-camere-devono-votare

Fausto Anderlini sulla propria pagina Facebook

(…) Con l’ingresso della Finlandia (e a seguire della Svezia) nella Nato il Baltico, un tempo libero spazio della civiltà anseatica, diventa per intero il ‘mare nostrum’ dell’anglosfera. A seguire un allargamento ulteriore della presa dei nuovi padroni sulle rotte dell’ex mare glaciale. Sorta di Caraibi dell’estremo nord. Altro cortile di casa. Il North stream, il grande cordone energetico ombelicale fra Germania e Russia, abbandonato sul fondo del baltico. San Pietroburgo, che Pietro il grande concepì come la connessione del mondo russo-slavo con l’Occidente, irrimediabilmente soffocata. Kaliningrad un fortino assediato nel deserto del Baltico (…)
continua in
https://www.facebook.com/fausto.anderlini/posts/10221801906900819


Indegno assalto di Israele al funerale di Shireen Abu Akleh. La bara stava per cadere a terra (Video)

Assolutamente indegno e inaccettabile l’oltraggio subito dalla salma della giornalista Shireen Abu Akleh: le forze dell’ordine israeliane pretendevano di separare i cristiani dai musulmani e di allontanare questi ultimi dalla chiesa. La bara stava per cadere a terra.
continua in
https://www.kulturjam.it/politica-e-attualita/funerale-di-shireen-abu-akleh/


Draghi: “Rafforzare la cooperazione tra Paesi del Mediterraneo nella politica energetica”

Il premier al forum Verso Sud: “Con il PNRR riduciamo i divari territoriali nei servizi, in particolare nell’istruzione. I finanziamenti da soli non bastano. Serve anche velocità”
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/draghi-rafforzare-la-cooperazione-tra-paesi-del-mediterraneo-nella-politica-energetica-f66c160f-ebd3-441f-b7da-6239e9461d83.html

Covid Italia, bollettino del 13 maggio: 38.507 casi e 115 morti

Sono 38.507 i nuovi casi di Covid registrati in Italia nelle ultime 24 ore, contro i 39.317 di ieri. E, soprattutto, i 43.947 contagi di venerdì scorso, a conferma di un trend settimanale in lento, ma costante, calo. I tamponi processati sono 265.647 (ieri 268.654) con il tasso di positività che scende lievemente dal 14,6% al 14,5%. I decessi sono 115 (ieri 130). Le vittime totali da inizio pandemia salgono a 165.091. I pazienti in terapia intensiva sono 7 in più (ieri -4), con 44 ingressi giornalieri, e sono 341 in tutto, mentre nei reparti ordinari sono 251 in meno (ieri -254), 7.907 in tutto.
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2022/05/13/news/covid_italia_bollettino_del_13_maggio-349336788/

Verbali per mancato pagamento dei ticket sanitari: «Da parte di Regione Lombardia è un anno di limbo normativo e accanimento per anziani e disoccupati»

Cgil e Spi regionali lanciano l’allarme: “oltre 5000 le famiglie che nel 2021 hanno ricevuto una raccomandata da parte delle ATS per indebita fruizione di prestazioni sanitarie o di medicinali, migliaia poi sono state spedite all’inizio del 2022 e sono tutt’ora in spedizione”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/13/news/verbali_per_mancato_pagamento_dei_ticket_sanitari_da_parte_di_regione_lombardia_e_un_anno_di_limbo_normativo_e_accanimento-2109586/

Fontana prosciolto e beatificato, ma le sue menzogne restano
Claudio Jampagnlia – Radio Popolare

Attilio Fontana è stato prosciolto dal giudice delle indagini preliminare del Tribunale di Milano per il caso camici che lo vedeva accusato con altre 4 persone (funzionari regionali e il cognato imprenditore) di frode in pubbliche forniture alla Regione per mezzo milione di euro di camici da parte dell’azienda di suo cognato, fornitura trasformata poi per un intervento dello stesso presidente in una donazione. Il caso era stato scoperchiato dalla trasmissione Report e Fontana aveva negato un suo coinvolgimento, salvo poi doverlo ammettere.
continua in
https://www.radiopopolare.it/fontana-prosciolto-e-beatificato-ma-le-sue-menzogne-restano/

Le mafie come “sistema sociale” e l’attacco al reddito di cittadinanza
Andrea Bellardita – Micromega

Le mafie approfittano della povertà per sostituirsi allo Stato. Un welfare criminale favorito dall’assenza in Italia di un vero sistema sociale universalistico.
continua in
https://www.micromega.net/le-mafie-come-sistema-sociale/


Blitz militare “immediato”, Sardegna circondata

(Foto Unione Sarda)

Il blitz è racchiuso in un’affermazione senza appello: «decorrenza immediata». Senza preavviso, come se la guerra fosse alle porte di casa, dentro le insenature già affollate da volenterosi del sole sardo, pronti a inaugurare senza perdere troppo tempo una stagione estiva ormai imminente. Si sa, siamo in Sardegna, nel cuore del Mediterraneo, Isola di turismo, soprattutto quello di mare. Eppure da qualche ora nelle coste di questa terra, finita per via delle capriole della geologia in mezzo all’antico Mare Nostrum, ci si prepara alla guerra, o meglio ai “giochi di guerra”, quelli più violenti e invasivi.
continua in
https://www.unionesarda.it/news-sardegna/blitz-militare-immediato-sardegna-circondata-sw98wxmz



Carlin Petrini: “La pace è pratica politica. Espellere la violenza anche dalle parole”
Natalia Marino – Patria Indipendente

Il fondatore di Slow Food: “Quando ho visto accusare il presidente dell’Anpi di essere filoputiniano ho capito che bisogna dire basta. La Resistenza insegna ad ascoltare le ragioni degli altri”
continua in
https://www.patriaindipendente.it/interviste/carlin-petrini-la-pace-e-pratica-politica-espellere-la-violenza-anche-dalle-parole/



IL «VICINO» ORIENTE
Antonio Costabile – Il Mulino

Cosenza, il palazzo che ospita il Grande Oriente d’Italia

La massoneria è tornata a Cosenza. Si tratta soltanto di un fatto locale o di un esperimento che riguarda l’intero Paese e la ridefinizione del quadro politico con la presenza diretta di nuovi attori, fino a ieri potenti ma silenziosi?
continua in
https://www.rivistailmulino.it/a/il-vicino-oriente?&utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Strada+Maggiore+37+%7C+13-17+maggio+%5B8523%5D


Musk: acquisto di Twitter “temporaneamente sospeso”. Ma l’accordo resta

Musk: “Prima dati certi sulla reale consistenza di account fake e bot” ma poi fa marcia indietro: “Mi impegno all’acquisto”. Il titolo sprofonda a Wall Street
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/musk-accordo-per-acquisto-di-twitter-temporaneamente-sospeso-3ed5ac11-6fea-412f-b011-8de1f27437b5.html


Conflitto etnico nella “Città in fiamme” primo atto della trilogia
di Don Winslow
Valerio Calzolaio – Strisciarossa

Providence, Rhode Island. Agosto 1986 – Natale 1988. L’irlandese Danny Ryan, vicino ai trent’anni, spalle larghe, un metro e ottantatre, capelli castani verso il rossiccio, è seduto accanto alla moglie Terri Murphy (capelli neri, occhi viola) e a due coppie di cari amici sulla spiaggia davanti alla casa del boss italiano Pasquale Pasco Ferri. Vede uscire dall’acqua una magnifica ragazza e capisce che porterà guai. Lei è Pam, sta con Paul Paulie Moretti, il fratello piccolo della gang mangiaspaghetti. L’irreparabile accade quella sera: al party dell’estate, lo scavezzacollo degli irlandesi Liam, fratello dell’amico prediletto e della moglie di Danny, tocca un seno a Pam, gli italiani lo pestano a sangue ma sopravvive e, all’uscita dall’ospedale, la ragazza si mette proprio con lui, addirittura si sposano.
continua in
https://www.strisciarossa.it/conflitto-etnico-nella-citta-in-fiamme-primo-atto-della-trilogia-di-don-wislow/



Vincenzo Nibali si ritirerà a fine stagione
Luca Gattuso – Radio Popolare

Alla vigilia del via del suo undicesimo giro d’Italia si era capito che per Vincenzo Nibali la gara di quest’anno sarebbe stata l’ultima. Ma lui, alle domande dei giornalisti, cercava sempre di svicolare e non confermava né smentiva.
Al termine della quinta tappa nella sua Messina dove è nato e dove è partita la sua passione per le due ruote ha dato l’annuncio ufficiale: al temine della stagione Vincenzo Nibali si ritirerà dalle corse. 
continua in
https://www.radiopopolare.it/vincenzo-nibali-si-ritirera-dal-ciclismo-a-fine-stagione/


13 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Genova. Scenari geopolitici, previsioni economiche in Italia e in Europa

Venerdì 13 maggio 2022 dalle 9 alle 13 presso il Cinema Sivori in Salita Santa Caterina 48 rosso a Genova, si svolgerà l’iniziativa pubblica dal titolo “Scenari geopolitici, previsioni economiche in Italia e in Europa”. La discussione, organizzata dal sindacato pensionati Cgil Genova e Liguria, avrà per oggetto il conflitto scoppiato nel cuore dell’Europa, i mutamenti geopolitici che si potrebbero determinare e i riflessi socioeconomici internazionali.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/internazionale/2022/05/13/news/scenari_geopolitici_previsioni_economiche_in_italia_e_in_europa-2104782/

Salario, lavoro povero e reddito: i lati oscuri della «ripartenza

Flessibilità nello sfruttamento; salari bloccati dagli anni Novanta e bassa produttività; esternalizzazioni, precarietà selvaggia e garanzie sociali intermittenti o inesistenti; nessuna politica industriale che non sia quella del basso valore aggiunto; aumento dell’inflazione esogena per la rottura delle catene di approvvigionamento che sarà usata per contenere ancora di più i salari
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/salario-lavoro-povero-e-reddito-i-lati-oscuri-della-ripartenza/

Rimini non è un caso isolato

Coordinamento donne Cgil Veneto: “Non è in gioco la reputazione degli Alpini, è in questione la libertà delle donne, che non vogliono essere più considerate un oggetto di piacere, ma persone che vanno rispettate”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/13/news/rimini_non_e_un_caso_isolato-2110426/

Modena. Grandi Salumifici Italiani: Flai, al via sportello anti-molestie

Flai Cgil di Modena, Rsu e Grandi Salumifici Italiani hanno deciso di potenziare lo sportello aziendale anti-molestie. Lo sportello, frutto dell’accordo aziendale del 2018 (derivante a propria volta dall’accordo tra Confindustria. Cgil, Cisl e Uil del 2016) era già attivo in azienda e gestito internamente, con lo scopo di prevenire e contrastare molestie e violenze nel luogo di lavoro. L’introduzione dello sportello avvenne a seguito della distribuzione di un questionario da parte del sindacato e della Rsu fra tutti i lavoratori e le lavoratrici in cui emersero alcune problematiche.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/diritti/2022/05/13/news/grandi_salumifici_italiani_flai_al_via_sportello_anti-molestie-2109851/

Carceri incivili
Patrizia Pallara – Collettiva

Il rapporto annuale dell’associazione Antigone sulle condizioni di detenzione in Italia dipinge un quadro desolante: il tasso di affollamento ufficiale è al 107,4 per cento. Torna a salire il numero dei reati e aumenta il tasso di recidiva. E nei primi quattro mesi del 2022 sono già 21 i suicidi in cella
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/13/news/carceri_incivili-2101523/

Il rapporto dell’Associazione Antigone 2022

Passata la fase acuta della pandemia, in carcere resta ancora più evidente la distanza tra pena effettiva e pena legale. Antigone prova a misurare questa distanza, mettendo a disposizione le osservazioni, le storie, i numeri, le relazioni tematiche, le nostre riflessioni critiche per costruire una comune visione costituzionale della pena.
https://www.rapportoantigone.it/diciottesimo-rapporto-sulle-condizioni-di-detenzione/

«Ramona e Giulietta», in scena lo spettacolo nato in carcere
Maria Antonia Fama – Collettiva

Mercoledì 18 maggio allo Spazio Rossellini, la prima romana della tragicommedia interpretata dalle attrici detenute della casa circondariale femminile di Rebibbia. L’intervista a Francesca Tricarico, autrice e regista
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/culture/2022/05/13/news/_ramona_e_giulietta_in_scena_lo_spettacolo_nato_in_carcere-2087887/

“Carenza di personale, scarsi investimenti e retribuzioni ed eccessivi carichi di lavoro. La crisi dei medici colpisce anche in Europa”. L’indagine di Anaao-Assomed e Fems

Survey su 12 paesi europei del sindacato italiano della dirigenza medica e sanitaria insieme alla Federazione Europea Medici Salariati da cui emerge come il medico europeo sia un “professionista stanco per un carico di lavoro eccessivo, per una professione svilita nel suo ruolo sociale, per la mancanza di crescita e soddisfazione professionale e di una via di fuga intesa come cambiamento di luogo di lavoro, per una retribuzione economica insoddisfacente rispetto all’impegno e alla fatica vissuti giornalmente”.
continua in
https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=104730

Le mani della ‘ndrangheta sulle città. Il caso Roma, ma non solo
Lara Ghiglione – Collettiva

Dopo l’arresto cautelare, nella capitale, di quarantatré presunti criminali legati a una cosca ‘ndrina, occorre rilanciare la partecipazione attiva nel contrasto alle mafie, che intossicano la qualità della vita, i diritti del lavoro e l’ambiente
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/13/news/le_mani_della_ndrangheta_sulle_citta_il_caso_roma_ma_non_solo-2110421/

Turismo, a Rimini sotto i riflettori la diffusione del lavoro irregolare

Somministrazione illecita di 361 lavoratori in cinque hotel della Riviera, riposi settimanali non concessi, ore lavorate in più oltre al contratto e non retribuite regolarmente, 13 lavoratori completamente in nero. Questo quanto emerso dalle indagini della Guardia di Finanza di Rimini e dell’Ispettorato del lavoro nell’ambito dell’indagine denominata “Free Job” tra il 2019 e il 2021. Fatti gravi e non nuovi. Filcams Cgil regionale: “urgente individuare con la Regione azioni concrete per un lavoro di qualità, che non passa di certo dalla reintroduzione dei voucher”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/13/news/turismo_a_rimini_sotto_i_riflettori_la_diffusione_del_lavoro_irregolare-2110101/

Quote latte, Terra Viva Cisl: emendamento nel Decreto Energia irricevibile e inattuabile

“Riaprire la rateizzazione delle multe sulle quote latte, come proposto nell’emendamento contenuto nel Decreto Energia votato con fiducia ieri al Senato, è un atto irricevibile e inattuabile. Lo consideriamo contradditorio rispetto all’evoluzione della giurisprudenza su questa vicenda, e a tutto ciò che è emerso in questi ultimi tre anni in relazione alla inattendibilità dei dati produttivi e numerici utilizzati da Agea per imputare i prelievi e comminare le sanzioni”.
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/quote-latte-terra-viva-cisl-emendamento-nel-decreto-energia-irricevibile-e-inattuabile/

Palermo. Covisian, intervenga il governo

Cgil, Cisl e Uil Palermo scrivono al ministro del Lavoro Orlando, sollecitando un tavolo negoziale a Roma, alla presenza di tutti i soggetti coinvolti
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/13/news/covisian_intervenga_il_governo-2110848/

Trieste. Voci di chiusura alla Flex: Fiom, sciopero immediato

Sciopero e assemblea generale oggi (venerdì 13 maggio) dei lavoratori della Flex di Trieste, azienda con oltre 580 addetti (di proprietà del gruppo statunitense Flextronics), produttrice di componenti elettronici, con Nokia come maggior committente
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/13/news/voci_di_chiusura_alla_flex_fiom_sciopero_immediato-2109857/

Bologna. Betty Blue, giudice condanna comportamento aziendale

La vertenza promossa dalla Filcams Cgil di Bologna in sede legale per contestare il comportamento antisindacale di Betty Blue spa si è resa necessaria in seguito all’indisponibilità dell’impresa, più volte formalmente sollecitata in tal senso, ad aprire un tavolo di confronto sugli straordinari e per le contestazioni disciplinari inviate alle lavoratrici e ai lavoratori che avevano aderito al blocco dello straordinario attraverso l’esercizio dello sciopero
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/13/news/betty_blue_giudice_condanna_comportamento_aziendale-2110862/

Bologna, Flexlink: nuove tutele per i familiari

In caso di morte del dipendente per cause naturali, l’azienda s’impegna a riconoscere ai familiari e legittimi eredi un rimborso economico corrispondente al doppio della retribuzione annua lorda (Ral) del dipendente, fino a un massimo complessivo di 300.000 euro. Questo rimborso verrà generato creando una nuova copertura assicurativa individuale di cui il gruppo si fa completamente carico
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/13/news/flexlink_nuove_tutele_per_i_familiari-2110596/

Brindisi. Sol in tour per intercettare i Neet

La struttura per l’Orientamento al mercato del lavoro della Cgil partecipa a Brindisi alla campagna itinernante del ministero delle Politiche giovanili rivolta ai ragazzi under 30 che non studiano e non lavorano, per dare informazioni e fare rete
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/13/news/sol_in_tour_per_intercettare_i_neet-2109852/

Firenze. Flc, governo usa crisi demografica per definanziare la scuola

“La questione demografica che investe il nostro Paese, con invecchiamento strutturale e decremento della popolazione, provoca pesanti ripercussioni anche sul sistema scolastico: il prossimo anno in Italia ci saranno 130 mila iscritti in meno alle prime di ogni ordine e grado, che si aggiungono agli oltre 400 mila alunni persi negli ultimi cinque anni. Secondo questo trend nel 2030 avremo un milione e 300 mila studenti in meno”. A dirlo è la Flc Cgil di Firenze, rilevando che nel proprio territorio “l’ordine di scuola più colpito è la primaria, che nell’anno scolastico 2022-2023 diminuirà di 900 alunni, seguita dall’Infanzia (quasi 700 in meno) e dalla scuola secondaria di primo grado (quasi 400 in meno). Si tratta in totale di 2 mila alunni in meno”.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/13/news/flc_governo_usa_crisi_demografica_per_definanziare_la_scuola-2108988/


Oggi in piazza

https://www.acquabenecomune.org/abruzzo-iniziative/4234-pescara-14-5-conferenza-stampa-no-al-ddl-concorrenza

https://www.acquabenecomune.org/marche-iniziative/4233-ancona-14-5-iniziativa-pubblica-nella-giornata-di-mobilitazione-contro-il-ddl-concorrenza

https://www.acquabenecomune.org/lombardia-iniziative/4232-mezzago-mb-14-5-inaugurazione-mostra-acqua-bene-comune-dell-umanita

https://www.acquabenecomune.org/friuli-iniziative/4231-udine-14-e-16-maggio-iniziative-pubbliche-per-la-giornata-di-mobilitazione-nazionale-contro-il-ddl-concorrenza

https://www.acquabenecomune.org/liguria-iniziative/4230-savona-14-5-presidio-per-l-acqua-i-beni-comuni-e-i-servizi-pubblici-e-contro-il-ddl-concorrenza

14 Maggio: giornata di mobilitazione nazionale “Per l’acqua, i beni comuni e i servizi pubblici e contro il DDL Concorrenza”

La Campagna “Fermare il DDL Concorrenza, difendere acqua, beni comuni, diritti e democrazia” ha lanciato per sabato #14maggio una giornata di mobilitazione nazionale nei territori.Dentro la maggioranza di governo si stanno aprendo contraddizioni importanti che potrebbero portare a modifiche significative del DDL Concorrenza, quindi è ancor più necessario che la giornata del #14maggio spinga per allargare quelle contraddizioni.
#stopddlconcorrenza#acquapubblica

Le manifestazioni in programma
https://www.acquabenecomune.org/notizie/nazionali/4228-14-maggio-giornata-di-mobilitazione-nazionale-per-l-acqua-i-beni-comuni-e-i-servizi-pubblici-e-contro-il-ddl-concorrenza

I movimenti per l’acqua tornano in piazza contro il ddl Concorrenza
Daniele Nalbone – Micromedia

“Per l’acqua, i beni comuni e i servizi pubblici e contro il DDL Concorrenza”. Sabato 14 maggio decine di iniziative in tutta Italia. Paolo Carsetti del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua spiega a MicroMega i motivi della mobilitazione.
continua in
https://www.micromega.net/manifestazioni-acqua-ddl-concorrenza-14-maggio/


14 maggio: le notizie di Radio Popolare

La trattativa di Svezia e Finlandia per entrare nella Nato, l’addio a Valerio Onida e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 14 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Svezia e Finlandia trattano a Berlino il loro ingresso nella Nato: l’ostacolo potrebbe essere un veto turco. Il fronte della guerra in Ucraina si sposta ancora più verso sud-est. Nell’amministrazione americana i militari lanciano segnali non convergenti rispetto alla linea presidenziale. Salvini parte in tour per tutta Italia per cercare di strappare la leadership del centrodestra a Giorgia Meloni. È scomparso a 86 il professore Valerio Onida. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.
continua in
https://www.radiopopolare.it/notizie-riassunto-giornata-sabato-14-maggio-2022/

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 80

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-80-93687892-109b-4bfc-a143-f8d3f5c061de.html

Guerra giorno 80: le due vittorie che spingono Kiev e le incertezze di Mosca
Andrea Lavazza – Avvenire

Kharkiv “liberata” dalla minaccia russa come lo è stata la capitale. Un successo che non va sottovalutato. La diplomazia muove qualche passo, ma ancora senza vera convinzione. Le incognite su Putin
continua in
https://www.avvenire.it/mondo/pagine/ucraina-guerra-giorno-80

Nato extra-large, Putin tace. E il Pentagono chiama Mosca
Luigi De Biase – il manifesto

Il capo del Cremlino, Vladimir Putin, ha sempre citato le ambizioni atlantiste dell’Ucraina fra le ragioni che hanno spinto lui e la sua cerchia ristretta a muovere l’esercito dentro i confini dell’Ucraina. Non è chiaro, quindi, come intenda agire adesso che Finlandia e Svezia stanno per aderire alla Nato. Si tratta anche di giustificare l’azione sua e del governo di fronte all’opinione pubblica
continua in
https://ilmanifesto.it/nato-extra-large-putin-tace-e-il-pentagono-chiama-mosca

L’allargamento della Nato a nord esaspera le tensioni ma la vera partita si gioca in Ucraina
Paolo Soldini – Strisciarossa

Dove dobbiamo cercare la chiave utile a interpretare le novità che la cronaca delle ultime ore ci ha posto davanti nello scenario della guerra in Ucraina? Mettiamo, intanto, in fila i fatti. Il più rilevante, che appartiene alla categoria di quelli che si portano dietro la Storia, è l’atto formale con cui il presidente della repubblica Sauli Niinisto e la capa del governo della Finlandia Sanna Marin hanno impresso un’accelerazione definitiva alla lunga marcia di avvicinamento del paese alla NATO. La Svezia – è scontato – farà altrettanto.
continua in
https://www.strisciarossa.it/lallargamento-della-nato-a-nord-esaspera-le-tensioni-ma-la-vera-partita-si-gioca-in-ucraina/

Ucraina. Le quinte colonne Erdogan e Orbán sfida per l’Europa
Fabio Carminati – Avvenire

Viktor Orbán blocca le sanzioni Ue sul petrolio di Putin, Recep Tayyip Erdogan rincara la dose dicendo che l’adesione di Finlandia e Svezia alla Nato sarebbe un «errore» pari a quello, secondo la visione turca delle cose, dell’ingresso della Grecia nell’Alleanza: un veto bello e buono. In Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite passa, infine, una mozione per l’apertura di un’inchiesta della Commissione per i diritti umani sui crimini di guerra commessi da russi in Ucraina. Inchiesta che avrà, però, solo conseguenze politiche, se mai giungerà in porto, e che sarà sempre sub judice dei due alleati di ferro al Palazzo di Vetro: Pechino e Mosca.
continua in
https://www.avvenire.it/opinioni/Pagine/in-campo-le-quinte-colonne-ma-serve-quadrare-il-cerchio

Adriano Sofri sulla propria pagina Facebook
Il famoso colpo di Stato del 1960

Quando faccio l’errore di guardare la televisione, scopro con quale naturalezza i commentatori parlano dell’Euromajdan cosiddetta, dal novembre del 2013 alla deposizione e la fuga del presidente Viktor Janukovyč il 21 febbraio del 2014, come del “colpo di Stato”. E’ raro che qualcuno degli astanti obietti, avanzando una definizione alternativa, non so, per esempio “la rivoluzione” di Majdan Nezaležnosti, piazza Indipendenza (la rivoluzione de… continua…

Covid Italia, il bollettino del 14 maggio 2022: 36.042 nuovi casi e 91 morti

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 36.042 nuovi casi, contro i 38.507 di ieri e soprattutto i 40.522 contagi di sabato scorso, a conferma di un trend settimanale in lento ma costante calo.
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2022/05/14/news/covid_italia_il_bollettino_del_14_maggio_2022-349476782/

Le conseguenze della pandemia sulla salute mentale dei ragazzi

Il rapporto “Pandemia, neurosviluppo e salute mentale di bambini e ragazzi” curato dall’Agia (Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza) insieme  all’Istituto superiore di sanità e Ministero dell’istruzione , sottolinea con preoccupazione come i problemi del neurosviluppo e della salute mentale di bambini e ragazzi manifestatisi durante la pandemia rischiano di diventare cronici e diffondersi su larga scala
continua in
https://contropiano.org/news/scienza-news/2022/05/14/le-conseguenze-della-pandemia-sulla-salute-mentale-dei-ragazzi-0149290


E’ morto l’ex presidente della Corte Costituzionale Valerio Onida

Nato a Milano nel 1936 aveva compiuto 86 anni lo scorso 30 marzo. Professore di diritto costituzionale alla Statale di Milano, è stato giudice costituzionale dal 1996 e presidente della Consulta dal settembre 2004 al gennaio 2005
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/morto-ex-presidente-della-corte-costituzionale-valerio-onida-2c2ea7e2-dacf-4c09-9eb8-0e25e09fc2f2.html

Foto ANSA


L’articolo 11 ci impone di essere costruttori di pace
Federico Micari – Strisciarossa

Per fare la pace bisogna preparare la pace. Non ci sono altre vie, se si vuole trovare una soluzione politica che ponga fine al conflitto iniziato il 24 febbraio. Eppure l’invio delle armi, se inteso come unico mezzo di risoluzione, non sembra essere un sostegno alla negoziazione. Se visto in solitaria appare, piuttosto, come un alimentatore della competizione bellica. Non c’è dubbio che il popolo ucraino abbia il diritto di difendersi, ma è altrettanto indubbio che il sostegno con i fucili di altri paesi, senza un intervento diplomatico intenso e costante, lascia immaginare una guerra internazionale da remoto più che solo un aiuto legittimo
continua in
https://www.strisciarossa.it/larticolo-11-ci-dice-di-costruire-la-pace/


Marinella Salvi sulla propria pagina Facebook

Esattamente due anni fa il manifesto coglieva il valore di una vittoria mettendola in prima pagina (v. 21 maggio 2021 https://sentileranechecantano.net/2020-maggio-agosto/). Contro la nave-covid tanto voluta da Fedriga, Riccardi, Poggiana. Personaggi ancora saldamente in sella nonostante, proprio sulla sanità, dovrebbe essere sotto gli occhi di tutti che il livello in questa Regione, è peggiorato vistosamente. La salute come garanzia per tutti i cittadini non è una priorità: si appalta fuori, non si incentiva, si abbandona il territorio, si consolida la spinta verso il privato. Per chi ha i soldi, tutti gli altri si arrangino. Eppure vedo che il presidente del FVG sale nei consensi. Un bel 64% di gradimento, dice SWG.
continua in
https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=2200187210128626&id=100004121058785



Dentro i versi di Cosimo Ortesta alla ricerca di una via d’uscita
Matteo Fantuzzi – Strisciarossa

Sono state giornate tragiche per la nostra poesia con la scomparsa di due figure fondamentali come Ivano Ferrari e Biancamaria Frabotta. Il loro ricordo però non va visto solo nella prassi della “celebrazione” o della funzione necrologica: i necrologi infatti vengono appesi sui muri delle nostre comunità e dopo qualche settimana rimossi, consegnati a una sorta di oblio che caratterizza la memoria di pochi, pochissimi affini, amici stretti, parenti.
Decidere di sottolineare la scrittura di chi non ha fatto solo del piano confessionale il proprio approdo, merce sempre più rara negli attuali panorami, significa come più volte sottolineato fare i conti con la memoria collettiva e al tempo stesso privata della recente cultura italiana. Ma che spazio può avere un’opera di memoria letteraria all’interno di scenari sempre più accelerati e autobiografici?
continua in
https://www.strisciarossa.it/dentro-i-versi-di-cosimo-ortesta-alla-ricerca-di-una-via-duscita/


Eurovision, Mahmood e Blanco sono l’Italia che cambia. Ecco perché sono un simbolo per i giovani
Nicolò Guelfi – Luce!

Con “Brividi” sono riusciti a incantare il mondo. E nel nostro Paese hanno riscosso un successo senza eguali. Ma dietro al loro trionfo non c’è solo la bella musica, c’è il cambiamento di un’intera società: Blanco e Mahmood rappresentano il volto del progresso italiano
continua in
https://luce.lanazione.it/eurovision-mahmood-blanco/

Gigliola Cinquetti torna all’Eurovision dopo 58 anni: “Sul palco non sono sola, con me c’è la ragazzina di ‘Non ho l’età’”
Barbara Berti – Luce!

Era il 1964 quando la cantante 16enne vinse il Festival di Sanremo e l’Eurovision. Oggi, a 74 anni, incanta ancora il pubblico: “Ritornare è come ricevere un regalo inaspettato e bellissimo. La musica è sempre giovane”
continua in
https://luce.lanazione.it/gigliola-cinquetti-eurovision/

14 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Lavoro. Sbarra: “La vera sfida è il patto sociale. Basta altri interventi legislativi calati dall’alto”

“Per ricostruire il paese bisogna superare l’impostazione novecentesca antagonista e conflittuale che vede contrapposti lavoro e impresa. Questa deve diventare la stagione della corresponsabilità e della partecipazione in cui abbiamo bisogno di un dialogo stabile e strutturato tra governo, imprese e sindacati”. Lo ha detto oggi il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra alla convention della Lega sui temi sociali.
continua in
https://www.cisl.it/notizie/in-evidenza/lavoro-sbarra-vera-sfida-e-patto-sociale-basta-altri-interventi-legislativi-calati-dallalto/

Blutec, Fiom: la Regione Sicilia stanzia 30 milioni per i lavoratori di Termini Imerese

“La Regione Sicilia ha approvato, nella Legge di Bilancio, un emendamento che mette a disposizione dei lavoratori di Blutec 30 milioni del fondo di coesione sociale europeo per percorsi di politica attiva e accompagnamento alla pensione”. A darne notizia in un comunicato congiunto Simone Marinelli, coordinatore nazionale per la Fiom Cgil e Roberto Mastrosimone, segretario generale Fiom Cgil Sicilia.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/14/news/blutec_fiom_la_regione_sicilia_stanzia_30_milioni_per_i_lavoratori_di_termini_imerese-2112034/

Porto Marghera, presidio permanente al capannone del petrolchimico

La decisione della Cgil Venezia per denunciare la scelta di Eni di chiudere l’impianto del cracking e per la decisione del Comune di acquisire lo spazio dei lavoratori senza un accordo con le organizzazioni sindacali. Giovedì 18 maggio l’attivo dei delegati del polo chimico di Porto Marghera che coinvolge la Filctem, la Fiom e la Filcams con la presenza del Segretario Nazionale Cgil Emilio Miceli. 
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/14/news/porto_marghera_occupazione_permanente_al_capannone_del_petrolchimico-2111858/


Abbassate le armi e alzate i salari. USB allo sciopero generale del 20 maggio

Dopo lo sciopero del 22 aprile scorso che ha visto sfilare per Roma una manifestazione partecipata e combattiva, fatta di operai e studenti sotto lo slogan “via il governo della guerra e del carovita”, in questi giorni l’USB ha deciso di dare la sua adesione allo sciopero generale dei settori pubblico e privato indetto dal sindacalismo di base e conflittuale per il 20 maggio prossimo.
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2022/05/14/abbassate-le-armi-e-alzate-i-salari-usb-allo-sciopero-generale-del-20-maggio-0149304


Al via il progetto «Canavese Welfare – il cittadino al centro»

All’iniziativa presentata dall’Agenzia per lo Sviluppo del Canavese nell’ambito del Bando di Fondazione CRT “Welfare e Territorio” 2022 hanno aderito anche Cgil, Cisl e Uil
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/welfare/2022/05/14/news/al_via_il_progetto_canavese_welfare_-il_cittadino_al_centro-2112124/


Abbiamo ricevuto attestati di entusiasmo per la data di convergenza del 25 e 26 marzo. In tanti ci hanno detto che un corteo come quello di Firenze, non tanto nei numeri ma nella composizione, non avveniva da anni. Siamo chiamati alla sfida della continuità.
continua in
#insorgiamo. Assemblea nazionale di restituzione e rilancio

https://www.facebook.com/events/1340519383091845?acontext=%7B%22source%22%3A%2229%22%2C%22ref_notif_type%22%3A%22plan_reminder%22%2C%22action_history%22%3A%22null%22%7D&notif_id=1652597931400291&notif_t=plan_reminder&ref=notif

Il filmato della giornata

https://www.facebook.com/insorgiamoconilavoratorigkn


15 maggio: le notizie di Radio Popolare

La chiusura della due giorni di summit della Nato, cresce il rischio di una crisi alimentare e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 15 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Ucraina, giorno 81 dall’invasione russa del paese. Secondo fonti dell’alleanza, la Nato potrebbe cambiare lo status della Russia, nel documento strategico in approvazione nei prossimi mesi, da partner, a minaccia diretta. Man mano che passano le settimane, e ormai i mesi, le conseguenze della guerra si fanno sempre più globali. Cinquecento persone si sono ritrovate alla giornata di assemblea del collettivo di fabbrica della Gkn di Firenze per discutere il futuro della mobilitazione. le elezioni in Nordreno-Westfalia. È morto Matteo Guarnaccia, artista, storico dell’arte e viaggiatore italiano. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-domenica-15-maggio/

Finlandia, il primo Ministro Sanna Marin: “Aderire alla Nato è un atto di pace”

“Siamo preparati a diversi tipi di reazioni russe. Siamo pronti e ci stiamo preparando”. Lo ha detto la premier finlandese Sanna Marin, nel corso della conferenza stampa dove Helsinki ha annunciato la volontà ufficiale di entrare nella Nato. “Quando guardiamo alla Russia, vediamo oggi un paese molto diverso da quello che abbiamo visto appena qualche mese fa. Tutto è cambiato da quando la Russia ha attaccato l’Ucraina e penso personalmente che non possiamo più credere che ci sarà un futuro di pace accanto alla Russia restando da soli”, ha detto, spiegando la decisione di chiedere l’adesione alla Nato. “E’ un atto di pace, non ci sarà più la guerra in Finlandia”, ha detto.
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/finlandia-il-primo-ministro-sanna-marin-aderire-alla-nato–un-atto-di-pace-c3ed0414-36f2-403a-b2a0-d3a30b7e8a02.html

Finlandia e Russia prima della Nato. La Guerra d’Inverno
Giovanni Punzo – Remocontro

Suomussalmi: dopo la fine della battaglia

La guerra d’inverno, combattuta tra il 30 novembre 1939 e il 12 marzo 1940 dalla Finlandia e dall’Unione Sovietica. Finì con la firma di un accordo di pace in cui la Finlandia cedette all’Unione Sovietica circa il 10% del proprio territorio, tra cui gran parte della Carelia, alcune isole nel golfo di Finlandia e, all’estremo nord, la propria porzione della penisola di Rybačij.
«Tutti noi – e Stalin prima e più di ogni altro – avevamo la sensazione che la nostra vittoria sulla Finlandia fosse in realtà una sconfitta. Era una sconfitta pericolosa perché confermava nei nostri nemici la convinzione che l’Unione Sovietica fosse un colosso coi piedi d’argilla», dalle Memorie di Nikita S. Kruscev
continua in
https://www.remocontro.it/2022/05/15/finlandia-e-russia-prima-della-nato-la-guerra-dinverno/

La guerra in Europa. L’India ferma l’export di grano. È sempre più guerra del cibo

A sorpresa l’India ha annunciato ieri il blocco con effetto immediato di tutte le esportazioni di grano, salvoper i contratti già firmati. Sono andate rapidamente deluse le speranze che il secondo maggiore produttore di grano del pianeta (dopo la Cina) potesse compensare almeno in parte la drammatica carenza globale di grano provocata dall’invasione dell’Ucraina, che sta facendo salire l’allarme fame in diverse delle aree più povere del pianeta. La decisione del governo indiano apre a diversi interrogativi. Alla base c’è la difficoltà di rifornire il mercato interno e fermare la corsa dei prezzi.
continua in
https://www.avvenire.it/economia/pagine/lindia-ferma-lexport-di-grano-sempre-pi-guerra-del-cibo

La Fao. Martina: garantire i flussi di grano verso i Paesi più poveri
Cinzia Arena – Avvenire

«Siamo in un tornante della storia dell’umanità che ripresenta la questione della fame come la grande questione globale». Maurizio Martina, vicedirettore generale della Fao, è convinto che dietro alla guerra del grano ci siano tre grosse ferite concatenate: la guerra, la crisi economica e i cambiamenti climatici.
continua in
https://www.avvenire.it/economia/pagine/martina-garantire-i-flussi-verso-i-paesi-pi-poveri


Strage di Buffalo, nel manifesto di Payton Gendron il simbolo usato nel passato da Azov nel suo emblema

Il battaglione Azov, il reparto militare ucraino, usava la stessa versione alterata del “Sole nero” 

continua in
https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/strage-di-buffalo-nel-manifesto-dipayton-gendron-il-simbolo-nazista-usato-in-passato-da-azov-nel-suo-emblema_50177438-202202k.shtml



Berlino vietate le commemorazioni della Nakba

In un attacco oltraggioso ai diritti, alla memoria e persino all’identità palestinese, la polizia di Berlino, in Germania, ha vietato tutte le commemorazioni pubbliche del 74° anniversario della Nakba (“catastrofe”), quando oltre 750.000 palestinesi furono costretti a lasciare le loro case e le loro terre dalle milizie sioniste.
La Nakba viene commemorata il 15 maggio, noto come Giorno della Nakba o Giorno della lotta palestinese. Vengono organizzati eventi in tutta la Palestina e in tutto il mondo.
continua in
https://contropiano.org/news/internazionale-news/2022/05/15/a-berlino-vietate-le-commemorazioni-della-nakba-0149349



Il paradiso può attendere, quello fiscale no

Li avevamo lasciati così, mano nella mano, buttando una monetina nella Fontana di Trevi, e a lasciarsi andare a un profluvio di aggettivi enfatici: “accordo storico, che garantisce regole fiscali eque, moderne ed efficaci”, fine della “corsa verso il basso” nella competizione fiscale fra Stati, finalmente le multinazionali pagheranno tutte le tasse che devono, dove devono, etc.
Erano i leader dei paesi del G20, a Roma, lo scorso ottobre, che festeggiavano l’accordo politico raggiunto un paio di settimane prima (8 ottobre 2021) a livello di negoziati OCSE intitolato “Soluzione in 2 pilastri per rispondere alle sfide fiscali derivanti dalla digitalizzazione dell’economia”. 
continua in
https://coniarerivolta.org/2022/05/15/il-paradiso-puo-attendere-quello-fiscale-no/



Grandi riforme? Alla fine resterà solo un grande taglio
Stefano De Martis – Avvenire

Sul piano delle riforme che riguardano le strutture e il funzionamento della nostra democrazia, la legislatura che si avvia alla conclusione rischia di essere ricordata soltanto per il taglio dei parlamentari. Ormai siamo entrati nell’ultimo dei cinque anni (la legislatura è iniziata il 23 marzo 2018) e della stagione di riforme di cui quel provvedimento poteva e doveva essere il primo passo, si sono perse le tracce. Un’inerzia che finisce per gettare un’ombra anche sul significato della riduzione di deputati e senatori, che pure tanti elettori hanno avallato con il loro voto
continua in
https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/grandi-riforme-alla-finerestera-solo-un-grande-taglio


Se nell’Est il rapporto con Gli Usa è più importante dell’Europa
Sergio Romano per il Corriere della Sera

Credevo che la fine della Guerra fredda la possibilità di migliori rapporti con la Russia
avrebbero permesso all’Europa di concentrare ogni suo sforzo nella creazione di una
Unione integrata e meno dipendente dagli Stati Uniti. Penso che questo debba ancora
essere il nostro obiettivo, ma devo constatare che le condizioni stanno diventando sempre
meno favorevoli
continua in
https://www.apiceuropa.com/wp-content/uploads/2022/05/15.5-SE-NELLEST-IL-RAPPORTO-CON-GLI-USA-E-PIU-IMPORTANTE-DELLUNITA-EUROPEA.pdf

15 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Covid Italia, il bollettino del 15 maggio: 27.162 casi e 62 morti

Tasso di positività al 14%. Calano i ricoveri nei reparti ordinari, ma aumentano quelli in terapia intensiva. Lombardia e Campania le Regioni con più contagi
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2022/05/15/news/covid_italia_il_bollettino_del_15_maggio-349642686/

16 maggio: le notizie di Radio Popolare

La Svezia punta ad entrare nella Nato, Mosca perde terreno a Kharkiv e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 16 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Ad ottantadue giorni di guerra in Ucraina, Mosca perde terreno nella zona di Kharkiv e si concentra solamente sul sud e sul Donbass, mentre a livello internazionale anche la Svezia ha annunciato che farà domanda per entrare nella Nato. Il governo italiano si muove tra le rassicurazioni e gli avvenimenti delle sue due forze di maggioranza proprio sul tema dell’Ucraina. Oggi, intanto, la Commissione Europea ha pubblicato le sue previsioni economiche per i prossimi mesi, segnate fortemente dalla guerra e dalle sue conseguenze. Ci sono 470 persone a bordo della Geo Barents, la nave di ricerca e soccorso di Medici Senza Frontiere in attesa di un porto sicuro dove poter sbarcare ormai da più di una settimana, ma né le autorità maltesi né quelle italiane si stanno muovendo. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-lunedi-16-maggio/

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 82

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-82-045c7a23-05ea-471a-9fad-35d5e25b7190.html

Ucraina. Guerra giorno 82: crollo d’immagine per Mosca, tra Eurovision, Nato, Fast Food
Andrea Lavazza – Avvenire

La vittoria della band di Kiev a Torino, l’adesione di Finlandia e Svezia, il ritiro di McDonald’s dalla Russia: colpi per il Cremlino, mentre il conflitto sul terreno non registra svolte risolutive
continua in
https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/ucraina-guerra-giorno-82-il-tracollo-d-immagine-del-cremlino


Guerra. Addio alla Russia, McDonald’s diventa Zio Vanja. E lascia anche Renault

Il colosso dell’hamburger resta invece in Ucraina, dove i ristoranti sono chiusi ma i dipendenti ricevono lo stipendio. I francesi perdono il 10% del loro mercato delle auto, ma sperano di tornare
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/renault-e-macdonald-s-vendono-e-lasciano-russia-guerra-ucraina

Russia: “Accordo con Renault, attività del gruppo passano al governo di Mosca”

Le attività della casa automobilistica francese Renault in Russia sono da oggi di proprietà dello Stato russo: lo ha reso noto il ministero dell’Industria e del commercio di Mosca in un comunicato. L’annuncio segue il ritiro della Renault dalla Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina.    “Sono stati firmati accordi per il trasferimento di asset russi dal gruppo Renault alla Federazione Russa e al governo di Mosca“, ha affermato il ministero nella nota
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/russia-accordo-con-renault-attivit-del-gruppo-passano-al-governo-di-mosca-18c7bdef-baec-44df-8960-94612a16e929.html



«Un ucraino su tre è sfollato». Caritas assiste un milione 200 mila persone

Viveri per 965 mila persone, alloggi per 206 mila, assistenza medica per 62 mila. Quasi 14 milioni tra sfollati interni e profughi, di cui oltre 6 milioni negli stati vicini.
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/guerra-in-ucraina-un-milione-200-mila-le-persone-assistite-finora-dalla-caritas-in-50-centri


Ucraina, Berlusconi: “Anche l’Italia in guerra perché manda armi”

“L’Ue non conta niente nel mondo, insisto per politica estera unica e difesa comune”, ha detto il leader di Forza Italia  
continua in
https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/ucraina-berlusconi-anche-l-italia-in-guerra-perche-manda-armi_50270005-202202k.shtml


Pierlugi Sullo sulla propria pagina Facebook

Circola, anzi striscia in forma velenosa, una virulenta antipatia nei confronti degli ucraini, nei circoli pacifisti e di sinistra, specie tra i pacifisti integralisti e i paleo-comunisti. Con l’Eurovision, la rassegna musicale, si è passato il segno. Già giorni prima del verdetto, il Fatto Quotidiano aveva messo in prima pagina un sogghignante titolo (il Fatto fa quasi solo titoli sogghignanti, per alludere alla corruzione altrui) che prevedeva la vittoria degli ucraini…
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=5332559720135241&set=a.2074677732590139



Sardegna, operazione Mare Aperto: 4mila soldati di sette nazioni della Nato simulano scenari di guerra

Iniziata il 3 maggio scorso per concludersi il 27, è stata definita “il maggior evento addestrativo nella Marina militare”. L’esercitazione è un modo per verificare l’adattamento e le capacità di intervento delle forze armate. Da anni, contro le basi militari in Sardegna, sono attivi movimenti antimilitaristi, partiti politici indipendentisti e parlamentari di vari schieramenti
continua in
https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/05/18/sardegna-operazione-mare-aperto-4mila-soldati-di-sette-nazioni-della-nato-simulano-scenari-di-guerra/6596010/


Buffalo, l’ultima strage annunciata del suprematismo bianco
Valerio Nicolosi – Micromedia

Gendron è solo l’ultima pedina di chi radicalizza online i giovani contro le minoranze. Una strage già scritta a Utoya, Macerata e Christchurch.
continua in
https://www.micromega.net/buffalo-strage/

Diritto all’aborto, gli Stati Uniti sono sempre più divisi

Sul tema dell’aborto gli Stati Uniti sono sempre più divisi
Una descrizione del clima che si respira a New York, dove è nata e cresciuta, e nel resto degli Stati Uniti ce la dà Eve Ensler, autrice del bestseller “I monologhi della vagina” e attivista per i diritti delle donne con il movimento “V-day“, di cui è anche fondatrice.
continua in
https://www.radiopopolare.it/sul-tema-dellaborto-gli-stati-uniti-sono-sempre-piu-divisi/


Dieci anni del Premio Morrione: il 16 maggio presentazione della ricerca a Torino

Partendo dai risultati dell’analisi condotta dall’Osservatorio di Pavia e dall’associazione Carta di Roma, si individueranno pratiche, soluzioni collettive e modalità per “sopravvivere” facendo il giornalista investigativo e realizzando inchieste di qualità, come le 37 nate nell’ambito del concorso.
Intervengono Paola Barretta, Coordinatrice associazione Carta di Roma, Marinella Belluati, docente di Analisi dei media presso il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino, Giuseppe Milazzo, Ricercatore Osservatorio di Pavia, Stefano Tallia, Presidente Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Alessandra Tarquini, Ufficio comunicazione del Premio Roberto Morrione, Paola Sabbione della Fondazione Compagnia di San Paolo.
Conduce Stefano Lamorgese, vice presidente ass. Amici di Roberto Morrione  e giornalista di Report Rai3.

Il patto di Renzi con la Procura per salvare Expo 2015
Roberto Maggioni – Radio Popolare

Feci un patto con la Procura di Milano per salvare Expo 2015. A scriverlo nel suo libro “Il Mostro” in uscita in questi giorni è Matteo Renzi. L’allora Presidente del Consiglio racconta l’incontro con l’allora capo della procura di Milano Edmondo Bruti Liberati per congelare le inchieste che rischiavano di far saltare l’evento. E così alla fine avevano ragione gli Exposcettici: senza una moratoria sulle indagini l’esposizione universale non si sarebbe fatta
continua in
https://www.radiopopolare.it/il-patto-di-renzi-con-la-procura-per-salvare-expo-2015/

16 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Covid Italia, il bollettino del 16 maggio: 13.668 nuovi casi e 102 morti

Sono 13.668 i nuovi casi di Covid registrati in Italia nelle ultime 24 ore, contro i 27.162 di ieri e soprattutto i 17.155 contagi di lunedì scorso, a conferma di un trend settimanale in lento ma costante calo. Si tratta del dato più basso dell’anno: per trovare numeri inferiori bisogna risalire al 13 dicembre 2021, quando i contagi furono 12.712
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2022/05/16/news/covid_italia_il_bollettino_del_16_maggio-349784393/

Riforma della Giustizia, al 48% le adesioni dei magistrati allo sciopero nazionale

A Milano l’adesione è sotto al 40%, a Bologna del 73%, 1 magistrato su 2 sciopera a Palermo, a Roma in tanti aderiscono alla protesta ma non si astengono dal lavoro
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/riforma-della-giustizia-per-lanm-ha-scioperato-pi-del-60-dei-magistrati-e86cb5de-045a-4d19-9b39-7b23fc605cd3.html

La giungla delle offerte di lavoro
Patrizia Pallara – Collettiva

Annunci poco trasparenti e sempre più spesso anonimi nascondono truffe, sotto inquadramenti, nero, addirittura molestie, fino ad arrivare a casi di caporalato sul web. Disoccupati e giovani alla ricerca di un impiego devono districarsi in un mercato dove l’illegalità è praticamente permessa. Sol Cgil: “Il sindacato assiste la persona e monitora il fenomeno”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/16/news/la_giungla_delle_offerte_di_lavoro-2114142/

L’emergenza dell’emergenza
Roberta Lisi – Collettiva

I pronto soccorso di tutta Italia sono in crisi perché il Servizio sanitario nazionale è in crisi. Il sistema va rilanciato, non consegnato al privato. Occorre un piano straordinario di assunzioni, lo sblocco dei tetti di spesa per il personale, l’aumento del fondo ad hoc
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/welfare/2022/05/16/news/l_emergenza_dell_emergenza-2112221/

Specializzandi, 38 ore pagate. Il resto è sfruttamento
Roberta Lisi – Collettiva

Un’indagine promossa dall’associazione “Chi si cura di te” per fare luce su orari di lavoro e tutele dei giovani medici in formazione
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/welfare/2022/05/16/news/specializzandi_38_ore_pagate_il_resto_e_sfruttamento-2112215/

La crisi del Ssn, l’effetto di una scelta
Andrea Filippi – Collettiva

Per salvare e rilanciare il Servizio sanitario pubblico, universale e gratuito, serve una chiara e netta decisione politica: assumere personale, ridurre la frammentarietà, costruire i servizi di territorio
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/welfare/2022/05/16/news/la_crisi_del_ssn_l_effetto_di_una_scelta-2112218/

Contro la discriminazione Regione Lombardia faccia la sua parte

Oggi è la Giornata internazionale contro le discriminazioni e i crimini d’odio verso le diversità di orientamento di genere e sessuale. “Nonostante i progressi compiuti in Europa e in tutto il mondo – matrimoni e unioni civili, diritti di adozione per le persone LGBTQIA+ e protezione giuridica dalla discriminazione sul posto di lavoro, dal discorso dell’odio e dai crimini di odio – in molti paesi, compresa l’Europa, alcune persone temono ancora per la propria vita a causa del loro orientamento sessuale o della loro identità di genere”. Inizia così il comunicato della Cgil Lombardia e dedicato ai temi della Giornata
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/diritti/2022/05/17/news/contro_la_discriminazione_regione_lombardia_faccia_la_sua_parte-2116159/


Flex, centinaia di lavoratori e cittadini in piazza a Trieste contro i licenziamenti

Trieste. Centinaia di lavoratrici e di lavoratori della Flex e molti cittadini intervenuti in solidarietà, in piazza contro questa abominevole decisione di lasciare in strada 280 persone.
continua in
https://contropiano.org/regionali/veneto-nordest/2022/05/17/flex-centinaia-di-lavoratori-e-cittadini-in-piazza-a-trieste-contro-i-licenziamenti-0149377


Roma. Cgil-Legambiente, abbandonare il progetto dell’inceneritore

La Cgil e Legambiente contro il termovalorizzatore a Roma. “Le nostre analisi sulla gestione dell’intero ciclo dei rifiuti a Roma convergono: da molti anni denunciamo ritardi e chiediamo una gestione virtuosa dell’intero ciclo. Per questo siamo colpiti che il dibattito si sia sviluppato in modo così inadatto ad approfondire il ragionamento su un settore per sua natura estremamente complesso”. Lo dicono, in una nota, la Cgil di Roma e del Lazio e Legambiente Lazio.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/16/news/rifiuti_cgil-legambiente_abbandonare_progetto_inceneritore_a_roma-2114404/

Indelfab, fine delle illusioni. Scaduti gli ammortizzatori sociali per Fabriano e Colle di Nocera

Per la Fiom dei due territori finisce un pezzo di storia dell’industria italiana. La chiusura dell’azienda è il fallimento di tutti, ma non delle lavoratrici e dei lavoratori
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/16/news/fabriano_alla_indelfab_e_la_fine_delle_illusioni-2113617/

Palermo. Isolfin, oggi sciopero con presidio

Sciopero di otto ore con presidio in Prefettura nel corso della mattinata dei lavoratori Isolfin, azienda dell’indotto Fincantieri, che si occupa di verniciatura, lavaggio e carenaggio navi. Lo sciopero, proclamato da Fiom, Fm e Uilm, ha fatto seguito alle altre due giornate di protesta di giovedì e venerdì scorso. 
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/16/news/isolfin_oggi_sciopero_con_presidio-2114410/

Cgil Puglia: basta attacchi ai poveri e al Rdc, nel nostro territorio prevalgono sfruttamento e bassi salari

Arriva l’estate e ricominciano le denunce su mancanza manodopera. Le imprese si siedano ai tavoli istituzionali per un confronto serio
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/16/news/cgil_puglia_basta_attacchi_ai_poveri_e_al_rdc_nel_nostro_territorio_prevalgono_sfruttamento_e_bassi_salari_-2113973/

Redditi 2021: Marche senza soldi. La media, per i dipendenti, è di 19mila euro                   

Giuseppe Santarelli (segretario generale Cgil regionale): “subito una nuova politica salariale”. Avanza il lavoro povero
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/16/news/redditi_2021_marche_senza_soldi_la_media_per_i_dipendenti_e_di_19mila_euro_-2113706/

Sardegna. Porti, Filt Cgil: finalmente a Cagliari nasce agenzia lavoro transhipment

“Finalmente si realizza e prestissimo ne vedremo la piena operatività”. Così il segretario nazionale della Filt Cgil Natale Colombo sulla costituzione formale dell’Agenzia per il lavoro portuale del porto di Cagliari, aggiungendo che “accogliamo questa notizia con immenso piacere e soddisfazione ed è frutto dello sforzo profuso da tutti, in particolare dai lavoratori e dalle organizzazioni sindacali”.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/14/news/porti_filt_cgil_finalmente_a_cagliari_nasce_agenzia_lavoro_transhipment-2112212/


Duccio Campagnoli sulla propria pagina Facebook

Ho ascoltato e conosciuto per la prima volta Claudio Sabattini nel 1974. Venne a tenere un’assemblea alla Sezione Universitaria Comunista, Jaime Pintor, che frequentavo pur non iscritto, per l’ impegno politico studentesco comune nell’Universita’ a Filosofia dove c’erano pure Walter Vitali Mauro Felicori Gigi Raffa e tanti altri. Era subito dopo la strage di Brescia, durante la grande manifestazione sindacale di Piazza della Loggia.
continua in
https://www.facebook.com/photo?fbid=682040982854585&set=a.518267369231948



Giornata contro l’omofobia e la transfobia

Il 17 maggio 1990 è una data storica per il mondo LGBTI. Quel giorno l’Organizzazione mondiale della sanità rimuoveva l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie, determinando quello che tutti sappiamo, ovvero che l’orientamento sessuale fa semplicemente parte dell’identità di ognuno di noi, e che non esiste  alcuna “patologia” o alcuna “devianza”. Per questo, dal 2007, il 17 maggio di ogni anno si celebra in Europa la Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia
continua in
https://www.arcigay.it/cosafacciamo/lotta-alle-discriminazioni/giornata-contro-omofobia-e-transfobia/#.YoNIOcNBzcs

Giornata contro omofobia, la politica litiga sulle scuole. In Italia le vittime in un anno sono già 148

Il ministero dell’Istruzione emana una circolare per celebrare la ricorrenza ma la Destra sale sulle barricate: “Promuove l’ideologia gender”. Lo scontro tra sottosegretarie divide il governo
continua in
https://luce.lanazione.it/giornata-contro-omofobia/

Diritti uguali per il solo fatto di essere persone
Sandro Gallittu – Collettiva

In occasione della Giornata mondiale contro l’omolesbobitransfobia, si riafferma la necessità di un cambio di passo, che favorisca un approccio collettivo pienamente inclusivo dei soggetti Lgbtqi+
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/diritti/2022/05/17/news/allargare_i_diritti_di_tutte_le_persone-2115620/

Giornata contro l’omofobia: la camminata sui tacchi a Firenze contro i pregiudizi
Simona Sirianni – Io Donna

In occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, il 17 maggio la città di Firenze scenderà in strada per combattere ogni forma di discriminazione. Ma lo farà sui tacchi
continua in
https://www.iodonna.it/attualita/eventi-e-mostre/2022/05/17/giornata-contro-omofobia-camminata-sui-tacchi-a-firenze-contro-i-pregiudizi/

Per il Parlamento i diritti Lgbti+ possono attendere
Sergio Lo Giudice – Strisciarossa

“ In occasione del 17 maggio e della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, nonché contro ogni forma di atteggiamento pregiudiziale basato sull’orientamento sessuale i docenti e le scuole di ogni grado, nell’ambito della propria autonomia didattica ed organizzativa, sono invitati a creare occasioni di approfondimento con i propri studenti sui temi legati alle discriminazioni, al rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, nell’ambito dei principi nazionali e internazionali sopra citati ”. Questo il passaggio centrale della lettera inviata nei giorni scorsi dal Ministro dell’Istruzione ai dirigenti scolastici di tutte le scuole italiane
continua in
https://www.strisciarossa.it/per-il-parlamento-i-diritti-lgbti-possono-attendere/


17 maggio: le notizie di Radio Popolare

La presa definitiva di Mariupol, l’incontro tra Putin e i rappresentanti delle aziende petrolifere russe e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 17 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. All’83esimo giorno di guerra in Ucraina non arrivano segnali di un cessate il fuoco. L’unica novità è l’ormai definitiva presa della città di Mariupol da parte dei russi. Oggi Putin ha incontrato i rappresentanti delle aziende petrolifere russe e ha definito le sanzioni europee un “suicidio energetico” . La ministra spagnola per le Pari Opportunità Irene Montero ha annunciato il primo via libera del Consiglio dei ministri al nuovo progetto di legge sui diritti sessuali e riproduttivi delle donne. Secondo l’Istat tra 2020 e 2021 il 26% delle persone LGBT che si sono unite civilmente denunciava di aver subìto svantaggi sul lavoro legati al proprio orientamento sessuale. Dopo l’edizione del 2021, spostata a luglio per la pandemia e con misure di sicurezza pesantissime, da stasera il Festival di Cannes torna nella sua collocazione classica. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-martedi-17-maggio/

Eni aprirà due conti – uno in euro e uno in rubli – per pagare il gas russo

A pochi giorni dalla scadenza dei pagamenti la compagnia energetica italiana comunica la decisione “presa nel rispetto del quadro sanzionatorio internazionale”. Secondo Eni “il mancato pagamento esporrebbe alla violazione dei contratti”
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/eni-aprir-due-conti-in-euro-e-rubli-per-pagare-il-gas-russo-5448bd65-c70b-430e-865f-308f2af950e5.html

Dl Aiuti: provvedimento “bollinato”. Bonus da 200 euro per 31,5 milioni di italiani

Il provvedimento passa ora al Quirinale per la firma del Presidente della Repubblica e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. M5s pronto allo strappo contro l’inceneritore di Roma
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/dl-aiuti-provvedimento-bollinato-bonus-da-200-euro-per-315-milioni-di-italiani-329bfb6e-00ae-49cb-a81d-86e7d64f24ef.html

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 83

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-83-273dbcff-95f2-47c8-b7bf-b7ce3213bd14.html

Guerra giorno 83: la resa a Mariupol e Putin che guida le truppe dal Cremlino
Andrea Lavazza – Avvenire

La vittoria nella battaglia dell’acciaieria Azovstal ha valore simbolico per Mosca, ma la narrazione che accompagna l’Armata russa indica le difficoltà per il Cremlino, sul campo e a livello politico
continua in
https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/ucraina-guerra-giorno-83-resa-a-mariupol-e-putin-che-guida-le-truppe


Toni Capuozzo sulla propria pagina Facebook

ADDIO ALLE ARMI
Fine della retorica. In italiano, come in ogni lingua, le parole hanno un peso: quella dell’Azovstal non è un’evacuazione. E’ una resa. Certo, non una resa umiliante, non ci sono forche caudine. Non una resa vile, c’è un ordine del Comando supremo, e ci sono 80 giorni di resistenza, alle spalle. Ma non è una resa con l’onore delle armi: si finisce caricati sui bus verso un ospedale o verso centri di detenzione, con un futuro da scrivere tra scambi di prigion… continua…



Guerra in Ucraina. Appello al Parlamento per dare più voce alla pace

Dopo la serata evento del teatro Ghione “Pace proibita”, il fronte pacifista rilancia e chiede l’intervento della commissione di Vigilanza per il rispetto di tutte le opinioni sul conflitto
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/appello-per-la-pace



«Vincere! E vinceremo!»
Domenico Gallo – Volere la luna

«La parola d’ordine è una sola, categorica e impegnativa per tutti. Essa già trasvola ed accende i cuori dalle Alpi all’Oceano Indiano: vincere! E vinceremo!, per dare finalmente un lungo periodo di pace con la giustizia all’Italia, all’Europa, al mondo». Così Mussolini il 10 giugno del 1940

Anche allora la guerra trovava giustificazione nell’annunzio della pace, ma il mito della vittoria non poteva ricevere dallo Storia una sconfessione più tragica. In realtà l’Europa, dopo quella guerra, ha goduto di un lungo periodo di pace che è durato (messa fra parentesi la guerra della NATO nei Balcani) dal 9 maggio 1945 al 24 febbraio 2022. Sennonché la pace è stata il frutto della sconfitta dell’Asse, non della vittoria. Sarebbe interessante capire quale pace ci attende dopo la preannunciata vittoria sulla Russia. Perché una cosa è chiara, grazie alla intrepida resistenza degli ucraini e alle generose forniture di armi di USA, GB e NATO, oltre al prezioso supporto dell’intelligence, la guerra ha cambiato segno. 
continua in
https://volerelaluna.it/in-primo-piano/2022/05/17/vincere-e-vinceremo/



La strada diritta della Costituzione e il (non) dar armi a chi fa la guerra
Marco Tarquinio – Direttore dell’Avvenire

Gentile direttore,
le scrivo perché “Avvenire”, e lei personalmente, rappresenta una delle poche voci mediatiche e culturali che insistono sulla ricerca di soluzioni di dialogo all’interno di questo conflitto. Giuliano Amato, presidente della Corte costituzionale, è tornato a sostenere che nulla vieta che l’Italia possa mandare armi, in quanto l’articolo 11 della Costituzione sarebbe subordinato all’articolo 78 («il Parlamento delibera lo stato di guerra e conferisce al governo i poteri necessari»), all’articolo 5 del Trattato Nato e all’articolo 42 dei Trattati Ue: (disposizioni sulla politica di sicurezza e di difesa comune dell’Unione Europea). 
continua in
https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/la-strada-diritta-della-costituzione-e-il-non-dar-armi-a-chi-fa-la-guerra


I dubbi della maggioranza sulle armi all’Ucraina non porteranno al voto di fiducia

Paolo Molinari AGI – I dubbi nel centrodestra, insomma, sono tutt’altro che dissipati, ma nessuna ‘fuga in avanti’ come temono quelle forze politiche che chiedono al presidente del Consiglio di riferire in Parlamento e di poter votare sul nuovo invio di aiuti militari
continua in
https://www.agi.it/politica/news/2022-05-17/dubbi-maggioranza-armi-ucraina-non-porteranno-voto-fiducia-16763123/

Biden revoca le restrizioni a Cuba dell’era Trump, ma l’embargo resta

Per il ministro degli Esteri cubano “si tratta di un passo limitato nella giusta direzione, ma la decisione non modifica la maggioranza delle misure imposte”
continua in
https://www.huffingtonpost.it/esteri/2022/05/17/news/cuba_biden_restrizioni-9406257/

Le sorprese a googlare oggi “Sofri-Calabresi”
Adriano Sofri Piccola Posta – Il Foglio

Nell’anniversario dell’omicidio di Luigi Calabresi, 50 anni oggi, ho raccolto e messo da parte (letto no, mai troppo zelo) le cose diverse pubblicate sui giornali o altrove. Con l’elementare funzione di google: Sofri-Calabresi, cerca. E’ così che ieri mi sono venuti fuori i link con il “Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Centro Nazionale di Selezione e Reclutamento”, il centro che presiede ai concorsi per il reclutamento nell’Arma e ai corsi interni per sottufficiali e ufficiali. La mia presenza là dentro, ripetuta nel corso degli anni, fa parte dei “Test per la preparazione alla prova preliminare”, suggeriti ai concorrenti: sono migliaia di quiz di vario argomento, con l’avvertimento che “Le risposte esatte sono quelle contraddistinte dalla lettera A”. Ecco il test che mi riguarda:Adriano Sofri è stato condannato all’ergastolo: A) per l’omicidio Calabresi B) per l’omicidio del Generale Dalla Chiesa C) per l’attentato a Giovanni Paolo II D) per la strage di Bologna(Che cosa sarà stato degli aspiranti carabinieri i quali per qualche singolare circostanza sapessero che non sono stato condannato all’ergastolo?)

https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2022/05/17/news/le-sorprese-a-googlare-oggi-sofri-calabresi–4008871/

Covid Italia, il bollettino del 17 maggio: 44.489 nuovi casi e 148 decessi

ADN Kronos – Sono 44.489 i nuovi contagi da covid in Italia oggi, 17 maggio 2022, secondo numeri e dati – regione per regione – del bollettino covid di ministero della Salute e Protezione Civile. Si registrano inoltre altri 148 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati 335.217 i tamponi processati, tra molecolari e antigenici, con tasso di positività del 13,27%.
continua in
https://www.adnkronos.com/covid-oggi-italia-44489-contagi-e-148-morti-bollettino-17-maggio_1GuO966F4nyLG1GzJbgfG4

Il regista palestinese Mohammad Bakri: “Cercano di dipingerci come quelli che odiano gli ebrei”

Ho conosciuto Shireen Abu Akleh quando ha cominciato a lavorare per Al Jazeera, diversi anni fa. Questo essere umano, questa donna era oggettiva, equilibrata, onesta, una vera giornalista. Ed è davvero simbolico che sia stata uccisa a Jenin, emblema della resistenza palestinese, così come è significativo il fatto che abbiano cancellato e bandito il mio documentario “Jenin Jenin”. La ragione è la stessa: cercano di dipingerci come quelli che odiano gli ebrei, che vogliono distruggere Israele, che vogliono uccidere ogni ebr eo. Ma questo non è assolutamente vero. Io, Shireen e le persone come noi non abbiamo mai pensato di fare del male a un ebreo solo per il fatto che lo fosse. Noi combattiamo contro l’occupazione
continua in
https://www.radiopopolare.it/il-regista-palestinese-mohammad-bakri-cercano-di-dipingerci-come-quelli-che-odiano-gli-ebrei/


Addio a Luigi Agostini, una vita per la Cgil

Èscomparso stanotte (martedì 17 maggio) a Roma, all’età di 82 anni, l’ex dirigente della Cgil Luigi Agostini. “Mi sono sempre considerato un comunista sindacalista”, diceva di sé: “Ho cambiato ruolo di tre anni in tre anni, evitando il più possibile la peggior malattia che colpisce gli uomini e le organizzazioni: la burocratizzazione”.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/17/news/addio_a_luigi_agostini_una_vita_per_la_cgil-2115444/



Informazione contro le mafie, il 17 maggio a Torino il 7° Forum di ‘A mano disarmata’

Ore 10 Circolo della Stampa con, fra gli altri, don Luigi Ciotti, presidente di Libera. Sarà anche presentata in anteprima la graphic novel “La città di Cap” di Maria Iovine e Silvestro Maccariello, disegni di Irene Carbone ed Erica Grillo, prefazione di Jean Pierre Yvan Sagnet (BeccoGiallo editore)

continua in
https://www.fnsi.it/informazione-contro-le-mafie-il-17-maggio-a-torino-il-7-forum-di-a-mano-disarmata



Insolera, dieci anni dopo. Cinque incontri e una mostra al Parco delle energie
Ella Baffoni – Strisciarossa

A cosa servono gli archivi? Certo, a conservare documenti. Francesco Scoppola, ex direttore del Ministero dei Beni culturali, ha una risposta meno banale. Gli archivi sono il principale strumento del buon governo: “Non è solo lo studio del passato, utile a capire cosa è già stato fatto e come, e migliorarlo. E’ anche un servizio per il futuro, perché qui si possono trovare le risposte migliori a sfide del tutto nuove. Eppure l’informatizzazione affrettata e fatta male ha prodotto la cancellazione di larghe fette di storia: distrutti i documenti cartacei, i primi supporti informatici oggi sono assolutamente decotti e illeggibili, come lo saranno quelli di oggi tra trent’anni. Questa non è modernità”.
continua in
https://www.strisciarossa.it/italo-insolera-dieci-anni-dopo-cinque-incontri-e-una-mostra-al-parco-delle-energie/

Italo Insolera. Le trasformazioni del territorio nel tempo

Quelli che oggi sono i recenti quartieri di periferia sorgono su terreni che prima non erano coperti da edifici. Erano generalmente terreni agricoli. Ma questo non significa che fossero una no man ‘s land deserta; erano coltivati, c’erano degli alberi, per lavorarli i contadini avevano tracciato stradine e sentieri, l’acqua piovana li attraversava secondo certe pendenze, c’erano delle case coloniche, delle stalle, dei magazzini ecc. 
continua in
https://o2.architettiroma.it/monitor/d/didatticaurbana/insolera_trasformazioni_del_territorio_nel_tempo.html


17 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Ucraina, la guerra peggiora la crisi alimentare globale
Anna Spena – Vita

Pubblicato il nuovo Rapporto “Child Alert” dell’UNICEF: il numero di bambini colpiti da malnutrizione acuta grave era in aumento già prima che la guerra in Ucraina minacciasse di far ulteriormente sprofondare il mondo in una crisi alimentare globale, e la situazione sta peggiorando.
Il rapporto “Malnutrizione acuta grave: Un’emergenza per la sopravvivenza dei bambini“, mostra che, nonostante l’aumento dei livelli di malnutrizione acuta grave nei bambini e l’aumento dei costi per le terapie salvavita, anche i finanziamenti globali per salvare le vite dei bambini colpiti da malnutrizione acuta sono a rischio
continua in
http://www.vita.it/it/article/2022/05/17/ucraina-la-guerra-peggiora-la-crisi-alimentare-globale/162855/


Lavoro minorile. Il Papa: troppe piccole mani private della dignità

Francesco invia un messaggio per la quinta Conferenza globale in corso a Durban, in Sudafrica, che si occupa dell’eliminazione dello sfruttamento lavorativo di bambini e adolescenti
continua in
https://www.avvenire.it/papa/pagine/lavoro-minorile-il-papa-troppe-piccole-mani-private-della-dignita


L’inflazione costa alle famiglie italiane 2.400 euro l’anno

Giannandrea Serrao AGI – Il dato tocca il 6% e non va oltre solo grazie ai bonus energia che hanno contenuto gli aumenti. Il carrello della spesa cresce del 5,7%
continua in
https://www.agi.it/economia/news/2022-05-17/inflazione-costa-famiglie-italiane-2400-euro-anno-16764547/

Di Vittorio e il «carovita»: una lezione attuale
Fulvio Fammoni – Collettiva

L’inflazione è superiore al 6 per cento, ma questo forte incremento è iniziato ben prima della guerra. E come diceva il grande leader Cgil, fin quando non si riuscirà a impedire l’aumento dei prezzi sui lavoratori, non rimane altra risorsa che esigere adeguati aumenti dei salari
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/economia/2022/05/17/news/di_vittorio_e_il_carovita_una_lezione_attuale-2116158/


Green@Work, l’incontro internazionale dei sindacati europei
Emanuele Ghiani – Diario del Lavoro

A Roma si è tenuto “Green@Work”, un progetto pilota finanziato dalla comunità Europea con la partecipazione della Uiltec e i sindacati Igbce della Germania e di Ekn della Croazia. Green@Work è un laboratorio di condivisione di esperienze e buone pratiche per trasformare gli obiettivi fissati con il Green New Deal in piani di cambiamento nazionali per i settori industriali, nella salvaguardia di occupabilità, diritti e tutele
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/greenwork-lincontro-internazionale-dei-sindacati-europei/


Riforma fiscale, così non va
Roberta Lisi – Collettiva

“Serve un intervento per garantire redistribuzione della ricchezza, equità e progressività”. Così la vice segretaria generale Cgil Gianna Fracassi, riflettendo sulla legge delega sul fisco e sulle azioni per contrastare inflazione e aumento delle bollette
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/economia/2022/05/17/news/riforma_fiscale_cosi_non_va-2114411/

Lavoro. Sbarra a Salvini: “Priorità sindacato salvaguardare salari e pensioni. Riprendere subito confronto su riforma Fornero”

“Abbiamo espresso oggi al gruppo della Lega le preoccupazioni del sindacato sulla gravità della crisi economica e sociale che sarà ancora lunga e pesante”. È quanto ha sottolineato il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, al termine dell’incontro tra Cgil, Cisl e Uil ed il leader della Lega Salvini.
continua in
https://www.cisl.it/notizie/in-evidenza/lavoro-sbarra-a-salvini-priorita-sindacato-salvaguardare-salari-e-pensioni-riprendere-subito-confronto-su-riforma-fornero/

I supermercati minacciano di non prendere più i buoni pasto. E non solo loro

Elisa Trincia AGI – Il costo sostenuto dal mondo della ristorazione con il sistema dei buoni pasto è superiore in termini di valore, all’ultima tornata di ristori destinati al settore, circa 40 milioni di euro. Una distorsione cui le imprese chiedono di porre rimedio
continua in
https://www.agi.it/economia/news/2022-05-17/supermercati-minacciano-non-prendere-buoni-pasto-16765049/

Con le tasche vuote
Stefano Iucci – Collettiva

Nella interviste raccolte dall’Osservatorio Futura della Cgil quasi metà del campione è insoddisfatto del proprio stipendio che non permette di sostenere il costo della vita. Scacchetti, Cgil: il ruolo del sindacato è molto importante per migliorare le attuali condizioni salariali
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/17/news/la_consapevolezza_del_lavoro_povero-2113610/

Scarica il pdf completo

Roma, nel 2021 il 14% dei cittadini a rischio povertà. La Cgil chiede un intervento urgente

A mettere in luce questa condizione un dibattito organizzato dalla Cgil Roma e Lazio. “C’è necessità – ha commentato Natale Di Cola – che le amministrazioni pubbliche si facciano datrici di lavoro di ultima istanza. Questo lo si può fare – ha proseguito – facendo ripartire la leva delle assunzioni e ripartendo dalle comunità”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/17/news/a_roma_nel_2021_il_14_1_dei_cittadini_si_e_trovata_a_rischio_poverta_nel_2021_la_cgil_chiede_un_intervento_urgente-2115897/

Taranto. Indotto Leonardo: Axist chiude e licenzia. Fiom: suicidio industriale

L’azienda Axist, che opera per lo stabilimento Leonardo di Grottaglie (Taranto), ha comunicato la cessazione dell’attività e l’avviamento della procedura di licenziamento collettivo per i 35 lavoratori. A comunicarlo è la Fiom Cgil territoriale: “Ci troviamo di fronte a un vero e proprio ‘suicidio industriale’ in un territorio e uno stabilimento che già in passato ha pagato la fuoriuscita di oltre 700 lavoratori dell’indotto”.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/17/news/axist_chiude_e_licenzia_fiom_suicidio_industriale-2116519/

Palermo. Sciopero alla StMicrolelectronics

Fiom Cgil provinciale: “L’astensione è per testimoniare la nostra solidarietà ai due dipendenti dello stabilimento di Agrate Brianza vittime di un grave infortunio sul lavoro”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/17/news/sciopero_alla_stmicrolelectronics_di_palermo-2116251/

Abruzzo-Molise. Fp Cgil, carceri regionali sono sovraffollate

“Il rapporto annuale di Antigone desta preoccupazione per i dati pubblicati sull’attuale condizione detentiva nel Paese. Il tasso ufficiale di sovraffollamento è del 107.4%, con picchi in determinate regioni. In Abruzzo sono presenti 1.737 detenuti e in Molise 321, a fronte di rispettive capienze tollerabili di 1.656 e 271”. A dirlo è il coordinatore Fp Cgil Abruzzo e Molise Giuseppe Merola, tornando “a rivendicare la necessità di aprire serie discussioni sulle politiche detentive in Italia, con il giusto rafforzamento dell’esecuzione penale esterna, affinché vi siano ottimali situazioni lavorative per il personale e di vivibilità per i carcerati”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/diritti/2022/05/17/news/fp_cgil_carceri_regionali_sono_sovraffollate-2115365/

Reggio Emilia. Hce, sciopero per tutelare la privacy

Fiom di Reggio Emilia: “Si tratta di una protesta contro la violazione delle libertà individuali. L’azienda non può sorvegliare i lavoratori, com’è avvenuto, né sul posto di lavoro né a casa loro”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/17/news/hce_sciopero_per_tutelare_la_privacy-2116793/

Bologna. Emag, firmato il primo contratto aziendale

Fiom Cgil provinciale: “Si tratta del primo accordo sottoscritto dalla multinazionale tedesca in Italia. Abbiamo contribuito a salvare e a rilanciare una delle divisioni dell’ex gruppo Maccaferri”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/17/news/emag_il_primo_contratto_aziendale-2115706/

Terme Chianciano, firmato il contratto integrativo

“Ora ci siamo – affermano con grande soddisfazione dalla Filcams Cgil di Siena -, come previsto dalle regole sulla rappresentanza sindacale, con l’approvazione all’unanimità da parte dell’assemblea dei dipendenti che si è svolta oggi, l’ipotesi di accordo del contratto di lavoro integrativo sottoscritta il 10 maggio scorso fra la società Terme di Chianciano, Federterme, Confindustria e organizzazioni sindacali provinciali è adesso pienamente validata, efficace ed esigibile”.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/17/news/terme_chianciano_ecco_l_integrativo-2117196/

Tecnica group Treviso, rinnovato il contratto integrativo

Paoloni (Filctem Cgil): “La parificazione del trattamento di malattia raggiunta fra operai e impiegati è un risultato storico per tutto il settore”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/17/news/tecnica_group_treviso_rinnovato_integrativo-2116788/


Berlinguer e la Nato, un equivoco che dura ancora
Guido Liguori – il manifesto

 Il segretario del Pci in tv nel giorno dell’intervista al Corriere: «Questo Patto Atlantico presentato come scudo di libertà ha tollerato per anni la Grecia fascista, il Portogallo fascista»
continua in
https://ilmanifesto.it/berlinguer-e-la-nato-un-equivoco-che-dura-ancora?fbclid=IwAR2nMHi6YtPwBcJMwKt9qUTFOqlnsbSi8Cicc2ilh7xLbaHp8HlHWzq59Gw


18 maggio: le notizie di Radio Popolare

Il caos sulla situazione all’acciaieria di Mariupol, il piano europeo per fare a meno della Russia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 18 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo 84 giorni dall’invasione dell’Ucraina la battaglia dell’acciaieria di Mariupol sembra arrivata ad un punto, mentre la Russia ammette le difficoltà nel Donbass. A Kiev si è tenuto il primo processo per crimini di guerra dal 24 febbraio scorso. In Italia è alle battute finali il processo Ruby ter, che vede imputato Silvio Berlusconi per corruzione in atti giudiziari. Giuseppe Conte è sempre più in difficoltà col Movimento 5 Stelle, oggi ancora più di ieri dopo aver perso la presidenza della commissione Esteri del Senato in favore della senatrice di Forza Italia Stefania Craxi. La Commissione Europea ha presentato RePower, il piano energetico per ridurre la dipendenza dal gas e del petrolio russi ed eliminarla in 5 anni. Dura ormai da una settimana l’attesa di un porto sicuro di 471 persone migranti salvate nel Mediterraneo dalla nave umanitaria Geo Barents. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-mercoledi-18-maggio/

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 84

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-83-6aa19b00-5591-4516-89de-d2873000a277.html

Guerra giorno 84, la dura perdita di Mariupol e un nuovo realismo per Kiev
Andrea Lavazza – Avvenire

La resa ad Azovstal decisa dai vertici ha forse spiazzato parte del Paese, ma potrebbe essere l’occasione per ripensare in parte la strategia nel conflitto. Il ruolo chiave del fronte occidentale
continua in
https://www.avvenire.it/mondo/pagine/guerra-giorno-84-la-perdita-di-mariupol-lavazza

Draghi: “Adesione di Finlandia e Svezia nella Nato in tempi brevi”. Mosca: “Reagiremo”

AGI – La Russia comunicherà all’ambasciatore italiano a Mosca la decisione di espellere 24 diplomatici italiani. La premier finlandese Marin, molto grata a al premier italiano per il sostegno
continua in
https://www.agi.it/estero/news/2022-05-17/ucraina-russia-guerra-diretta-16773729/

Erdogan vuole l’estradizione di 30 membri del PKK per l’ingresso in Nato di Svezia e Finlandia

Il presidente turco accusa i due Paesi nordici di ospitare 30 membri del PKK, Partito dei Lavoratori del Kurdistan, classificato da Ankara come organizzazione terroristica, così come da Usa e Ue
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/erdogan-chiede-lestradizione-di-30-membri-del-pkk-per-lingresso-in-nato-di-svezia-e-finlandia-127cb3f3-0aa3-49ff-9e74-86d6a545e290.html


Addio di McDonald’s, l’Occidente lascia la Russia, l’economia mondiale sbanda
Riccardo Gianola – Strisciarossa

La prima apertura in Russia, nel 1990

Addio Mosca, l’Occidente se ne va. Niente più file davanti ai locali di McDonald’s (850 ristoranti e 62mila dipendenti). Niente più auto francesi, la Renault chiude, vende tutte le attività al governo russo anche a costo di perdere il 10% del fatturato complessivo. Addio alla fabbrica di Togliatti, un saluto ai 45mila operai e impiegati. I marchi del lusso e della moda chiudono i negozi, forse per sempre. Gli italiani non sanno decidersi, aspettano che il clima geopolitico si rassereni, ma non è una speranza, è un’illusione. Unicredit, la banca più esposta, valuta la cessione o una forma di disimpegno dalle attività russe. Intesa Sanpaolo ha svalutato le partecipazioni in Russia di circa 800 milioni nel primo trimestre. Poi ci sono i produttori di mobili, i calzaturieri, gli industriali del tessile-abbigliamento che rischiano di perdere uno sbocco importante per i loro prodotti. Mosca invade l’Ucraina e si allontana dall’Ovest, dall’Europa dai capitali, dai mercati, dagli scambi commerciali cresciuti a dismisura negli ultimi vent’anni. Oltre al gas e al petrolio, il capitolo più ricco e strategicamente importante, ci sono beni di consumo, marchi, negozi, mode, stili, tutto.
continua in
https://www.strisciarossa.it/addio-di-mcdonalds-loccidente-lascia-la-russia-leconomia-mondiale-sbanda/


Bufale, virus e complotti, se la voce del Cremlino si veste di rosso(bruno)
Andrea Aloi – Strisciarossa

Avvertenza per chiunque indossi un elmetto. La seguente è una modesta analisi che vorrebbe parlare di sinistra, informazione e ideologie in corso di guerra partendo da un piccolo caso specifico. Non è una presa di posizione contro la Russia – preda ai suoi vertici di pulsioni neroniane – in nome di un atlantismo con le briglie in mano agli Usa: siamo nel 2022 e di un’altra cold war non sento personalmente il bisogno.
continua in
https://www.strisciarossa.it/bufale-virus-e-complotti-se-la-voce-del-cremlino-si-veste-di-rossobruno/

Adriano Sofri. Piccola Posta – Il Foglio
La linea perdente della Santoro-Tarquinio Associati e un’altra donna vincente in Europa

Al direttore – Quattro dei nove libri delle celebri “Storie” di Erodoto sono dedicati, secondo la divisione dei grammatici alessandrini, a quelle “guerre persiane” che per circa un ventennio (499-479 a. C.) videro impegnate le polis greche contro l’impero fondato da Ciro il Grande. Così come sono state interpretate e tramandate dallo storico di Alicarnasso, furono guerre di libertà condotte da un piccolo popolo contro un potente avversario; e che proprio perché si batteva per una grande causa, che era la causa della libertà, è alla fine vittorioso
continua in
https://www.ilfoglio.it/lettere/2022/05/17/news/la-linea-perdente-della-santoro-tarquinio-associati-e-un-altra-donna-vincente-in-europa-4013070/

Facciamo il punto dopo 84 giorni di guerra
Come il parlamento italiano si è espresso sulla crisi in Ucraina

Tra risoluzioni, ordini del giorno, mozioni e conversioni di decreti legge sono state molte le occasioni in cui camera e senato hanno avuto l’opportunità di esprimersi sulle conseguenze del conflitto esploso in Ucraina. Tutto da valutare però il reale impatto degli atti adottati
continua in
https://www.openpolis.it/come-il-parlamento-si-e-espresso-sulla-crisi-in-ucraina/


La débâcle di Conte si chiama Stefania Craxi
Luigi Ambrosio – Radio Popolare

Stefania Craxi – Foto ANSA

“Noi li avevamo avvertiti che finiva male”. Dalle parti del PD mettono due volte le mani avanti. Una volta per chiarire che l’elezione di Stefania Craxi non è opera di suoi franchi tiratori, ma di una maggioranza che ha messo insieme il centrodestra, Italia Viva e qualcuno del gruppo misto. E una seconda volta per dire che la débâcle del candidato pentastellato Licheri è tutta colpa di Giuseppe Conte.
continua in
https://www.radiopopolare.it/la-debacle-di-conte-si-chiama-stefania-craxi/


Covid Italia, il bollettino del 18 maggio 2022: 30.408 nuovi casi, 136 morti e tasso di positivià scende all’11,5%

Sono 30.408 i nuovi casi di Covid registrati in Italia nelle ultime 24 ore, contro i 44.489 di ieri e soprattutto i 42.249 contagi di mercoledì scorso, a conferma di un trend settimanale in costante calo. I tamponi processati sono 264.273 (ieri 335.217) con il tasso di positività scende dal 13,3% all’11,5%. I decessi sono 136 (ieri 148). Le vittime totali da inizio pandemia salgono a 165.630. In calo i ricoveri: i pazienti in terapia intensiva sono 19 in meno (ieri -16), con 25 ingressi giornalieri, e sono 318 in tutto, mentre nei reparti ordinari sono 189 in meno (ieri – 166), 7.276 in tutto.
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2022/05/18/news/covid_italia_il_bollettino_del_18_maggio_2022-350082288/

Migranti, otto sbarchi a Lampedusa: arrivate 308 persone

I diversi gruppi sono stati trasferiti all’hotspot di contrada Imbriacola dove ora ci sono circa mille persone
continua in
https://tg24.sky.it/palermo/2022/05/18/migranti-lampedusa-news


Trasformazione sociale e liberazione umana, la forza di Berlinguer a cent’anni dalla nascita
Livia Turco – Strisciarossa

“Il tempo, grande scultore“, di Marguerite Yourcenar, racconta come lo scorrere del tempo illumina il senso profondo, non transitorio dei pensieri e delle azioni umane. In questo nostro tempo, in cui abbiamo vissuto l’imprevisto più duro, leggere, nel centenario della nascita (25 maggio), i pensieri di Enrico Berlinguer su taluni temi cruciali come la pace nel mondo, la costruzione di un nuovo modello di sviluppo incentrato sui beni comuni, la moralità della politica, conferma che il tempo è davvero grande scultore. Nel senso che restituisce la forza di pensieri che sono stati lungimiranti. Come quelli elaborati e tenacemente perseguiti dal grande dirigente comunista.
continua in
https://www.strisciarossa.it/trasformazione-sociale-liberazione-umana-forza-berlinguer-cento-anni-nascita/


Ricordando Luigi Agostini

Mi sono sempre considerato un comunista sindacalista. Ho cambiato ruolo di tre anni in tre anni, evitando il più possibile la peggior malattia che colpisce gli uomini e le organizzazioni: la burocratizzazione. Ho dato il meglio di me a un’organizzazione di combattimento, la Cgil, casa e scudo per i più sfruttati. Ad altri il giudizio sul mio apporto. Da parte mia posso solo dire di essere sempre stato e sempre sarò fedele agli ideali della mia infanzia e giovinezza.

Luigi Agostini

https://www.strisciarossa.it/ricordando-luigi-agostini/

Gad Lerner. Operai

Un viaggio all’interno della Fiat, per conoscere la vita, le case, le fabbriche di una classe che non c’è più. È il sottotitolo di “Operai”, scritto da Gad Lerner, per i tipi di Feltrinelli, nel 1988. Un libro estremamente attuale, come confermano le numerose ristampe. Ad esso – alla sua genesi e al suo senso, in generale e nella vicenda politica dell’autore – sono dedicate alcune appassionate pagine del libro intervista di Gad Lerner con Elena Ciccarello che esce oggi per le Edizioni Gruppo Abele con il titolo Giornalisti da marciapiede. Per gentile concessione dell’editore le pubblichiamo di seguito. (la redazione Volere la luna) 
continua in
https://volerelaluna.it/in-primo-piano/2022/05/18/operai/



Luca Billi sulla propria pagina Facebook

I nostri musei si chiamano così, perché così si chiamava il Museo – con l’iniziale maiuscola – che Tolomeo I° e i suoi successori vollero costruire ad Alessandria come luogo di incontro tra studiosi, ossia tra le persone care alle Muse, e come luogo di insegnamento.
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10227108372564208&set=gm.3126449717572642


18 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la


Il lavoro non scende dal cielo

“Servono misure urgenti per l’inclusione delle persone con disabilità”. In diretta dalla sala Santi della Cgil nazionale un convegno con il presidente dell’Inps Pasquale Tridico e la sottosegretaria all’Economia Maria Cecilia Guerra. Conclusioni del segretario generale Maurizio Landini

Altre notizie in
https://www.collettiva.it/copertine/welfare/2022/05/18/news/il_lavoro_non_scende_dal_cielo-2115892/


Rinnovo servizi ambientali: unificati pubblico e privato

L’accordo mette insieme le due parti. Per 100 mila addetti arriva l’aumento medio di 121 euro. Fp: “Finalmente il contratto unico di settore”. Landini: risultato storico per i lavoratori dopo tanti sacrifici
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/18/news/rinnovo_servizi_ambientali_unificati_pubblico_e_privato-2119397/

La campagna social e nelle fabbriche della Slc Cgil Veneto: Di bonus non si campa

I lavoratori, quelli che durante la pandemia hanno sempre continuato a lavorare, nelle fabbriche di carta e imballaggi, come nelle telecomunicazioni, nei servizi postali come nelle televisioni, denunciano gli effetti sulle buste paga dell’inflazione
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/18/news/la_campagna_social_e_nelle_fabbriche_della_slc_cgil_veneto_di_bonus_non_si_campa-2118935/

Brescia. Sospesa da lavoro perché No vax: la giudice le concede l’assegno alimentare “per dignità”

La giudice ha tenuto conto del fatto che la donna “vive sola, non ha altri mezzi di sussistenza tranne il proprio stipendio da lavoratrice dipendente, è in affitto in una casa popolare e negli ultimi due mesi non è riuscita a pagare il canone”
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/sospesa-da-lavoro-perch-no-vax-la-giudice-le-concede-lassegno-alimentare-per-dignit-2aa923a1-22d4-4b4b-8965-cef53ce2a9ac.html


Filiera agroalimentare. Analisi e prospettive

Un appuntamento con i segretari generali di Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil, Onofrio Rota, Giovanni Mininni e Stefano Mantegazza e i presidenti di Cna Agroalimentare e Confartigianato Alimentazione, Francesca Petrini e Massimo Rivoltini

Altre notizie e informazioni in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/18/news/filiera_agroalimentare_analisi_e_prospettive-2117476/


Guastalla (Reggio Emilia). Padana tubi, sciopero e presidio per il contratto integrativo

Fiom e Rsu: “Dopo due anni di trattative, chiediamo un contratto che confermi i diritti e incrementi il salario di lavoratori e lavoratrici”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/18/news/padana_tubi_sciopero_e_presidio_per_l_integrativo-2119163/

Bologna. Vetimec, firmato il nuovo contratto aziendale

Fiom provinciale: “Difesa dei diritti individuali e collettivi, lotta a tutte le discriminazioni e aggiornamento del premio aziendale, i punti salienti dell’accordo”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/18/news/vetimec_il_nuovo_contratto_aziendale-2118169/



19 maggio: le notizie di Radio Popolare

L’allarme dell’ONU sulla crisi alimentare, l’informativa di Draghi e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 19 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La guerra in Ucraina è arrivata ormai all’85esimo giorno. Oggi è arrivato un durissimo allarme dell’Onu per le conseguenze che la guerra avrà a livello globale: milioni di persone sono a rischio fame. A  kherson le nuove autorità locali imposte dal Cremlino parlano di annessione diretta alla Federazione Russa. Oggi in parlamento c’è stata l’informativa di Draghi sulla guerra in Ucraina. Tre attivisti di Fridays for Future Milano e del collettivo Lambretta sono stati perquisiti e hanno saputo di essere indagati per imbrattamento, con l’aggravante di aver agito in gruppo. Un rimorchiatore che trainava una piattaforma verso il porto albanese di Durazzo è affondato al largo di Bari. Oggi l’esercito israeliano ha fatto sapere che non verrà aperta un’indagine sulla morte di Shireen Abu Akleh. È morto il compositore greco Vangelis Papatanassiu autore delle musiche di alcuni capolavori del cinema come Blade Runner e Momenti di Gloria. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-giovedi-19-maggio/

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 85

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-85-72be9dba-aa12-43db-8a04-1c721c69f9fa.html

Guerra giorno 85, l’invasione adesso sta togliendo cibo al mondo intero
Andrea Lavazza – Avvenire

Zelensky conferma che il raccolto dei cereali sarà dimezzato. Emerge la responsabilità della Russia nel contribuire a una crisi alimentare che può colpire decine di milioni di persone
continua in
https://www.avvenire.it/mondo/pagine/guerra-giorno-85-la-guerra-ucraina-toglie-il-grano-al-mondo-lavazza

Guerra in Ucraina. Negoziati in salita. Piano di pace italiano. Saliti a 1.727 gli ucraini catturati all’Azovstal

La Russia si è detta pronta a riprendere i colloqui con L’Ucraina quando Kiev si dichiarerà pronta a farlo ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Andrei Rudenko citato dall’Agenzia Interfax. Ma la risposta di Kiev non lascia spiragli. Il cessate il fuoco non andrebbe offerto all’Ucraina, in quanto questo è impossibile senza il ritiro totale delle truppe russe, ha dichiarato il consigliere presidenziale e negoziatore ucraino, Mykhaylo Podolyak, in un tweet. A suo dire l’Ucraina non è interessata a “nuovi accordi di Minsk”, che condurrebbero alla riproposizione del conflitto tra pochi anni. “Fino a quando la Russia non sarà pronta a liberare completamente i territori occupati, la nostra squadra negoziale sarà composta da armi, sanzioni e soldi”, ha scritto Podolyak
continua in
https://contropiano.org/news/internazionale-news/2022/05/19/guerra-in-ucraina-negoziati-in-salita-piano-di-pace-italiano-saliti-a-1-727-gli-ucraini-catturati-allazovstal-0149466

I capi militari russi e americani hanno ricominciato a parlarsi (finalmente)

Marta Allevato AGI – Il primo colloquio telefonico dall’inizio della guerra ha acceso una flebile speranza di facilitare l’avvicinamento a una soluzione diplomatica in Ucraina
continua in
https://www.agi.it/estero/news/2022-05-19/capi-militari-russi-americani-hanno-ricominciato-a-parlarsi-16799554/

A proposito della “russofobia cavernicola” e del suo dilagare nel mondo libero: “la U.E. fa divieto assoluto di vendere, trasferire, esportare in Russia beni di lusso di valore superiore ai 1500 euro fra cui anche strumenti musicali”. Prego, strumenti musicali? siamo sicuri di aver capito bene? Sì sì, violini, violoncelli, pianoforti, trombe, sintetizatori, clavicembali, fiati, strumenti a corde etc etc
Il mondo libero…. cavernicolo

Giancarlo Vitali Ambrogio sulla propria pagina Facebook

https://www.facebook.com/giancarlovitaliambrogio

Intervista a Nadia Urbinati: “La democrazia è un sistema politico, non può essere un mito”
Umberto De Giovannangeli – Il Riformista

La guerra e la Nato, l’Occidente plurale e il riflesso pavloviano di chi guarda al presente con le lenti ideologiche del passato. Il Riformista ne discute con Nadia Urbinati, accademica, politologa italiana naturalizzata statunitense, docente di Scienze politiche alla prestigiosa Columbia University di New York 
continua in
https://www.ilriformista.it/intervista-a-nadia-urbinati-la-democrazia-e-un-sistema-politico-non-puo-essere-un-mito-300418/?refresh_ce


Il ddl concorrenza chiarisce chi comanda
Francesco Piccioni – Contropiano

Un consiglio dei ministri straordinario che dura soltanto dieci minuti significa una sola cosa: il presidente del consiglio ha emanato un ordine. Indiscutibile. Giusto il tempo di illustrarlo sommariamente, per titoli e tempi di approvazione, senza alcuna possibilità di discussione.
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2022/05/20/il-ddl-concorrenza-chiarisce-chi-comanda-0149488

Aiutati, che il Governo non ti aiuta
coniarerivolta.org

Se la follia bellicista continua a lungo, come ormai appare probabilel’erosione dei salari reali assumerà dimensioni tragiche e si materializzerà la terza recessione dell’ultimo decennio producendo ancora disoccupazione e povertà. Qualcuno ha stimato, ad esempio, che l’implementazione dell’embargo su gas e petrolio russo potrebbe provocare la distruzione di circa 600 mila posti di lavoro nel biennio 2022-2023: perderemmo in sostanza tutta l’occupazione (d’altronde in gran parte precaria) recuperata dall’inizio della pandemia, in una improbabile versione del gioco dell’oca, in cui non esiste una carta per uscire di prigione. L’ennesima mazzata per lavoratrici e lavoratori, così come per intere generazioni che ormai non conoscono altro rispetto alla crisi economica, divenuta normalità
continua in
https://coniarerivolta.org/2022/05/19/aiutati-che-il-governo-non-ti-aiuta/


L’Europa punta su «RePowerEU», l’energia per non dipendere dalla Russia
Giovanni Maria Del Re – Avvenire

Si spinge sulle rinnovabili con pannelli solari per le nuove costruzioni di abitazioni ed edifici pubblici. Piattaforma per facilitare gli scambi e ipotesi di arrivare ad acquisti congiunti
continua in
https://www.avvenire.it/economia/pagine/energia-gas-petrolio-unione-europea-indipendenza-energetica-da-russia

Dl Ucraina bis: ok definitivo della Camera con 336 sì. Taglio accise carburanti fino all’8 luglio

Tra le novità introdotte: il bonus carburante di 200 euro è stato esteso dalle aziende a tutti i datori di lavoro privati, innalzata a 12mila euro la soglia Isee per le famiglie per accedere ai bonus sociali su energia elettrica e gas
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/dl-ucraina-bis-ok-definitivo-della-camera-con-336-s-taglio-accise-carburanti-fino-all8-luglio-e6adadce-38dc-4393-b9ac-144b0fd4f88b.html

Draghi chiede di andare più veloci sul Ddl ‘concorrenza’, a rischio le scadenze del Piano di ripresa

Il Pnrr è in stallo per il mancato accordo tra i partiti, in particolare sui ‘balneari’. Se non si arriverà a un accordo verrà posta la fiducia
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/cdm-a-sorpresa-draghi-chiede-di-velocizzare-sul-ddl-concorrenza-a-rischio-le-scadenze-del-pnrr-8b17cd4c-ceac-4002-8fa6-4a40793ce39b.html

Osservatorio sulla transizione ecologica-Pnrr. Draghi convochi con urgenza una conferenza energia/clima

L’allarme sul clima lanciato da autorevoli sedi internazionali, a partire dall’IPCC, è fondato. La guerra in Ucraina, seguita all’aggressione voluta da Putin, ha cambiato radicalmente in pochi mesi l’impegno sul clima. E’ concreto il pericolo di arrivare già entro il 2026 ad un aumento della temperatura del pianeta di 1,5 gradi, esattamente il limite 14considerato insuperabile nel 2050 dal G 20 e dalla Cop 26 di Glasgow, svoltesi nello scorso autunno
continua in
https://www.jobsnews.it/2022/05/osservatorio-sulla-transizione-ecologica-pnrr-draghi-convochi-con-urgenza-una-conferenza-energia-clima/

Segre-Ferragni, ecco perché è una grande idea
Fulvio Giuliani – La Ragione

Liliana Segre, invitando Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah di Milano, ha mostrato ancora una volta la sua volontà di arrivare ai nostri figli. Perché la memoria è una pianta fragile da annaffiare ogni giorno.

Ancora una volta la senatrice a vita Liliana Segre ha mostrato una sensibilitàun’intelligenza e una modestia stupefacenti. Soprattutto un’apertura mentale che molte donne e molti uomini ben più giovani di lei continuano a non raggiungere. Invitando Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah di Milano (“trascorrendo molto tempo con i miei nipoti ho capito che il mondo è cambiato. E siccome oltre che intelligente e con 27 milioni di follower, Chiara Ferragni si è già impegnata con il marito Fedez in iniziative civili e sociali, ho pensato fosse la persona giusta da coinvolgere per far conoscere il Memoriale a quante più persone possibile, soprattutto giovani”), ha mostrato nuovamente – pur essendosi formalmente ritirata dalla sua instancabile attività di testimone dell’impensabile e dell’indicibile – l’insopprimibile forza e volontà di arrivare ai nostri figli. Una missione nella missione.
continua in
https://laragione.eu/litalia-de-la-ragione/societa/segre-ferragni-ecco-perche-e-una-grande-idea/

L’esercito israeliano non aprirà un’indagine penale sull’uccisione di Shireen Abu Akleh, nota giornalista di Al Jazeera

 l’esercito israeliano ha fatto sapere che la polizia militare, cioè il suo organismo interno che si occupa di presunti reati compiuti dal personale dell’esercito, non aprirà un’indagine sulla morte di Shireen Abu Akleh, la nota giornalista palestinese-americana di Al Jazeera che l’11 maggio era stata uccisa mentre stava seguendo per lavoro un’operazione dell’esercito israeliano nel campo profughi di Jenin, nella Cisgiordania settentrionale. Abu Akleh era stata colpita alla testa da un proiettile, ed era morta poco dopo in ospedale.
continua in
https://www.ilpost.it/2022/05/19/isarele-inichiesta-uccisione-shireen-abu-akleh/?fbclid=IwAR3vfYoDJN0sYAxd2jhDwR7SkqqD0rnkyH4CfcRBTNWTHPta7wt4hSlQAOQ


Addio a don Di Piazza, il prete che accoglieva gli ultimi
Marinella Salvi – il manifesto

«Non cercatelo nella terra» ha detto don Luigi Ciotti durante la messa in suffragio officiata a Zugliano nel Centro «Ernesto Balducci» che Di Piazza aveva fondato trent’anni fa. «Non cerchiamolo tra i morti, continuiamo a cercarlo tra i vivi: nei volti dei migranti, dei senza voce, perché non avrebbe senso sperare nella resurrezione eterna se qui, nel mondo, non siamo capaci di far risorgere gli ultimi».
continua in
https://ilmanifesto.it/addio-a-don-di-piazza-il-prete-che-accoglieva-gli-ultimi?fbclid=IwAR0ykW081kCB4AD9MACd3kZhFEG3zQTm7dqj9JeI6_CZj6A-1bRD2ugFVC0



La crisi di Netflix
Alice Cucchetti – Radio Popolare

Lo scorso 6 maggio Netflix ha inaugurato a Roma la propria sede italiana. A tagliare il nastro, il fondatore e co-CEO Reed Hastings in persona, perché non si tratta solo di una formalità di rappresentanza: la compagnia californiana sostiene di voler investire nella produzione cinematografica e televisiva italiana, inaugurando una collaborazione sul lungo periodo con la nostra industria audiovisiva.
continua in
https://www.radiopopolare.it/la-crisi-di-netflix/



Un anno senza Battiato
Onide Donati per Strisciarossa

Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie/Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via/Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo/Dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore/Dalle ossessioni delle tue manie/Supererò le correnti gravitazionali/Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
E guarirai da tutte le malattie/Perché sei un essere speciale/Ed io, avrò cura di te

Franco Battiato, La cura



“Esterno notte”, Bellocchio racconta il sequestro Moro con una magistrale serie per la tivù
Alberto Crespi – Strisciarossa

“Esterno notte”, la nuova serie diretta da Marco Bellocchio, nasce per la tv ma la bellezza e la potenza del prodotto fanno sì che esso approdi prima al cinema, in due parti di poco meno di tre ore ciascuna. La prima da oggi, la seconda dal 9 giugno. Poi, in autunno, andrà in tv su Raiuno. Avrete quindi modo di vederla e rivederla.
continua in
https://www.strisciarossa.it/esterno-notte-bellocchio-racconta-il-sequestro-moro-con-una-serie-magistrale/


19 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Crisi del grano: i Paesi che rischiano di restare senza provviste

Coldiretti lancia l’allarme: con la guerra in Ucraina e lo stop dell’export di grano ben 53 Paesi nel mondo rischiano di andare incontro ad una carestia senza precedenti. A confermare che siamo in piena crisi anche il capo delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, che in un importante vertice a New York ha affermato che il conflitto tra ucraini e russi sta aggravando l’insicurezza alimentare globale già messa a dura prova dal riscaldamento delle temperature e dalla pandemia.
continua in
https://quifinanza.it/economia/video/crisi-grano-carestia-rischio-paesi-senza-provviste/647913/

Il salario minimo europeo riparte dalla contrattazione
Paolo Andruccioli – Collettiva

Si lavora sugli emendamenti alla direttiva di Bruxelles sulle retribuzioni. Abbandonata la strada di una cifra fissa di riferimento, si partirà dai risultati raggiunti dai sindacati a livello nazionale. In Europa ci sono ancora sei Paesi che non hanno una legislazione nazionale. L’Italia è tra questi. L’effetto trascinamento del caso spagnolo
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/19/news/il_salario_minimo_europeo_riparte_dalla_contrattazione-2119169/

Save the Children, in Italia 14,2% minori in povertà assoluta

Il mancato raggiungimento del livello minimo di competenze a 15 anni, riguarda quasi la metà degli studenti. “Il 51% per cento dei 15enni incapace di comprendere un testo scritto”
continua in
https://www.rainews.it/articoli/2022/05/save-the-children-in-italia-142-minori-in-povert-assoluta-fca0c2a1-c396-4eca-92c5-3c12b4e31cad.html


Camera del Lavoro Biella

https://www.facebook.com/photo/?fbid=505437417642057&set=a.217820653070403

Lo stabilimento di Verrone è una risorsa lo si sta svuotando di personale per metterne in discussione l’esistenza e non dover investire per la riconversione. Le lavoratrici e i lavoratori di Stellantis non se lo possono permettere. Il Biellese tutto non se lo può permettere.


Roma. Farmacap, arriva il rilancio

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil: “Salve le 45 farmacie delle periferie della Capitale, vittoria dei lavoratori e della città”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/19/news/farmacap_arriva_il_rilancio-2121419/

Roma. Gruppo Tuodì, aperto stato d’agitazione

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil regionali: “Vogliamo risposte concrete sul piano industriale, su chiusure e cessioni. Chiediamo un tavolo di confronto per tutelare i lavoratori. e per fare chiarezza sulle prospettive aziendali e occupazionali”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/19/news/gruppo_tuodi_aperto_stato_d_agitazione-2121416/

Lecco. Calvi, firmato il nuovo contratto aziendale

Ilavoratori della Calvi spa, impresa metallurgica con sede a Merate, hanno votato a larghissima maggioranza a favore del rinnovo del contratto aziendale per il triennio 2022-24. Storicamente, gli accordi aziendali siglati alla Calvi sono il frutto di un progressivo miglioramento di quelli precedenti, e ciò permette ai lavoratori di beneficiare di contratti di secondo livello tra i più avanzati del territorio
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/19/news/calvi_il_nuovo_contratto_aziendale-2121851/

Galatina (Brindisi). I lavoratori della Sirti incrociano le braccia

Di Gioia (Fiom provinciale): “Un’intera giornata di sciopero organizzata per domani, 20 maggio, contro la condotta aziendale che fa spregio dei diritti e della dignità dei dipendenti”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/19/news/a_galatina_i_lavoratori_della_sirti_incrociano_le_braccia-2121520/

Un patto per Napoli

Cgil, Cisl e Uil: “Il piano triennale di investimenti lanciato dalla Giunta comunale è una sfida che raccogliamo per il futuro della città”  
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/19/news/un_patto_per_napoli-2121543/

Napoli. Criminalità a Napoli e nell’hinterland, è emergenza

Cgil e Silp Campania: “La situazione in città e nell’hinterland è diventata esplosiva. Occorre intervenire con strumenti efficaci per fermare le violenze”  
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/05/19/news/criminalita_a_napoli_e_nell_hinterland_e_emergenza-2121854/


Lo sciopero generale del 20 maggio. Le piazze e le adesioni

Venerdi 20 maggio è sciopero generale e sociale contro la guerra, l’economia di guerra e il governo della guerra. Contro l’invio delle armi in Ucraina e l’aumento delle spese militari; per l’aumento delle spese sociali e dei salari il ripristino della scala mobile, e un reddito di base per tutte e tutti, per il cessate il fuoco.
Le piazze e le adesioni
https://contropiano.org/news/lavoro-conflitto-news/2022/05/17/lo-sciopero-generale-del-20-maggio-le-piazze-e-le-adesioni-0149386




https://www.facebook.com/events/1042334946400135/

20 maggio: le notizie di Radio Popolare

Le conseguenze della guerra sui generi alimentari, la fretta di Draghi sulle riforme e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 20 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’offensiva russa in Ucraina si concentra nel Donbass, mentre a Mariupol si avvia verso la fine la resistenza degli ucraini nell’acciaieria simbolo Azovstal. Le conseguenze della guerra sui prezzi dei generi alimentari, intanto, si fanno sempre più importanti. Mario Draghi ha fretta di approvare le riforme così importanti per i soldi del PNRR, ma la scelta del voto di fiducia è un segno della sconfitta nel suo rapporto coi partiti, in particolare Lega e Cinque Stelle. Oggi Vladimir Putin ha annunciato che dal 2025 in Russia sarà vietato utilizzare “sistemi stranieri per la protezione delle informazioni”. A Cisterna di Latina sono stati rinviati a giudizio i due medici che diedero il benestare alla restituzione della pistola a Luigi Capasso, il carabiniere che il 28 febbraio 2018 ammazzò le figlie di 13 e 7 anni, ferì gravemente la moglie e poi si suicidò. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-venerdi-20-maggio/

Live guerra in Ucraina, la cronaca minuto per minuto: giorno 86

Il conflitto in tempo reale

https://www.rainews.it/maratona/2022/05/live-guerra-in-ucraina-la-cronaca-minuto-per-minuto-giorno-86-c3976640-40fb-4e24-975f-7913e774ab42.html

Guerra giorno 86, documentate le atrocità e rispunta anche Donald Trump
Andrea Lavazza – Avvenire

A Bucha i video confermano i crimini dei russi. “A Mariupol rimossi centinaia di corpi sotto il teatro”. Il Senato Usa approva gli aiuti a Kiev, con il no di 11 fedelissimi dell’ex presidente
continua in
https://www.avvenire.it/mondo/pagine/86-giorno-di-guerra-ucraina-bucha-video-lavazza

Sulla “proposta di pace italiana” presentata all’Onu

 La proposta si articola in quattro tappe da affrontare: “il cessate il fuoco, la possibile neutralità dell’Ucraina, le questioni territoriali – in particolare Crimea e Donbass – e un nuovo patto di sicurezza europea e internazionale”. 
continua in
https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-sulla_proposta_di_pace_italiana_presentata_allonu/45289_46334/

Allargamento NATO e road map italiana: riedizione della guerra fredda o spiragli per il disarmo?
Paolo Soldini – Strisciarossa

Che partita si sta giocando davvero nell’area del Baltico da quando la Finlandia e la Svezia hanno cominciato a preparare le carte per il matrimonio con la NATO? E come può influire sul corso degli eventi di guerra l’altra novità delle ultime ore: la road map verso la pace individuata dal governo italiano ed esposta dal ministro degli Esteri Di Maio al Segretario generale dell’Onu Guterres?
continua in
https://www.strisciarossa.it/gli-effetti-dellallargamento-nato-a-nord-nuova-guerra-fredda-o-ripresa-del-disarmo/

La propaganda di guerra mette il bavaglio alla Rai, e non solo
Sergio Cararo – Contropiano

Alla fine sia il Copasir che la Commissione di Vigilanza Rai sono riusciti a mettere il bavaglio al dibattito pubblico sulla guerra in Ucraina.
I risultati negativi nei sondaggi che ripetutamente bocciano nella società la linea guerrafondaia e avventurista del governo e manifestano contrarietà alla subalternità dell’Italia alla Nato e agli Usa, hanno reso isterici e feroci i sostenitori nel nostro paese della guerra a tutti i costi con la Russia
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2022/05/20/la-propaganda-di-guerra-mette-il-bavaglio-alla-rai-e-non-solo-0149485

Ucraina-Russia. Alessandro Barbero e il parallelo con la liberazione di Trento e Trieste (maggio1 1915)

In un’iniziativa in streaming al liceo Torricelli di Somma Vesuviana, lo storico Alessandro Barbero (qui l’intervento integrale)  affronta il tema della guerra in corso in Ucraina e la “selettività” della memoria collettiva.
continua in
https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-ucrainarussia_alessandro_barbero_e_il_parallelo_con_la_liberazione_di_trento_e_trieste_maggio1_1915/45289_46339/


“Questa è la guerra delle vanità”. L’Ucraina tavola da gioco
Intervista a Raffaele Crocco – Laura Tussi per Contropiano


Aiutati, che il Governo non ti aiuta
Coniare Rivolta

Dopo la pesante caduta provocata dalla pandemia nel 2020, l’economia italiana è già proiettata fuori dal rimbalzino che ha caratterizzato il 2021, il quale non era stato comunque in grado di riportare l’attività produttiva e l’occupazione al livello pre-crisi.
L’inflazione iniziata nel secondo semestre 2021 aveva anticipato le nubi in arrivo, che si sono poi addensate prima di dar luogo alla tempesta scatenata dallo scoppio della guerra in Ucraina.
Se la follia bellicista continua a lungo, come ormai appare probabilel’erosione dei salari reali assumerà dimensioni tragiche e si materializzerà la terza recessione dell’ultimo decennio producendo ancora disoccupazione e povertà
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2022/05/20/aiutati-che-il-governo-non-ti-aiuta-2-0149482

L’esercito israeliano non aprirà un’indagine sulla morte della giornalista Shireen Abu Akleh
Martina Stefanoni – Radio Popolare

Oggi l’esercito israeliano ha fatto sapere che non verrà aperta un’indagine sulla morte di Shireen Abu Akleh, la giornalista di Al Jazeera uccisa mercoledì scorso mentre stava seguendo un’operazione dell’esercito israeliano nel campo profughi di Jenin, nella Cisgiordania settentrionale.
In un comunicato pubblicato dal giornale israeliano Jerusalem Post, la Polizia Militare – cioè l’organo dell’esercito che si occupa di presunti reati compiuti dai militari – spiega che la decisione si deve al fatto che per legge la morte di un palestinese avvenuta nel corso di un’operazione militare non richiede l’apertura di un’inchiesta a meno che non ci sia il sospetto che sia stato compiuto un reato: e secondo l’esercito israeliano in questo caso non ci sarebbero indizi di questo tipo
continua
https://www.radiopopolare.it/lesercito-israeliano-non-aprira-unindagine-sulla-morte-della-giornalista-shireen-abu-akleh/


Francia. Il “nuovo” governo già puzza di vecchia austerità sociale

Tre settimane dopo la sua “vittoria” al ballottaggio delle elezioni presidenziali contro Marine Le Pen, Emmanuel Macron ha nominato Élisabeth Borne come primo ministro del prossimo governo francese, la quale andrà a prendere il posto di Jean Castex, dimessosi formalmente lunedì 16 maggio.
continua in
https://contropiano.org/news/internazionale-news/2022/05/20/francia-il-nuovo-governo-gia-puzza-di-vecchia-austerita-sociale-0149461



Enrico Berlinguer e il disarmo

“È in queste direzioni che deve andare la politica europea: promuovendo iniziative anche nuove per il disarmo; rifiutando ogni forma e tentazione di neocolonialismo; stabilendo con i popoli e paesi del terzo mondo uno schema di rapporti fondati non sul semplice aiuto, ma sulla uguaglianza e la cooperazione reciprocamente vantaggiosa. Ma bisogna anche dare la prova di comprendere che la causa della pace e della giustizia nel mondo non tollera più quei privilegi e quegli sprechi, quei modelli di vita e di consumi propri delle società industrializzate, i quali offendono, feriscono e suscitano la legittima reazione di grandi masse umane, di interi continenti”(dal discorso pronunciato nell’aula del Parlamento europeo il 16 gennaio 1980)

Dalla pagina Facebook di Loris Marchesini
https://www.facebook.com/loris.marchesini/posts/10227617890251062



Adriano Sofri. Piccola Posta – Il Foglio
L’asinello contro la portaerei, manifesto di vita di Enzo Sellerio

Sicilia e Usa accostate sono state l’immagine classica dopo lo sbarco a Gela nel 1943, con gli immensi e ridicoli contrasti immortalati dal fotografo siciliano. Non un manifesto politico, ma Sellerio si concesse lo stesso una esegesi seriamente spiritosa
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2022/05/20/news/l-asinello-contro-la-portaerei-manifesto-di-vita-di-enzo-sellerio-4021954/



La lezione di Rossella Postorino all’infanzia: amate i libri e i vostri talenti
Vichi De Marchi – Strisciarossa

Non so a che pubblico Rosella Postorino parlerà sabato al Salone del Libro di Torino, forse a giovanissimi, forse a lettori di ogni età. Forse ci sarà anche qualcuno che un giorno di pochi anni fa, a Siena, nella piazza del Campo gremita, fresco di laurea, era andato ad ascoltare la ex studentessa, venuta dalla Liguria ed originaria della Calabria, arrivata anche lei a Siena per studiare e poi laurearsi. Lei era uno splendido esempio di chi si era fatta strada nel mondo, soprattutto aveva coronato il sogno di fare il mestiere, anzi i mestieri, che più le piacevano, l’editor e la scrittrice. Questo, immagino, deve aver pensato il rettore dell’Università di Siena invitandola a tenere il discorso di fine anno il 19 giugno del 2019.
continua in
https://www.strisciarossa.it/la-lezione-di-rossella-postorino-allinfanzia-amate-i-libri-e-i-vostri-talenti/



Pierluigi Fagan. Il congelamento di agosto

Raccolgo qui una serie di informazioni, articoli, opinioni lette in questi giorni sulla stampa internazionale, per tentare la risposta alla domanda su quanto manchi alla fine del conflitto russo-ucraino. Sviluppiamo il ragionamento in forma ovviamente ipotetica, sebbene riteniamo di aver solide ragioni che limitano il campo delle ipotesi. E la risposta alla domanda è simile a quella data, se ben ricordo, poco tempo fa da un generale ucraino ed altri analisti che indicava agosto come termine dello scontro armato. Perché?
continua in
https://pierluigifagan.wordpress.com/2022/05/19/il-congelamento-di-agosto/


20 maggio
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

L’ITALIA AUMENTA L’IMPORTAZIONE DI PETROLIO RUSSO
Andrea Puccio – Occhi sul mondo

La Russia ha esportato circa 450.000 barili al giorno di greggio in Italia questo mese, più del quadruplo rispetto a febbraio e il massimo dal 2013, secondo Kpler, una società di dati sulle materie prime. Di conseguenza, l’Italia è destinata a superare i Paesi Bassi come più grande hub di importazione dell’UE per il greggio russo marittimo.
continua in
https://www.occhisulmondo.info/2022/05/20/litalia-aumenta-limportazione-di-petrolio-russo/?fbclid=IwAR3o4gmQKBHfKKDgzzB4LrPqmMen11FpExm2fCKfe-Th5nEZyN69qRLDz1Q


Roma Multiservizi, lavoratori e sindacati in piazza

I sindacati chiedono l’internalizzazione in una società partecipata al 100% dal Comune di Roma. Il video dell’intervento di Michele Azzola, segretario generale della Cgil capitolina, al sit-in
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/20/news/roma_multiservizi_lavoratori_in_piazza-2122682/


Guai ai poveri! La lunga guerra agli emarginati combattuta dalle classi dominanti
Enzo Ciconte – Strisciarossa

Pubblichiamo stralci dell’introduzione al libro “Classi pericolose, una storia sociale della povertà dall’età moderna a oggi”, un lungo saggio di Enzo Ciconte edito dalla casa editrice Laterza nella collana i Robinson/Letture”. Enzo Ciconte è docente di Storia delle mafie italiane presso l’Università di Pavia, è autore di numerosi saggi sulla criminalità organizzata ed è stato consulente della Commissione parlamentare antimafia.
continua in
https://www.strisciarossa.it/guai-ai-poveri-la-lunga-guerra-agli-emarginati-combattuta-dalle-classi-dominanti/

Tridico (Inps), ora ridurre il precariato, sì al salario minimo di mille euro

“Con il Jobs Act è stata introdotta la flessibilità in uscita e aumentata quella in entrata, ora è arrivato il momento di ridurre quella in entrata”. Lo dice il presidente dell’Inps Pasquale Tridico in un’intervista a Repubblica “Il mercato del lavoro tira perciò non ha più senso tenere sospeso il decreto Dignità… Se un lavoratore è precario deve sapere perché, si deve indicare il motivo”.
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/tridico-inps-ora-ridurre-precariato-si-al-salario-minimo-di-mille-euro/

Aspettative deluse e svolte necessarie. Ora dobbiamo saper dare gambe e anima al «Pnrr»
Sabina De Luca e Fabrizia Barca per il Forum delle disiguaglianze

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza non è mai diventato un Piano dei cittadini e delle cittadine. Permangono tuttora, sostanzialmente inalterati, la chiusura al dialogo sociale…
continua in
https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/ora-dobbiamo-saper-dare-gambe-e-anima-al-pnrr

Fabris, la guerra in Ucraina ha messo in crisi i modelli economici e culturali tradizionali
Tommaso Nutarelli per il Diario del Lavoro

Lo scoppio della guerra in Ucraina ha messo in crisi molte categorie sociali e culturali attraverso le quali eravamo soliti leggere la realtà. Sembra aver posto un freno alla globalizzazione e riproposto nel cuore della vecchia Europa un confronto armato tradizionale al quale non eravamo più abituati. Anche il mondo del lavoro, provato dalla pandemia non ancora superata, ne sta risentendo. Ne abbiamo parlato con il professor Adriano Fabris, docente di filosofia morale all’Università di Pisa, dove dirige anche il C.I.Co., il Centro Interdisciplinare di ricerche e di servizi sulla Comunicazione
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/fabris-la-guerra-in-ucraina-ha-messo-in-crisi-i-modelli-economici-e-culturali-tradizionali/

Gesualdi: “L’Africa è a rischio crisi alimentare” 
Lauro Paoletto – SIR Agenzia d’Informazione

La guerra tra Russia e Ucraina manifesta i suoi effetti nefasti anche a migliaia di chilometri aggravando, soprattutto in una serie di Paesi africani, una serie di problemi sul fronte alimentare. Per capire la portata di questa crisi abbiamo sentito Francesco Gesualdi del Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano (Pisa)
continua in
https://www.agensir.it/mondo/2022/05/20/gesualdi-lafrica-e-a-rischio-crisi-alimentare/

Friuli Venezia Giulia. Flai Cgil: «Sfruttamento e caporalato sono una piaga intollerabile, estesa in tutto il paese»

L’occhio del drone fotografa una realtà di sfruttamento, succede nelle campagne friulane, nei campi tra San Vito al Tagliamento e Morsano, dove 23 lavoratori stranieri non in regola, impegnati in 4 aziende agricole adesso sospese, sono stati individuati in un’indagine congiunta della Guardia di finanza e dell’Ispettorato nazionale del lavoro. Successivi controlli hanno accertato che tra i lavoratori c’erano quattro richiedenti asilo e tre con i documenti non in regola
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/20/news/flai_cgil_sfruttamento_e_caporalato_sono_una_piaga_intollerabile_estesa_in_tutto_il_paese_-2123429/

Modena. Havi transport services, firmato il primo contratto integrativo

Il nuovo contratto integrativo aziendale prevede il regime di discontinuità previsto dalle norme nazionali ed europee per gli autisti, abbassa il monte dell’orario di lavoro mensile precedentemente previsto, integrando nell’orario di lavoro anche la pausa pranzo. Prevede inoltre 200 euro di welfare per l’anno 2022, uno straordinario forfettizzato indennizzato (il 30% in più di quanto precedentemente previsto), un’indennità amministrativa per la compilazione delle modulistiche di trasporto e consegna, il riconoscimento di un’indennità del 50% sul lavoro festivo e consistenti indennità di trasferta giornaliera differenziate a seconda del servizio svolto e del mezzo utilizzato
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/20/news/havi_transport_services_il_primo_integrativo_-2123998/


Di nostro pugno. La Cgil Lombardia si racconta
Angela Amarante – Collettiva

Una raccolta corale, un’autobiografia collettiva. Sedici racconti per sedici autori, provenienti dalle Camere del Lavoro e dalla Cgil regionale. Attraverso le testimonianze di funzionari, delegati e delegate, segretarie generali, operatori e operatrici dell’accoglienza e degli uffici vertenze. La presentazione lunedì 23 maggio alle ore 18.00 a Milano
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2022/05/20/news/di_nostro_pugno_la_cgil_lombardia_si_racconta_-2122589/



Pisa. “Giù le armi, su i salari! No basi militari”



Senigallia. In piazza contro la guerra in Ucraina.

https://contropiano.org/eventi/senigallia-in-piazza-contro-la-guerra-in-ucraina




Dall’1 al 10 maggio https://sentileranechecantano.net/2022-05-maggio/
Dal 21 al 31 maggio https://sentileranechecantano.net/2022-05-maggio-21-31-maggio/

error: Content is protected !!