1820

In Francia e in Inghilterra nascono i Circoli socialisti utopici

Londra, scoperta una cospirazione con la quale si voleva uccidere tutti i ministri del governo britannico. Processati, furono condannati all’impiccagione.

Firenze, fondata la Giusto Manetti Battiloro. Oggi è una delle 25 aziende storiche fiorentine ed è operante nel settore della produzione e lavorazione della Foglia oro. Dal 1850 è attiva anche nel settore della commercializzazione di foil per la stampa a caldo

Torino, Giacinto Marietti fonda l’omonima casa editrice. Nel 1986 la sede è trasferita da Casale Monferrato a Genova.

Halifax (Canada), nasce la Alexandre Keith’s, industria produttrice di birra, fondata da Alexander Keith emigrato dalla Scozia qualche anno prima. Oggi, il marchio è di proprietà della Labat

Newport (Uk), fondata la Tickford, azienda di ingegneria automobilistica specializzata nella realizzazione di carrozze, costruttrice di fino ad arrivare alla costruzione di carrozzerie per autoveicoli in tempi moderni

Berlino, Hegel pubblica i Lineamenti di filosofia del diritto, sintesi complessiva del pensiero etico-politico di Hegel. Con quest’ultima opera pubblicata con il sottotitolo Diritto naturale e scienza dello Stato in compendio, l’autore espone gli aspetti fondamentali dello sviluppo dialettico dell’Idea che mira a «comprendere concettualmente lo Stato e di esporlo come qualcosa di intimamente razionale».



1 gennaio: la sollevazione delle truppe spagnole di stanza a Cadice infiamma gli animi dei liberali di tutta Europa. La rivolta segna l’inizio dei moti rivoluzionari del 1820.



29 maggio
Napoli, primi fermenti rivoluzionari nel Regno delle Due Sicilie. Il governo napoletano, informato di preparativi insurrezionali promossi dalla vendita carbonara di Salerno, sventa momentaneamente la rivolta



1 luglioNapoli, tentativo rivoluzionario promossa dalla Carboneria e capitanata da Guglielmo Pepe, il re concede la Costituzione.



15 luglio: tentativo rivoluzionario a Palermo



1 settembre: si diffondono le notizie sui fatti di Napoli, ma la polizia – nei vari Stati – sorveglia e interviene in varie parti d’Italia. Alcuni arresti nei caffè milanesi. Nel Lombardo-Veneto è ordinato ai parroci di leggere in chiesa la richiesta governativa di denunciare gli iscritti alla Carboneria.

Quattromila uomini si imbarcano a Napoli, al comando del generale Florestano Pepe, fratello di Guglielmo, per domare la rivolta palermitana. Il 5 ottobre le forze rivoluzionarie siciliane accettano la resa. Truppe napoletane, precedute dal principe di Paternò, entrano in Palermo e occupano il Castello a Mare. Anche la popolazione cessa la rivolta



6 ottobreMilano, arrestato Pietro Maroncelli, seguito il 13 ottobre dall’arresto di Silvio Pellico. L’accusa di appartenenza alla Carboneria si basa su una lettera di Maroncelli intercettata due giorni prima mentre viaggiava da Milano a Bologna



12 novembreCanicattì, scoppia una rivolta contadina contro l’elevato regime fiscale



Dicembre: nell’Italia del nord tra il conte Federico Confalonieri e altri rivoluzionari si incontrano per preparare un’insurrezione generale



6 dicembreStati Uniti, James Monroe è rieletto presidente degli Stati Uniti



8 dicembreNapoli, fallisce un tentativo militare di sciogliere il Parlamento e di restaurare la monarchia assoluta.

error: Content is protected !!