2021 . 12 – Dicembre

PAGINA IN AGGIORNAMENTO 

Non è una rassegna stampa, ma la mia personale raccolta di notizie, fatti, idee e persone che metto a disposizione  di quanti, determinati ma con il sorriso sulle labbra, ancora resistono e lottano per il pane e le rose

Afghanistan

“Lo scrittore non ha nessuna possibilità di evadere. Vogliamo che egli sia legato strettamente al suo tempo: sono fatti l’uno per l’altro. È il futuro del nostro tempo ora che deve essere l’oggetto delle nostre cure; un futuro prossimo, che appena si intravede, perché un’epoca come un individuo è il suo avvenire prossimo”.
Jean-Paul Sartre, Présentation a Les Temps Modernes, ottobre 1945

La controfinanziaria di Sbilanciamoci!

2 dicembre: La controfinanziaria dei movimenti
Giulio Marcon – Radio Popolare
Il 2 dicembre la campagna Sbilanciamoci ha presentato la sua XXIII controfinanziaria: quasi 32miliardi di euro in 105 proposte – specifiche e dettagliate- elaborate dalla 49 organizzazioni della campagna.
continua in
https://www.radiopopolare.it/blog/la-controfinanziaria-dei-movimenti/

La Controfinanziaria 2022 di Sbilanciamoci!
Online la nuova “Controfinanziaria” di Sbilanciamoci!: l’analisi critica del Disegno di Legge di Bilancio 2022 e una contromanovra a saldo zero con 105 proposte concrete e praticabili, grazie alle quali superare la drammatica crisi legata alla pandemia e voltare pagina, per un’Italia in salute, giusta, sostenibile.
Il nostro Rapporto 2022 – la cosiddetta “Controfinanziaria” – contiene la Legge di Bilancio che vorremmo: 105 proposte per un valore complessivo di quasi 32 miliardi con l’obiettivo di imprimere un cambio di passo all’economia e alla spesa pubblica del paese. Il Rapporto esamina in dettaglio il Disegno di Legge di Bilancio 2022 del Governo – che manca di strategia e di coraggio, e che giudichiamo insufficiente – e delinea una manovra economica alternativa a saldo zero, articolata in sette aree chiave di analisi e intervento. Dal fisco alla finanza e agli enti locali, dalle politiche industriali al lavoro e al reddito, dall’istruzione e la cultura all’ambiente, dal welfare all’altraeconomia, passando per la pace e la cooperazione internazionale: proposte concrete, puntuali e praticabili da subito grazie alle quali superare la drammatica crisi legata alla pandemia e voltare pagina, per un’Italia in salute, giusta, sostenibile.
continua in
https://sbilanciamoci.info/la-controfinanziaria-2022-di-sbilanciamoci/

La scheda di sintesi
https://sbilanciamoci.info/wp-content/uploads/2021/12/Scheda-di-sintesi-del-Rapporto-2022.pdf
La controfinanziaria
https://sbilanciamoci.info/la-controfinanziaria-2022-della-campagna-sbilanciamoci/

1 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
L’impatto delle vaccinazioni degli under 12 sull’epidemia, la relazione della Commissione d’inchiesta su Regeni e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di mercoledì 1° dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il via libera delle autorità italiane alla vaccinazione contro il COVID per i bambini dai 5 agli 11 anni non è ancora arrivato, ma crescono i dubbi circa l’impatto sull’epidemia della vaccinazione degli under 12, che potranno essere raccolti solo sul campo. La GKN ha riaperto la procedura di licenziamento per i 422 dipendenti e l’incontro previsto per oggi sulla reindustrializzazione dell’area è saltato senza preavviso. La Commissione d’inchiesta sull’omicidio di Giulio Regeni ha pubblicato oggi la relazione finale e ha chiesto l’appoggio dell’Unione Europea per chiamare l’Egitto a rispondere delle proprie responsabilità come Stato. Un premio al contributo artistico e un film su Anita Ekberg hanno portato Monica Bellucci al Torino Film Festival, che ha ricevuto il Premio Stella della Mole 2021. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-mercoledi-1-dicembre/

1 dicembre: Covid Italia, il bollettino del primo dicembre: 15.085 i nuovi positivi e 103 le vittime
Cresce il numero dei nuovi positivi ai test Covid e anche quello delle vittime. Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati, infatti, 15.085 casi e 103 morti su 573.775 tamponi molecolari e antigenici effettuati, secondo i dati del ministero della Salute. E il tasso di positività registrato è al 2,6%, in aumento rispetto all’1,8% di ieri. Sempre ieri i positivi erano stati 719.972. Sono invece 686 i pazienti in terapia intensiva in Italia, tre in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 62. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 5.248, ovvero 21 in più rispetto a ieri. Mentre 9.457 pazienti sono guariti nelle ultime 24 ore dopo aver contratto il virus. Il totale da inizio pandemia è di 4.700.449
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/01/news/covid_italia_il_bollettino_dell_1_dicembre_-328515037/

1 dicembre: La tassazione regressiva
Salvatore Morelli e Antonio Scialà – Jacobin Italia

La cosiddetta «riforma» del governo Draghi rappresenta il più sostanzioso taglio fiscale degli ultimi quindici anni. Ma tutto procede in direzione di una maggiore iniquità
continua in
https://jacobinitalia.it/la-tassazione-regressiva/

1 dicembre: La cassaforte dei Fondi pensione
Paolo Andruccioli e Davide Colella – Collettiva
La previdenza complementare, o integrativa, che era stata pensata negli anni Novanta del secolo scorso come la “seconda gamba” del sistema previdenziale italiano, ha retto alle tante crisi, ma ancora non riesce ad allargarsi alla maggioranza dei lavoratori dipendenti. L’adesione ai Fondi pensione non supera infatti il tetto del 33%, 8,4 milioni di persone. I due terzi dei lavoratori sono ancora “fuori”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/economia/2021/12/01/video/la_cassaforte_dei_fondi_pensione-1684001/

1 dicembre: Proteggere mondi nuovi
Pochi immaginavano nel 2009 che un gruppo di donne e uomini migranti potesse recuperare uno spazio abbandonato e restituirlo alla città, tra diritto all’abitare e iniziative sociali pubbliche. Meno ancora immaginavano nel 2020 che tanti e tanti avrebbero protetto l’ex liceo Socrate di Bari dal tentativo di sgombero. Un anno dopo, a trenta uomini e donne sono stati notificati decreti di condanna al pagamento di 146.600 euro complessivi o da sei mesi a due anni di carcere per aver difeso quell’esperienza. La solidarietà diventa reato a Riace come a Trieste, a Roma come a Bari. Una lettera aperta alla città
continua in
https://comune-info.net/proteggere-mondi-nuovi/

1 dicembre: Greta Beccaglia, il molestatore e la gogna mediatica: c’è una terza via?
Assunta Sarlo – Radio Popolare

Se si torna qui a parlare della pesante molestia subita in diretta tv dalla giornalista Greta Beccaglia mentre stava lavorando fuori dallo stadio di Empoli non è per dire ciò che già tante volte, ed anche questa, si è detto, cioè che dietro quella pacca sul sedere c’è un’antichissima autorizzazione maschile a considerare a  propria disposizione il corpo  femminile, ma per  ragionare sul pericolo da alcuni ora evocato, ovvero che ad un gesto assai esecrabile consegua una sproporzionata gogna social ai danni dell’autore
continua in
https://www.radiopopolare.it/blog/greta-beccaglia-il-molestatore-e-la-gogna-mediatica-ce-una-terza-via/

1 dicembre: La mostra dei mostri in Egitto
Gianluca Cicinelli – La Bottega del Barbieri

Vi ricordate l’omicidio di Giulio Regeni e la carcerazione immotivata dal 7 febbraio 2020 dello studente dell’università di Bologna Patrick Zaki in Egitto? Voi sì, l’industria della morte italiana invece no e non si fa scrupolo di essere presente a Egypt Defence Expo, l’esposizione internazionale delle industrie di guerra, che si chiude oggi al Cairo con il patrocinio del presidente Abdel Fattah Al-Sisi, del Ministero della difesa e del Comando Supremo delle forze armate egiziane. L’industria bellica italiana è presente in grande spolvero a uno degli appuntamenti più importanti per i 400 espositori provenienti da 42 paesi, enorme vetrina delle ultime tecnologie in materia di difesa e armamenti, accanto alla presenza di delegazioni ufficiali di dignitari di 45 paesi, molte delegazioni militari e più di 30.000 visitatori. Il 29 novembre l’inaugurazione a questa seconda edizione, con la benedizione di al-Sisi
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/la-mostra-dei-mostri-in-egitto/

1 dicembre: Osservatorio legalità nel terziario: il rapporto
A cura della Filcams Cgil, con il supporto di Ce.Mu, del centro studi Filcams e della Fondazione Di Vittorio
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/01/news/osservatorio_legalita_nel_terziario_la_presentazione_del_rapporto-1688532/

1 dicembre: Scontri a Corvetto, il controprocesso di Genova Antifascista
Ragioni, contesto e sviluppi della mobilitazione antifascista del 23 maggio 2019. Il 2 dicembre al via processo contro più di 50 antifascisti
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/01/scontri-a-corvetto-il-controprocesso-di-genova-antifascista/

1 dicembre: Predatori e predati nel caso Carige
Predatori della banca perduta, un libro spiega il sistema Carige a pochi giorni dalla sentenza in favore della banca e a danno dei piccoli azionisti [Mauro Baldassarri]
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/01/predatori-e-predati-nel-caso-carige/

1 dicembre: Pif e De Luigi, il film per scuotere un popolo che resta a guardare
Fernando Bruno – Strisciarossa

Dobbiamo dire grazie a Pierfrancesco Diliberto (PIF) per aver confezionato, con amara ironia e il consueto garbo, una storia che urla di rabbia e indignazione, come solo certi toni sussurrati e parodistici sanno fare. E dobbiamo dire grazie a Fabio De Luigi che presta la sua faccia rassegnata, incredula, dolente ad un personaggio il cui volto ammaccato è perfetta metafora del messaggio
continua in
https://www.strisciarossa.it/pif-e-de-luigi-un-film-per-scuotere-un-popolo-che-resta-a-guardare/

Swing e noir: Fred Buscaglione, l’artista geniale morto troppo presto
Valerio Calzolaio – Strisciarossa

E’ appena ricorso il centesimo anniversario della nascita del musicista Ferdinando Fred Buscaglione (Torino, 23 novembre 1921 – Roma, 3 febbraio 1960) e, finora, non sono state tante le occasioni televisive e cartacee che lo hanno ricordato. Eppure, in soli quarant’anni di vita segnò un’epoca. A fine anni cinquanta, poco prima di morire in un incidente, si trovava all’apice di una carriera clamorosa e multimediale: era uno degli artisti di spettacolo, cinema e televisione più noti e celebrati in tutto il paese; aveva un calendario di importanti serate quotidiane che copriva più anni successivi; tante italiane e italiane di varie generazioni fischiettavano e provavano a ballare le sue canzoni. Fermarsi un attimo a memorizzare una vita intensa e culturalmente significativa è un dovere e un piacere.
continua in
https://www.strisciarossa.it/swing-e-noir-genio-e-sregolatezza-fred-buscaglione-lartista-morto-troppo-presto/

Adriano Sofri. “È stato un raptus”: dalla manata a Greta Beccaglia al dito medio di Zemmour
La rieducazione del maschio è un processo lungo, deve riscattare millenni almeno. Intanto Zemmour si è finalmente candidato alla presidenza della repubblica francese, o meglio, alla Francia: “Viva la repubblica – ha detto – e soprattutto viva la Francia”. Non esclude la monarchia
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/01/news/-e-stato-un-raptus-dalla-manata-a-greta-beccaglia-al-dito-medio-di-zemmour-3423117/

1 dicembre: Ricolfi, Mastrocola. Sono colpa della sinistra anche le orecchie di Dumbo
Giuseppe Ravera – Allonsanfan

Manifesto del libero pensiero (La Nave di Teseo/Repubblica) è un libriccino scritto da Paola Mastrocola e Luca Ricolfi. La prima reazione è la stizza: capperi, dovevo scriverlo io questo pamphlet; era tanto che ci pensavo, mannaggia a me. La seconda è lo sgomento. Ma come, le censure stupidissime e infantili che gli autori elencano non accadevano in qualche lontana università della California? Ma come, le cancellazioni infami e tutto il repertorio dello sciocchezzaio nativista, terzomondista e africanista (“Torniamo alle radici”!) che il povero Harold Bloom denunciava con vigore pari solo al suo immenso coraggio ne Il canone Occidentale adesso riguardano anche noi? Parrebbe che sì. Il tentativo di rimozione di tutto ciò che non garba perché ritenuto non inclusivo se non addirittura offensivo, è in atto anche nel Regno Unito, in Francia e in Germania. Un fantasma s’aggira per l’Europa. È lo spettro del ridicolmente corretto
continua in
https://www.allonsanfan.it/2021/12/01/ricolfi-mastrocola-manifesto-del-libero-pensiero/


1 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

1 dicembre: La protesta contro la manovra
Bologna, mobilitazione regionale Cgil, Cisl e Uil Emilia-Romagna: «senza risposte metteremo in campo tutte le iniziative possibili»

la mobilitazione promossa da Cgil, Cisl e Uil dell’Emilia-Romagna contro una manovra giudicata inadeguata dai sindacati confederali. La manifestazione in piazza dell’Unità a partire dalle 10. Sono previsti gli interventi delle delegate e dei delegati e le conclusioni di Domenico Proietti, segretario nazionale Uil
la diretta della manifestazione in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/01/news/a_bologna_mobilitazione_regionale_cgil_cisl_e_uil_emilia-romagna_senza_risposte_metteremo_in_campo_tutte_le_iniziative_po-1689943/

La protesta contro la manovra
In Emilia-Romagna i metalmeccanici scioperano il 10 dicembre. Anche la Uilm in piazza con la Fiom
“La fase che sta attraversando il nostro Paese, caratterizzato ancora dall’incertezza determinata dall’emergenza pandemica, risulta essere estremamente delicata. Dopo un pesantissimo 2020, stiamo chiudendo un anno, il 2021, di ripresa economica ma, contemporaneamente, contraddistinto da forti disequilibri. Dal punto di vista del mercato del lavoro, infatti, alla curva crescente del numero degli assunti, corrisponde come dato di fondo una diffusa precarietà”. Inizia così il comunicato con cui Fiom e Uilm regionali dell’Emilia-Romagna annunciano lo sciopero di 8 ore dei metalmeccanici per il prossimo 10 dicembre
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/01/news/in_emilia-romagna_i_metalmeccanici_scioperano_il_10_dicembre_e_al_fianco_della_fiom_c_e_pure_la_uilm-1692192/

La protesta contro la manovra
La Puglia in piazza l’11 dicembre. La manifestazione a Bari sarà conclusa dal segretario generale della Cgil Maurizio Landini
Una manovra inadeguata, che non dà risposte sufficienti per contrastare le diseguaglianze sociali, economiche e geografiche del Paese. Sono le motivazioni che hanno spinto Cgil Cisl Uil a una mobilitazione nazionale che punta a migliorare i contenuti del documento economico del Governo e che in Puglia – dopo le assemblee nei luoghi di lavoro e sui territori – culminerà in una grande manifestazione regionale che si terrà a Bari il prossimo 11 dicembre a partire dalle ore 9.30 in Piazza Prefettura, che vedrà gli interventi di delegate e delegati e che sarà conclusa dall’intervento del segretario generale della Cgil, Maurizio Landini
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/01/news/cambia_manovra_a_bari_i_sindacati_pugliesi_l_11_dicembre_in_piazza-1691361/

Friuli Venezia Giulia, male la sicurezza, aumentano gli infortuni (+15%) e i casi mortali
Tra gennaio e ottobre già 21 vittime, eguagliato il totale del 2019. Pezzetta (Cgil): “Dati servano da monito per imprese, istituzioni e mondo del lavoro. Servono più prevenzione e più controlli”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/01/news/friuli_venezia_giulia_male_la_sicurezza_aumentano_gli_infortuni_15_e_i_casi_mortali-1691532/

Gkn: advisor svela opzioni,da farmaceutica a rinnovabili
Sarebbero emerse due manifestazioni di interesse su quelle presentate per la reindustrializzazione della Gkn di Campi Bisenzio (Firenze): una, per produrre macchinari per l’industria farmaceutica, l’altra per produrre componenti per energie rinnovabili.
Lo ha comunicato a istituzioni e sindacati, secondo quanto si apprende, l’advisor nominato dalla stessa Gkn, l’imprenditore Francesco Borgomeo, il quale si sarebbe detto disponibile a rilevare l’azienda per poi cercare altri soggetti
continua in
https://www.ansa.it/toscana/notizie/2021/12/01/gkn-advisor-svela-opzionida-farmaceutica-a-rinnovabili_e57214e9-1f6d-458c-9462-eee6d9b5b8ab.html


Ci sono due lezioni da trarre dalla attuale lotta di classe dei ricchi contro i poveri :
1) continuare a pensare e sostenere che si possa ottenere qualcosa senza lotta e organizzazione e’ demenziale
2) le disuguaglianze sono una cosa tremendamente seria e hanno effetti devastanti sulle condizioni di vita materiali e spirituali
Antonio Napoletano


2 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Il lockdown per i non vaccinati in Germania, lo stop dell’occupazione femminile e le altre notizie della giornata
IIl racconto della giornata di giovedì 2 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Angela Merkel ha annunciato il lockdown per i non vaccinati, intanto il suo successore alla cancelleria ha ottenuto il via libera dei partiti per passare all’obbligo vaccinale. Il 16 dicembre inizieranno le vaccinazioni agli under 12, l’obbiettivo è immunizzarne almeno il 50%. I sindacati tornano a mani vuote dall’incontro con Draghi, il Presidente del Consiglio non ha concesso nessuna modifica al testo della manovra. A ottobre ci sono stati 35.000 occupati in più, ma sono tutti uomini. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-giovedi-2-dicembre/

La controfinanziaria di Sbilanciamoci!

2 dicembre: La controfinanziaria dei movimenti
Giulio Marcon – Radio Popolare
Il 2 dicembre la campagna Sbilanciamoci ha presentato la sua XXIII controfinanziaria: quasi 32miliardi di euro in 105 proposte – specifiche e dettagliate- elaborate dalla 49 organizzazioni della campagna.
continua in
https://www.radiopopolare.it/blog/la-controfinanziaria-dei-movimenti/

La Controfinanziaria 2022 di Sbilanciamoci!
Online la nuova “Controfinanziaria” di Sbilanciamoci!: l’analisi critica del Disegno di Legge di Bilancio 2022 e una contromanovra a saldo zero con 105 proposte concrete e praticabili, grazie alle quali superare la drammatica crisi legata alla pandemia e voltare pagina, per un’Italia in salute, giusta, sostenibile.
Il nostro Rapporto 2022 – la cosiddetta “Controfinanziaria” – contiene la Legge di Bilancio che vorremmo: 105 proposte per un valore complessivo di quasi 32 miliardi con l’obiettivo di imprimere un cambio di passo all’economia e alla spesa pubblica del paese. Il Rapporto esamina in dettaglio il Disegno di Legge di Bilancio 2022 del Governo – che manca di strategia e di coraggio, e che giudichiamo insufficiente – e delinea una manovra economica alternativa a saldo zero, articolata in sette aree chiave di analisi e intervento. Dal fisco alla finanza e agli enti locali, dalle politiche industriali al lavoro e al reddito, dall’istruzione e la cultura all’ambiente, dal welfare all’altraeconomia, passando per la pace e la cooperazione internazionale: proposte concrete, puntuali e praticabili da subito grazie alle quali superare la drammatica crisi legata alla pandemia e voltare pagina, per un’Italia in salute, giusta, sostenibile.
continua in
https://sbilanciamoci.info/la-controfinanziaria-2022-di-sbilanciamoci/

La scheda di sintesi
https://sbilanciamoci.info/wp-content/uploads/2021/12/Scheda-di-sintesi-del-Rapporto-2022.pdf
La controfinanziaria
https://sbilanciamoci.info/la-controfinanziaria-2022-della-campagna-sbilanciamoci/

Covid Italia, bollettino del 2 dicembre: 16.806 casi e 72 morti
Nelle ultime 24 ore i contagi da coronavirus in Italia sono stati 16.806, 72 i morti. I tamponi eseguiti sono stati 679.462: il tasso di positività è al 2,5% (-0,2%). Nelle ultime 24 ore il saldo dei ricoveri fa segnare un +50 quello delle terapie intensive +12 con 55 ingressi giornalieri. I ricoverati con sintomi sono 5.298, quelli in terapia intensiva 698. Sono 7.650 le persone guarite nelle ultime 24 ore dopo aver contratto il covid. Il totale dall’inizio della pandemia è di 4.717.556
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/02/news/covid_italia_bollettino_del_2_dicembre_-328638892/

2 dicembre: Fondazione GIMBE
Il monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE rileva nella settimana 24-30 novembre 2021, rispetto alla precedente, un aumento di nuovi casi (86.412 vs 69.060) (figura 1) e un aumento dei decessi (498 vs 437) (figura 2). Crescono anche i casi attualmente positivi (194.270 vs 154.510), le persone in isolamento domiciliare (188.360 vs 149.353), i ricoveri con sintomi (5.227 vs 4.597) e le terapie intensive (683 vs 560)
continua in
https://www.gimbe.org/pagine/341/it/comunicati-stampa 

In Germania stretta contro il Covid. E Merkel invidia l’Italia
La Germania sta affrontando un momento estremamente critico sul fronte del Covid. La Merkel, ormai al termine del suo mandato, ha lanciato l’allarme e chiesto ai Land e al Parlamento di prendere decisioni drastiche. Di fatto si prospetta un lockdown di fatto per chi non è vaccinato, rappresentato da una raffica di restrizioni
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/covid-germania-merkel-nuove-misure-allarme-lockdown

Restano i nodi tra Governo e Sindacati sul Def
Manovra, Landini: 2 miliardi in più per bollette e decontribuzione, ma non sono sufficienti
Concluso l’incontro con i sindacati confederali. Il Governo: “Quasi metà del taglio Irpef ai redditi bassi”. Domani mattina alle 9.30 la cabina di regia del governo
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/concluso-incontro-Governo-con-sindacati-confederali-Chigi-Cgil-Landini-non-escludiamo-sciopero-generale-6b3cdff5-6b0b-457f-9182-91e6437e2745.html

Il “caro-bollette” nel contesto globale della crisi economica e pandemica
Marco Sferini – Sinistra quotidiana
Il carattere di endemicità che la pandemia sta assumendo, nell’arrivare al traguardo del secondo anno di sconvolgimento mondiale da Covid-19, mostra soltanto ora una serie di mutazioni – per così dire – “strutturali” che non possono essere risolte semplicemente con le classiche riforme istituzionali, con una legge di bilancio o con nuove maggioranze di governo
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/il-caro-bollette-nel-contesto-globale-della-crisi-economica-e-pandemica/

Papa: non saranno i muri della paura ad aiutare il progresso dell’Europa
​Il Patriarca di Antiochia: qui a Cipro c’è ancora una triste divisione. Il Presidente di Cipro al Papa: grazie per il trasferimento di 50 migranti. “Indispensabile revisione della politica di immigrazione dell’UE”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/papa-cipro-muri-paura-progresso-11061b25-f0e6-4eb9-acf4-1dfff101ab85.html

Commissione d’inchiesta. 
Regeni, «il governo richiami l’Egitto alle sue responsabilità»
Alessia Guerrieri – Avvenire

Secondo la Commissione parlamentare d’inchiesta, i responsabili dell’assassinio del ragazzo friulano «sono all’interno degli apparati di sicurezza e probabilmente anche delle istituzioni»
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/regeni-egitto-commissione-inchiesta-il-governo-richiami-al-sisi

2 dicembre: News dal nostro Far West: Il NoTav/NoBorder Emilio Scalzo catturato per reato di popolarità
Daniela Bezzi – Pressenza

Sono le 21 del giorno (1 Dicembre 2021) in cui il Corpo Speciale Ninja JumpTheFence (= Ninja SaltaRecinzioni) ha acciuffato il temibile NoTav/NoBorder Emilio Scalzo, e fuori dal Polivalente di Bussoleno, in attesa di un’assemblea che stasera sarà ancor più affollata del previsto, sua moglie Marinella rievoca la scena.
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/news-dal-nostro-far-west-il-notav-noborder-emilio-scalzo-catturato-per-reato-di-popolarita/

2 dicembre: L’uomo nuovo dell’ultradestra francese distilla il veleno sovranista del Grand Remplacement
Leonardo Casalino – Strisciarossa

Nei giorni scorsi  Eric Zemmour ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle prossime elezioni presidenziali in Francia, che si terranno nella primavera del 2022. Lungamente attesa, la dichiarazione è stata diffusa con un video sul quale sembrano però pesare dei problemi di diritti d’autore; inoltre la prima apparizione pubblica come candidato si è conclusa con un vivace battibecco con un giornalista terminato con un insulto. Insomma, colui che negli ultimi mesi è stato al centro del dibattito politico e giornalistico francese sembra arrivare al momento decisivo affaticato e in difficoltà anche nei sondaggi
continua in
https://www.strisciarossa.it/luomo-nuovo-dellultradestra-francese-distilla-il-veleno-sovranista-del-grand-remplacement/

2 dicembre: A scuola riprendono le occupazioni: finalmente!
Tomaso Montanari – Volere la luna

Non si può manifestare (https://volerelaluna.it/controcanto/2021/11/16/il-virus-il-diritto-di-manifestare-e-la-caccia-alle-streghe/), il Parlamento è congelato, il Consiglio dei ministri è un’assemblea di uditori muti, sulla Presidenza della Repubblica si aspetta il verdetto dell’Uomo della Provvidenza. L’unico timido segno di reattività democratica sembra venire dalle scuole. Nonostante l’ostilità degli adulti: «Scusatemi, non ho capito quali siano le rivendicazioni degli studenti: per me vogliono occupare solo per non fare lezione. E poi è illegale». In questi giorni le (maledette) chat dei genitori dei liceali ribollono di simili prese di posizione.
continua in
https://volerelaluna.it/controcanto/2021/12/02/a-scuola-riprendono-le-occupazioni-finalmente/

2 dicembre: La sferzata di Enrico Berlinguer al PCI nella seconda svolta di Salerno
Salerno, fine novembre 1980. La città è la tappa finale di un viaggio nel dolore e nella disperazione del Sud messo in ginocchio dal terremoto che Berlinguer ha voluto fare, il giorno dopo l’allarme lanciato da un altro grande italiano di sinistra come lui, Sandro Pertini. Il segretario del più grande partito comunista d’Occidente, chiuso in un cappottino che a stento lo ripara dai rigori dell’inverno, è stato a Lioni, a Caposele, a Sant’Angelo dei Lombardi, a Calitri, a Laviano, a Santomenna. Nel cuore di una tragedia i cui contorni, in quel momento ancora non si riescono a definire e a percepire bene, ma che appare comunque enorme, immane. Al suo fianco, il siciliano Pio La Torre e poi Antonio Bassolino e Umberto Ranieri, i segretari regionali di Campania e Basilicata, le due regioni maggiormente colpite dal sisma
continua in
https://www.strisciarossa.it/la-sferzata-di-enrico-berlinguer-al-pci-nella-seconda-svolta-di-salerno/

Presentato a Torino Film Festival Giovanna, storie di una voce, dedicato a Giovanna Marini (prodotto dall’Istituto Luce, con la collaborazione dell’Istituto Ernesto de Martino). Di seguito un’ampia intervista alla regista Chiara Ronchini
continua in
https://www.youtube.com/watch?v=aVqSkItWXoA

2 dicembre: Se il poeta nudo ci dice che amare in questo mondo è (di nuovo) possibile
Matteo Fantuzzi – Strisciarossa

Nel silenzio di una notte d’ospedale un paziente si lascia andare alle riflessioni e ai ricordi per sfuggire dallo stato di costrizione in cui è stato sottoposto. Se le premesse sono prossime a molte delle nostre esperienze sono gli esiti ad essere sorprendenti, letti nella chiave contemporanea: Stefano Simoncelli, tra i fondatori della storica rivista Sul porto insieme a Walter Valeri e al compianto Ferruccio Benzoni, di cui recentemente l’editore Marcos y Marcos ha riproposto l’opera, decide di affidarsi alle mille sfaccettature dell’amore
continua in
https://www.strisciarossa.it/se-il-poeta-nudo-ci-dice-che-amare-in-questo-mondo-e-di-nuovo-possibile/

2 dicembre. “Balance ton bar”, il movimento che denuncia gli abusi e le violenze sessuali avvenute nei locali
Luisa Nannipieri – Radio Popolare

Dounia Salimi ha 26 anni. Insieme a Maité Meeus, 23 anni, lo scorso ottobre ha creato a Bruxelles l’account Instagram Balance ton bar per raccogliere le storie di persone drogate a loro insaputa, spesso vittime di violenze sessuali, durante una serata fuori. L’iniziativa delle due militanti, femministe ma non solo, è nata dopo che diverse testimonianze sui social hanno messo sotto accusa uno dei più noti bar per studenti della capitale. 
continua in
https://www.radiopopolare.it/balance-ton-bar/

2 dicembre: La scuola che non c’è
Pietro Savastio – Jacobin Italia

Il libro di Ricolfi e Mastrocola rimpiange l’istruzione tradizionale e accusa l’attuale presunta «scuola progressista». In realtà la scuola è cambiata troppo poco e un sistema scolastico inclusivo, attivo e cooperativo non si è mai realizzato
continua in
https://jacobinitalia.it/la-scuola-che-non-ce/

SMART WORKING CLASS
La ricerca della normalità
di Carlo Ruggiero – Collettiva

Storia di Roberta e Pietro, ex pendolari in lavoro agile da quasi due anni. Una vita diversa, sempre in bilico tra famiglia e pc, tra isolamento e orari sballati. È un tema che riguarda milioni di persone, e che apre scenari diversi per diritti, mobilità e politiche abitative
continua in
https://www.collettiva.it/longform/2021/12/03/longform/smart_working_class-1693160/#tab1

2 dicembre: I numeri del Build Back Better Act: la partita decisiva per l’Amministrazione Biden
Lorenzo De Poli – Il Caffè Geopolitico

Dopo mesi di dibattiti e discussioni, il Build Back Better Act passa alla Camera con 230 “Yeas” e 213 “Nays”. La partita, tuttavia, è ben lontana dall’essere chiusa. Il progetto di legge appena approvato dovrà ora transitare in Senato, dove la maggioranza democratica è risicata. Solo in questa sede si vedrà se il partito dell’asinello è davvero unito
continua in
https://ilcaffegeopolitico.net/934671/i-numeri-del-build-back-better-act-la-partita-decisiva-per-lamministrazione-biden

2 dicembre: «Ecco perché non si può fare a meno del partito»
Fabien Escalona intervista Piero Ignazi, autore di Partito e Democrazia: “I partiti politici hanno costantemente combattuto per la loro legittimità”
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/02/democrazia-e-partiti-intervista-a-pietro-ignazi/


2 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Trevisan (Fiom): con lo sciopero e il corteo di Genova prende avvio la mobilitazione dei metalmeccanici
“I metalmeccanici genovesi della Fiom sono tornati in piazza questa mattina a Genova per dire no alla manovra del Governo, dalle pensioni alle tasse fino alle risposte insufficienti sui lavori usuranti e gli ammortizzatori sociali. Il corteo, partito da Cornigliano, si è diretto a Sampierdarena per poi tornare verso Ponente. La protesta, 4 ore di sciopero, fa parte del pacchetto di 8 ore decise dal Comitato Centrale della Fiom a livello nazionale. Domani, venerdì 3 dicembre, è proclamato sempre dalla Fiom di Genova lo sciopero con corteo da corso Colombo a Sestri Ponente”.




Inflazione, niente allarmismi
Patrizia Pallara – Collettiva

I dati Istat delle ultime settimane hanno riacceso il dibattito sull’andamento dell’economia e gli aumenti di prezzi e tariffe, in particolare di beni primari come alimentari ed energia, che possono pesare parecchio sulle tasche di lavoratori e pensionati. Ma le cose non stanno esattamente così
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/economia/2021/12/02/video/inflazione_niente_allarmismi-1692291/

Sostenere redditi e consumi
Nicola Giangrande – Collettiva
Assorbire gli aumenti, creare nuova e buona occupazione, aumentare i salari con provvedimenti sul fisco e sbloccare i rinnovi contrattuali. Questa la ricetta economica per contrastare l’inflazione e tutelare le categorie sociali più esposte, in un anno molto particolare di crescita ma anche di incertezza
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/economia/2021/12/02/news/sostenere_redditi_e_consumi-1692188/

Sottoscritto l’accordo
Ita, firmato il contratto nazionale: in arrivo assunzioni e aumenti salario fino al 20%
Accordo industriale che implementa le previsioni di assunzione di ulteriori 4 mila lavoratori entro giugno 2022
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/italia-linee-aeree-contratto-collettivo-nazionale-in-arrivo-assunzioni-e-aumenti-del-salario-c5ff7cd0-2bab-4a9b-a6c2-fc4830cdb312.html

Fumata nera a Palazzo Piacentini
Tim, sindacati: il governo non sa cosa fare. Giorgetti: “Ancora nessuna offerta pubblica d’acquisto”
Il ministro dello Sviluppo economico alla Camera: “Ricordo le parole di Draghi: priorità occupazione” e “ancora non si è concretizzata un’Opa su Tim che ha asset strategici per cui è indispensabile il controllo pubblico”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/mise-tim-sindacati-governo-non-ha-idea-non-sa-cosa-fare-siamo-preoccupati-9e1c972b-80fa-40d8-98a4-c91ed8056be7.html

Istat: a ottobre +35mila occupati, in un anno +390mila. Tasso al 58,6%
La crescita dei posti riguarda esclusivamente la componente maschile e in larga parte il lavoro dipendente. Il tasso di disoccupazione sale al 9,4%, nonostante tra i giovani scenda al 28,2%
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/istat-ottobre-occupati-disoccupazione-dati-2021-19b8a646-7bfc-42d1-b19a-3e93b24f1304.html


Occupazione, una ripresa troppo lenta
Fulvio Fammoni – Presidente Fondazione Di Vittorio
I nuovi dati Istat raccontano di un Paese dove il lavoro fa fatica ad uscire dalle sabbie mobili. Precario, quasi esclusivamente maschile e sempre più disuguale
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/economia/2021/12/02/news/occupazione_una_ripresa_troppo_lenta-1694771/


Una famiglia potrebbe spendere 1.200 euro in più in gas e luce
Nomisma prevede rincari delle bollette fino al 50% se non ci sarà un intervento del governo
Dal primo gennaio la bolletta energetica in Italia potrebbe subire un balzo del 50%. L’aumento del prezzo del gas fa salire anche quello dell’elettricità, prodotta in gran parte col metano. L’ipotesi è avvalorata da Carlo Cottarelli, direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Rincari-bollette-50-la-previsione-senza-un-intervento-del-governo-2270b5eb-10b2-49b6-ad2a-277888a0215d.html

Cavallo (Cisl Basilicata), il lavoro è l’unico argine allo spopolamento della nostra regione
Eleonora Terrosi – Il Diario del Lavoro

Ripresa e occupazione. Sono questi i due temi ai quali guarda il segretario generale della Cisl Basilicata, Vincenzo Cavallo, ancora non presenti nella sua regione. Il Pnrr, spiega, è l’ultima chance per dare ai giovani un futuro diverso. Sul settore dell’auto, centrale per l’occupazione lucana, pesa la crisi globale dei semiconduttori, e quello estrattivo, dal quale proviene il 90% del petrolio nostrano, ancora non ha portato benefici economici e sociali sul territorio.
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/cavallo-cisl-basilicata-il-lavoro-e-lunico-argine-allo-spopolamento-della-nostra-regione/

Genova. Piaggio, il governo dia certezze
Il commissario straordinario di Piaggio aero industries Vincenzo Nicastro ha incontrato i vertici di Fim, Fiom e Uilm di Genova e Savona
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/02/news/piaggio_il_governo_dia_certezze-1693853/


Il primo anno della pandemia, e oltre
Presentazione del 12° rapporto sulla contrattazione sociale
La registrazione dei lavori e gli interventi in
https://www.collettiva.it/copertine/welfare/2021/12/02/news/il_primo_anno_della_pandemia_e_oltre-1694118/




3 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Il nuovo Ddl contro la violenza sulle donne, l’ipotesi tramontata del contributo di solidarietà e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di venerdì 3 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Consiglio dei Ministri ha varato oggi un disegno di legge con nuovo misure contro la violenza sulle donne, ma prosegue una strada che già in passato di è rivelata senza successo. L’ipotesi di un “contributo di solidarietà” per contrastare l’aumento delle bollette è tramontata dopo appena tre ore per valore di Lega, Forza Italia e Italia Viva. Dal Quirinale riferiscono che sia di stupore lo stato d’animo di Sergio Mattarella di fronte all’ennesimo tentativo di tirarlo per la giacca, di portarlo verso la strada del bis. Da ieri è al cinema un film che ripercorre le lotte del movimento antirazzista negli Stati Uniti a inizio anni 1960: “Il Colore della libertà” diretto da Barry Alexander Brown. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-venerdi-3-dicembre/

3 dicembre: Messaggio del premier alla Fondazione Guido Carli
Draghi: Pnrr opportunità per ridurre diseguaglianze
“Programmare e collaborare” a tutti i livelli: governo, territorio e privati, “procedendo in modo coerente e ordinato”. Solo così l’Italia potrà cogliere l’occasione storica rappresentata dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Mario Draghi lo dice intervenendo in un videomessaggio inviato alla Fondazione Guido Carli in occasione dell’evento: “Il mondo nuovo”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/draghi-pnrr-23b9f198-9ea0-4842-bbac-be77b3691d32.html

3 dicembre. Manovra, non c’è accordo: salta il contributo di solidarietà per il caro bollette
L’ipotesi, avanzata dal premier Mario Draghi nella cabina di regia di questa mattina, era appoggiata da Pd, M5s e Leu, mentre Fi, Iv e Lega erano contrari
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Manovra-non-c-e-accordo-salta-il-contributo-di-solidarieta-per-il-caro-bollette-cdm-6fed4f17-bdab-476a-bb7c-f2aeeff6104e.html

3 dicembre: Il Covid ha cancellato i totem liberisti, ma già avanza un nuovo dirigismo di mercato
Altero Frigerio – Strisciarossa

Abbandonato l’ottimistico orizzonte del “ne usciremo migliori”, ci resta la speranza di non uscirne uguali o peggiori. Mentre dentro e fuori il club dei partiti si fa ogni giorno più calda la lotteria del Quirinale, il gattopardismo dei centri decisionali del Paese riemerge in tutto il suo splendore. Da una parte si esalta la nuova centralità del pubblico e dall’altra avanza un nuovo dirigismo di mercato che riproduce tutte le vecchie logiche e le vecchie ricette che, a parole, si dice di voler superare
continua in
https://www.strisciarossa.it/il-covid-ha-cancellato-i-totem-liberisti-ma-gia-avanza-un-nuovo-dirigismo-di-mercato/


La pazienza dei popoli è la mangiatoia dei tiranni
Gianni Giovannelli – Effimera

Mario Draghi va acquistando una sempre maggiore disinvoltura nella gestione del potere, senza più preoccuparsi delle critiche, ormai del tutto assenti, all’interno della maggioranza come pure nelle file della pretesa opposizione. L’arroganza iniziale si accompagna ora, con frequenza, a frodi e raggiri per procedere speditamente nell’attuazione del programma politico, economico e finanziario elaborato il 14 dicembre 2020, nella riunione del Group of Thirthy che ha preceduto la sua nomina a primo ministro
continua in
http://effimera.org/la-pazienza-dei-popoli-e-la-mangiatoia-dei-tiranni-di-gianni-giovannelli/


Covid Italia, il bollettino del 3 dicembre: 17.030 nuovi casi, 74 morti
Sono 17.030 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 16.806. Sono invece 74 le vittime in un giorno, ieri erano state 72. I tamponi effettuati sono stati 588mila, ieri erano stati 679.462. Il tasso di positività è al 2,9%, in aumento rispetto all’2,5% di ieri
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/03/news/covid_italia_il_bollettino_del_3_dicembre_-328713046/

Covid. Oggi 17.030 nuovi casi e 74 decessi. Rapporto positivi/tamponi sale al 2,9%
Salgono i ricoveri in area non critica (+87) e quelli in Terapia intensiva (+10). La regione con più casi odierni è il Veneto (+3.116) seguito da Lombardia (+2.809), Emilia Romagna (+1.633), Lazio (+1.493), Campania (+1.327), Piemonte (+1.189), Sicilia (+836), Friuli Venezia Giulia (+820) e Toscana (+709)
continua in
http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=100654

Covid. Ecdc: “Quattro paesi europei superano soglia di 2.000 casi (14 gg) ogni 100mila abitanti. In Italia sono 216,4 mentre la Romania segna il valore più basso dopo essere stata tra le più colpite
Si tratta di Austria, Belgio, Cechia e Slovacchia. Ma ci sono poi altri sei Paesi con tassi sopra i 1.000 casi e altri quattro sopra gli 800 casi tra i quali la Germania. Il nuovo report di sorveglianza epidemiologica dell’Ecdc segnala ancora una forte tendenza all’aumento di casi, ospedalizzazioni, terapie intensive e decessi. Anche in Italia i casi crescono ma restiamo tra i Paesi a “moderata preoccupazione”. Stupisce l’inversione di tendenza della Romania che da Pese tra i più colpiti diventa ora quello con meno casi in rapporto alla popolazione
continua in
http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=100653

Decreto fiscale. Anche il privato potrà assumere gli specializzandi. Arriva un fondo da 600 mln per ripianare i deficit delle Regioni. Via libera dal Senato con fiducia. Ecco tutte le novità
Il testo è passato ora all’esame della Camera. Tra le novità di carattere sanitario la possibilità anche per le strutture private accreditate appartenenti alla rete formativa di assumere specializzandi, l’istutuzione presso il Mef di un fondo da 600 milioni in favore delle regioni per l’emergenza sanitaria in atto, la possibilità per Agenas di assumere 40 unità di personale e diverse novità in favore della Regione Calabria per il rientro dal dissesto finanziario. IL TESTO
continua in
http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=100636

3 dicembre: Garante Nazionale, CPR: nel 2021 meno del 50% di rimpatri, per gli altri una privazione della libertà ingiustificata
Secondo i dati forniti dal Dipartimento della pubblica sicurezza elaborati dal Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale in occasione del workshop “La tutela della salute delle persone migranti sottoposte a misure di trattenimento e rimpatrio forzato” di martedì 30 novembre, solo il 49,7% dei migranti trattenuti nei centri di rimpatrio nel 2021 è stato effettivamente rimpatriato.
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/garante-nazionale-nel-2021-meno-del-50-di-rimpatri-per-gli-altri-una-privazione-della-liberta-ingiustificata/


Rapporto Censis: il sistema Italia è una ruota quadrata che non gira
Secondo il 54esimo rapporto annuale sulla situazione sociale del paese/2020 del Censis , «Il sistema-Italia è una ruota quadrata che non gira: avanza a fatica, suddividendo ogni rotazione in quattro unità, con un disumano sforzo per ogni quarto di giro compiuto, tra pesanti tonfi e tentennamenti. Mai lo si era visto così bene come durante quest’anno eccezionale, sotto i colpi dell’epidemia. 
continua in
https://greenreport.it/news/economia-ecologica/rapporto-censis-il-sistema-italia-e-una-ruota-quadrata-che-non-gira/#prettyPhoto


3 dicembre: Lavoro, in Italia la crescita c’è: di donne senza lavoro e precari
Istat: a ottobre gli occupati cresciuti di 35 mila unità, ferma l’occupazione femminile. In un anno 271mila occupati in più, +118mila le donne. Dopo il grande gelo che ha bloccato la società della piena occupazione precaria pian piano riemerge la struttura del mercato del lavoro. Che nessuno vuole cambiare
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/lavoro-in-italia-la-crescita-ce-di-donne-senza-lavoro-e-precari/

3 dicembre: Arrestato Turi Vaccaro
Nel pomeriggio di giovedì 2 dicembre Turi Vaccaro è stato arrestato dalla polizia ferroviaria di Firenze. Dicono che deve scontare un residuo di pena di 5 mesi più altri due mesi di arresto.Turi è stato trasferito presso il carcere di Sollicciano.Nei confronti di Turi, pacifista integrale e conseguente, è in atto un vero e proprio accanimento; la persecuzione nei suoi confronti è in atto in ogni parte d’Italia. Oltre tutto Turi è malato ed è reduce da un ricovero ospedaliero in Sicilia da cui è uscito molto provato.Il Movimento NO MUOS esprime tutta la massima solidarietà al compagno e invita i movimenti e gli attivisti contro la guerra e contro le sopraffazioni del capitale a chiedere e lottare per la sua liberazione immediata.Contro la repressione la solidarietà é un’arma. Turi libero, Emilio libero, tutti e tutte liberi
Movimento NO MUOS

3 dicembre: Cambiare i modelli affinché tutto non rimanga come è
Sérgio Mesquita – Pressenza

Comincio traendo ispirazione da Giuseppe Tomasi di Lampedusa, nato alla fine del XIX secolo, che nel suo romanzo “Il Gattopardo” ci regala una bellissima frase che descrive molto bene il sistema capitalista e il suo funzionamento: “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/cambiare-i-modelli-affinche-tutto-non-rimanga-come-e/

3 dicembre: Zaki: manifestazioni in 50 piazze in attesa udienza del 7 dicembre
ANSA – In occasione della prossima udienza in Egitto a Patrick Zaki, fissata al 7 dicembre, le attiviste e gli attivisti di Amnesty International nei giorni precedenti e in quello del processo manifesteranno in circa 50 città italiane, accompagnati da numerosi gruppi della società civile, rappresentanti di enti locali, giornaliste e giornalisti Rai e parlamentari, auspicando un esito positivo dell’udienza
continua in
https://www.ansa.it/emiliaromagna/notizie/2021/12/03/zaki-manifestazioni-in-50-piazze-in-attesa-udienza-del-712_1230bd69-d880-4a1b-b253-00abd7e99aaf.html

“Aqui no se rinde nadie!” 65 anni fa lo sbarco del Granma e l’inizio della rivoluzione cubana
Andrea Puccio
L’arrivo 65 anni fa della spedizione dello yacht Granma con 82 uomini a bordo sulla costa sud-orientale di Cuba, segnò l’inizio di una nuova tappa nella lotta contro la dittatura di Fulgencio Batista e il trionfo della Rivoluzione cubana
continua in
https://contropiano.org/documenti/2021/12/03/aqui-no-se-rinde-nadie-65-anni-fa-lo-sbarco-del-granma-e-linizio-della-rivoluzione-cubana-0144541

3 dicembre: A Copenaghen la sinistra ha battuto i socialdemocratici
Le recenti elezioni in Danimarca hanno visto un forte aumento di voti per l’Alleanza Rosso-Verde, diventata la prima forza politica della capitale. Un risultato che mostra che si può vincere sui temi dei diritti e della lotta per l’ambiente
continua in
https://jacobinitalia.it/a-copenaghen-la-sinistra-ha-battuto-i-socialdemocratici/

3 dicembre: Moldavia: è finita la crisi del gas?
Regina Garsia – Il Caffè Geopolitico

Alla scadenza del contratto per la fornitura del gas tra Moldavia e Gazprom, il Paese dichiara lo stato d’emergenza. Mentre l’UE accusa la Russia di strumentalizzare la fornitura di gas, il 30 ottobre la Moldavia firma un contratto quinquennale, ma non tutti i rischi si possono considerare superati
continua in
https://ilcaffegeopolitico.net/934857/moldavia-e-finita-la-crisi-del-gas

3 dicembre: Alfonso Gianni. Le incognite europee
L’Unione europea deve affrontare nei prossimi mesi oltre che la recente recrudescenza della pandemia, l’incremento dell’inflazione che, per quanto ritenuto da molti, transitorio, continua a crescere. Nello stesso tempo la discussione attorno alla sorte del Patto di stabilità, che dovrebbe rientrare in funzione dal primo gennaio 2023, diventa sempre più decisiva per il futuro dell’Unione
continua in
https://www.jobsnews.it/2021/12/alfonso-gianni-le-incognite-europee/

Endemizzazione coloniale
Matteo Masi – La Fionda

Martedì 30 Novembre il professor Andrea Zhok era ospite su La7 a DiMartedì di Giovanni Floris, in quella sede in uno dei suoi interventi Zhok propone la vaccinazione sulle fasce deboli e l’endemizzazione del virus per il resto della popolazione che invece può sopportare gli effetti del virus. Immediata la replica del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri:”ma questa è una soluzione Darwiniana”
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/02/endemizzazione-coloniale/

Lecce. Donne e lavoro, in mostra la storia della tessitura salentina
ANSA – Inauguratanel Convitto Palmieri di Lecce, e vi resterà fino al 3 giugno 2022, la mostra “Le anime del tessile” a cura di Elena Laurenzi e Brizia Minerva, nell’ambito del progetto “Dal passato al futuro
continua in
https://www.ansa.it/puglia/notizie/2021/12/01/donne-e-lavoroin-mostra-la-storia-della-tessitura-salentina_af757f1e-2f42-49f9-b592-881401463e58.html


Aldo Garzia: La sinistra del futuro e il comunismo come orizzonte
Terzo Giornale/Fondazione per la Critica Sociale

Si è svolto a Rimini, il 27 e 28 novembre scorsi, un incontro seminariale per ricordare Lucio Magri, tra i fondatori del gruppo del Manifesto e del Partito di unità proletaria, a dieci anni dalla sua scomparsa. Quello che segue è il testo quasi integrale del mio intervento
continua in
https://www.terzogiornale.it/2021/12/03/la-sinistra-del-futuro-e-il-comunismo-come-orizzonte/


3 dicembre: Egemonia e cultura di massa. Considerazioni a partire da Gramsci Reloaded (Rogas edizioni)
Alessandro Alfieri – La Fionda

La portata culturale della riflessione di Antonio Gramsci è tale che, nel corso del Ventesimo secolo, spesso e ciclicamente non manca occasione di ribadirne la “perpetua attualità”, la sua costante efficacia come strumento concettuale in grado di interpretare la realtà e la/le società. Il ricordo di Gramsci spesso resta condannato suo malgrado al suo stesso destino tragico: se l’esempio biografico di impegno e attivismo resta un riferimento imprescindibile, ciò che però è stato sacrificato al mito della resistenza dell’uomo e dell’intellettuale Gramsci è la levatura filosofica del suo pensiero, il suo acume analitico e sociologico, la sua incredibile capacità di adottare il marxismo e applicarlo alle condizioni della società italiana nel passaggio all’industrializzazione. 
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/03/egemonia-e-cultura-di-massa-considerazioni-a-partire-da-gramsci-reloaded-rogas-edizioni/

3 dicembre: Pandemia, vaccini, Green Pass e capitale: un punto di vista comunista
Contro il Sars-Cov2 non bastano i vaccini, pur utilissimi, ma servono investimenti nella scuola, nella sanità e nei trasporti pubblici. Il governo Draghi preferisce invece scaricare gli obblighi del Green Pass sui lavoratori, liberando i padroni da ogni responsabilità per le prevenzioni
continua in
https://www.lacittafutura.it/editoriali/pandemia,-vaccini,-green-pass-e-capitale-un-punto-di-vista-comunista

3 dicembre: Al capolinea del realismo
Francesco Brusa – Doppiozero

C’è chi dice che in ogni autobus ci sia un microcosmo. In ogni persona, un mondo. Nelle biografie di ciascuno, anche “banali” e prosaiche, si riflettano traiettorie collettive, che la storia o finanche il mito, insomma, si trovino quasi più nelle pieghe del quotidiano che negli eventi esplosivi, nei fatti e negli “uomini eccezionali”. È, in fondo, la grande scommessa del realismo, non solo letterario. O meglio, di un certo “realismo osservazionale”, spesso condito da vaghezza flâneuristica, che cerca nella realtà più diretta il senso della propria narrazione, e talvolta anche un significato “morale” in ciò che si vede. Ma la realtà è qualcosa che sfugge a sé stessa, in diverse diramazioni. Come ricorda Walter Siti nel suo saggio sul realismo, “i dettagli conducono all’Assoluto, le trame conducono al Mito”
continua in
https://www.doppiozero.com/materiali/al-capolinea-del-realismo


3 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Napoli, manifestazione regionale dei sindacati. Ricci (Cgil Campania): «Da Governo nessuna risposta al Mezzogiorno»
Oggi sono scesi in piazza le confederazioni nell’ambito della mobilitazione nazionale unitaria che chiede al governo di cambiare la legge di stabilità. In Campania il 70 per cento dei pensionati vive con meno di mille euro al mese, redditi da lavoro sotto soglia 28 mila euro annui
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/03/news/napoli_manifestazione_regionale_dei_sindacati_ricci_cgil_campania_da_governo_nessuna_risposta_al_mezzogiorno_-1699357/

I “briganti” si riorganizzano in Basilicata
Linda Pentz Gunte – Pressenza

Diciotto anni dopo aver fermato l’apertura di una discarica di scorie radioattive nella regione, la gente della Basilicata si ritrova ancora una volta presa di mira
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/i-briganti-si-riorganizzano-in-basilicata/

Rotta alpina: il presidio medico di Medu in Val di Susa per assistere i migranti
Nel piccolo Comune di Oulx a ottobre si sono registrati oltre 1.600 passaggi di persone dirette in Francia e provenienti in larga parte dalla rotta balcanica. Medici per i diritti umani rafforza la presenza, riservando particolare attenzione alle numerose donne e ai bambini che affrontano il viaggio
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/rotta-alpina-il-presidio-medico-di-medu-in-val-di-susa-per-assistere-i-migranti/

Enel chiude la centrale a carbone di La Spezia
Enel ha ricevuto l’autorizzazione finale dal Ministero della Transizione Ecologica per la cessazione definitiva dell’impianto a carbone della centrale termoelettrica “Eugenio Montale” di La Spezia.< e sottolinea che «La chiusura della centrale di La Spezia rappresenta un ulteriore passo avanti nell’impegno di Enel per la transizione energetica verso un modello sempre più sostenibile, il cui obiettivo è sostituire progressivamente le fonti fossili per la produzione di energia elettrica per raggiungere la neutralità climatica a livello globale.
continua in
https://greenreport.it/news/energia/enel-chiude-la-centrale-a-carbone-di-la-spezia-video/

Alcar. A rischio 200 lavoratori, Ovv apra un confronto reale, urgente l’intervento del Mise 
“Ieri, 2 dicembre, si sono incontrati in modalità mista, parte in presenza e parte da remoto, AIM srl (100% proprietà dell’azienda bergamasca OVV), la curatela fallimentare di Alcar srl, gli advisor del concordato Alcar industrie srl con le organizzazioni sindacali nazionali e di Torino e di Lecce”. A dichiararlo in una nota Simone Marinelli, coordinatore nazionale automotive per la Fiom-Cgil, Antonino Inserra della Fiom di Torino e Roberto Trevisi della Fiom di Lecce
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/03/news/alcar_a_rischio_200_lavoratori_ovv_apra_un_confronto_reale_urgente_l_intervento_del_mise_-1699097/

Settimana europea per la riduzione dei rifiuti: 4.752 azioni in Italia (VIDEO)
La Settimana europea per la riduzione dei rifiuti (SERR) è una delle principali campagne internazionali per promuovere la prevenzione dei rifiuti attraverso azioni di sensibilizzazione organizzate durante una sola settimana a fine novembre. Quest’anno la 13esima edizionesi è tenuta dal 20 al 28 novembre con l’obiettivo di indirizzare i comportamenti e i modelli di consumo verso un sistema circolare, come risposta ai problemi legati all’eccessivo spreco di risorse.
continua in
https://greenreport.it/news/rifiuti-e-bonifiche/settimana-europea-per-la-riduzione-dei-rifiuti-4-752-azioni-in-italia-video/

Bologna. Mec Track, siglato accordo di stabilizzazione
Sottoscritto importante accordo in Mec-Track. Da alcuni mesi, gli stabilimenti della Mec-Track Caterpillar di Bazzano e Castelveltro stanno vivendo un positivo e importante incremento di ordini. Dopo il primo quadrimestre 2020, influenzato anche e soprattutto dall’emergenza sanitaria, le attività sono riprese e gradualmente cresciute
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/03/news/mec_track_siglato_accordo_di_stabilizzazione-1699347/


Il primo contratto non si scorda mai
Ilaria Romeo – Collettiva

Il 3 dicembre 1906 entra ufficialmente in vigore il primo contratto collettivo di lavoro tra la Società automobilistica Itala e la Fiom. Si tratta di uno dei primi significativi esempi di accordo collettivo in Italia
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/03/news/il_primo_contratto_non_si_scorda_mai-1697617/




4 dicembre: Nilde Iotti, la politica come passione
Il 4 dicembre 1999 moriva Nilde Iotti
Onorevoli colleghi, con emozione profonda vi ringrazio per avermi chiamato col vostro voto e con la vostra fiducia a questo compito così ricco di responsabilità e di prestigio. Voi comprenderete, io credo, la mia emozione […] per essere la prima donna nella storia d’Italia a ricoprire una delle più alte cariche dello Stato. Io stessa, non ve lo nascondo, vivo quasi in modo emblematico questo momento, avvertendo in esso un significato profondo, che supera la mia persona e investe milioni di donne che attraverso lotte faticose, pazienti e tenaci si sono aperte la strada verso la loro emancipazione. Essere stata una di loro e aver speso tanta parte del mio impegno di lavoro per il loro riscatto, per l’affermazione di una loro pari responsabilità sociale e umana, costituisce e costituirà sempre un motivo di orgoglio della mia vita
continua in
https://www.archivioluce.com/2019/12/04/nilde-iotti-la-politica-come-passione/
https://www.raiplay.it/video/2011/02/Nilde-Iotti-Repubblica-8cbb2cba-625b-4f21-b89f-cf734b408bc2.html

Nilde Iotti, una donna unica
Ilaria Romeo – Collettiva

Nella notte tra il 3 e il 4 dicembre 1999 moriva a Roma Nilde Iotti, partigiana, madre costituente, prima donna nella storia dell’Italia repubblicana a ricoprire una delle tre massime cariche dello Stato, la Presidenza della Camera dei deputati, incarico che detenne per quasi 13 anni e per ben tre legislature, dal 1979 al 1992, il più lungo mandato come presidente della Camera dall’istituzione della Repubblica. Nilde Iotti era una donna della Resistenza, una donna del Pci, una donna per le donne, una che lavorava. Una di noi
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/04/news/nilde_iotti-1699531/


Più libri più liberi e l’Italia riparte: la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria
Visita a Roma alla fiera dei libri che con 520 espositori, dal 4 all’8 dicembre, lancia un forte segnale di ripresa che va bel oltre il settore editoriale
continua in
https://www.lavocedinewyork.com/arts/libri/2021/12/04/piu-libri-piu-liberi-litalia-che-riparte-con-la-fiera-nazionale-della-piccola-e-media-editoria/

Il sito della Fiera https://plpl.it/


4 dicembre: Fermiamo la strage
Parabiago, muore schiacciato dal forno di una pizzeria che sta ristrutturando
continua in

https://www.fanpage.it/milano/parabiago-resta-schiacciato-dal-forno-di-una-pizzeria-che-sta-ristrutturando-muore-operaio-41enne/
https://www.fanpage.it/

4 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Le novità sulla riforma fiscale, il trasporto ferroviario paralizzato per ore e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di sabato 4 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Matteo Salvini incassa la vittoria sulle tasse dopo la bocciatura della proposta di congelare per un anno il taglio dell’Irpef a chi ha un reddito sopra ai 75mila euro annui. Tutti i dettagli della riforma fiscale, così come nel documento che il Consiglio dei Ministri ha approvato venerdì e che sabato è stato consegnato alle parti sociali.Al suo weekend d’esordio sul nodo di Firenze il nuovo sistema informatico di Trenitalia è andato in tilt e ha paralizzato per tutta la giornata i collegamenti nord-sud. Emilio Scalzo, l’attivista No Border e No Tav consegnato ieri alle autorità francesi, è stato portato nel carcere di Aix Luynes, pur senza aver ancora ricevuto una condanna. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-sabato-4-dicembre/

4 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 4 dicembre: 16.632 nuovi positivi e 75 decessi
Il tasso di positività cala al 2,6%. Aumentano i pazienti in terapia intensiva che sono 732, ventiquattro più di ieri e anche i ricoveri ordinari che salgono a 5.428, 43 in più rispetto al giorno precedente
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/04/news/covid_italia_il_bollettino_del_4_dicembre_-328899914/

Usa, oltre 100 mila casi e 1000 morti al giorno
ANSA – La pandemia raggiunge nuovamente livelli allarmanti in Usa, dove i contagi da Covid tornano a superare i 100 mila al giorno e i decessi quota 1000: la media dell’ultima settimana è di 114.150 nuovi casi, con un incremento del 52,4%, e di 1257 morti (+42%).
Lo riferisce il Washington Post.
La popolazione pienamente vaccinata resta ancora al di sotto del 60% (59,8%).
La Francia ha registrato 51.624 casi di contagio da Covid nel Paese nelle ultime 24 ore. I dati fanno alzare a 41mila la media di contagi settimanali dai 30mila precedenti. La scorsa settimana la media era di 28mila. I nuovi ricoveri sono 694, inclusi 119 in gravi condizioni. I decessi sono 113.

4 dicembre: Papa Francesco: “La democrazia arretra, reagire a seduzioni autoritarie”
Il Papa incontra l’arcivescovo ortodosso di Atene e di tutta la Grecia: “Cattolici e ortodossi insieme nell’aiuto degli ultimi della terra”. Da populismi facili rassicurazioni. Ue lacerata dai nazionalismi
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/papa-atena-arcivesco-Ieronymos-II-non-temiamoci-aiutiamo-a-servire-prossimo-d580c286-6847-40d7-80c6-2fd8d14484c9.html

4 dicembre: La voce forte dei lavoratori pubblici
Emanuele Di Nicola – Collettiva
Dopo il lancio della campagna per il rinnovo delle Rsu, ecco i racconti delle donne e uomini del settore pubblico, in prima linea durante i mesi della pandemia. Le loro parole sono una lezione per tutti
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/04/video/la_voce_forte_dei_lavoratori_pubblici-1700036/

4 dicembre: Poveri ricchi!! Ma non è invidia, è odio di classe
Sergio Cararo – Contropiano

Sembra una follia eppure abbiamo scoperto che esiste il “coefficiente di invidia sociale”. Il quotidiano Il Foglio ha infatti dato voce ad alcune serie preoccupazioni per le sorti dei ricchi, o meglio per la crescita di ostilità sociale nei confronti dei ricchi. Eppure a ben guardare la realtà sembra dirci esattamente il contrario
continua in
https://contropiano.org/news/cultura-news/2021/12/04/poveri-ricchi-ma-non-e-invidia-e-odio-di-classe-0144508

4 dicembre: il 55° Rapporto del Censis
Italia. Impoverita, poco istruita, demograficamente regressiva, esposta alle follie
Federico Ruocco – Contropiano
Il 55esimo Rapporto del Censis sulla situazione sociale del Paese è stato presentato pubblicamente nella giornata di ieri. Secondo il Censis la società italiana è mutata e ha attraversato crisi ed emergenze intrecciando continuamente realtà emerse e sommerse e di lungo periodo, particolari e generali
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/04/italia-impoverita-poco-istruita-demograficamente-regressiva-alle-prese-con-lirrazionalita-0144553

I PIÙ POVERI TRA I POVERI
Gianluca Cicinelli – La Bottega del Barbieri

Tra i 5,6 milioni di persone che vivono in povertà assoluta il 56% non riceve il Reddito di cittadinanza. Ce lo spiega l’ultimo monitoraggio della Caritas “Lotta alla povertà“, acquisito nei lavori del Comitato scientifico per la valutazione del RdC voluto dal ministro Andrea Orlando e presieduto da Chiara Saraceno
continua in
https://www.labottegadelbarbieri.org/i-piu-poveri-tra-i-poveri/

4 dicembre: Nuovi aumenti bollette di gas e luce. Un deterrente in Europa per imporre il nucleare “green”?
Stefano Porcari – Contropiano

Secondo una analisi di Nomisma, dal primo gennaio la bolletta del gas potrebbe aumentare del 50%, quella dell’elettricità tra il 17% e il 25%. I pesanti aumenti sarebbero causati dalle forti tensioni nei prezzi dell’energia sui mercati internazionali che avranno un impatto sul prossimo aggiornamento tariffario che verrà deciso da Arera, l’Autorità di Regolazione. Ma a fissare la tariffa è il Gme, (gestore dei mercati energetici) sulla base dei prezzi internazionali
continua in
https://contropiano.org/news/news-economia/2021/12/04/nuovi-aumenti-bollette-di-gas-e-luce-un-deterrente-in-europa-per-imporre-il-nucleare-green-0144548

4 dicembre: Macron va nel Golfo e incontra (ancora una volta) il principe saudita
Luisa Nannipieri – Radio Popolare
Tre paesi del Golfo in due giorni. E una serie di consistenti contratti da firmare, discussioni diplomatiche sulla disperata situazione del Libano, sulla Libia o sull’Iran da portare avanti. O ancora, meeting strategici sulle operazioni di contro-terrorismo da coordinare. Durante il suo viaggio lampo nella penisola araba iniziato questo venerdì, il presidente francese Emmanuel Macron non si farà mancare nulla. Nemmeno l’occasione di stringere la mano del principe ereditario saudita Mohammad bin Salman davanti ai fotografi, prima di tornare a Parigi.
continua in
https://www.radiopopolare.it/macron-va-nel-golfo-incontra-ancora-una-volta-il-principe-saudita/

4 dicembre: Mattarella «stupito» ribadisce: niente bis
Il capo dello Stato irritato blocca le ipotesi legate alla riforma costituzionale Pd che cancella il doppio mandato presidenziale e il semestre bianco: una conferma della mia ben nota opinione. Tra un mese esatto la convocazione dei grandi elettori
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/mattarella-stupito-ribadisce-niente-bis/

4 dicembre: Chi paga le politiche sociali?
Barri Eidlin
Jacobin Italia
Quando si tratta di approvare programmi sociali non dovremmo chiederci se «possiamo permettercelo». La domanda giusta da porsi è dove reperire le risorse
continua in
https://jacobinitalia.it/chi-paga-le-politiche-sociali/

4 dicembre: Ma chi governa davvero il mondo?
Quanto potrebbe costare una Repubblica delle Banane? Un tentativo di determinare chi governa davvero il mondo [Olúfémi O. Táíwò]
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/04/ma-chi-governa-davvero-il-mondo/


Francesco Ferdinando e la duchessa Sofia

Adriano Sofri. Čabrinović, attentatore fallito di Francesco Ferdinando, ispirato da Mazzini
Piccola Posta – Il Foglio
Ci riuscì al posto suo il maestro ventenne Gavrilo Princip. L’altro provò a suicidarsi col cianuro, fallendo anche in questo. Al processo disse: “Noi pensavamo che solo persone di carattere nobile sono capaci di commettere degli attentati”
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/04/news/c-abrinovic-attentatore-fallito-di-francesco-ferdinando-ispirato-da-mazzini-3434451/


4 dicembre: Il metaverso è dietro l’angolo
Cinzia Maiolini – Collettiva
Le principali big tech del pianeta preparano, entro pochi anni, nuovi ambienti virtuali e di realtà aumentata. Come vivremo e lavoreremo nel mondo che ci aspetta
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/internazionale/2021/12/04/news/il_metaverso_e_dietro_l_angolo-1694521/

4 dicembre: Lucio Magri, il comunista eretico
Mattia Gambilonghi – Collettiva

A dieci anni dalla sua morte, ripercorriamo la traiettoria biografica e politica di una tra le più curiose e creative menti che abbiano attraversato la sinistra italiana
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/culture/2021/12/04/news/lucio_magri_il_comunista_eretico-1695221/

Associazione Porretta Cinema, 20 anni di Festival
Andrea Femia – cantierebologna.com

Nell’Appennino tosco-emiliano un gruppo di persone continua a far sì che la cultura funga da enorme fenomeno di aggregazione sociale. Dall’opera prima del Premio Oscar Alfonso Cuarón alla retrospettiva su Gianni Amelio, un buon esempio di cosa voglia dire associarsi per fare qualcosa di socialmente utile, appassionando gli appassionati
continua in
https://cantierebologna.com/2021/12/04/associazione-porretta-cinema-20-anni-di-festival/

4 dicembre: Non c’è ghiaccio, il panico nella capitale degli orsi polari
Churchill, Canada: la capitale mondiale degli orsi polari è rimasta senza ghiaccio per la prima volta con gravi conseguenze [Leyland Cecco]
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/04/churchill-canada-orsi-polari-verso-lestinzione-a-causa-clima/

4 dicembre. Una proposta per ridurre il contagio
La Fionda

In questi mesi, abbiamo raggiunto una certa unanimità su due principi sacrosanti che dovrebbero costituire le fondamenta per il nostro prossimo futuro – almeno fino a quando ci troveremo a combattere questa guerra contro il nemico invisibile
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/04/una-proposta-per-ridurre-il-contagio/


4 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Cagliari. Di nuovo in piazza, con una manifestazione unitaria, per sostenere le proposte di Cgil, Cisl e Uil nazionali sulle modifiche alla manovra di bilancio del governo Draghi. Anche in Sardegna, come sta avvenendo in questi giorni in tutte le regioni d’Italia, i sindacati hanno promosso una giornata di mobilitazione.

La diretta QUI

Bologna: No Draghi Day
Contro le misure economiche del governo Draghi
Contro licenziamenti, privatizzazioni, delocalizzazioni e carovita
Per la giustizia climatica e sociale
Cortei regionali nelle principali città
La libertà di manifestare è un diritto democratico non negoziabile
Concentramento h. 10.00 piazza dell’Unità

Il No Draghi Day rompe l’incantesimo
Le manifestazioni tenutesi in 23 città italiane per il No Draghi Day convocate dai sindacati di base e conflittuali con l’adesione di organizzazioni politiche e sociali della sinistra antagonista, sembrano aver rotto un vero e proprio incantesimo. Guarda il video sulla manifestazione di Roma . In un clima politico in cui il Presidente del Consiglio Mario Draghi non incontra resistenze producendo un ircocervo istituzionale a metà tra un plenipotenziario e un inviato del destino, le voci di dissenso si erano fatte rarissime, in Parlamento e fuori
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/05/il-no-draghi-day-rompe-lincantesimo-0144573

Il sindacalismo base in piazza per ‘No Draghi Day’ a Milano
ANSA – La manifestazione, regolarmente autorizzata anche per la consueta correttezza dei sindacati e dei lavoratori, è partita verso le 16 da Palazzo Lombardia per passare in centro città, da piazza Repubblica e piazza Cavour fino a Piazza della Scala. Al corteo hanno aderito le organizzazioni sindacali Cub, Cobas, Sgb, Slai-Cobas, Usb e Usi-Cit e vi hanno preso parte anche militanti dei partiti Rifondazione Comunista e Potere al Popolo
continua in
https://www.ansa.it/lombardia/notizie/2021/12/04/il-sindacalismo-base-in-piazza-per-no-draghi-day-a-milano_fd1855e9-3f19-4982-938f-e687e5403710.html

Cosenza, Protesta “No Draghi Day”
ANSA – Iniziativa Usb e Cobas contro rincari bollette e licenziamenti
La mobilitazione è stata indetta, hanno spiegato gli organizzatori, “per dire no ai licenziamenti di massa, ai rincari di bollette e di beni di primissima necessità e contro l’aumento dell’età pensionabile”.  “Viviamo in una terra – hanno sostenuto i rappresentanti sindacali- dove la stragrande maggioranza delle famiglie fatica a mettere insieme il pranzo con la cena, dove i servizi pubblici fanno piangere e le uniche alternative sono offerte a caro prezzo da società private. Proprio in questo momento, abbiamo bisogno di rialzare la testa, di reagire e di chiedere al governo un cambio di passo reale. Servono maggiori investimenti nel welfare, evitate lo sblocco dei licenziamenti e la tassazione dei patrimoni ricchi”.
Qualche momento di tensione al termine degli interventi per un tentativo , da parte di alcuni manifestanti, di formare un corteo

Napoli. No Draghi Day
ANSA – La protesta dei sindacati di base “aumento insostenibile della povertà
Il video
https://www.ansa.it/campania/videogallery/2021/12/04/no-draghi-day-sindacati-di-base-in-piazza-a-napoli_b13e803e-9bb9-45cf-8037-8c81a3a2681b.html

Ondata di occupazioni nelle scuole romane, le ragioni di una protesta
Oramai si fatica anche a contarle, le scuole romane che negli ultimi giorni sono state occupate dagli studenti e dalle studentesse della città. Siamo sicuramente sopra i 30 istituti, e tra questi ci sono scuole di estrazione, posizione e indirizzo di tutti i tipi, dal centro alla periferia, dagli tecnici ai licei, e via dicendo
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/04/ondata-di-occupazioni-nelle-scuole-romane-le-ragioni-di-una-protesta-0144562

La Camera boccia la concessione dello status di rifugiato politico a Julian Assange. Ancora una volta il nostro governo asseconda i desideri degli Stati Uniti.
Andrea Puccio – occhisulmondo.info
Nel comunicato rilasciato dopo quanto accaduto dal Partito della Rifondazione Comunista S.E. a firma di Maurizio Acerbo, segretario del partito, e di Marco Consolo, responsabile Area  Esteri e Pace del PRC, si legge che “Alla Camera dei Deputati è stata bocciata la mozione a favore della concessione dello status di rifugiato politico per Julian Assange”.
“Un voto vergognoso, in linea con i diktat della Casa Bianca, che accomuna tutti i partiti che sostengono il governo Draghi e la finta opposizione di Giorgia Meloni. Hanno votato contro la destra e il Partito Democratico. Gli ignavi di LEU e M5S si sono astenuti.”, continua il comunicato.“Questo è un voto di complicità con la violazione dei diritti umani e l’attacco alla libertà di stampa.
Emerge per l’ennesima volta che ormai abbiamo in parlamento uno schieramento trasversale completamente subalterno agli Stati Uniti nel loro aspetto più feroce e disumano. Quello che Stefania Maurizi ha definito IL POTERE SEGRETO può contare su una larghissima maggioranza. I due poli sono in realtà un unico partito della guerra che d’altronde ha varie volte votato insieme.
Tra le tantissime rivelazioni di Wikileaks c’erano anche i cablo USA entusiasti per la nascita del Pd. Chissà se leggeremo un giorno quelli sulla conversione del M5S che anche su Assange si rimangia la precedente posizione. Grazie al gruppo ‘L’alternativa c’è’ che ha presentato la mozione e ai parlamentari che l’hanno votata”

Manovra: a Potenza la manifestazione di Cgil, Cisl e Uil
ANSA – “Lavoro, pensioni e fisco per cambiare la legge di bilancio”: sono questi i temi che sono stati affrontati stamani, in piazza Don Bosco, a Potenza, durante la manifestazione unitaria, organizzata dalla Cgil, dalla Cisl e dalla Uil di Basilicata, per sostenere le proposte confederali presentate al Governo centrale.
Le priorità, per i sindacati, restano l’occupazione, il lavoro, la lotta alla precarietà, la protezione sociale, il fisco, le pensioni e gli investimenti per il Mezzogiorno.
Circa mille i partecipanti alla manifestazione, che hanno seguito gli interventi dei tre segretari regionali, Angelo Summa (Cgil), Vincenzo Cavallo (Cisl) e Vincenzo Tortorelli (Uil), alla presenza anche del segretario confederale Cgil, Enrico Miceli

Crespellano (Bologna): Philip Morris investe 600 milioni in tre anni
ANSA – Philip Morris International inaugura oggi a Crespellano (Bologna) il nuovo Centro per l’Eccellenza Industriale, il più grande al mondo del gruppo per industrializzazione, innovazione di processo, ingegnerizzazione e sostenibilità.
Il nuovo centro fa parte di un più ampio piano di investimenti per l’Italia pari a circa 600 milioni in tre anni, collegati ai nuovi prodotti senza combustione, con un impatto occupazionale stimato diretto, indiretto e indotto di circa 8.000 posti di lavoro lungo la filiera
continua in
https://www.ansa.it/emiliaromagna/notizie/2021/10/26/philip-morris-investe-600-milioni-in-tre-anni_5f35262f-5f53-4baf-9e70-4d7b9f80aba6.html

Stretta autoritaria in liceo a Nuoro, studenti in piazza
Sono scesi in piazza, al culmine di una settimana di sciopero contro le regole stringenti e i divieti imposti dalla preside della scuola: niente piercing, né unghie lunghe, né ricreazione, ritiro dei cellulari prima delle lezioni, un solo spostamento per classe verso i distributori di bibite e alimenti
continua in
https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2021/12/04/niente-piercing-in-liceo-a-nuoro-studenti-in-piazza_99c3a4a2-0ada-4cf0-b623-4a81cbdd6f47.html

Bologna. Saga Coffee: primo incontro con imprenditore interessato
ANSA – Si è tenuto stamattina il primo incontro fra l’imprenditore interessato a subentrare al gruppo Evoca nello stabilimento della Saga Coffee di Gaggio Montano (Bologna) e l’assessore allo sviluppo economico della Regione Emilia-Romagna Vincenzo Colla.
continua in
https://www.ansa.it/emiliaromagna/notizie/2021/12/04/saga-coffee-primo-incontro-con-imprenditore-interessato_503fe3ca-f20b-4f41-b55d-3cb4224d42fd.html

Bologna-Navile. La vicesindaca Clancy con la destra e apre agli sgomberi
Potere al Popolo Bologna
Non ci aspettavamo certo prese di posizione di solidarietà dalla maggioranza, che è la prima responsabile dell’abbandono delle case popolari – dice Pasquariello – ma la risposta al question time dell’assessora alla Casa, la vicesindaca Emily Clancy, è molto grave, perché dà ragione alla destra assumendone la retorica securitaria, dando il via libera allo sgombero
continua in
https://contropiano.org/regionali/emilia-romagna/2021/12/04/bologna-navile-la-vicesindaca-clancy-con-la-destra-e-apre-agli-sgomberi-0144558


Ci sono voluti 4 anni di lotte, scioperi e una lunga vertenza in tribunale, ma alla fine i 70 lavoratori delle coop in appalto della Castelfrigo di Castelnuovo Rangone hanno vinto e ottenuto giustizia dal Tribunale di Modena che con una sentenza importantissima ha riconosciuti l’illegittimità dell’intermediazione di manodopera e ha stabilito che i lavoratori sono da considerarsi alle dirette dipendenze dell’aziende
continua in
https://www.facebook.com/prc.federazionedimodena/photos/a.1679401935672462/3156732507939390/


Duccio Galimberti. Il 4 dicembre 1944 un camioncino delle brigate nere di Cuneo preleva dalla caserma un comandante partigiano già moribondo per le sevizie e gli spara a morte una raffica alla schiena nei pressi di Centallo
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=927380697902816&set=a.112021396105421 


Che Storia! è un festival di due giornate per fare assieme un’esperienza inedita con la storia, in sicurezza e nel rispetto delle norme di distanziamento.
La storia ci riguarda. Ci coinvolge e ci emoziona. Ci accompagna a una nuova visione del domani. In un momento segnato da incertezze e inquietudini, la storia è una preziosa risorsa da cui ripartire, una bussola che aiuta a orientarsi.

https://fondazionefeltrinelli.it/chestoria2021/


5 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
I tentativi per la nuova formazione neo centrista, l’entrata in vigore del Green Pass rafforzato e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di domenica 5 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Con l’avvicinarsi dell’elezione del prossimo Presidente della Repubblica si stanno vivacizzando i tentativi di creare una nuova formazione neo centrista per emarginare le frange populiste. Papa Francesco prova a scuotere l’Europa nel giorno della sua visita a Lesbo. Il Green Pass “rafforzato”, ottenibile solo con la vaccinazione o la guarigione dal COVID negli ultimi 6 mesi, entra in vigore domani. È morto oggi a 90 anni Demetrio Volcic, storico corrispondente della Rai da Mosca, Praga, Vienna e Bonn. George Clooney ha detto no a una paga di 35 milioni di dollari per girare lo spot di una compagnia aerea “che, sebbene sia un alleato degli USA, è a volte discutibile“. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-domenica-5-dicembre/

5 dicembre: Papa Francesco a Lesbo, l’incontro con i rifugiati: “Fermiamo naufragio di civiltà”
Il Papa è tornato nell’isola dopo 5 anni. E nel campo di Mytilene si è fermato ad ascoltare le storie e le invocazioni di alcuni dei rifugiati, delle provenienze più diverse, dall’Asia, al Medio Oriente, all’Africa. “Sono qui per vedere i vostri volti, per guardarvi negli occhi. Occhi carichi di paura e di attesa” ha detto il pontefice nel suo discorso
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Papa-Francesco-tra-i-rifugiati-a-Lesbo-messa-ad-Atene-6cfa6a6c-0dce-4ff4-8c4d-b4670dfb9c14.html

5 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 5 dicembre: 15.021 casi e 43 morti nelle ultime 24 ore
Continua ad aumentare il tasso di positività nel nostro paese, passando dal 2,6% di ieri al 2,9% di oggi. Sono 525.108 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 636.592.  Sono invece 736 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 4 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 45. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 5.597, ovvero 169 in più rispetto a ieri
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/05/news/covid_italia_il_bollettino_del_5_dicembre_-329002926/

5 dicembre: Scatta da domani il Super Green pass, le regole della stretta
ANSA – Non sarà necessario scaricare nuovamente il Green pass rafforzato: il Qr code resterà infatti lo stesso, anche se durerà non più 12 ma 9 mesi, e verrà aggiornata la App ‘Verifica C19’ per i controlli
continua in
https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/12/04/scatta-il-super-green-pass-le-regole-della-stretta_77605517-d72f-4611-8d5f-2ec3277384f0.html

Domani arriva il Super Green pass, ecco tutto quello che cambia
Dal 6 dicembre niente ristorante, stadio o teatro per i no-vax
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Lunedi-arriva-il-Super-green-pass-che-cosa-cambia-0a33f26a-c6bf-40c1-b97a-6ebf075039cf.html

È morto oggi a Gorizia Demetrio Volcic, storico corrispondente Rai da Mosca, oltre che da Praga, Vienna, Bonn. Volcic, 90 anni il 22 novembre scorso, fu anche direttore del Tg1 dal 1993 al 1994, senatore del Pds e poi europarlamentare nel gruppo del Pse
Per un quarto di secolo ha raccontato agli italiani il mondo comunista dietro il Muro di Berlino e la Cortina di Ferro prima dal telegiornale in bianco e nero del Canale Nazionale della Rai e poi per il Tg1
continua in
https://www.adnkronos.com/morto-a-90-anni-demetrio-volcic-storico-corrispondente-rai-da-mosca_2E5kaV4mhqnkYCAzZYhjTh

È morto Demetrio Volcic, storico corrispondente Rai da Mosca, aveva appena compiuto 90 anni
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/morto-Demetrio-Volcic-corrispondente-Rai-Mosca-ed019f43-a590-4e83-a767-2cfa20b3f96c.html

Il ricordo di Fulvio Scaglione
https://www.famigliacristiana.it/articolo/quel-giorno-in-cui-alla-prima-comunione-di-mia-figlia-a-mosca-c-era-anche-demetrio-volcic-.aspx

Addio a Demetrio Volcic, il giornalista che ci ha raccontato la guerra fredda
Paolo Soldini – Strisciarossa

“Chi ne sa di più: tu che la guerra fredda l’hai raccontata o lui che l’ha fatta?” Fra i tanti cari ricordi che ho di Demetrio Volcic il più vivo è una serata d’inverno in un ristorante italiano di Berlino, poco tempo dopo la caduta del Muro. Il proprietario aveva invitato con un gruppetto di corrispondenti italiani Markus Wolf, l’imprendibile Mischa che era stato la leggenda dello spionaggio orientale e ora, caduto tra gli sconfitti della Storia e inseguito da un paio di procedimenti penali, si consolava con il buon cibo e l’ottimo vino “del paese che ho sempre amato più degli altri” (a volergli credere). Demetrio era seduto di fronte a lui e alla sua bella moglie Andrea, la terza o la quarta per chi ne teneva il conto, e dopo pochi minuti il resto della tavolata si ammutolì. La chiacchierata tra i due diventò un’intervista, un pezzo di giornalismo da manuale
continua in
https://www.strisciarossa.it/addio-a-demetrio-volcic-il-giornalista-che-ci-ha-raccontato-la-guerra-fredda/

5 dicembre: Osservatorio sulla transizione ecologica. Il ministro Cingolani ostaggio di poteri economici e aziende che puntano sul nucleare
I poteri economici e le aziende che puntano sul nucleare e sul mantenere le fonti fossili per produrre energia elettrica hanno in ostaggio Cingolani. Il Ministro ha partecipato giovedì scorso ad una riunione europea che discuteva cosa inserire nell’elenco delle energie rinnovabili (tassonomia) e ha sostenuto posizioni inaccettabili
continua in
https://www.jobsnews.it/2021/12/osservatorio-sulla-transizione-ecologica-il-ministro-cingolani-ostaggio-di-poteri-economici-e-aziende-che-puntano-sul-nucleare/

5 dicembre: Si balla sul barile, occhio all’equilibrio…
Claudio Conti – Guido Salerno Aletta – Contropiano

Si fa presto a dire “transizione ecologica”… Ma tra il dire e il fare non basta mettere qualche “comunicatore certificato” (un giornalista mainstream, insomma), perché la realtà geofisica e “il mercato” dominato da interessi privati non obbediscono ai “buoni propositi”
continua in
https://contropiano.org/news/ambiente-news/2021/12/05/si-balla-sul-barile-occhio-allequilibrio-0144590

5 dicembre: Mercoledì l’incontro con i vertici di Cassa depositi e prestiti
Tim, il portavoce di Vivendi apre al controllo statale della rete
“Bisogna coniugare la necessaria innovazione tecnologica del Paese con il rilancio di uno dei più rilevanti gruppi italiani” sottolinea
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/tim-portavoce-vivendi-apre-su-controllo-statale-della-rete-c8b6ac09-9072-4be5-bf01-45c5dedf2c34.html

5 dicembre: Calenda-Italia Viva: in campo a Roma contro il Pd se candida Conte alle suppletive
Il leader di Azione: contrasterò questa scelta. Anzaldi: candidato riformista o vince centrodestra. Zingaretti: Conte? Opportunità da valutare
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Calenda-Italia-Viva-in-campo-a-Roma-contro-il-Pd-se-candida-Conte-a72527ac-92c4-4924-89e2-8849b67222d9.html

5 dicembre: Grounded! Cosa ha fatto al mondo un anno senza volare?
Nel marzo 2020 l’aviazione si è fermata. Cosa ha significato per i nostri lavori, i nostri orizzonti e il pianeta? [Cal Flyn]
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/05/cosa-ha-fatto-al-mondo-un-anno-senza-volare/

5 dicembre: I negazionisti che non fanno notizia
Sergio Scorza – Contropiano
Se vi capitasse di andare a fare la terza dose del vaccino al Mandela Forum di Firenze potrebbe capitare di imbattervi in un bizzarro cartellone a firma ‘Regione Toscana’ dall’altisonante titolo “i cento massacri più sanguinosi della storia
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/05/i-negazionisti-che-non-fanno-notizia-0144588

5 dicembre: Ogni giorno si muore di lavoro
L’analisi di Michele Michelino. A seguire link a un articolo di Lorenza Pleuteri
da La bottega del Barbieri
Michele Michelino (del «Comitato per la difesa della salute nei luoghi di lavoro e nel territorio») ha fatto circolare – a ridosso di un incontro a Milano il 27 novembre – una serie di considerazioni che abbiamo ripreso qui [la redazione della “bottega”]
continua in
https://www.labottegadelbarbieri.org/ogni-giorno-si-muore-di-lavoro/

5 dicembre: Bologna, Dopo il No Draghi Day: “Avanti con la mobilitazione unitaria contro le politiche del Governo”
Ieri manifestazione dei sindacati di base da piazza dell’Unità al Sant’Orsola con tappe davanti a un’agenzia di lavoro interinale, a Hera e all’Ispettorato del lavoro. In piazza anche i lavoratori dell’Ikea di Piacenza in lotta contro il licenziamento di 120 precari. Presidio all’Ipercoop di Villanova nell’ambito della vertenza EasyCoop
continua in
https://zic.it/dopo-il-no-draghi-day-avanti-con-la-mobilitazione-unitaria-contro-le-politiche-del-governo/

5 dicembre: La “Settimana Santa”, il Calvario dei detenuti nel marzo 2020 in Italia
Michele Franco – Contropiano
In quei primi giorni del marzo 2020 mentre si diffondeva – nella società ma soprattutto all’interno delle carceri – la legittima paura verso un pericolo inedito, mentre l’intera impalcatura istituzionale e di comando (e in tutto l’Occidente capitalistico) palesava clamorosamente la sua inanità e la natura criminale e criminogena degli inumani rapporti sociali vigenti, dentro il circuito carcerario, lo Stato e i suoi apparati, non mostrarono “debolezza”, non espressero “comprensione e/o pietà” ma praticarono l’uso dispiegato e generalizzato della forza e della brutalità
continua in
https://contropiano.org/news/cultura-news/2021/12/05/la-settimana-santa-il-calvario-dei-detenuti-nel-marzo-2020-in-italia-0144571


In occasione di Più Libri Più Liberi 2021, la Regione Emilia-Romagna presenta readER, La biblioteca digitale per le scuole del territorio regionale.
Per maggiori informazioni 
https://patrimonioculturale.regione.emilia-romagna.it/


16 dicembre – sciopero generale contro la manovra

Manifestazione nazionale a Roma​
Cgil e Uil: sciopero generale il 16 dicembre contro la Manovra
Cgil e Uil considerano “insoddisfacente” la Legge di Bilancio. La Cisl domani riunisce la segreteria per valutare la protesta. Sbarra: sbagliato ricorrere a sciopero generale. La replica di Palazzo Chigi: la Manovra fa tanto per famiglie, lavoratori e pensionati
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/sciopero-16-dicembre-cgil-uil-5ab802a4-3fbf-445f-949d-eccf94cb27b8.html

Insieme per la giustizia. Cgil e Uil: il 16 dicembre sciopero generale e manifestazione a Roma
Fermi tutti, i lavoratori pubblici e privati. Otto ore di stop perché la manovra presentata dal governo Draghi è insoddisfacente su fisco, pensioni, scuola, industria e lavoro. Esonerato il settore della sanità pubblica e privata, comprese le rsa
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/06/news/il_16_dicembre_sciopero_generale_la_decisione_di_cgil_e_uil-1706241/

Sbarra: “Sbagliato ricorrere allo sciopero generale e radicalizzare il conflitto”
“La Cisl considera sbagliato ricorrere allo sciopero generale e radicalizzare il conflitto in un momento tanto delicato per il Paese, ancora impegnato ad affrontare una pandemia che non molla la presa e teso a consolidare i segnali positivi di una ripresa economica e produttiva che necessita di uno sforzo comune per essere resa strutturale
continua in
https://www.cisl.it/senza-categoria/manovra-sbarra-sbagliato-ricorrere-allo-sciopero-generale-e-radicalizzare-il-conflitto/

6 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
I Giuseppe Conte rifiuta l’offerta del PD, i 14 anni dalla strage alla ThyssenKrupp e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di lunedì 6 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte ha declinato l’invito del PD di candidarsi nel Collegio Uno a Roma. A Milano non è stato un esordio vistoso quello delle verifiche sulla validità del Green Pass per viaggiare sul trasporto pubblico locale e regionale. 14 anni dopo la strage alla ThyssenKrupp i corpi dei 7 operai morti nel rogo sono stati trasferiti in un mausoleo dedicato ai morti sul lavoro nel cimitero Monumentale di Torino. Massimo Ferrero è stato arrestato a Milano e si è subito dimesso da presidente della Sampdoria, non coinvolta nell’inchiesta calabrese per reati societari e bancarotta fraudolenta. La Commissione Europea è pronta ad emanare una direttiva per regolamentare i lavoratori della Gig Economy, ma per le ricadute pratiche potrebbe essere necessario attendere fino a 3 anni. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-lunedi-6-dicembre/

Covid Italia, il bollettino del 6 dicembre: 9.503 nuovi casi e 92 morti
Nelle ultime 24 in Italia si sono registrati 9.503 nuovi casi e 92 morti. I tamponi effettuati sono stati 301.560: il tasso di positività sale al 3,2% (+0,3).  Sono invece 743 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 7 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 45. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 5.879, ovvero 282 in più rispetto a ieri. Sono i dati diramati dal ministero della Salute nel bollettino quotidiano.
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/06/news/covid_italia_il_bollettino_del_6_dicembre_-329144563/

6 dicembre
: Il super green pass spinge le prime dosi, è boom di inoculazioni
L’avvicinarsi del Natale spinge tanti ad effettuare la terza dose per arrivare ‘coperti’ alle feste, e le nuove restrizioni legate al certificato verde finiscono per convincere molti indecisi, anche se restano quasi 6 milioni di over 30 non vaccinati
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Il-super-green-pass-spinge-le-prime-dosi-boom-vaccini-coronavirus-0ff4d1c0-8b8d-4870-b5a2-2d79b5eabd2e.html

6 dicembre: La Troika vuole il Quirinale
Dante Barontini – Contropiano

Una crisi costituzionale è il momento in cui le molte differenze – o aperte contraddizioni – tra la “costituzione reale” e quella “formale” di un Paese non sono più mediabili dal normale gioco politico.
In primo luogo perché poteri neanche previsti dall’impianto costituzionale originario sono diventati così forti e pervasivi da non tollerare più il vecchio abito “formale”, e premono senza più molti limiti per farsene cucire addosso uno nuovo, adatto alle proprie esigenze
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/06/la-troika-vuole-il-quirinale-0144609

Non lasciamo il campo libero a Draghi come presidente della Repubblica
Potere al Popolo, all’indomani del No Draghi Day  ha ritenuto opportuno chiamare a questo momento di confronto per non lasciare campo libero all’idea di una trasformazione del paese in una repubblica presidenziale de facto ancora prima che costituzionale, né di lasciarlo al progetto incarnato da Draghi come plenipotenziario indiscusso degli interessi di banche, Confindustria e tecnocrazia europea.
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/06/non-lasciamo-il-campo-libero-a-draghi-come-presidente-della-repubblica-0144596

6 dicembre: Una ripresa economica con troppi morti sul lavoro. È ora di cambiare
Rossanna Dettori – Strisciarossa
Le lavoratrici e i lavoratori infortunati o morti non sono anonimi: tutti sopportano le conseguenze dell’organizzazione del lavoro, che determinano condizioni a volte insopportabili, compresi gli incidenti in itinere causati spesso dagli eccessivi carichi di lavoro o da turni troppo massacranti. Il sindacato farà di tutto affinché queste tragedie cessino e si possa addivenire a lavori tutelati e sicuri
continua in
https://www.strisciarossa.it/ripresa-economica-troppi-morti-lavoro-ora-cambiare/


Campagna Sbilanciamoci

6 dicembre: Le infografiche interattive della Controfinanziaria 2022
Da alcuni anni ormai ci serviamo delle infografiche interattive per facilitare la lettura delle proposte e delle voci in entrata e in uscita contenute nella manovra di bilancio alternativa del Rapporto Sbilanciamoci! e anche quest’anno Carlo Gubitosa ci è venuto in aiuto per la loro realizzazione
continua in
https://sbilanciamoci.info/le-infografiche-interattive-della-controfinanziaria-2022/


6 dicembre: Bologna in piazza per la liberazione di Zaki
“Per Zaki è mancata la pressione internazionale sul Governo egiziano”
Parla un amico del ricercatore arrestato quasi due anni fa in Egitto, partecipando al presidio che si è svolto nella serata di oggi ai Giardini Margherita. Domani nuova udienza: non è escluso che in giornata possa essere comunicata una sentenza.
continua in
https://zic.it/per-zaki-e-mancata-la-pressione-internazionale-sul-governo-egiziano/

6 dicembre: Censis, l’anno della paura genera mostri
Paolo Andruccioli – Collettiva

Nel Rapporto 2021 i dati sul mercato del lavoro sono impietosi: basse retribuzioni, aumento della precarietà, disoccupazione che non scende. Scacchetti, Cgil: “Senza un vero investimento sul lavoro i soldi del Pnrr non basteranno”. Andrea Toma, Censis: “Se non si rivaluta l’impiego non c’è ripresa”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/06/news/l_anno_della_paura_genera_mostri-1705828/

6 dicembre: Crisi da offerta, il risultato di 30 anni di privatizzazioni
Pasquale Cicalese – Contropiano

su Il Messaggero Romano Prodi parla del processo inflazionistico in corso, individuando la causa in “crisi di offerta”. Lui stesso ammette che non è crisi da domanda, si può vedere in Csc Confindustria il grafico consumi, ancora molto al di sotto del 2019 (circa il 7.5%), ma crisi energetica e crisi da reperimento di componenti per la produzione
continua in
https://contropiano.org/news/news-economia/2021/12/06/crisi-da-offerta-risultato-30-anni-privatizzazioni-0144595

6 dicembre: Alfiero Grandi. La democrazia e la Costituzione messe in pericolo dalle tentazioni neo presidenzialiste
Esiste una questione democratica nel nostro Paese? Alcuni segnali sono preoccupanti e sarebbe bene discuterne apertamente, prendendo anche le iniziative necessarie per correggere derive pericolose. Fuori dall’Italia, con evidenti influenze anche su di noi, cresce il numero dei Paesi che hanno derive autoritarie, settarie, atteggiamenti inumani come avviene verso i migranti al confine tra Polonia e Bielorussia, che si aggiungono ai lager che il papa ha visitato in Grecia, per richiamare un’opinione pubblica distratta, lontana, assuefatta.
continua in
https://www.jobsnews.it/2021/12/alfiero-grandi-la-democrazia-e-la-costituzione-messe-in-pericolo-dalle-tentazioni-neo-presidenzialiste/

6 dicembre: Com’era verde la mia COP26
“Attraverso la finanza, si possono ridurre i rischi dell’investimento e creare la capacità di avere accordi bancabili”, ossia rapidamente negoziabili, in modo da trovare facilmente accoglimento e supporto da parte dei lenders, se necessario, ha detto Kerry. “Tutto ciò è fattibile per l’energia, per l’acqua, per il trasporto”
continua in
https://contropiano.org/news/ambiente-news/2021/12/06/comera-verde-la-mia-cop26-0144593

6 dicembre: Guerra in Ucraina? Dipende
Lorenzo Nannetti – Il Caffè Geopolitico
Spirano nuovamente venti di guerra tra Ucraina e Russia. Oppure no? Praticamente tutti sui social sanno dare una risposta. Peccato che la verità non la sappia nessuno. Vi spieghiamo perché con cinque domande e cinque risposte.
continua in
https://ilcaffegeopolitico.net/934252/guerra-in-ucraina-dipende

6 dicembre: Editoria, più diritti per un settore in trasformazione
Roberta Lisi – Collettiva
È arrivato il tempo di una nuova legge che riconosca la dignità del lavoro di tutte le nuove figure professionali che l’innovazione porta con sé. Riconoscendo a tutti il giusto compenso e regole certe
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/culture/2021/12/06/news/editoria_piu_diritti_per_un_settore_in_trasformazione-1702768/

Edizioni e/o, l’indipendenza è possibile
Emiliano Sbaraglia – Collettiva

Intervista a Sandro Ferri, insieme alla moglie creatore di un marchio da oltre quarant’anni protagonista di un viaggio unico nel mondo dei libri, tra grandi successi e la continua ricerca di nuove proposte
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/culture/2021/12/06/news/edizioni_e_o_l_indipendenza_e_possibile-1702762/

6 dicembre 1990 la strage del Salvemini
È una giornata fredda, ma serena, il 6 dicembre 1990. Tutto appare normale a Casalecchio: il traffico, i negozi affollati, l’attività di tutti i giorni fuori e dentro la scuola. Nella succursale dell’Istituto Salvemini sta per suonare l’intervallo; la 2a A periti aziendali si avvia a concludere la lezione di tedesco quando…
Quando improvvisamente la normalità non esiste più. In un attimo si consuma la più grande strage di adolescenti in tempo di pace.
Un aereo militare, un MB 326, pilotato dall’allora sottotenente Bruno Viviani del III Stormo – 603° Squadrone, centra in pieno il primo dei due piani della succursale del Salvemini provocando una voragine di diversi metri di diametro. L’Istituto è frequentato da circa 200 ragazzi dai 14 ai 18 anni. Cento di loro più i professori rimangono bloccati dalle fiamme al piano più alto e liberati dai Vigili del Fuoco e dai soccorsi arrivati subito, circa sette minuti dopo lo schianto.
Lo scenario è di guerra: scoppi, fuoco, fumo, grida, sirene, affanno, incredulità, disperazione, smarrimento… Il cortile della scuola diventa un tappeto, un tappeto di giovani che, indipendentemente dalla gravità delle ferite, sono resi irriconoscibili dal fumo da cui sono riusciti a fuggire. Dal viso traspaiono occhi smarriti e terrorizzati, tutti faticano a respirare

Il sito https://salvemini6dicembre1990.comune.casalecchio.bo.it/home

6 dicembre: Un nuovo modo di raccontare la politica in Rai
Articolo 21
“Assistiamo, da un po’ di tempo, a un cambio di passo da parte di alcune testate sul racconto della politica. Finalmente non si mandano più in onda i sonori autoprodotti dai partiti (i cosiddetti whatsappini) con la dichiarazione pre-confezionata o recitata davanti alla telecamera di operatori (il più delle volte in appalto), ma le giornaliste e i giornalisti della Rai tornano a porre le domande ai politici. Con la possibilità di fare una seconda e una terza domanda nel caso in cui la risposta sia stata evasiva o incompleta”.
continua in
https://www.articolo21.org/2021/12/un-nuovo-modo-di-raccontare-la-politica-in-rai/

6 dicembre: La democrazia americana vista dalla Cina
Marco Baldassari – La Fionda

Convegno presso lo Human Rights Research Institute and School of Politics and Public Administration Northwest University of Political Science and Law (China
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/06/la-democrazia-americana-vista-dalla-cina/

6 dicembre: Silenzio
Giampiero Comolli – Doppiozero
Dove stiamo andando? Dove si nasconde il futuro che ci aspetta? Quali che siano i nostri tentativi di rispondere a una simile domanda, la risposta ultima rimane sempre avvolta nel silenzio, perché il futuro è per definizione insondabile, inafferrabile. Si preannuncia attraverso indizi, tendenze che delineano scenari possibili, ma quel che poi avverrà davvero noi non lo possiamo mai sapere in anticipo. Il futuro si avvicina sempre, incombe sempre, ma incombendo tace. Ciò significa che trovare le parole per dire il futuro e per orientarci verso il futuro, implica il confronto con una parola preliminare a sua volta indefinibile e sfuggente. E questa parola preliminare è: “silenzio”. Silenzio è la parola che sempre s’interpone tra il futuro e noi. Di conseguenza, andare incontro al futuro, ascoltare i suoi segni, osservare i suoi indizi, porta a un confronto profondo con il silenzio, richiede l’esperienza abissale del silenzio. Perché è dal silenzio che potranno poi sorgere nuove parole per dire il futuro che ci si fa incontro
continua in
https://www.doppiozero.com/materiali/silenzio

6 dicembre: Negli Stati Uniti il gioco d’azzardo dilaga come una pandemia
Stephen Marche – Internazionale
Il gioco d’azzardo è diventato uno dei piaceri caratteristici del nostro tempo, l’accompagnamento perfetto per un’epoca ad alto rischio, economie truccate e un senso di catastrofe che incombe su di noi. Una volta c’era Las Vegas. Adesso c’è una Las Vegas in ogni telefono
continua in
https://www.internazionale.it/notizie/stephen-marche/2021/12/06/stati-uniti-gioco-azzardo-dipendenza

6 dicembre: Macbeth: un capolavoro di frontiera
Cesare Galla – Doppiozero
Il primo incontro di Verdi con Shakespeare ha una storia singolare, per molti aspetti unica. L’idea del Macbeth, l’opera che il 7 dicembre inaugura la stagione della Scala, nacque durante l’estate del 1846, dopo il debutto primaverile di Attila alla Fenice di Venezia. In laguna Verdi si era ammalato di una “febbre gastrica” durata varie settimane e il medico gli aveva prescritto sei mesi di riposo, esortandolo a trascorrere un periodo alle Terme di Recoaro, per “passare le acque”. Nel pieno dei cosiddetti “anni di galera” – contrassegnati da un attivismo frenetico e da condizioni produttive sempre al limite – il musicista decise di seguire scrupolosamente la prescrizione, anche se una simile pausa rischiava di avere conseguenze sulla sua carriera. Con il senno di poi, una scelta vincente
continua in
https://www.doppiozero.com/materiali/macbeth-un-capolavoro-di-frontiera

6 dicembre: Valerio Calzolaio. Il libro. Svenker Johansson, “L’alba del linguaggio. Come e perché i Sapiens hanno iniziato a parlare”, Ponte alle Grazie, Milano 2021
Africa e poi ovunque. Da centinaia di migliaia di anni fa in poi, evolvendo. Nella ricerca scientifica sull’origine della nostra specie e dei suoi linguaggi si sono osservate nel mondo animale sempre più facoltà che ritenevamo prettamente umane. Non siamo poi così unici come ci piacerebbe credere. Forse l’innovazione biologicamente più eccezionale è la gestione della memoria tramite puntatori, una dotazione non specifica della lingua. I punti che ci distinguono oggi nettamente da altri animali e dai nostri parenti più stretti sono più relativi alla volontà che alla capacità: i sapiens vogliono comunicare, impulso spiegabile con l’alto livello di fiducia e cooperazione all’interno della società umana e con l’altrettanto alto livello di controllo sociale che la comunicazione consente. Probabilmente, all’interno del genere Homo, la protolingua è comparsa all’inizio dell’evoluzione, riguarda specie precedenti la nostra, progenitori comuni.
continua in
https://www.jobsnews.it/2021/12/valerio-calzolaio-il-libro-svenker-johansson-lalba-del-linguaggio-come-e-perche-i-sapiens-hanno-iniziato-a-parlare-ponte-alle-grazie-milano-2021/


6 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Ferrari (Cgil Veneto): «La Regione ignora l’emergenza sociale»
Ferrari (Cgil): “Il fenomeno colpisce in maniera inedita il Nord, con i poveri più che raddoppiati negli ultimi dieci anni, più che il Meridione del nostro Paese, dove la crescita degli indigenti è in proporzione più contenuta”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/06/news/ferrari_cgil_veneto_la_regione_ignora_l_emergenza_sociale_-1706068/

L’imprevista resilienza del libro
Davide Orecchio – Collettiva

I dati del 2021, resi noti dall’Aie, sono positivi. Si sono venduti più volumi rispetto agli anni passati. Sempre più importanti i canali di vendita online. Boom della piccola e media editoria: +25% di vendite. Ma gli editori diminuiscono
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/culture/2021/12/06/news/l_imprevista_resilienza_del_libro-1694433/

Marche. Precari di Stato, l’allarme di Nidil
Una quarantina di lavoratori interinali dislocati nelle pubbliche amministrazioni rischiano di andare a casa agli inizi del 2022. Al via la mobilitazione in tutta la Regione
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/06/news/precari_di_stato_l_allarme_di_nidil-1705565/

Le organizzazioni religiose non possono discriminare: una conferma importante
Alexander Schuster – Collettiva
La parità di trattamento dei lavoratori non consente a un ente confessionale di penalizzare una dipendente in ragione dell’orientamento sessuale. Il caso di un’insegnante del Trentino, sostenuta da Cgil e Associazione Certi Diritti, che ha avuto giustizia dalla Corte di Cassazione nei confronti di una scuola cattolica che l’aveva licenziata
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/diritti/2021/12/06/news/le_organizzazioni_religiose_non_possono_discriminare_una_conferma_importante-1705569/

«Da Leonardo mezze risposte. La mobilitazione continua»
Marco Togna – Collettiva

Sciopero di otto ore e manifestazione nazionale a Roma dei lavoratori del gruppo, interessati da una procedura di cassa integrazione per 13 settimane. Re David, Fiom: “Il problema della divisione aerostrutture non si risolve con la cig, ma con investimenti e innovazione delle produzioni”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/06/news/da_leonardo_mezze_risposte_la_mobilitazione_continua-1705831/

Uniti per Cuba. Siempre
Giorgio Sbordoni e Davide Colella – Collettiva

C’è almeno un container di beni alimentari pronto a partire per l’isola caraibica ma è solo il primo. Un aiuto che rinnova un rapporto di amicizia e solidarietà tra il sindacato cubano Sntiap e la Flai Cgil, come racconta il segretario generale Giovanni Mininni denunciando gli effetti drammatici dell’embargo economico sulla popolazione e la richiesta d’aiuto arrivata in queste settimane
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/internazionale/2021/10/29/video/uniti_per_cuba-1530181/

Lavoratori Rsa Aris-Aiop, due giorni di protesta a Roma
“Quella che regola i rapporti di lavoro del personale di Rsa e centri di riabilitazione è una vera e propria discriminazione rispetto a chi svolge la stessa professione in altri servizi pubblici”. A dirlo sono i segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio (Giancarlo Cenciarelli), Cisl Fp Lazio (Roberto Chierchia) e Uil Fpl Roma e Lazio (Sandro Bernardini), annunciando una protesta a Roma oggi (lunedì 6 dicembre), dalle 9 alle 12 sotto alla sede di Confindustria, e il 10 dicembre (sempre dalle 9 alle 12) davanti alla Cei, ed evidenziando che “le parti datoriali, riconducibili alle loro rappresentanze laiche e religiose Aris e Aiop, dopo il difficilissimo percorso per arrivare al contratto della sanità privata lo scorso anno, continuano a non voler aprire il confronto per riscrivere il ccnl e a nascondersi”.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/06/news/lavoratori_rsa_aris-aiop_due_giorni_di_protesta_a_roma-1705337/


Luca Billi. Verba Volant
E comunque quando ci sono due incredibili geni del teatro (e anche l’ottimo Piave merita di essere ricordato) non può che essere un grande spettacolo. #PrimaScala #macbeth

Aspettando la prima della Scala.
Il Macbeth di Verdi, su libretto di Francesco Maria Piave, è molto fedele alla tragedia di Shakespeare, la sua più breve e una delle più rappresentate.
E’ utile riflettere su Macbeth, perché questa tragedia non parla solo della brama per il potere, ma affronta un tema che in qualche modo riguarda tutti noi.
continua in
https://www.facebook.com/photo?fbid=10226254136408838&set=gm.3012994852251463

Direzione del maestro Riccardo Chailly e regia di Davide Livermore
Prima alla Scala. Macbeth si chiude con 12 minuti di applausi
Il capo dello Stato all’inaugurazione della stagione del Teatro alla Scala Applausi e grida per il presidente della Repubblica in una vera e propria standing ovation nella quale è più volte echeggiato il grido di “bis” per un suo eventuale secondo mandato
continua in
https://www.rainews.it/dl/rainews/media/Sergio-Mattarella-presso-La-Scala-di-Milano-bis-macbeth-5e93b6fd-594b-4421-ad24-31c805ae2f9d.html#foto-1


7 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
L’annunciata scarcerazione di Patrick Zaki, l’accordo tra governo e sindacati sullo smart working e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di martedì 7 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo aver trascorso 22 mesi in carcere in Egitto senza processo, Patrick Zaki sarà scarcerato in attesa della nuova udienza fissata per il prossimo febbraio. Oggi la Cgil, la Uil e altri sindacati si sono accordati col governo sul tema dello smart working, ma lo sciopero generale indetto da Cgil e Uil per il 16 dicembre resta confermato. A Milano l’inaugurazione della stagione lirica del Teatro alla Scala, segnata dal ritorno in sala del pubblico, ha visto la presenza di Sergio Mattarella, accolto con un applauso di diversi minuti e con grida al “bis”. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-martedi-7-dicembre/

7 dicembre: Controfinanziaria / Una manovra senza respiro
Stefano Lenzi – Sbilanciamoci

In assenza di un disegno strategico, la manovra 2022 presenta interventi in alcuni casi contraddittori, se non contrastanti, con l’obiettivo di decarbonizzazione. Eclatante, l’assenza di piano di progressivo superamento dei Sad. Risibili gli interventi per l’economia circolare. Mentre procede spedito il consumo di suolo.
continua in
https://sbilanciamoci.info/controfinanziaria-una-manovra-senza-respiro/

7 dicembre: Tribunale egiziano scarcera ma non assolve Zaki
Il processo al ricercatore dell’Alma Mater, in carcere da 22 mesi, è stata aggiornato all’1 febbraio. Da Patrick libero: “Temiamo possa essere subito arrestato di nuovo”
continua in
https://zic.it/tribunale-egiziano-scarcera-ma-non-assolve-zaki/

I legali di Patrick Zaki: “Sarà scarcerato ma non è stato assolto dalle accuse”
L’avvocato dello studente ha chiesto l’accesso a tutti i verbali e alle prove dell’inchiesta. La prossima udienza è stata fissata il primo febbraio 2022. La soddisfazione di Draghi. Di Maio: “Primo obiettivo raggiunto”. Escluso il rilascio già stasera
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/I-legali-di-Patrick-Zaki-Sara-scarcerato-ma-non-e-stato-assolto-dalle-accuse-fedb22c5-ca2d-4dbf-9c3c-5c92d7386113.html

7 dicembre: I leader di Cgil e Uil in conferenza stampa
Manovra, Landini: “Disponibili al confronto prima dello sciopero”
Il segretario della Cgil apre la strada ad un confronto con il governo prima dello sciopero generale indetto assieme alla Uil per il 16 Dicembre
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Manovra-Landini-Disponibili-al-confronto-prima-dello-sciopero-cgil-4aa37461-0039-4565-bc70-771a6e7e9e48.html

Insieme per la giustizia e per riformare il Paese
Emanuele De Nicola – Collettiva

I segretari generali di Cgil e Uil illustrano le ragioni dello sciopero generale del 16 dicembre. Landini: “Nella manovra del governo si aiutano i redditi più alti: un errore molto grave. Devono confrontarsi con noi”
la conferenza stampa continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/landini_sciopero-1711229/

Lo sciopero generale, un atto politico per quella sinistra che non c’è
Marco Sferini – Sinistra Quotidiana

Due punti della politica del governo che vanno a colpire le già precarissime condizioni di sopravvivenza di larga parte della popolazione: il primo riguarda le decontribuzioni per le fasce al di sotto dei 30.000 euro, che avrebbe dovuto essere finanziato con quello che Draghi ha definito un “intervento di solidarietà” da applicarsi nei confronti di chi ha un reddito annuo superiore ai 75.000 euro; il secondo punto, invece, riguarda le pensioni e il risicatissimo fondo destinato ad una perequazione delle stesse rispetto al costo della vita, all’impatto inflattivo pesante che si preannuncia per il 2022
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/lo-sciopero-generale-un-atto-politico-per-quella-sinistra-che-non-ce/

7 dicembre: Palazzo Chigi, arriva la sobrietà. I fasti berlusconiani finiscono in cantina
Marcella Ciarnelli – Strisciarossa
Sarà da considerarla un regalo d’addio o piuttosto la volontà di relazionare ai giornalisti sull’attività di governo in un ambiente più a sua immagine, sobrio e funzionale? La decisione del presidente del Consiglio di dare il via libera alla ristrutturazione della sala stampa di Palazzo Chigi meglio non interpretarla dato che per ora, a dispetto del toto Quirinale che impazza, con nomi bruciati in poche ore e partiti nuovi che nascono come i funghi, Mario Draghi non ha fatto trapelare le sue intenzioni per il futuro. In un atteggiamento d’altri tempi, quelli in cui il rispetto del ruolo ricoperto era parte strutturale della serietà di un individuo impegnato nella cosa pubblica. Ed non resta che accettare la motivazione ufficiale della decisione che discenderebbe dalla necessità di adeguare le misure di sicurezza, anche sanitarie, indispensabili con la pandemia che non si arresta
continua in
https://www.strisciarossa.it/palazzo-chigi-arriva-la-sobrieta-i-fasti-berlusconiani-finiscono-in-cantina/

7 dicembre: Concluso il vertice virtuale Usa-Russia
Ucraina, Biden a Putin: “De-escalation e ritorno alla diplomazia”
Due ore di summit tra il capo del Cremlino ed il presidente americano. Biden ha ribadito sostegno alla sovranità ucraina, ed ha chiesto a Putin “un ritorno alla diplomazia”. Cremlino: discussa “crisi interna” Ucraina. Putin a Biden, no a espansione Nato. Biden dopo il summit ha parlato con gli alleati europei. Giovedì colloqui col presidente ucraino
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Ucraina-Biden-Putin-De-escalation-ritorno-alla-diplomazia-vertice-29699d4c-781e-44ba-887b-6b5136e23e2e.html

Wall Street Journal: “Il mondo sta entrando in un periodo pericoloso”
Alla vigilia del colloquio di oggi tra Biden e Putin, il Wall Street Journal ha pubblicato un editoriale nel quale bastona severamente il presidente Usa accusandolo di essere troppo cedevole verso la Russia, l’Iran e la Cina
continua in
https://contropiano.org/news/internazionale-news/2021/12/07/wall-street-journal-il-mondo-sta-entrando-in-un-periodo-pericoloso-0144622

I diktat di Israele contro i negoziati con l’Iran
I media israeliani, riferiscono che il capo del Mossad, David Barnea, è a Washington  per sollecitare un’azione militare contro l’Iran, auspicando e agendo per il possibile fallimento dei negoziati sul nucleare. Lo scrive il ‘Jerusalem Post’ anticipando che Barnea sarà raggiunto giovedì negli Stati Uniti dal ministro della Difesa, Benny Gantz, in visita ufficiale
continua in
https://contropiano.org/news/internazionale-news/2021/12/07/i-diktat-di-israele-contro-i-negoziati-con-liran-0144618

7 dicembre: Fermato in aereoporto in partenza per Riad
Omicidio Khashoggi, arrestato a Parigi presunto membro del commando
Arrestato dalla polizia francese il presunto membro del commando coinvolto nell’assassinio del giornalista, avvenuto il 2 ottobre del 2018 nel consolato saudita di Istanbul. Stava per partire per Riad
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Omicidio-Khashoggi-arrestato-a-Parigi-presunto-membro-del-commando-6c07aca7-03d6-412c-8a32-1e0969db0936.html

7 dicembre: Germania: firmato l’accordo di coalizione tra Spd, Verdi e Fdp
Domani al Bundestag è prevista l’elezione di Scholz a cancelliere e l’insediamento del nuovo esecutivo
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Germania-firmato-accordo-di-coalizione-del-governo-semaforo-b3851c53-b1a5-42cc-b4bb-23bdf2b465a4.html

7 dicembre: Postpandemia, pensieri (meta) giuridici
Donato Caporalini – La Fionda

È sempre buona regola domandarsi quale sia il desiderio che muove un autore a scrivere. Per il libro di Antonio Cantario, Postpandemia, pensieri (meta) giuridici, Giappichelli, esso consiste, mi pare, nel “comprendere il presente per agire su di esso” a fronte della duplice sfida a cui è sottoposto il lavoro intellettuale di cui l’autore è testimone e interprete: la sfida allo studioso di Diritto e al Professore. Si tratta di un intento quanto mai ambizioso (titanico lo definisce l’autore in una sorta di premessa – Sabbatico, il buen retiro – che precede i sette capitoli di cui è composto il libro) vista la pervasiva influenza dei poteri che costituiscono sial’ordinamento reale della società che i metodi e le finalità dell’insegnamento. In tutte le sue declinazioni, infatti, i lavori del giurista, dello studioso di Diritto Costituzionale e dell’insegnante si devono confrontare con la situazione prodottasi dalla mutazione dei valori costitutivi e costituenti gli ambiti giuridici, politici, sociali, culturali delle società contemporanea senza che le norme costituzionali formalmente vigenti siano stati cancellate o radicalmente manomesse. Da ciò derivano una contraddizione e un paradosso
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/07/postpandemia-pensieri-meta-giuridici/


Adriano Sofri. Sul suicidio assistito arrivano piccoli, grotteschi sabotatori
Piccola Posta – Il Foglio

Così una drammatica prova di sofferenza, dignità e libertà si muta in un episodio di ottusità burocratica: l’azienda sanitaria delle Marche fa spuntare l’obiezione di coscienza nella somministrazione del farmaco
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/07/news/sul-suicidio-assistito-arrivano-piccoli-grotteschi-sabotatori-3442012/


7 dicembre: Se l’opposizione alla DAD è stata miope
Gloria Zazio and Nuova Direzione
La Fionda
Dalla fine di febbraio 2020, periodo nel quale la scuola è stata oggetto dei primi, caotici e contraddittori provvedimenti di chiusura adottati per contrastare la pandemia[1], ad oggi, quando il ritorno alla didattica in presenza è malamente (e fragilmente) puntellato solo su Green Pass e vaccini, l’attenzione per il tema della scuola non è mai scemato, e occupa anzi una posizione di rilievo su tutti i principali canali di informazione
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/07/se-lopposizione-alla-dad-e-stata-miope/

7 dicembre: Vita da studentessa
Alessia Diana – La Fionda
Per un’oretta, tutto sembra essere normale tra le mura dell’appartamento dove vivo. Colazione, caffè. Esco di casa alle otto e quindici e attendo l’autobus. Avrei dovuto accendere un computer, dopo colazione, collegarmi via Teams per una lezione di biologia che non seguirò
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/07/vita-da-studentessa/


7 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

A L’Aquila la manifestazione regionale dell’Abruzzo. In piazza Cgil e Uil
“Il nostro obiettivo – scrivono le confederazioni – è anche quello di accendere nuovamente i riflettori sulle problematiche che continuano ad interessare il nostro territorio: dall’occupazione alle crisi industriali, passando per il precariato e i risvolti sanitari, economici e sociali legati alla pandemia”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/a_l_aquila_la_manifestazione_regionale_dell_abruzzo_in_piazza_cgil_e_uil-1709012/

Lavoro agile: Regole nazionali per tutti i settori privati
Varato il Protocollo sullo smart worrking. L’adesione del lavoratore sarà volontaria. Scacchetti (Cgil): Accordo positivo che valorizzata la contrattazione collettiva.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/regole_nazionali_per_tutti_i_settori_privati-1710611/

Giorgio Cremaschi: Potere al Popolo. Giustizia di classe europea
Il 6 dicembre 2007 sette operai della Tyssen Krupp di Torino morirono bruciati vivi nell’incendio della fabbrica. Tutti i principali dirigenti della fabbrica sono stati condannati in via definitiva per quel delitto.
Però i manager tedeschi ed in particolare l’amministratore delegato Harald Espenhahn sono ancora in Germania che non li ha mai estradati in Italia, dove non han scontato un giorno di carcere.
Emilio Scalzo, che non è colpevole della morte di operai ma di solidarietà verso i migranti, non ha ancora ricevuto alcuna condanna dalla Francia che l’accusa, ma l’Italia lo ha già estradato in quel paese, dove sta in carcerazione preventiva.
È la giustizia di classe europea, di cui il potere italiano è servo.

Ma la pandemia dice che irrazionale è l’economia liberista
Raffaele K. Salinari – Contropiano/Il manifesto
Ma la pandemia dice che irrazionale è l’economia liberista
continua in
https://contropiano.org/interventi/2021/12/06/ma-la-pandemia-dice-che-irrazionale-e-leconomia-liberista-0144604

Fermiamo il capitalismo che sta uccidendo il pianeta
George Monbiot, The Guardian/Internazionale
C’è un mito sugli esseri umani che resiste a ogni evidenza, cioè che mettiamo sempre la nostra sopravvivenza al primo posto. Questo è vero ma per altre specie, che quando si trovano di fronte a una minaccia imminente, come l’inverno, investono grandi risorse per evitarla o sopportarla: migrando o andando in letargo, per esempio. Per gli esseri umani la questione è diversa
continua in
https://www.internazionale.it/opinione/george-monbiot/2021/12/07/capitalismo-pianeta

L’arte del fumetto è andata in mostra a BilBolBul
Francesco Boille – Internazionale

È tornato uno dei festival più originali, se non il più originale e culturale, del fumetto italiano, il bolognese BilBolBul (2-5 dicembre 2021), giunto alla sua quindicesima edizione. Di appuntamenti meritevoli ce ne sono tanti, ma che dialoghino con l’arte contemporanea, sottolineando e ragionando sui confini del fumetto con essa, oltre che sul fumetto stesso, come riesce al festival diretto da Emilio Varrà e dall’associazione Hamelin, è davvero raro
continua in
https://www.internazionale.it/opinione/francesco-boille/2021/12/07/arte-fumetto-bilbolbul

Rider, prove tecniche di rivoluzione
Patrizia Pallara – Collettiva

Una proposta di direttiva della Commissione europea stabilisce che i lavoratori delle piattaforme debbano avere un contratto subordinato. Se passerà il vaglio di Parlamento e Consiglio, diventerà una legge a cui gli Stati dovranno uniformarsi
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/rider_prove_tecniche_di_rivoluzione-1708755/

Fonici, trascrittori e stenotipisti: i sindacati scrivono ancora alla ministra Cartabia
“Siamo nuovamente a sottoporre la situazione nella quale si trovano le circa 1.500 lavoratrici e lavoratori impiegati nell’appalto del ministero della Giustizia per il servizio di documentazione degli atti processuali”, inizia così la nota che le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti hanno inviato alla ministra della Giustizia Marta Cartabia, per chiedere un incontro urgente, vista la continua assenza di risposte
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/fonici_trascrittori_e_stenotipisti_i_sindacati_scrivono_ancora_alla_ministra_cartabia-1711003/

Gioia Tauro, da mesi lavoratori senza Ima
Colombo (Filt Cgil): “È inspiegabile e ingiustificabile che più di 40 lavoratori della Port agency dello scalo non ricevono più gli importi dell’indennità di mancato avviamento, che rappresenta il loro unico sostegno al reddito, a seguito di una nuova interpretazione da parte ministero della Infrastrutture e della mobilità sostenibili sulla norma di riferimento”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/gioia_tauro_da_mesi_lavoratori_senza_ima-1710619/

Modena. Ammortizzatori sociali in calo
Pizzolla (Cgil provinciale): “Si riduce l’utilizzo, ma le ore autorizzate sono sempre tante. Ciò dimostra che la crisi produttiva, derivante dalla pandemia Covid 19, diminuisce ma non è ancora superata. Dal 1° gennaio serve una cassa integrazione universale”
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/ammortizzatori_sociali_in_calo-1710148/

Trentino. Autobrennero, indetto stato d’agitazione
Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Sla Cisal
 hanno indetto lo stato di agitazione dei lavoratori dell’Autobrennero, cui dal 16 dicembre si aggiungerà il blocco degli straordinari. A motivare la protesta, la decisione dell’azienda di non attivare a dicembre i contratti stagionali per gli addetti ai caselli della A22
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/autobrennero_indetto_stato_d_agitazione-1709702/

Bologna. Ravaglioli, rinnovato integrativo aziendale
Fiom-Fim-Uilm provinciali: “Approvato a grandissima maggioranza dai lavoratori, l’accordo prevede il rafforzamento delle relazioni sindacali, l’estensione della formazione, maggiori diritti individuali e collettivi, un premio di risultato uguale per tutti i livelli d’inquadramento e più controlli in tema di appalti e subappalti”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/ravaglioli_rinnovato_integrativo_aziendale-1710602/

Adac service, primi risultati della lotta sindacale
Monza e Brianza. Filcams Cgil territoriale: “Lavoriamo per il mantenimento dei livelli occupazionali in Italia”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/adac_service_primi_risultati_della_lotta_sindacale-1710133/


8 dicembre: Sapesse Contessa
Roberto Morea – Transform Italia
Quando CGIL e UIL hanno dichiarato lo sciopero generale tutti i mass media si sono affrettati nel definirlo incomprensibile, senza un reale motivo, dato che la manovra economica del “governo di tutti” in fondo metteva d’accordo tutti dal PD alla Lega dando qualche risposta persino alla classe media
continua in
https://transform-italia.it/sapesse-contessa/



A Lidia, in ricordo
Rosa Rinaldi e Nicoletta Pirrotta
continua in
https://transform-italia.it/a-lidia-in-ricordo/

 “Mia madre insegnò a noi due figlie un suo codice etico. Ci diceva: “Siate indipendenti economicamente e poi fate quello che volete, il marito lo tenete o lo mollate o ve ne trovate un altro. L’importante è che non dobbiate chiedergli i soldi per le calze”.

«Sono ex tante cose ma non ex partigiana, perché essere partigiani è una scelta di vita»


8 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Patrick Zaki è uscito dal carcere, la Lombardia verso la zona gialla e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di mercoledì 8 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Patrick Zaki è uscito dal carcere di Mansura, in Egitto, dove era detenuto, ed è stato accolto dalla famiglia che lo sta riportando al Cairo, dove vivono, e dove attenderanno la sentenza del processo. È in corso ormai da settimane la trattativa tra i Paesi dell’UE per includere gas e nucleare nelle energie da sostenere con incentivi. In occasione della manifestazione dell’8 dicembre 2005, oggi cinquemila persone hanno partecipato alla marcia popolare No Tav nella Val Susa. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia, con la Regione Lombardia che si avvia verso la zona gialla.
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-mercoledi-8-dicembre/

8 dicembre: Patrick Zaki è libero.
Dopo il rilascio a Mansura le prime parole sono in italiano: “Tutto bene”
Lo studente dell’Università di Bologna dopo 22 mesi di carcere è stato scarcerato da un commissariato di Mansura: “Voglio ringraziare l’Italia”. Riccardo Noury, Amnesty: “Aspettavamo quell’abbraccio da 22 mesi”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Patrick-Zaki-rilascio-egitto-Mansura-221372e6-c7c2-40b4-83c7-f5377b30b785.html

Patrick Zaki libero dopo 668 giorni: «Ora voglio tornare in Italia. Il mio posto è a Bologna» – Il video
Restano in piedi le accuse a suo carico. La legale: «Non sappiamo se potrà lasciare l’Egitto». La prossima udienza è fissata per il 1° febbraio
continua in
https://www.open.online/2021/12/08/egitto-scarcerazione-patrick-zaki/

La libertà di Zaki è solo provvisoria: la soluzione è smettere di fare affari con l’Egitto
Marco Brando – Strisciarossa
Lassù – di certo in un posto diverso da un palazzo di giustizia, ben più in alto – qualcuno ha detto “Si può fare”. Così lo studente egiziano Patrick Zaki oggi probabilmente uscirà dalle carceri del suo Paese, quelle in cui è stato rinchiuso per quasi due anni, dal 7 febbraio 2020, con l’accusa (mai provata) di aver diffuso informazioni false sui social. Sarà scarcerato “anche se non è stato assolto“, hanno chiarito ieri i suoi avvocati, “Non sappiamo ancora quando potrà uscire”. Non gli sarebbe stato imposto l’obbligo di firmare ogni giorno un registro in una caserma, in vista della prossima udienza, fissata per l’1 febbraio 2022. Forse potrà riprendere in contatti online con l’Università di Bologna, dove frequentava il master Gemma in studi di genere e delle donne
continua in
https://www.strisciarossa.it/la-liberta-di-zaki-e-solo-provvisoria-la-soluzione-e-smettere-di-fare-accordi-con-legitto/

Zaki: ora la fuga è legittima, l’Italia lo aiuti
A Patrick Zaki hanno rubato, negato, indebitamente sottratto dalla sua giovane vita trecentottantamila minuti di libertà. Ora Patrick è libero, seppur provvisoriamente, fino alla prossima udienza del febbraio 2022. Dovrà essere impegno del nostro Paese e del nostro Governo trasformare quella libertà a tempo in libertà definitiva. Si tratta di consentire a Patrick di attendere l’esito del processo non in forma semi-reclusa nell’Egitto di Al Sisi, bensì dove lui preferisce, preservandone la libertà di movimento. Essendo il processo nei confronti di Zaki un processo politico, anche in questo delicato momento, conterà la pressione diplomatica che dovrà essere esercitata allo scopo di sottrarre Patrick ai rischi di un giudizio che nulla ha a che fare con le regole dello Stato di diritto
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/zaki-ora-la-fuga-e-legittima-litalia-lo-aiuti/

8 dicembre: “Impossibile ignorare il volto dei migranti, non giriamoci dall’altra parte”
Papa Francesco all’Angelus: “La libertà vera si trova nell’umiltà”
“Tra le povere mura di una piccola casa, Dio ha cambiato la storia” ha detto il papa all’Angelus nella solennità dell’Immacolata Concezione, commentando il Vangelo di oggi
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Papa-Francesco-all-Angelus-La-liberta-vera-si-trova-nell-umilta-6b610e40-805e-4c0d-9d11-fe251074f4b1.html

8 dicembre: Covid Italia, il bollettino dell’8 dicembre: 17.959 nuovi casi e 86 morti
Nelle ultime 24 ore nel nostro Paese sono stati registrati 17.959 nuovi casi Covid, mai così tanti dal 9 aprile scorso (quando furono 18.938) contro i 15.756 di ieri. Con 564.698 tamponi (ieri 695.136) il tasso di positività sale al 3,2% (+0,9%). I decessi sono 86 (ieri 99), per un totale di 134.472 vittime dall’inizio dell’epidemia
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/08/news/covid_italia_il_bollettino_dell_8_dicembre_-329434461/

8 dicembre: I dati aggiornati diffusi dal Governo
Vaccini, l’Italia arriva a 100 milioni di dosi. In forte aumento anche i richiami
E l’obiettivo del 90% si fa più vicino. A ricevere almeno una dose è stato l’87% della popolazione over 12, mentre a completare il ciclo l’84%
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/quasi-100-milioni-dosi-omicron-non-detto-sia-grave-3b419113-45fb-4f63-8ebc-b713f35e0c16.html

8 dicembre: Fisco. L’Iva al Terzo settore resta un caso. Si lavora per sopprimere la norma
Eugenio Fatigante – Avvenire

Lepri (Pd) annuncia un emendamento soppressivo della stangata amministrativa (proposta dalla Lega). Il Mef: dossier seguito con attenzione. Il gioco delle parti nelle dichiarazioni dei leader politici
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/liva-al-terzo-settore-resta-un-caso-si-lavora-per-sopprimere-la-norma

8 dicembre: Sciopero generale, uno scossone per spingere il governo a cambiare (e dare la sveglia alla sinistra)
Pietro Spataro – Strisciarossa

Un anno fa gridavamo niente sarà come prima. Un anno dopo quasi tutto, purtroppo, sta tornando come prima. Se c’è un argomento per sostenere lo sciopero generale indetto da Cgil e Uil per il 16 dicembre è proprio questo: pensavamo che la pandemia spazzasse via, insieme con le scellerate politiche di rigore che hanno funestato l’Europa, anche un certo modo – diciamo liberista – di affrontare la ripresa premiando i soliti noti e infischiandosene delle disuguaglianze che sono aumentate e che colpiscono duramente e invece ci ritroviamo a nuotare nello stesso mare di prima. Speravamo in un cambio di paradigma, ma il paradigma sembra essere sempre lo stesso
continua in
https://www.strisciarossa.it/sciopero-generale-uno-scossone-per-spingere-il-governo-a-cambiare-e-dare-la-sveglia-alla-sinistra/

8 dicembre: “Non è lo sciopero la via giusta”
Manovra, la Cisl Sabato 18 in piazza “con responsabilità”
Il sindacato indice una manifestazione a Roma “per migliorare i contenuti della manovra senza incendiare i rapporti sociali ed industriali”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Cisl-sabato-18-in-piazza-con-responsabilita-sciopero-manovra-7f2b1696-6d5f-4422-b63c-1dff0400b896.html

8 dicembre: Meglio tardi che mai! Bentornato sciopero generale
Checchino Antonini – Popoff quotidiano
Cgil e Uil: lo sciopero generale per il 16 dicembre. Pd imbarazzato. La Gkn: «Convocazione tardiva ma lo sciopero deve riuscire»
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/08/16-dicembre-finalmente-sciopero-generale/

8 dicembre: La classe dirigente
Francesca Gabbriellini e Giacomo Gabbuti – Jacobin Italia
I lavoratori di Gkn annunciano «un piano produttivo» autonomo che propone una nazionalizzazione di nuovo tipo, costituita da «un movimento dal basso, fatto di reti volontarie e professionali, militanti e accademiche»
continua così
https://jacobinitalia.it/la-classe-dirigente/

8 dicembre: Ocse: futura età pensionabile in Italia a 71 anni, tra le più alte. Spesa al 15,4% del Pil
Nel nostro paese “una lavoratrice che inizia la sua carriera a 27 anni ed è disoccupata per 10 anni nell’arco della sua vita professionale riceverà una pensione inferiore del 27% rispetto a quella di una lavoratrice a tempo pieno,  si legge nel rapporto ‘Pensions at a Glance’
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/pensioni-ocse-futura-eta-pensionabile-in-italia-a-71-anni-tra-piu-alte-spesa-al-15-e-4-per-cento-del-pil-1dadedfc-6f2d-4ec4-8f23-de4a65f6b2ee.html


La storia dell’umanità ci insegna a immaginare l’alternativa
Intervista a David Wengrow di Jade Lindgaard
da http://effimera.org/la-storia-dellumanita-ci-insegna-a-immaginare-lalternativa-intervista-a-david-wengrow-di-jade-lindgaard/
Pubblichiamo un’intervista di Jade Lindgaard, redattore di Médiapart, a David Wengrow, sul libro di David Graeber & David Wengrow, The Dawn of Everything: A New History of Humanity, Penguin Books Ltd, 2021. L’intervista, che si è svolta a Parigi il 21 novembre 2021, è stata pubblicata su Mediapart il 27 novembre scorso.


8 dicembre: Liberare l’acqua dalla Borsa
Scommettere sul “valore finanziario” dell’acqua significa scommettere sulla vita. La quotazione dell’acqua in Borsa servirà solamente a remunerare i grandi capitali dei grandi speculatori. Così facendo l’accesso all’acqua diventerà un privilegio destinato solo a coloro che se lo potranno permettere. La messa in Borsa della risorsa idrica rafforzerà la tendenza in corso a dare la priorità all’uso dell’acqua per l’economia rispetto all’uso dell’acqua per la vita, per bere e per l’igiene
continua in
https://transform-italia.it/liberare-lacqua-dalla-borsa/

Ferruccio Parri
(Pinerolo, 19 gennaio 1890 – Roma, 8 dicembre 1981)
Chiaffredo Paulasso, Marsili, Maurizio, Valenti
continua in
https://www.reteparri.it/chi-siamo/ferruccio-parri/

Paolo Brogi. Povero Pinelli: un libro ne deturpa la memoria
Non mi aspettavo certo che l’editore Castelvecchi con cui ho pubblicato il mio libro “Pinelli, l’innocente che cadde giù”  mandato in libreria con l’impegnativo sottotitolo “Dalle carte sugli Affari Riservati nuova luce su depistaggi e montature”, facesse poi uscire nella stessa collana (Nodi) un testo basato, tra tante altre convinzioni decisamente  sballate, sul coinvolgimento dell’anarchico negli attentati di cui – l’autore afferma perentorio – Pinelli “era al corrente” e sulla gratuita banalizzazione del ruolo degli Affari Riservati. 
continua in
https://www.brogi.info/2021/12/povero-pinelli-un-libro-ne-deturpa-la-memoria.html?fbclid=IwAR28aY9W5WRTW3JaKQ7mlXpTwgFEAwcgQpYi6Xm1_TkPTJ2wemtcJvmJNro

«Giuseppe Pinelli, nostro padre»: la vita dell’anarchico raccontata dalle figlie in una graphic novel
Silvia Calvi – Corriere della Sera

«Vita accidentale di un anarchico». Quando il padre morì Claudia aveva solo 8 anni e Silvia 9. «Cucinava il risotto per tutti: famigliari, amici e studenti. Posso dire che nella nostra piccola casa milanese entrava il mondo»
continua in
https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_dicembre_08/giuseppe-pinelli-padre-vita-dell-anarchico-raccontata-figlie-una-graphic-novel-3c62140c-5788-11ec-a930-bf44d710576f.shtml

8 dicembre: La nuova Politica Agricola Comune (PAC): qualche luce e molte ombre
Alessandro Scassellati – Transform Italia
In una prospettiva a lungo termine, la PAC per gli anni dal 2023 al 2027 è innegabilmente una continuazione dei programmi precedenti. Tiene conto dell’ambiente e del clima, e questo significa compiere un nuovo passo, ma che le organizzazioni ambientaliste e dell’agricoltura non intensiva considerano insufficiente, e che comunque richiederà grandi sforzi da parte di molti agricoltori per soddisfare le nuove esigenze: è un’evoluzione, non una rivoluzione
continua in
https://transform-italia.it/la-nuova-politica-agricola-comune-pac-qualche-luce-e-molte-ombre/

8 dicembre: Germania. Olaf Scholz è cancelliere, finisce l’era di Angela Merkel
Passaggio di consegne nella sede della Cancelleria tra Scholz e Merkel. Stamane giuramento davanti ai deputati
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/scholz-germania-olaf-cancelliere-berlino-7ef20d79-399a-4714-a097-77848beb7429.html


Luca Billi. 8 dicembre, Immacolata Concezione
Ovviamente un giorno di vacanza fa sempre piacere – e io me lo sono goduto, dormendo fino a tardi e andando a pranzo fuori con Zaira – però trovo sempre più anacronistico che sia festa nazionale una festa assolutamente cattolica, per altro non tradizionale, istituita per ricordare un dogma recente, molto dibattuto e sui cui perfino quelli che si dicono cattolici tentennano se interrogati. Oggi infatti non siamo andati a lavorare per ricordare il dogma cattolico secondo cui Maria sarebbe l’unica donna a essere libera dal peccato originale, fin dal momento del suo concepimento.
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10226261509153152&set=gm.3014051785479103


8 dicembre: Il ritorno della politica parte dai microchip
Alfredo Somoza – Radio Popolare

Una delle ricadute della pandemia che più hanno spaventato la politica è stata la messa a nudo di un rischio finora negato: il rischio, cioè, che la suddivisione internazionale della produzione fosse diventata un vulnus per la sovranità dei Paesi. Con sorpresa, la politica ha verificato che quando non si controlla più il ciclo industriale – perché delocalizzando si è dato il via all’industrializzazione di altre regioni del pianeta – la posizione di forza che in passato era esclusiva dei Paesi occidentali passa in altre mani. 
continua in
https://www.radiopopolare.it/blog/il-ritorno-della-politica-parte-dai-microchip/

8 dicembre: La morale del Supercittadino
Elena Cicchini – La Fionda

Nel commentario alla Politica di Aristotele, Buridano definisce supercivis (supercittadino) «l’uomo che per qualche bene supera gli altri […] nelle scienze e nelle virtù». «Cittadino sopra i cittadini (civis supra cives)», quest’uomo non è soggetto alla legge al pari degli altri (non sub lege coartatur), ma ne diviene egli stesso criterio
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/08/la-morale-del-supercittadino/


Lena Horne, la stella nera di Stormy Weathers e di una vita in lotta
Luca Billi – Allonsanfan
È bella Lena Horne, ha gambe lunghe e un sorriso smagliante e disarmante, ma non è fatale come la sua amica Ava Gardner né scandalosa come Rita Hayworth, non è il “sogno proibito” dell’America, potrebbe esserne la fidanzata, come Ginger Rogers. È brava Lena Horne, sa ballare e sa recitare, ma soprattutto ha una voce calda e avvolgente, è una delle cantanti più brave della sua generazione, di quelle grandi artiste che stanno facendo la fortuna degli studios. È nera Lena Horne, ed è per questo che non è diventata la star che avrebbe meritato di essere.
continua in
https://www.allonsanfan.it/2021/12/08/lena-horne-stormy-weathers/?fbclid=IwAR1O2bId1LltyJqm7ZWRsVqGLxNup-P7FJhY-2IenmE46Z0BLINIQzRbhjQ


8 dicembre: Anaïs Nin – Henry e June
Ilaria Palomba – La Fionda

Anais Nin è una delle donne più affascinanti della letteratura del Novecento, amante di Henry Miller e di sua moglie June, di Antonin Artaud, dello psicanalista Otto Rank, è una scrittrice che ha fatto della sua vita un’opera d’arte. Scriveva racconti erotici, su commissione per un ricco signore che amava dilettarsi in letture salaci, pubblicati postumi nel Delta di Venere. Ma la sua opera più importante è il suo Diario, ripubblicato in singoli volumi, ciascuno dedicato a un periodo particolare della sua vita. Henry e June (scritto tra il 1931 e il 1932) è il titolo del libro che racchiude quella parte di diario in cui narra della sua avventura con Henry Miller e sua moglie June Mansfield (la Mona di Tropico del Cancro)
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/08/anais-nin-henry-e-june/

8 dicembre: Marx nella rete
Roberto Rosso – Transform Italia

La Commissione Europea sta per proporre  al parlamento ed al consiglio europeo una direttiva per regolare il lavoro coordinato dalle piattaforme digitali (Proposal for a DIRECTIVE OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL on improving working conditions in platform work) che impone alle piattaforme che organizzarono il lavoro de riders di assumerli salvo che siano in grado di dimostrare che il rapporto non sia di lavoro subordinato, invertendo l’onere della prova, assieme a molti altri dispositivi di regolazione del rapporto. In questi giorni il CENSIS nel suo rapporto analizza la presenza ed il diffondersi in una parte della società italiana di atteggiamenti complottisti e visioni
continua in
https://transform-italia.it/marx-nella-rete/

8 dicembre: sport
Cittadini stranieri nati in Italia, si lavora alla revisione dei regolamenti
Il Premier Mario Draghi ha apprezzato l’apertura nei confronti di Tam Tam Basket, augurandosi che la Federazione possa incentivare ulteriori processi di integrazione
continua in
https://sportando.basketball/cittadini-stranieri-nati-in-italia-si-lavora-alla-revisione-dei-regolamenti/?fbclid=IwAR1iIumRkPhm2nroTcPfEH_U986cxMQ3iz_lowWmTGq-lx2EvAzur9jjbL8


Wu Ming. Contro le frontiere e per l’Immacolata Liberazione di tutte e tutti, a partire da Emilio Scalzo e Turi Vaccaro

L’8 dicembre è la sacra ricorrenza del movimento No Tav: l’Immacolata Liberazione, in ricordo di quel giorno del 2005 in cui migliaia di persone misero in fuga le forze dell’ordine e riconquistarono il terreno della Libera Repubblica di Venaus.
Anche oggi la moltitudine No Tav celebra la data con una marcia che è anche appuntamento di lotta. La camminata sarà da Borgone a San Didero, dove resiste il presidio permanente contro la costruzione di un nuovo autoporto, una delle tante grandi opere inutili “accessorie” alla Grande Opera Inutile per eccellenza, quella a cui la maggioranza della popolazione valsusina si oppone da trent’anni.
In Valsusa gli eventi si susseguono, si srotolano, la storia li sciorina ogni giorno. Negli ultimi tempi non siamo riusciti a renderne conto come avremmo voluto. Lo spettacolare arresto del No Tav Emilio Scalzo e la sua estradizione in Francia sono le notizie che hanno forato la membrana, fuoriuscendo dall’ambito locale, anche grazie alla concomitanza della visita in valle di Zerocalcare
continua in
Contro le frontiere e per l’Immacolata Liberazione di tutte e tutti, a partire da Emilio Scalzo e Turi Vaccaro – Giap (wumingfoundation.com)


Green Social Festival
Venerdì 10 dicembre
ore 10,30
Bologna – Palazzo D’Accursio


https://www.facebook.com/GreenSocialFestival


9 dicembre 1895: nasce Dolores Ibárruri (La Pasionaria).
Nel 1933 è presidente dell’Unione delle donne antifasciste. E’ arrestata più volte. E’ stata anche Segretaria Generale del Partito Comunista di Spagna. Dall 1942 fino agli anni ’60 è in esilio in URSS. Dopo la morte di Franco diventa deputata nelle Asturie. Il 12 novembre 1989 muore a Madrid

“Es preferible morir de pie que vivir de rodillas”

“Di tutti i popoli, di tutte le razze, veniste a noi come fratelli, figli della Spagna immortale, e nei giorni più duri della nostra guerra,quando la capitale della Repubblica spagnola era minacciata,foste voi, valorosi compagni delle Brigate Internazionali, che contribuiste a salvarla con il vostro entusiasmo combattivo, il vostro eroismo e il vostro spirito di sacrificio”.
Dolores Ibarruri Discorso per lo scioglimento delle Brigate Internazionali (1939)


9 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
La pandemia che alimenta le disuguaglianze, chi rischia il giallo, l’addio alla regista Lina Wertmuller e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di giovedì 9 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nessuna apertura del governo sulle richieste dei sindacati. C’è solo un ritocco sui fondi destinati a calmierare le bollette, ma la riforma fiscale resta com’è. Il segretario della Cgil Landini attacca la maggioranza, senza nominare il premier Draghi: “I partiti non si rendono conto della reale situazione sociale del Paese”. La Confindustria europea non vuole regole per proteggere i rider dallo sfruttamento. Dopo la proposta della Commissione europea su un nuovo pacchetto di norme, ribattono: “Sono lavoratori autonomi, stanno bene così”. La pandemia ha aumentato ancora la disuguaglianza tra la parte più ricca e quella più povera della popolazione. Sei regioni rischiano la zona gialla a Natale. Anticonvenzionale, eretica e di sinistra, nel 1977 fu la prima donna premiata con un Oscar per il film “Pasqualino Settebellezze”. Addio a Lina Wertmuller. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-giovedi-9-dicembre/

9 dicembre: PERCHE’ NON CALI IL SILENZIO
La morte del tunisino Latif in un ospedale: tutte le domande aperte
Anche la Procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla morte del giovane arrivato a Lampedusa. Lo sciopero della fame della sorella. Un caso che merita risposte
Abdel Latif è morto a soli 26 anni, lo scorso 28 novembre, nel reparto psichiatrico dell’Ospedale San Camillo di Roma. Giunto in Italia dalla Tunisia, si trovava nel Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Ponte Galeria dal 13 ottobre
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/le-domande-sulla-morte-di-abdel-latif

9 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 9 dicembre: 12.527 i nuovi contagi e 79 i decessi. Tasso di positività sale al 4%
Meno casi rispetto a ieri ma anche un numero minore di tamponi processati e con un tasso di positività, quindi, che schizza al 4%. Sono infatti 12.527 i nuovi casi Covid accertati nelle 24 ore in Italia, contro i 17.959 di mercoledì 8 dicembre. Pesa l’effetto post-festivo, che ha ridotto drasticamente i test che sono stati 312.828 ovvero 242mila in meno del giorno precedente, facendo salire il tasso di positività al 4% contro il 3,2% di ieri. I decessi sono 79 (ieri 86), per un totale di 134.551 vittime dall’inizio dell’epidemia, secondo i dati forniti dal mnistero della Salute. E crescono anche i ricoveri: le terapie intensive sono 20 in più (ieri +15) con 69 ingressi del giorno, e salgono a 811, mentre i ricoveri ordinari sono ben 234 in più (ieri +21), 6.333 in tutto
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/09/news/covid_italia_il_bollettino_del_9_dicembre_nuovi_casi_e_morti-329540062/

9 dicembre: Dati sicurezza Pfizer per bambini rassicuranti
Vaccini, Ema: “Booster sicuro e efficace già dopo tre mesi”
“Serve raccogliere più prove per determinare se lo spettro di gravità della malattia causato da Omicron è diverso da quello di tutte le varianti che sono circolate finora. E solo il tempo – ha sottolineato il capo della strategia vaccinale, Marco Cavaleri – lo dirà”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/vaccini-ema-booster-sicuro-e-efficace-gia-dopo-tre-mesi-45038f23-8907-4256-b113-5259d2dde70a.html

9 dicembre: La variante Pfizer
Nick Dearden – Jacobin Italia

Il proliferare di mutazioni del Covid-19 conferma l’inefficienza del mercato nel distribuire i vaccini e porre un argine alla pandemia. Bisogna trovare un altro modello: alcuni paesi del sud del pianeta ci stanno provando
continua in
https://jacobinitalia.it/la-variante-pfizer/

9 dicembre: Controfinanziaria / Una spesa sociale non residuale
Grazia Naletto – Sbilanciamoci
L’intervento sulle politiche sociali nella legge di bilancio rischia di aggravare la sperequazione dei livelli dei servizi tra Nord e Sud. Dal Reddito di cittadinanza, ai rifugiati e dalle assunzioni nella sanità al fondo per la non autosufficienza: le proposte di Sbilanciamoci
continua in
https://sbilanciamoci.info/controfinanziaria-una-spesa-sociale-non-residuale/

9 dicembre: Washington
Summit per la Democrazia. Draghi: “La pandemia è stata una grande sfida, siamo stati all’altezza”  
Biden: “Difendere libertà di stampa e diritti umani”
continua
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Ue-Usa-Draghi-Summit-per-la-Democrazia-1b580be7-6233-47dd-a83b-f2adb52fc1d8.html

9 dicembre: Sciopero generale: Authority, viola norme, va riprogrammato
Il Diario del Lavoro

Lo sciopero generale proclamato per il prossimo 16 dicembre va riprogrammato perché non rispetta il ”periodo di franchigia” previsto per i servizi postali, per quelli di igiene ambientale e per i servizi alla collettività
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/sciopero-generale-authority-viola-norme-va-riprogrammato/

9 dicembre: Manovra: Cgil e Uil confermano lo sciopero del 16 dicembre
Landini: “Sciopero non contro qualcuno, ma per i risultati”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/manovra-cgil-uil-confermano-sciopero-dicembre-16-c40b4d96-7a7c-443e-9dcb-75e47606e30e.html

Insieme per la giustizia e per riformare il Paese
Emanuele Di Nicola – Collettiva
I segretari generali di Cgil e Uil illustrano le ragioni dello sciopero generale del 16 dicembre. Landini: “Nella manovra del governo si aiutano i redditi più alti: un errore molto grave. Devono confrontarsi con noi”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/landini_sciopero-1711229/

9 dicembre: Consiglio dei ministri a Palazzo Chigi, nuovo decreto da 3,3 miliardi​
Nuovo decreto da 3,3 miliardi: ai vaccini 1,85 miliardi. 1,4 miliardi per Rfi; 49 milioni in più alle forze dell’ordinemore at: continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/cdm-palazzo-chigi-8f01be74-d039-4806-ad79-82ea9e56195e.html

9 dicembre: Quirinale. Mattarella firma sette provvedimenti di grazia
Il presidente è intervenuto su sette storie, situazioni e condanne diverse: dalla multa di 450 euro all’omicidio avvenuto nel corso di una rapina
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/quirinale-mattarella-firma-7-provvedimenti-clemenza-individuali-ece953d6-bf86-4443-a003-7a73c1707978.html


Ndr. Di seguito condivido un lavoro molto interessante (e utile) elaborato sul sito di Transform Italia

9 dicembre: Organizzazione digitale
Facendo seguito alle osservazioni sui nuovi media e sulle tecnologie informatiche della comunicazione, abbiamo trovato interessanti i casi di applicazione in campo sindacale e le riflessioni conseguenti che la Fondazione Rosa Luxemburg ha pubblicato nell’ottobre 2021 sotto il titolo “Digital organizing – Potenziale neuer technologien für gewerkschaftliche organisationsmacht”. Ne proponiamo dunque una nostra traduzione (e un grazie a Stefano Marchesi) accanto all’originale che potrete trovare qui.
continua in
https://transform-italia.it/organizzazione-digitale/


9 dicembre: “Lasciar parlare la scienza. Far tacere lo scientismo”. Intervista a Fabrizio Chiodo, scienziato team studiosi del vaccino cubano Soberana
Alba Vastano
È in questa terra, baciata da una spettacolare natura, che da oltre sessanta anni sulla popolazione cubana persistono misure disumane messe in atto dall’imperialismo statunitense.
L’embargo, noto come il ‘bloqueo’, commerciale, economico e finanziario è stato imposto dagli Stati Uniti subito dopo la Rivoluzione castrista allo scopo di ridurre la popolazione alla fame, impedendo l’acquisto di alimenti. Solo Trump, dall’inizio della pandemia ha emanato 243 misure contro l’economia dell’isola e ad oggi, con Biden, sono ancora in vigore. La finalità di queste misure è disumana, perché lede tutti i diritti di un popolo che chiede solo la libertà essere autonomo dai poteri imperialisti che dilagano e soggiogano buona parte dei popoli. Ma a Cuba le misure disumane sono esponenziali
continua in
http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=48821

9 dicembre: Il Signor Imbruttito fa un film, e finisce secondo in classifica
Barbara Sorrentini – Radio Popolare

Il Milanese Imbruttito è diventato un film. È uscito il 7 dicembre ed è finito secondo in classifica. “Mollo tutto e apro un chiringuito”, il film realizzato da un collettivo formato dagli autori del Terzo segreto di satira e da quelli del Milanese Imbruttito, ha superato film come “Cry Macho” di Clint Eastwood e “Ghostbusters Legacy”. La storia del dirigente d’azienda milanese che, sfinito dallo stress quotidiano, decide di investire in Sardegna per aprire un chiosco sulla spiaggia ha incontrato le risate del pubblico italiano.
continua in
https://www.radiopopolare.it/il-signor-imbruttito-fa-un-film-e-finisce-secondo-in-classifica/

Morta a Roma la regista Lina Wertmuller, aveva 93 anni
Nel 2019 aveva vinto il premio Oscar alla carriera
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Lina-Wertmuller-morta-93-anni-0545a775-7662-4fd2-b897-f1030515076e.html

Anarkikka ha aggiunto una nuova foto all’album: Sbirciando da qui… 2.021.

I Talebani, saggio di Giovanni Bensi per l’editore Luni con una lunga postfazione di Giuliano Battiston ed Emanuele Giordana.
Nel 2001 Giovanni Bensi pubblicò un dotto saggio sulle radici ideologiche dei Talebani che non ebbe sfortunatamente una grande eco. Quel libro, valido vent’anni fa come oggi, spiegava bene quel che molti ignorarono, a cominciare dalle differenze profonde tra Al Qaeda e il movimento di ispirazione Deobandi, una scuola di pensiero islamista e fortemente anticoloniale nata verso la fine dell’Ottocento nell’India britannica. L’editore Luni lo ha adesso ripubblicato, a cura di Isabella Doniselli, nella collana Biblioteca Icoo grazie alla collaborazione con la Biblioteca-Archivio del Csseo di Levico diretto da Fernando Orlandi che ne ha scritto l’introduzione restituendo a Bensi la statura che merita. Luni ha affidato a Giuliano Battiston ed Emanuele Giordana una lunga postfazione che aggiorna il libro di Bensi al 15 agosto 2021, alla conquista o meglio riconquista del potere in Afghanistan da parte del movimento fondato da mullah Omar alla fine del Novecento. Pubblichiamo qui il primo capitolo della parte curata dai due giornalisti che conoscono bene l’Afghanistan su cui hanno già scritto diversi saggi e numerosi articoli.
Il volume è stato presentato ieri a Roma al circolo Arci/Sparwasser da Marina Forti, vice direttrice della Scuola di giornalismo della Fondazione Basso, e dai due coautori

Ne riproduciamo il primo capitolo
Vent’anni talebani – Lettera22



9 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

9 dicembre: Manovra inadeguata, sabato 11 dicembre Cgil e Uil in piazza a Bari. Conclude Landini
“La finanziaria penalizza soprattutto il Sud”, spiegano i segretari generali Gesmundo e Busto: “I provvedimenti sembrano ignorare la condizione in cui vive la maggioranza dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, così come dei giovani afflitti dal precariato”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/08/news/cgil-uil_11_dicembre_manifestazione_a_bari-1712117/

9 dicembre: Lavorare fino a 71 anni senza una pensione degna
Rapporto Ocse 2021. Gli effetti perversi delle «riforme» sui precari e chi ha iniziato a lavorare dal 1996 in poi
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/lavorare-fino-a-71-anni-senza-una-pensione-degna/


Rota (Fai Cisl): grande stagione di rinnovi contrattuali, ma le sfide sono ancora tante
Emanuele Ghiani – Il Diario del Lavoro

Il diario del lavoro ha intervistato il segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, in merito ai recenti rinnovi contrattuali nel settore dei forestali, degli allevatori, dell’artigianato area alimentazione e panificazione e l’apertura delle trattative per il rinnovo del contratto Operai agricoli e florovivaisti. Per il segretario della Fai Cisl, sono state inserite nei vari contratti molti punti di welfare e di supporto alla conciliazione vita-lavoro, ma la lotta per arginare i veri fenomeni di sfruttamento de lavoro serve la partecipazione di tutti e ha proposto una sua ricetta in tal senso.  
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/rota-fai-cisl-grande-stagione-di-rinnovi-contrattuali-ma-le-sfide-sono-ancora-tante/


Genova. Il lavoro come cultura
Documenti, foto, manifesti, arte e cultura nella storia della Camera del Lavoro Metropolitana di Genova
La Camera del Lavoro Metropolitana di Genova ha recentemente intensificato le azioni volte alla conservazione e alla valorizzazione del proprio patrimonio documentale, iconografico ed artistico che si compone di un prezioso archivio storico, di una biblioteca e di una composita raccolta di opere d’arte. L’Archivio Storico, conservato presso l’Archivio Storico del Comune di Genova, è stato costituito negli anni settanta e contiene documenti che coprono l’arco temporale che va dai primi anni del secondo dopoguerra agli anni novanta.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/09/news/il_lavoro_come_cultura-1712798/

Ex Embraco, dal 23 gennaio via ai licenziamenti
Si concluderà così, a meno di novità dell`ultima ora, la vicenda dell’ex fabbrica di Riva di Chieri e dei 400 lavoratori che, negli ultimi tre anni, hanno lottato per difendere il proprio posto di lavoro. I sindacati ricordano che, nonostante la proroga degli ammortizzatori sociali autorizzati a luglio 2021 con l`obiettivo di trovare una soluzione occupazionale per i lavoratori, nel corso degli ultimi 12 mesi il ministero dello Sviluppo economico non ha mai convocato il tavolo ex Embraco
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/ex-embraco-dal-23-gennaio-via-ai-licenziamenti/

Elica, firmato l’accordo che tutela i posti di lavoro
Nel corso dell’incontro che si è tenuto oggi presso il Mise, in modalità mista (in presenza e in remoto) e al quale erano presenti l’azienda, le organizzazioni sindacali nazionali e territoriali e le istituzioni locali, è stato presentato l’accordo “che finalmente mette fine a una vertenza iniziata molto male”. Lo hanno dichiarato Barbara Tibaldi, segretaria nazionale e responsabile Fiom del settore dell’elettrodomestico e Silvia Spera, Area politiche industriali della Cgil nazionale
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/09/news/elica_firmato_l_accordo_che_tutela_i_posti_di_lavoro-1716715/

Sos emergenza casa
Patrizia Pallara e Carlo Ruggiero – Collettiva

A lanciare l’allarme è il sindacato degli inquilini Sunia, che per rafforzare presenza e servizi tiene a Rimini l’assemblea organizzativa “I diritti, l’abitare, il territorio”. “Guardiamo al domani – spiega il segretario generale Chiappelli – per rappresentare al meglio le istanze delle persone”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/09/video/sos_emergenza_casa-1711067/

Venezia. Speedline, l’ennesima delocalizzazione
Roberto Greco – Collettiva

Un’eccellenza dell’automotive chiude lo stabilimento e trasferisce la produzione in Polonia, lasciando per strada 800 lavoratori (fra diretti e indotto). Giovedì 9 dicembre vertice con la Regione Veneto, ma i sindacati chiedono l’intervento del governo
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/08/news/speedline_l_ennesima_delocalizzazione-1712535/

9 dicembre: Air Italy, avviati i licenziamenti
Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl: “E’ inaccettabile, serve un’immediata convocazione ai ministeri dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili e del Lavoro, finora tutti colpevolmente assenti”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/09/news/air_italy_avviati_i_licenziamenti-1715672/

Delocalizzazioni e politiche industriali. Tutto da rifare
Paolo Andruccioli – Collettiva
“È necessario creare un Fondo speciale per la riconversione del sistema produttivo”, spiega il segretario confederale Cgil Emilio Miceli: “Ora occorre utilizzare al meglio le risorse del Recovery fund. E sulle regole contro la fuga delle aziende il governo dica cosa vuole fare” 
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/09/news/delocalizzazioni_e_politiche_industriali_tutto_da_rifare-1710916/

Campania, domani sciopero e presidio dei forestali
Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil regionali: “Gli operai idraulico-forestali meritano rispetto e fatti concreti perché è con il loro lavoro che si evitano tragedie frutto del dissesto idrogeologico. Sono una risorsa preziosa per la difesa del territorio e, dopo anni di precarietà lavorativa, meritano risposte definitive”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/07/news/campania_sciopero_e_presidio_dei_forestali_il_10_dicembre-1709425/

Cgil-Uil, i navigator tornano in piazza il 13 dicembre
Il Diario del Lavoro

Dopo la mobilitazione del 18 novembre “non abbiamo ancora ricevuto nessuna rassicurazione ufficiale” del Governo sulla questione dei navigator, che quindi torneranno in piazza il 13 dicembre. Lo annunciano Nidil-Cgil e Uiltem-Uil
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/cgil-uil-i-navigator-tornano-in-piazza-il-13-dicembre/

Emilia Romagna: 10 dicembre, i dirigenti scolastici dicono basta
Flc Cgil, Uil scuola, Snals Confsal regionali: “Il prolungarsi dell’emergenza pandemica ha determinato per i dirigenti scolastici un sovraccarico di responsabilità e lavoro, che non conosce tregue nemmeno nei giorni festivi e negli orari serali. Dopo le buone intenzioni dichiarate dal Governo, nei fatti, all’interno della legge di Bilancio in discussione in Parlamento, nessuna delle richieste avanzate dalla categoria è stata presa in considerazione”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/09/news/10_dicembre_i_dirigenti_scolastici_dicono_basta-1715484/


Il Presidente Mattarella e la figlia Laura

Adriano Sofri. Sergio Mattarella e Liliana Segre alla prima alla Scala, una nostalgia italiana
Piccola Posta – Il Foglio
Tra cinquant’anni si leggerà di loro come noi leggemmo i romanzi di Joseph Roth, come guardammo “Senso” e Alida Valli
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/09/news/sergio-mattarella-e-liliana-segre-alla-prima-alla-scala-una-nostalgia-italiana-3452485/

Macbeth, ripartenza, Colle, successione. E le Ombre (di Banco & C.)
Marco Garzonio – Radio Popolare
Alla Scala è andata in scena una versione del post Mattarella. Nel palco reale il Presidente, garante dell’autenticità della ripartenza; il pubblico plaude e chiede il bis per 6 minuti: è lo psicodramma nazionale; in scena il Macbeth di Verdi truce metafora della lotta per il potere politico-economico ambientato in un’anonima, tecnologica, supermoderna città. 
continua in
https://www.radiopopolare.it/blog/macbeth-ripartenza-colle-successione-e-le-ombre-di-banco-c/..


10 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
La conferma dello sciopero generale, l’accelerata sulle prime dosi e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di venerdì 10 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Cgil e Uil confermano lo sciopero generale fissato per giovedì 16 dicembre. Accelera la campagna vaccinale, nella prima settimana dopo quella dell’entrata in vigore del super Green Pass sono state somministrate 244000 prime dosi. La Corte britannica ha ribaltato il verdetto contro l’estradizione di Julian Assange. Una bambina turca di 10 anni ha perso la vita tentando di attraversare un fiume al confine tra Croazia e Slovenia. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-venerdi-10-dicembre/

10 dicembre: Giornata mondiale dei diritti umani
Il 10 dicembre è una ricorrenza celebrata in tutto il mondo, con eventi che ricordano l’importanza dei diritti appartenenti a ogni essere umano a prescindere da appartenenza sociale, provenienza, religione, credo politico e idee e con il fine di tutelare una serie di diritti inalienabili che appartengono a tutti, sempre
continua in
https://www.unibs.it/it/ateneo/comunicazione/tutte-le-news/giornata-mondiale-dei-diritti-umani-10-dicembre

Dove sono finite le afghane e gli afghani?
Il dramma è scomparso dal dibattito pubblico europeo e italiano. In occasione della Giornata internazionale per i diritti umani, la campagna “Io accolgo” lancia l’iniziativa nazionale “Cambiare a fondo le politiche di accoglienza”. Massafra, Cgil: “Quella crisi è l’emblema di quanto accade lungo tutte le frontiere”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/diritti/2021/12/10/news/dove_sono_finite_le_afghane_e_gli_afghani_-1715214/

Quei 22 conflitti che provocano 82 milioni di sfollati invisibili
Paolo Lambruschi – Avvenire

Il Covid ha portato più guerre e disuguaglianze in tutto il pianeta. Sono diventate 21 le guerre ad alta intensità nel 2020sei in più rispetto all’anno precedente, quando erano 15. Tra le più gravi lo Yemen, la Siria, il Sud Sudan. Con il conflitto nella regione etiopica del Tigrai salgono a 22 nel 2021
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/caritas-covid-guerre-sfollati-invisibili


VERSO LO SCIOPERO GENERALE

Laura Veronesi. Sono fantastici…“Non ci possiamo permettere una stagione di conflitto sociale”….

É incredibile questa borghesia molle, avida e senza scrupoli: una parte di paese surfa sui cavalloni della povertà da decenni, nel 2021 la quota di chi vive forme di povertà croniche, secondo il rapporto della Caritas (non il bollettino rivoluzionario di Rifondazione Comunista), sale ulteriormente (27,7%), i poveri intermittenti salgono al 20% circa
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10228917356659828&set=a.10200627590833363

10 dicembre: IL MILIARDO DELLA VERGOGNA
“Un altro miliardo per calmierare l’aumento delle bollette per cittadini e imprese: con le decisioni del Consiglio dei ministri di oggi, le risorse in legge di bilancio per raffreddare i rincari energetici arrivano a 3,8 miliardi”. Lo dice il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini “(Ansa).
Potenza dello sciopero! La sola dichiarazione di Cgil e Uil ha smosso il consiglio dei ministri, anche se il rimedio è ancora più vergognoso e indecente del niet precedente. La destra fa la ‘ragionevole’, scopre solo a sciopero dichiarato l’abisso bollette, ma lo fa mettendo le mani nella fiscalità generale, mantiene le guarantigie per chi problemi di bolletta non ha. E così facendo mostra sfacciatamente l’interesse di classe per il quale ha costretto allo sciopero generale. Sciopero contro cui si scaglia l’Authority, e la Cisl che scende in piazza per “responsabilita” e magari intestandosi il miliardo dell’ultima ora.
Per Landini&Bombardieri una prova ulteriore per dimostrare se e come hanno intenzione di fare sul serio
Antonio Napoletano sulla propria pagina Facebook

Claudio Bazzocchi. VIVA LA CGIL, VIVA LO SCIOPERO GENERALE, PERÒ…
…vogliamo smetterla di fare gli offesi perché i giornaloni, i padroni, Draghi e i ministri vari sono contrariati e non hanno detto invece: bravi, che bello che fate sciopero!
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10227768466982870&set=a.1104089608173

Fausto Anderlini. Potere operaio
Della Cisl ricordo questo: che entrava in fibrillazione appena al governo saliva il centro-sinistra. Un giorno si e l’altro anche minacciava lo sciopero generale. La Cisl è fatta così: come l’asse si sposta a sinistra vuole tutto e subito. Se l’asse si sposta a destra (l’optimum sarebbe il centro) la Cisl si accontenta delle lenticchie. Un comportamento che è tipico delle formazioni estremistiche.
Fausto Anderlini sulla propria pagina Facebook


Manifestazione nazionale a Roma in Piazza del Popolo ore 9:30 con Pierpaolo Bombardieri, Segretario Generale UIL e Maurizio Landini, Segretario generale CGIL

10 dicembre: Landini (Cgil): «La politica ignora il disagio nel Paese»
Eugenio Fatigante – Avvenire

Stop dal Garante, ma l’astensione dal lavoro indetta da Cgil e Uil si farà. Il segretario Cgil: sbagliato fare la riforma fiscale con gli 8 miliardi che servivano ai ceti più deboli
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/sciopero-generale-no-garante-intervista-landini

10 dicembre: Macché “luna di miele” interrotta: Ai lavoratori il governo non sa dire altro che no
Lorenzo Fattori – Strisciarossa

La proclamazione dello sciopero generale da parte di CGIL e UIL per il 16 dicembre ha causato svariate reazioni, alcune delle quali non fanno altro che evidenziare la drammatica mancanza di cultura politica che attanaglia questo Paese: a partire dalla Presidenza del Consiglio, che si dice sorpresa e ritiene lo sciopero incomprensibile, per arrivare infine a certe autorevoli firme che hanno commentato la scelta dei sindacati con toni da lesa maestà. Qualcuno ha addirittura parlato di “sciopero politico”: insomma, ci si esercita con le tautologie, ma è grave che chi lo fa ne sia inconsapevole, se il suo mestiere è proprio quello che attiene alle parole
continua in
https://www.strisciarossa.it/sciopero-fattori/

Contro il governo Draghi, sviluppiamo la mobilitazione. Sullo sciopero generale del 16 dicembre
Potere al Popolo

Cgil e Uil hanno convocato per il 16 dicembre uno sciopero generale di 8 ore contro la legge finanziaria. I motivi ci sono tutti checchè ne dicano gli esponenti di Governo, ma per incidere sulle politiche economiche di Governo non bastano quelle 8 ore!
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/10/contro-il-governo-draghi-sviluppiamo-la-mobilitazione-sullo-sciopero-generale-del-16-dicembre-0144720

10 dicembre: Emergenza pandemia
Coronavirus, 20.497 nuovi casi con 716.287 tamponi e 118 morti. Indice di positività al 2,9%
In aumento terapie intensive (+5) e ricoveri (+150)
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/dati-covid-10-dicembre-2021-3f849f47-bf07-4eb4-b0b9-0c98c822b4f0.html

10 dicembre: Aumentano i ricoveri nelle rianimazioni
La Calabria passa in zona gialla da lunedì 13, firmata l’ordinanza
La firma del ministro della Salute, Speranza. La regione è all’11,8% di occupazione in terapia intensiva (contro la soglia del 10%) e al 16,8% in area medica (contro la soglia del 15%)
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/calabria-passa-zona-gialla-ministro-speranza-firmato-ordinanza-ac037a65-c868-4a0a-abd2-f0581709f5d9.html

10 dicembre: 5 arresti e 11 indagati
Caporalato nel Foggiano, tra gli indagati anche la moglie capo dipartimento immigrazione Viminale
Michele Di Bari ha rassegnato le dimissioni: “Mia moglie certa della sua estraneità”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/caporalato-foggia-indagata-moglie-capo-dipartimento-viminale-ea45d945-c918-4534-955c-f0b8f563671c.html

Scandalo caporalato
Blitz delle forze dell’ordine a Manfredonia e nel foggiano. Arresti e misure cautelari. Sedici persone coinvolte. Tra loro anche la moglie del capo immigrazione del Viminale che si dimette. Giovanni Mininni (Flai Cgil): “Una notizia che ci riempie di sgomento”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/10/news/scandalo_caporalato-1719949/

10 dicembre: Parchi e aree protette, la legge va bene ma la politica non sa guardare avanti
Enzo Valbonesi – Strisciarossa
Credo che se si vuole compiere una riflessione sulla legge quadro sulle aree protette (la 394 del 1991 di cui ha scritto qui il professor Ugo Leone) si debba partire dalla attualità della funzione dei parchi naturali per sottolineare che la loro essenza sta nel rapporto, mai definito per sempre, della natura con l’uomo. A questo proposito riporto alcuni spunti del pensiero del professor Valerio Giacomini contenuti nel libro “Uomini e parchi”, pubblicato postumo nel 1981
continua in
https://www.strisciarossa.it/parchi-e-aree-protette-la-legge-va-bene-ma-la-politica-non-sa-guardare-avanti/

Cinqueterre, muri contro il climate change
Rosa Celle – Popoff Quotidiano
Entra nel vivo il progetto Stonewallsforlife, nel Parco Nazionale delle Cinque Terre
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/10/cinqueterre-progetto-stonewallsforlife/

10 dicembre: Niente soldi dalle istituzioni: quest’anno il festival Cinema e Donne non si farà
Tania Paolino – Strisciarossa

Era già tutto pronto, il programma, le date, gli ospiti, ma, dopo ben 43 anni di attività, il Festival di Cinema e Donne di Firenze stavolta non si farà. Le risorse disponibili non sono sufficienti a coprire le spese: solo la Regione Toscana, benchè in misura ridotta rispetto a prima, non ha fatto mancare il suo sostegno, al contrario del Comune di Firenze, che non ha inteso dare il suo contributo. Eppure, questa manifestazione da oltre 40 anni rappresenta la città toscana e l’Italia agli incontri internazionali, è stata capace di innovare idee e linguaggi, ha realizzato un laboratorio sociale e culturale importante, qualcosa, insomma, che bisognerebbe semmai incentivare, non perdere
continua in
https://www.strisciarossa.it/niente-soldi-dalle-istituzioni-il-festival-questanno-cinema-e-donne-non-si-fara/


Massimo Piermarini. La ricetta di Piketty per ridurre le disuguaglianze, luci e ombre
Piketty ritorna nelle librerie italiane con un nuovo testo, Una breve storia dell’uguaglianza che integra con nuove analisi i risultati delle sue ricerche precedenti, consegnate specialmente nei volumi “Il Capitale nel XXI secolo” (2014) e “Capitalismo e ideologia” (2020). Nelle intenzioni dell’autore si tratta di una storia comparativa delle disuguaglianze tra classi sociali e popoli nelle società umane o meglio di una storia dell’uguaglianza, perché nel corso della storia si verifica un processo di lungo termine finalizzato a una maggiore uguaglianza giuridica, sociale, economica e politica
continua in
Massimo Piermarini. La ricetta di Piketty per ridurre le disuguaglianze, luci e ombre | Jobsnews.it


10 dicembre. Controfinanziaria: Serve un’economia solidale
Monice Di Sisto e Riccardo Troisi – Sbilanciamoci

La legge di bilancio è rivolta all’indietro. Il governo sottovaluta gli interventi per un’economia sociale e solidale adottati invece in Francia, non considera rilevanti gli indicatori di benessere e ancora si attende una legge contro le delocalizzazioni
continua in
https://sbilanciamoci.info/controfinanziaria-serve-uneconomia-solidale/

10 dicembre: Assange può essere estradato negli Usa: l’Alta Corte britannica ribalta la sentenza
Lo scorso gennaio, una giudice distrettuale aveva negato l’estradizione per ragioni di “salute mentale”. Il fondatore di Wikileaks rischia fino a 175 anni di carcere, ma Washington assicura: al massimo, potrebbe essere condannato a 6 anni di prigione
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Assange-estradizione-usa-alta-corte-britannica-ribalta-sentenza-3baef53c-db75-48cc-bf98-4f2b851eab30.html

Ok all’estradizione di Assange negli Usa: parodia della giustizia
“Siamo di fronte a una parodia della giustizia”, ha dichiarato Nils Muižnieks, direttore per l’Europa di Amnesty International. “L’Alta corte britannica ha scelto di accettare le presunte rassicurazioni degli Usa secondo le quali Assange non sarebbe posto in isolamento all’interno di una prigione di massima sicurezza. Il fatto che gli Usa si siano riservati il diritto di cambiare idea in qualunque momento significa che tali rassicurazioni valgono meno del pezzo di carta su cui sono state scritte”
continua in
Ok all’estradizione di Assange negli Usa: parodia della giustizia – Amnesty International Italia

Quello che dobbiamo ad Assange e Wikileaks
Come le modalità di collaborazione e protezione delle fonti di Wikileaks e Assange hanno influenzato gli altri media [Jérôme Hourdeaux]
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/10/quello-che-dobbiamo-ad-assange-e-wikileaks/

10 dicembre: L’hacker dietro lo scandalo Pegasus: lo spyware usato per spiare Khashoggi
Rosita Rijtano – la vialibera

La tecnologia ha avuto un ruolo nell’assassinio del giornalista saudita. Dietro c’è un’industria milionaria e quasi priva di regole legittimata dalla lotta alla criminalità organizzata e al terrorismo. Intervista a Claudio Guarnieri che, in collaborazione con 17 giornali, ha svelato come il software dell’azienda israeliana Nso Group venisse usato per sorvegliare attivisti e giornalisti
continua in
https://lavialibera.it/it-schede-745-hacker_scandalo_pegasus_khashoggi

10 dicembre: Crisi Mosca – Kiev
Nato, Stoltenberg: “Non è la Russia a decidere l’eventuale adesione dell’Ucraina”
La promessa di Biden a Kiev e all’Est Europa: “Vi difenderemo”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/nato-stoltenberg-russia-decidere-adesione-ucraina-10a9d2d1-4a6f-4044-8472-babd4d610195.html

10 dicembre: Spagna, giudici e polizia contro la democrazia
Pedro Vallín e Nicola Tanno – Jacobin Italia
Le inchieste contro i leader di Podemos, la persecuzione dell’indipendentismo catalano e la destra negli organismi giudiziari sono segnali di un potere conservatore che usa gli apparati dello Stato per bloccare qualsiasi cambiamento
continua in
https://jacobinitalia.it/spagna-giudici-e-polizia-contro-la-democrazia/

10 dicembre: Splendori e miserie dell’Occidente
Domenico Gallo – Volere la luna
I venti di guerra che spiravano al confine fra l’Ucraina e la Russia non si sono attenuati neanche dopo il vertice fra i due Presidenti, Biden e Putin, che hanno abbassato un po’ le canne dei fucili ma si sono scambiati, fra promesse e minacce, i reciproci penultimatum. Nella stessa settimana la CNN ci informa che Biden si appresta a lanciare il boicottaggio diplomatico delle olimpiadi invernali in Cina in risposta alle violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e a Hong Kong e alle pressioni militari cinesi su Taiwan. Si tratta di una misura che i cinesi hanno preso come una grave provocazione politica e che difficilmente porterà a un miglioramento della situazione nello Xinjiang e a Hong Kong. Gli Stati Uniti non sono Amnesty International e non hanno titolo per ergersi a paladini dei diritti umani nel mondo. Tanto più che ‒ come la Russia, la Cina, Israele e la Turchia ‒ si rifiutano di aderire a quei trattati internazionali, come lo Statuto della Corte penale internazionale, che pongono dei vincoli a quelle violazioni più odiose dei diritti umani, che sono i crimini di guerra e i crimini contro l’umanità
continua in
https://volerelaluna.it/in-primo-piano/2021/12/10/splendori-e-miserie-delloccidente/


10 dicembre: Memoria
Pane e lavoro: l’eccidio di Canneto Sabino
Claudio Coltella – Collettiva

Il 10 dicembre 1920 i Carabinieri aprono il fuoco su un corteo di braccianti che chiede l’adeguamento della paga per i raccoglitori di olive: le vittime sono 11. Alle ore 15 la commemorazione di Cgil e Spi di Rieti
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/culture/2021/12/10/news/pane_e_lavoro_la_strage_di_canneto_sabino-1711918/



10 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

10 dicembre: Caterpillar, annunciata la chiusura di Jesi. I sindacati: “Un fulmine a ciel sereno
Tensione a Jesi, provincia di Ancona, per l’annunciata chiusura dello stabilimento della Caterpillar, la multinazionale americana che produce cilindri per le macchine movimentazione terra. Una decisione che è stata annunciata dal direttore dello stabilimento ai sindacati, durante uno degli incontri semestrali in Confindustria
continua in
Jesi, la Caterpillar chiude. I sindacati: “Un fulmine a ciel sereno” – la Repubblica

10 dicembre: Scuola, scendono in piazza i «responsabili»
Voci e volti del corteo romano nel giorno dello sciopero. Lavoratori e studenti sfilano insieme contro una Finanziaria totalmente inadeguata e contro chi ha voluto dipingerli come “irresponsabili”. Sinopoli, Flc Cgil: vogliamo un vero investimento nell’istruzione pubblica
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/10/video/scuola_scendono_in_piazza_i_responsabili_-1720970/

«Insieme per la giustizia»: si comincia dalla scuola
Sciopero e corteo a Roma contro una manovra totalmente insoddisfacente per le lavoratrici e i lavoratori del settore. Stipendi, aule sovraffollate, precari: per il mondo dell’istruzione le cose non cambiano mai
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/10/news/sciopero_scuola-1716136/

10 dicembre: Tim, sindacati: si profila un folle smembramento del gruppo
“Le anticipazioni di stampa di queste ore e gli ordini di servizio aziendali pubblicati in queste ore non lasciano presagire nulla di positivo. Si sta profilando, ben lieti di essere smentiti, una soluzione che ci troverebbe assolutamente contrari, ovvero qualcosa che assomiglia allo smembramento di Tim per come l`abbiamo conosciuta sino ad oggi. Una soluzione folle, in totale controtendenza con quanto avvenuto in Europa”. Lo scrivono in una nota Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/tim-sindacati-si-profila-un-folle-smembramento-del-gruppo/

Istat, a ottobre la produzione industria scende dello 0,6%
Il Diario del Lavoro
A ottobre la produzione industriale è diminuita dello 0,6% destagionalizzato rispetto a settembre, mentre su base annua ha segnato un incremento del 2,0%. Lo stima l’Istat, che rileva che nella media del trimestre agosto-ottobre il livello della produzione è cresciuto 0,6% rispetto al trimestre precedente. Inoltre l’istituto sottolinea che la produzione a ottobre è superiore dello 0,7% destagionalizzato rispetto a febbraio 2020, l’ultimo mese prima della crisi pandemica
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/istat-a-ottobre-la-produzione-industria-scende-dello-06/

10 dicembre: Nel 2035 lo stop alle auto nuove con motore a combustione interna
La Commissione europea, con la pubblicazione nel 2019 dell’European Green Deal, ha proposto un sistema di indicazioni per attuare le misure necessarie a rendere l’Unione  un’area ad impatto climatico zero (carbon neutral)
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/auto-decarbonizzazione-veicoli-motori-combustione-europa-661f2cf5-be7d-48f0-b282-de153e9707e9.html

Automotive: Fiom, serve piano straordinario per il settore
“Stellantis presenterà il nuovo piano strategico il 1° marzo 2022. Chiediamo l’apertura di un confronto immediato con l’amministratore delegato per riportare a pieno regime gli stabilimenti italiani”. A dirlo è il segretario nazionale Fiom Cgil e responsabile automotive Michele De Palma, precisando che “la capacità installata degli stabilimenti italiani è di un milione e mezzo di veicoli, ma attualmente se ne producono in media 700 mila, meno della metà”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/10/news/automotive_fiom_serve_piano_straordinario_per_il_settore-1719226/

Oltre 1,7 milioni di Neet registrati al programma
Mauriozio Carucci – Avvenire

Rinnovato il Protocollo d’intesa ministero dell’Istruzione-Toyota. Le iniziative delle Agenzie per il lavoro: “Colloquio con Adecco”, nuova filiale di Etjca a Bari e i laboratori di Lavoropiù
continua in
https://www.avvenire.it/economia/pagine/garanzia-giovani-oltre-1-7-milioni-di-neet-registrati

Inaugurazione anno accademico
Mattarella all’università di Enna: “Lietissimi che Zaki sia tornato libero”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Mattarella-universita-Enna-e29f3e58-d63f-4601-96bf-ac686ce4f984.html

10 dicembre: Con il nucleare gli italiani sono finiti in bolletta
Mauro Ravarino – il manifesto/Contropiano

Una volta presa la decisione per il nucleare non si torna indietro. Non si smette mai di pagare il conto, anche di tasca propria. L’Italia – nonostante un ministro rilanci il tema, in barba a due referendum che sembravano aver chiuso la partita – lo sa bene.
continua in
https://contropiano.org/news/ambiente-news/2021/12/10/con-il-nucleare-gli-italiani-sono-finiti-in-bolletta-0144692

Poste, Slc Cgil e Uil hanno aderito allo sciopero del 16 dicembre
Il Diario del Lavoro

Le organizzazioni sindacali Slc Cgil e Uil Poste hanno aderito allo sciopero nazionale proclamato per la giornata del 16 dicembre 2021 dalle confederazioni Cgil e Uil. Lo rende noto il gruppo Poste precisando che “verranno, comunque, garantite le previste prestazioni indispensabili”

10 dicembre: Per Zaki, gli altri e le altre
La XIX edizione del Rapporto sui diritti globali fa il punto sullo “stato dell’impunità nel mondo”. La presentazione del volume in Cgil
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/diritti/2021/12/10/news/per_zaki_gli_altri_e_le_altre-1716381/

10 dicembre: Addio a Enrico Pieri, il testimone simbolo dell’Eccidio di Sant’Anna
Federico Conti – Noi Tv
STAZZEMA – Si è spento Enrico Pieri. L’uomo simbolo della memoria dell’Eccidio di Sant’Anna di Stazzema e dell’impegno per la pace. Il superstite più attivo e testimone diretto degli orrori che si consumarono quella mattina del 12 agosto del 1944, che ha raccontato in ogni occasione possibile per tutti gli ultimi anni della sua vita
continua in
https://www.noitv.it/2021/12/addio-a-enrico-pieri-il-testimone-simbolo-delleccidio-di-santanna-412736/

10 dicembre: Versilia, allarme dei sindacati: mancano infermieri e oss
Federico Conti – Noi Tv

VIAREGGIO – Mancano almeno 150 persone in organico tra infermieri e oss per coprire il reale fabbisogno dell’ospedale Versilia e della zona distretto. Il grido di allarme arriva dal sindacato indipendente Fials, il più rappresentativo all’interno della struttura di Lido di Camaiore
continua in
https://www.noitv.it/2021/12/versilia-allarme-dei-sindacati-mancano-infermieri-e-oss-412690/

Tra scioperi e occupazioni, continua la mobilitazione nelle scuole romane
Le scuole romane sono ancora in mobilitazione. Nella settimana che volge al termine infatti sono proseguite le occupazioni e gli scioperi, sintomo di un livello di scontro e rivendicazione che ad oggi regge e sostiene la fiamma accesa lo scorso ottobre dal Cine-TV Rossellini
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/10/tra-scioperi-e-occupazioni-continua-la-mobilitazione-nelle-scuole-romane-0144710



Manifestazione nazionale a Roma in Piazza del Popolo ore 9:30 con Pierpaolo Bombardieri, Segretario Generale UIL e Maurizio Landini, Segretario generale CGIL

11 dicembre: Lombardia. Ancora un morto sul lavoro, è il quarto da inizio mese
A Pavia un operaio di 55 anni è rimasto schiacciato da una lastra in un cantiere. Cgil, Cisl, Uil Lombardia: “Chiediamo risposte urgenti alle istituzioni e assunzione di responsabilità agli imprenditori”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/11/news/ancora_un_morto_sul_lavoro_e_il_quarto_da_inizio_mese-1724996/

11 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
I messaggi trasversali sull’elezione del Quirinale, le ferrovie aderiscono allo sciopero generale e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di sabato 11 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Giornata di messaggi trasversali sull’elezione del Quirinale: Salvini annuncia che sentirà tutti i leader di partito per un nome condiviso, mentre Enrico Letta è convinto che l’elezione del prossimo presidente sarà a larga maggioranza. I sindacati dei trasporti di Cgil e Uil hanno indetto lo stop nelle ferrovie dalla mezzanotte alle 21 del 16 dicembre, uno sciopero generale che arriva in un momento in cui la disumanizzazione del capitalismo, con umiliazione che si aggiunge al trauma dei licenziamenti, sempre più evidente anche nel nostro Paese. È morto Enrico Pieri, uno dei superstiti dell’eccidio nazifascista di S.Anna di Stazzema del 12 agosto 1944. Negli Stati Uniti potrebbe essere almeno 100 le persone decedute a causa dei numerosi tornado che si sono abbattuti dal Kentucky all’Arkansas. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-sabato-11-dicembre/

11 dicembre: Covid Italia, il bollettino dell’11 dicembre: 21.042 nuovi casi e 96 decessi
Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 21.042 nuovi casi di positività al Covid, ieri erano stati 20.497. Sono invece 96 le vittime in un giorno, ieri erano state 118. Sono invece 565.077 i tamponi molecolari e antigenici effettuati, ieri erano stati 716.287. Il tasso di positività è al 3,7%, in aumento rispetto al 2,86% del giorno precedente. Sono 818 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 2 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, 76. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 6.539, 56 in più rispetto a ieri
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/11/news/covid_italia_il_bollettino_dell_11_dicembre_-329795835/

Il rischio di morire per un non vaccinato è 16,6 volte maggiore
Istituto Superiore Sanità: dopo cinque mesi la protezione vaccinale scende ma risale con terza dose
L’efficacia del vaccino scende dal 74% al 39%, con il booster tocca il 93% nella prevenzione della malattia grave
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/istituto-superiore-sanita-vaccino-terza-dose-protezione-f37ad895-bd7e-4649-8dfb-b967ca5ea9b2.html

Quarta ondata, la settimana decisiva. Ecco il piano per invertire la rotta
Viviana Daloiso – Avvenire

Tre i pilastri della strategia del governo: le vaccinazioni pediatriche; l’obbligo di vaccino per scuola, sanità e sicurezza; le terze dosi a tappeto
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/covid-pandemia-quarta-ondata-vaccinazioni

Adriano Sofri. Era molto bella la poesia civile della figura di Zaki abbracciato da Giulio Regeni sorridente che gli diceva: “Stavolta andrà tutto bene”. La sua autrice, Laika MCMLIV – è l’anno di nascita della Laika astronauta – che si definisce attacchina, ha attaccato nello stesso posto, vicino all’ambasciata egiziana, la nuova versione (…)
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10219634247782520&set=a.1156800755965

11 dicembre: La crepa nel muro
Maurizio Brotini – La Fionda
Il solo annuncio da parte di Cgil e Uil dello sciopero generale di 8 ore da farsi il 16 dicembre con manifestazioni a Roma, Milano, Bari, Palermo e Cagliari ha scatenato conservatori e reazionari di ogni risma
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/11/la-crepa-nel-muro/


11 dicembre: Nella giornata internazionale della montagna, oggi a Scerni (CH) ricordiamo il 26° anniversario della strategia unitaria per la tutela e la valorizzazione degli Appennini
FORUM DEGLI APPENNINI 2021, LA ROAD MAP DI LEGAMBIENTE PER RIDURRE IMPATTO CLIMATICO
Transumanza, infrastrutture verdi, economia circolare, comunità energetiche e green communities: la sfida della sostenibilità degli Appennini per contrastare la crisi climatica, il declino economico e lo spopolamento
continua in
Forum degli Appennini 2021, la road map di Legambiente per ridurre impatto climatico • Legambiente


11 dicembre: Erdogan non ha piu una Lira, la Turchia sprofonda nella crisi economica
Marta Ottaviani – Avvenire

L’unica risposta del governo è la svalutazione, ma i prezzi crescono e con loro scontento e povertà. Il presidente ha rimosso l’ennesimo ministro delle Finanze e attacca i social
continua in
https://www.avvenire.it/mondo/pagine/erdogan-non-ha-piu-una-lira-turchia-crisi-economica-svalutazione

11 dicembre: In Birmania l’ultimo grido di battaglia è il silenzio
Martina Stefanoni – Radio Popolare
Sono le 4 del pomeriggio a Yangon, Birmania. In una strada deserta della città, nascosti dalle serrande abbassate dei negozi e dalle finestre semichiuse delle case, uno scroscio di applausi rompe un silenzio iniziato sei ore prima, alle 10 del mattino del 10 dicembre 2021. Nella giornata mondiale dei diritti umani, in Birmania è stato dichiarato il Silent Strike, lo sciopero silenzioso, per continuare la lotta contro il colpo di stato militare e per chiedere indietro tutti quei diritti che la giunta militare ha portato via ai birmani, da un giorno all’altro
continua in
https://www.radiopopolare.it/in-birmania-lultimo-grido-di-battaglia-e-il-silenzio/


11 dicembre: L’anarchismo come patologia in Cesare Lombroso
Francisco Soriano – Carmilla online
Nel 1894 Cesare Lombroso scrisse “Gli Anarchici”, un libro che delineava una teoria sulla psicopatologia degli aderenti al movimento. Fra rei per passione, isterici e individui con comportamenti deviati egli tracciò un quadro di tipologie delittuose che videro gli anarchici, nella società del tempo, come primi attori di crimini politici.
continua in
https://www.carmillaonline.com/2021/12/11/lanarchismo-come-patologia-in-cesare-lombroso/



11 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Bari – 11 dicembre 2021

11 dicembre: La pandemia delle disuguaglianze
Patrizia Pallara – Collettiva

Dalla piazza della manifestazione organizzata a Bari, il segretario generale Maurizio Landini spiega i motivi dello sciopero proclamato per il 16 dicembre da Cgil e Uil contro la manovra del governo: “Noi rappresentiamo il disagio e il malessere di lavoratori e pensionati, vogliamo essere ascoltati”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/11/news/la_pandemia_delle_disuguaglianze-1724802/

Bombardieri: “Lo Sciopero non è rivoluzione, ma è un diritto costituzionale”
Bombardieri conclude la manifestazione CGIL e UIL a Lamezia
Prosegue, nei territori regionali, la mobilitazione sindacale contro una manovra giudicata inadeguata e insoddisfacente. Oggi, il Segretario generale della Uil, PierPaolo Bombardieri, ha partecipato alla manifestazione organizzata a Lamezia Terme, da Cgil e Uil della Calabria. “Con la nostra mobilitazione – ha ricordato Bombardieri – vogliamo spiegare al Governo e alla politica che c’è bisogno di un Paese diverso. C’è una narrativa che tende a dire che tutto va bene, ma non è così: basta parlare con tanti giovani, disoccupati e anziani per capire che sono tanti i disagi e tante le diseguaglianze
continua in
https://www.uil.it/NewsSX.asp?ID_NEWS=2877&Provenienza=2
La mobilitazione della Uil
https://www.uil.it/

La disumanizzazione del capitalismo tra licenziamenti e umiliazione
Massimo Alberti – Radio Popolare

L’umiliazione oltre al danno. Licenziamenti via Whatsapp, Zoom, Teams, con i bodyguard, o facendo sparire la fabbrica da un giorno all’altro. Lavoratori trattati come numeri da imprenditori che non hanno nemmeno il coraggio di guardarli in faccia per dirgli che stanno togliendo loro lavoro e reddito
continua in
https://www.radiopopolare.it/la-disumanizzazione-del-capitalismo-tra-licenziamenti-e-umiliazione/

11 dicembre: Calabria. Cgil e Uil all’attacco su lavoro, fisco e pensioni. «Sud sparito dall’agenda di governo»
A Lamezia manifestazione dei due sindacati, alla presenza di Bombardieri. «Partiti scollati dalla realtà e dalle reali esigenze»
continua in
https://www.corrieredellacalabria.it/2021/12/11/lamezia-cgil-e-uil-allattacco-su-lavoro-fisco-e-pensioni-sud-sparito-dallagenda-di-governo/


VERSO LO SCIOPERO GENERALE

Sullo Sciopero Generale – “Benedetto sia il conflitto”
Marco Revelli – Volere la luna
“Benedetto sia il conflitto”. Questo dovrebbe essere il sospiro di sollievo di ogni italiano pensante, di fronte alla decisione di CGIL e UIL di proclamare lo Sciopero Generale. Perché questo può essere davvero l’unico modo per disperdere i miasmi tossici che si addensano su un Paese e su una società devastati da un malessere tanto profondo e diffuso quanto mascherato e taciuto. Il solo antidoto potenzialmente efficace contro quell’”onda di irrazionalità” denunciata dal Censis nel suo ultimo Rapporto, che colpisce tanto in alto (in un ceto politico perduto nel labirinto dei propri deliri quirinalizi) quanto in basso (in una popolazione impaurita e preda delle peggiori superstizioni nel tentativo di decifrare “il senso occulto di una realtà” che le si decompone intorno). Potremmo dire: tanto tra le “caste”, quanto nella “plebe”. 
continua in
https://volerelaluna.it/controcanto/2021/12/11/sullo-sciopero-generale-lo-sciopero-generale-annucbenedetto-sia-il-conflitto/

Includere per superare le fragilità
Roberta Lisi – Collettiva

Tra le ragioni dello sciopero generale del 16 dicembre c’è il mancato varo della legge sulla non autosufficienza. Per Rossana Dettori la sfera dei diritti negati riguarda quasi la totalità di 3,5 milioni di donne e uomini non autosufficienti
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/11/news/includere_per_superare_le_fragilita_-1719230/

Uno sciopero per l’Italia vera
Cristian Sesena – Collettiva

Scenderemo in piazza per i tempi determinati, le lavoratrici part time, i pensionati, i giovani che andranno in pensione a 71 anni. Per chiunque non rientri nella narrazione dominante 
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/11/news/uno_sciopero_per_l_italia_vera-1723960/ 


Sanac, uno sciopero per il lavoro
Davide Colella – Collettiva

Il 10 dicembre si sono fermati, e hanno manifestato a Roma, gli operai dell’azienda principale fornitrice di materiale refrattario per l’acciaieria ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia. Futuro a rischio per 335 persone e le loro famiglie
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/11/video/sanac_uno_sciopero_per_il_lavoro-1724151/

Venezia. La Fiom porta il sindaco Brugnaro in tribunale
Duro scontro nell’ambito di una dura vertenza, che vede al centro più di 600 lavoratori della Speedline
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/11/news/la_fiom_porta_brugnaro_in_tribunale-1724989/

Il Rapporto è una pubblicazione annuale sui processi connessi alla globalizzazione e alle
ricadute economiche, sociali, geopolitici e ambientali.
E’ realizzato dalla Società INformazione Onlus, con la partecipazione della CGIL
e di altre associazioni
Vai al sito
https://www.dirittiglobali.it/19-rapporto-sui-diritti-globali-2021/


Milano 12 dicembre 1969, il giorno in cui perdemmo la verginità e ci trovammo improvvisamente adulti

I funerali

Attorno alle 16.30 di venerdì 12 dicembre 1969 un ordigno di elevata potenza esplose nel salone centrale della Banca Nazionale dell’Agricoltura, sede di Milano, in Piazza Fontana, dove coltivatori diretti e imprenditori agricoli erano convenuti dalla provincia. Gli effetti furono devastanti: il pavimento del salone fu squarciato e diciassette persone restarono uccise. Altre novanta circa furono ferite. Qualche minuto prima dell’esplosione, un altro ordigno venne rinvenuto nella sede della Banca Commerciale di Piazza della Scala sempre a Milano. Tra le 16.55 e le 17.30, altre tre esplosioni si verificarono a Roma: una, all’interno della Banca Nazionale del Lavoro di via San Basilio; altre due, sull’Altare della Patria di Piazza Venezia. 
continua in
https://www.vittimeterrorismo.it/vittime/la-strage-di-piazza-fontana/

Luca Billi. Verba Volant
Non sappiamo chi, in quella fredda notte di dicembre, aprì quella finestra del quarto piano della Questura di Milano
. Anzi lo sappiamo benissimo, come sappiamo benissimo chi ha messo la bomba alla filiale della Banca Nazionale dell’Agricoltura.
Proprio perché lo sappiamo, partecipo con sempre maggiore scoramento al ricordo di questi giorni di dicembre, degli anniversari della strage di piazza Fontana e dell’uccisione di Pinelli. Un po’ perché il tempo passa e quindi anch’io invecchio come quegli avvenimenti, che si perdono nella memoria delle persone. Ma soprattutto perché vedo, ogni anno di più, che “loro” hanno vinto. 
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=10226280909078138&set=gm.3016663095217972

12 dicembre 1969. La strage di Piazza Fontana
Ilaria Romeo – Collettiva
Alle 16 e 37 di quel venerdì un ordigno esplode nel salone centrale della Banca nazionale dell’agricoltura di Milano: muoiono 17 persone, 89 rimangono ferite. I responsabili sono i neofascisti di Ordine Nuovo
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/12/news/12_dicembre_1969_la_strage_di_piazza_fontana-1721081/

12 dicembre: Te lo ricordi Saverio?
[nota della redazione: Ogni anno il 12 dicembre è sempre più denso di significati e memorie. Dalla memoria della Strage di Piazza Fontana a quella dello sforzo collettivo per una controinchiesta che portò alla pubblicazione del volume La Strage di Stato, dall’indignazione per il lunghissimo e inconcludente lavoro della magistratura, per i depistaggi dell’apparato poliziesco e ideologico, per gli omicidi collaterali, da quello di Pino Pinelli, ferroviere anarchico buttato giù dal quarto piano della questura di Milano a quello, un anno dopo, di Saverio. Negli anni, il 12 dicembre ha segnato la ripresa di lotte contro la repressione e contro il fascismo. E quest’anno aggiungiamo il ricordo di Paola Staccioli, scrittrice e militante che ci ha lasciato quest’estate] 
Saverio Saltarelli, ucciso dalla polizia un anno dopo la strage di Piazza Fontana. [Paola Staccioli]
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/12/saverio-saltarelli-ucciso-dalla-polizia-un-anno-dopo-la-strage-di-piazza-fontana/

Paolo Brogi. La responsabilità degli Affarti Riservati
12 dicembre, la bomba. E’ vero come ha scritto oggi Enrico Deaglio che si sa tutto e che non è successo niente. Per un evento terribile che ha condizionato l’Italia da allora in poi…
Diciassette morti dilaniati dall’ordigno esploso alle 16,37 di quel 12 dicembre del 1969 a cui tre giorni dopo si aggiungerà la diciottesima vittima, l’anarchico Pino Pinelli morto in seguito alla caduta dal quarto piano della Questura di Milano in cui da oltre tre giorni in un fermo illegale la polizia lo stava interrogando.
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=5009511515728101&set=a.101633209849314
Da leggere: Paolo Brogi Pinelli l’innocente che cadde giù


12 dicembre: Arriva il cinquantennale dell’omicidio Calabresi. E le prime fake news…
Il prossimo anno, il 17 maggio, saranno 50 anni dall’assassinio del commissario Luigi Calabresi: un anniversario che sicuramente verrà colto dall’editoria libraria.
Primo al traguardo è Aurelio Grimaldi, regista e scrittore, autore di Fango. L’omicidio Calabresi e la sinistra italiana, pubblicato in ottobre da Castelvecchi. Tolta una entusiastica recensione apparsa su “il Giornale”, finora il suo libro è passato del tutto sotto silenzio. Merita invece un’analisi puntuale, a beneficio dell’eventuale lettore: perché è stracolmo di falsificazioni
continua in
https://contropiano.org/news/cultura-news/2021/12/12/arriva-il-cinquantennale-dellomicidio-calabresi-e-le-prime-fake-news-0144723

“I fascisti non sono mica come i funghi, che nascono così, in una notte. No. I fascisti sono stati i padroni a seminarli, li hanno voluti, li hanno pagati. E coi fascisti i padroni hanno guadagnato sempre di più, al punto che non sapevano più dove metterli i soldi. Così hanno inventato la guerra. Ci hanno mandato in Africa, in Russia, in Grecia, in Albania, in Spagna! Ma chi paga siamo sempre noi! Chi paga: il proletariato, gli operai, i contadini, i poveri!”
Bernardo Bertolucci – Novecento

12 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
La proposta del governo sulle delocalizzazioni, le commemorazioni della strage di piazza Fontana e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di domenica 12 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo 3 mesi di silenzio il governo sta facendo circolare sui media una proposta di legge sulle delocalizzazioni, forse un emendamento alla manovra. A Milano oggi le commemorazioni della strage di piazza Fontana, a 52 anni dalla bomba neofascista che inaugurò la strategia della tensione e uccise 17 persone. A Ravanusa, nell’agrigentino, si cercano sei persone ancora disperse sotto le macerie da ieri sera, quando un’esplosione ha distrutto quattro palazzine. Nella settimana che inizia domani sono previsti due appuntamenti importanti per la scuola e l’immunizzazione: vaccino obbligatorio per professori e personale Ata e vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni. La morte del 26enne tunisino Wissem Ben Abel Latif a Roma, ora oggetto di indagini da parte della Procura di Roma, ha riacceso le luci sull’orrore dei Centri di Permanenza e Rimpatrio in Italia. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-domenica-12-dicembre/


Esplosione a Ravanusa: 3 vittime, 2 sopravvissute. Si cercano 6 persone disperse
Coinvolti una decina di edifici. Da accertare le cause, probabile una fuga di gas. Per i Vigili del fuoco l’innesco è stato accidentale: un’autovettura, un ascensore o un elettrodomestico. Sindaco: “Non ci sono bimbi tra i dispersi”. Sibilia: “Corsa contro il tempo per ritrovare persone vive”. Musumeci: “Questa sciagura colpisce tutta la comunità siciliana”. Proseguono senza sosta le operazioni di ricerca dei dispersi che continueranno anche durante tutta la notte
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Esplosione-a-Ravanusa-gas-vittime-6b55992f-ecca-4ad1-9665-349860986c25.html


12 dicembre
Covid Italia, il bollettino del 12 dicembre: 19.215 nuovi casi e 66 decessi
Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 19.215 nuovi casi e 66 decessi, leggermente in calo rispetto a ieri quando c’erano stati 21.092 casi e 96 morti. Secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute cresce però dello 0,1 per cento il tasso di positività, da 3,7 a 3,8 per cento, alla luce del numero dei tamponi fatti (501.815 contro i 565.077 di ieri)
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/12/news/covid_italia_il_bollettino_del_12_dicembre-329901141/

Coronavirus, in Italia 19.215 nuovi casi e 66 morti. Tasso di positività al 3,8%
Effettuati 501.815 tamponi. Aumentano ricoveri (+169) e terapie intensive (+11)
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/coronavirus-bollettino-ministero-della-salute-del-12-dicembre-2021-9ca86d05-c1c7-441b-bac3-1bfb3aeb7cf6.html

12 dicembre
Meloni: no a compromessi, al Quirinale vogliamo un patriota
“La pacchia è finita”, dice la leader di FdI, “dobbiamo entrare in una Repubblica presidenziale”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Quirinale-Meloni-no-a-compromessi-pacchia-finita-48cbfe4e-6c5a-4ab5-bb54-b8b17aa036c4.html

I fascisti hanno cominciato la loro marcia verso il potere attaccando Il parlamento. Ieri Giorgia Meloni ha definito il parlamento un “pantano” e ha proposto la fine della sua centralità con un patriota al Quirinale, eletto direttamente per plebiscito
Nadia Urbinati sulla propria pagina Facebook

12 dicembre: Terra dei fuochi. Acerra non ci sta: «Subito una moratoria dei rifiuti»
Antonio Maria Mira – Avvenire
Il vescovo Di Donna sulla scelta della Regione di costruire un nuovo impianto: «Siamo una città martire. Bassolino e Berlusconi? Come Erode e Pilato». Il procuratore Fragliasso: «Cecità assoluta»
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/terra-dei-fuochi-acerra-non-ci-sta-subito-una-moratoria-dei-rifiuti

12 dicembre
Le perversioni semantiche dell’estrema destra
“Antifascisti” che vengono etichettati come fascisti: così l’estrema destra francese prova a staccare le parole dalle cose [Lucie Delaporte]
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/12/le-perversioni-semantiche-dellestrema-destra/

12 dicembre: John e George
Paco Ignacio Taibo II
Lo scrittore messicano Paco Ignacio Taibo II ricorda il collega anglo-irlandese John Le Carré, maestro delle spy story come «forma soave di cinismo» e «gioco di maschere e inganni»
continua in
https://jacobinitalia.it/john-e-george/


12 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

VERSO LO SCIOPERO GENERALE

12 dicembre: Giovani e Sud: non possiamo permetterci di lasciarli indietro
Martina Toti – Collettiva

Le misure previste dal governo Draghi non affrontano il tema delle diseguaglianze sociali che penalizzano le generazioni più precarie né affrontano la piaga dei divari territoriali. È anche per questo che Cgil e Uil hanno indetto lo sciopero generale. Intervista a Giuseppe Massafra, segretario nazionale Cgil
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/12/news/giovani_e_sud_non_possiamo_permetterci_di_lasciarli_indietro-1721899/


Luca Billi sulla propria pagina Facebook
Anche se la scienza ci dice che non è così, la tradizione vuole che questa sia la notte più lunga dell’anno. E siccome noi non dovremmo mai dimenticare di essere figli di contadini, anche se non crediamo più in santa Lucia, questa notte dobbiamo andare a letto pensando che sarà davvero la notte più lunga, ma sicuri che domattina, ancora una volta, sorgerà il sole. E lasciate un po’ di fieno per l’asinello


La disuguaglianza è una scelta politica
Coniare Rivolta

Il 7 dicembre scorso è stato rilasciato il World Inequality Reportper il 2022un rapporto che traccia il quadro della disuguaglianza di reddito e ricchezza a livello internazionale. La situazione che emerge è quella di un mondo caratterizzato da diseguaglianze feroci, sia tra Paesi che all’interno dei Paesi.
continua in
https://contropiano.org/news/news-economia/2021/12/14/la-disuguaglianza-e-una-scelta-politica-0144839

13 dicembre: Lucia Goracci sequestrata, aggredita (e poi rilasciata) a Bucarest da una senatrice no vax. Usigrai: “Gravissimo. La Romania chieda scusa”
L’inviata Rai Lucia Goracci stava intervistando nel suo studio legale Diana Iovanovici Șoșoacă, parlamentare di estrema destra nota per le posizioni negazioniste sul Covid, quando l’esponente politica ha inizia a mostrare un atteggiamento aggressivo, invitando i giornalisti ad andarsene. “Poi, l’incredibile – racconta Goracci in un servizio per il Tg1 – con un balzo, ci si para davanti e ci chiude dentro. Il marito mi ha preso a pugni e siamo stati perquisiti dalla polizia”. Liberi otto ore dopo, quando ormai è mezzanotte, per l’intervento dell’ambasciata italiana”
continua in
https://www.articolo21.org/2021/12/linviata-rai-sequestrata-aggredita-e-poi-rilasciata-a-bucarest-da-una-senatrice-no-vax-usigrai-gravissimo-la-romania-chieda-scusa/

13 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
L’imminente proroga dello stato di emergenza, la legge sul suicidio assistito arriva alla Camera e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di lunedì 13 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A fine anno scadrà lo stato di emergenza e in questi giorni si inizia a discutere sul da farsi: Enrico Letta e Giuseppe Conte si sono schierati a favore di un prolungamento, mentre Salvini ha detto di voler aspettare e valutare l’andamento dei dati. Draghi punta a prolungarlo fino a marzo. I dati diffusi da Istat sul terzo trimestre dell’anno confermano la tendenza di una ripresa di occupazione basata su contratti precari. Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi ha bocciato la già troppo blanda legge sulle delocalizzazioni all’esame della maggioranza. La legge sul suicidio assistito è arrivata alla Camera, ma è stato poco più di un momento simbolico: sedie vuote, in molti danno per scontato l’affossamento della legge, come già avvenuto al ddl Zan. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-lunedi-13-dicembre/

13 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 13 dicembre: 12.712 i nuovi casi e 98 i decessi. Tasso di positività al 4%
Nelle ultime 24 ore sono stati 12.712 i nuovi positivi ai test Covid individuati in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano 19.215. Sono invece 98 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 66. I nuovi positivi sono emersi dai 313.536 tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 contro i 501.815 del giorno precedente. Il tasso di positività è al 4%: ieri era al 3,8%. Sono invece 856 i pazienti in terapia intensiva, ovvero 27 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 60. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 6.951, con un balzo di 254 in più rispetto a ieri
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/13/news/covid_italia_il_bollettino_del_13_dicembre_-330035533/

13 dicembre: Covid: verso ok del governo alla proroga dello stato di emergenza fino al 31 marzo
Proroga di tre mesi, per traghettare l’Italia fuori dalla stagione più fredda. La decisione dovrà passare da un Consiglio dei ministri al momento non ancora in agenda, ma che potrebbe tenersi nelle prossime 24 ore
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-verso-ok-governo-proroga-stato-emergenza-marzo-31-d407fe70-29b4-47c8-be08-59dd906507f0.html

13 dicembre: Ravanusa, sette vittime e due dispersi. Controlli sulla rete del gas
A 36 ore dall’esplosione per una fuga di gas, si continua a scavare. Localizzata l’area dove “probabilmente” si trovano i due dispersi. Da un’indagine del 2014 emerge che la rete agrigentina del gas presentava situazioni di rischio. Italgas: “Irregolarità sanate laddove necessario”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/strage-Ravanusa-sette-vittime-e-due-dispersi.-Controlli-sulla-rete-del-gas-f3d14fea-2242-409b-a670-574f35ea5a4a.html

Ravanusa, territorio collassato, un disastro ampiamente annunciato
Asia Usb Sicilia

Il disastro di Ravanusa, con il suo carico di morte e rovine, è il prolungamento del carico di morte e rovine che ha colpito Catania e il resto della Sicilia durante le alluvioni di novembre. Un filo unico collega questi disastri: le pessime condizioni del territorio, il rischio idrogeologico, la mancanza di manutenzione, la cementificazione, i cittadini considerati utenti
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/13/ravanusa-territorio-collassato-un-disastro-ampiamente-annunciato-0144811


13 dicembre: Amazon, come arricchirsi manipolando il mercato
Michele Mezza
– Terzo Giornale/Fondazione per la Critica Sociale
La multa comminata dall’Authority italiana al gruppo monopolistico americano è solo un palliativo rispetto all’enorme condizionamento dei consumatori mediante l’uso spregiudicato degli algoritmi. C’è la possibilità di organizzare un conflitto intorno a questo tema?
continua in
https://www.terzogiornale.it/2021/12/13/amazon-come-arricchirsi-manipolando-il-mercato/


13 dicembre: La Serbia tra nuovi scandali e vecchi fantasmi
Christian Eccher – Il Caffè Geopolitico

L’opinione pubblica serba sembra essersi ormai abituata a ogni tipo di scandalo ed è diventata refrattaria alla rabbia e all’indignazione. Se non ci fossero state gli attivisti del Forum Sociale di Zrenjanin, alcune ONG e gli unici media indipendenti (il quotidiano Danas e le televisioni N1 e NovaS), lo sciopero dei lavoratori vietnamiti del 18 novembre scorso all’interno del cantiere della fabbrica Linglong di Zrenjanin sarebbe passato del tutto inosservato
continua in
La Serbia tra nuovi scandali e vecchi fantasmi | Il Caffè Geopolitico (ilcaffegeopolitico.net)


Luca Billi. Verba Volant
Riascoltate Lost in the Stars, scegliete la versione che preferite – a me piace molto questa di Barbara Hannigan, accompagnata al pianoforte da Simon Rattle – fatevi trascinare dalla poesia della musica di Weill, e ascoltate con attenzione le parole di Maxwell Anderson, perché questa è anche la “nostra” canzone, persi tra la pandemia e le guerre, in mezzo a una imminente catastrofe ambientale
continua in
https://www.facebook.com/groups/1524321907785439/?multi_permalinks=3018021065082175&notif_id=1639462721942848&notif_t=group_activity&ref=notif


13 dicembre: Corto Dorico Film Festival, i vincitori della sezione “Short on Rights” dedicata ai diritti umani
Near Our Border di Martina Troxler ha vinto il Premio Amnesty International Italia “Short On Rights – A Corto di Diritti”, la sezione internazionale della XVIII edizione di Corto Dorico Film Festival, in collaborazione con Amnesty International Italia e il gruppo Amnesty di Ancona, dedicata a cortometraggi che hanno come tema i diritti umani. Lo stesso documentario ha vinto anche il premio della giuria giovani, dedicato a Gianni Rufini.
Una menzione speciale è stata riconosciuta a God’s Daughter Dances di Sungbin Byun.
Novità di quest’anno il premio del pubblico, che è andato a Store Policy di Sarah Arnold.
continua in
Corto Dorico Film Festival, i vincitori della sezione “Short on Rights” dedicata ai diritti umani – Amnesty International Italia


Maurizio Acerbo. E’ morto a 96 anni Falco Accame, un grande italiano. Da ammiraglio a deputato socialista ha dedicato la sua vita a svelare i segreti di stato e a contrastare il complesso militare-industriale. Si è battuto per la pace e la Costituzione. Preferì la coerenza alla carriera. Dopo lo scontro con Craxi passò con Democrazia Proletaria. La biografia di tanti cinici politicanti non vale un quarto d’ora di Accame
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=2611031195707292&set=a.127618240715279


13 dicembre: La notte della Repubblica
Giovanni Iozzoli – Carmilla online
A che punto della notte siamo? Nell’oscurità più nera e fredda, che precede l’alba livida? O solo nel mezzo di un buio fitto, denso, che pare eterno: il buio come nuovo presente, nuova forma delle cose
continua in
https://www.carmillaonline.com/2021/12/13/la-notte-della-repubblica/

13 dicembre: Convivere con l’assenza, i gesti che parlano della nostra umanità
Matteo Fantuzzi – Strisciarossa

C’è un giorno in cui ho più pensieri di altri ? / oppure un’ora della giornata ? // Con il tempo i pensieri sono attimi // ci passo quasi quasi la giornata / un pensiero, una giornata // trattenuto, continuamente sostenuto / difeso da quel che arriva, avviene / difendo il pensiero di te […]
continua in
https://www.strisciarossa.it/convivere-con-lassenza-i-gesti-minimi-che-parlano-della-nostra-umanita/


13 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Jesi, Ancona e le delocalizzazioni
Marta Collot portavoce di Potere al Popolo

Sabato sono stata a Jesi al presidio chiamato dai lavoratori della Caterpillar, che da un giorno all’altro sono stati licenziati perché la multinazionale americana ha deciso di chiudere lo stabilimento e delocalizzare la produzione
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/13/jesi-ancona-e-le-del
ocalizzazioni-0144789



Emilia-Romagna, Fp Cgil e Uil Fpl: il momento di difendere la sanità è adesso
Domani le due sigle sindacali hanno organizzato volantinaggi davanti agli ospedali della regione per dire no al ridimensionamento. “Se la Cisl Fp pensa di mobilitarsi tra più di un mese, noi riteniamo lo si debba fare adesso per ottenere sin da subito risposte certe”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/13/news/emilia-romagna_fp_cgil_e_uil_fpl_il_momento_di_difendere_la_sanita_e_adesso-1729706/

13 dicembre: Istat: nel 2020 produttività del lavoro in Italia +1,3%, al top in Europa
Germania +0,4%, Francia -1,1%, Spagna -2,8%. Media Ue -0,1%
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Istat-nel-2020-produttivita-lavoro-Italia-piu-1-e-3-percento-top-in-Europa-e702d931-8546-4aa9-980b-00c05f2e27d6.html

Scandicci. Sciopero territoriale contro i licenziamenti politici alla CSO
Contro il licenziamento dei due delegati sindacali Paolo e Andrea, USB ha proclamato per la giornata di lunedi lo sciopero generale di 8 ore in tutti i settori produttivi della Toscana non interessati dalla legge 146/90.
continua in
https://contropiano.org/news/lavoro-conflitto-news/2021/12/13/scandicci-sciopero-territoriale-contro-i-licenziamenti-politici-alla-cso-0144829

La polizia entra nelle scuole, caricati due studenti a Roma (aggiornamenti live)
Chiamiamo gli studenti di Roma e di tutta Italia alla lotta finché Ministero, Prefetto e Città Metropolitana non ci convocheranno per un incontro
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/13/la-polizia-entra-nelle-scuole-caricati-due-studenti-a-roma-aggiornamenti-live-0144816

Cgil Calabria, governo ha fatto scelte penalizzanti
“Il Paese si tiene unito se si iniziano a fare scelte che veramente possano garantire la giustizia sociale, l’uguaglianza, scelte che guardano alle persone che hanno bisogno, che non ce la fanno e sono rimaste indietro”.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/13/news/cgil_calabria_governo_ha_fatto_scelte_penalizzanti-1729597/

Palermo: Sispi: Fiom, si va nella giusta direzione
“Riteniamo positivo l’incontro di auspichiamo che il cammino di sviluppo già avviato dalla Sispi si concretizzi con imminenti atti politici e amministrativi”. A dirlo sono i segretari generali Fiom Cgil (Francesco Foti) e Fim Cisl (Antonio Nobile) di Palermo, commentando il vertice di sabato 11 dicembre con il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, l’assessore alle Partecipate Paolo Petralia Camassa e la direzione aziendale della Sispi: “Vigileremo affinché gli impegni assunti dall’amministrazione comunale e dall’azienda garantiscano prospettive di crescita, soprattutto in termini di sviluppo occupazionale”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/13/news/sispi_fiom_si_va_nella_giusta_direzione-1729601/

La scuola dell’infanzia per il futuro della Valle d’Aosta
L’iniziativa a cura della Cgil regionale e dell’Associazione professionale Proteo Fare Sapere 
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/13/news/la_scuola_dell_infanzia_per_il_futuro_della_valle_d_aosta-1726286/

Roma. Convegno sull’assalto ai servizi pubblici e ai beni comuni
Accanto alla Legge di Bilancio il governo Draghi ha presentato il Disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021, che punta alla privatizzazione di tutto ciò che resta di pubblico nel Paese
continua in
https://contropiano.org/eventi/roma-convegno-sullassalto-ai-servizi-pubblici-e-ai-beni-comuni


Verso lo sciopero generale del 16 ottobre


14 dicembre: Fermiamo la strage
Caserta, ennesimo morto sul lavoro
Agiugno 2022, Mario Cantiello avrebbe compiuto 60 anni. È morto ieri, precipitando da un ponteggio in un cantiere a Capodrise (CE). In Campania salgono così a diciotto i morti in edilizia, mentre nella provincia di Caserta sono già venti i lavoratori che hanno perso la vita nei vari settori produttivi dall’inizio dell’anno.
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/caserta_ennesimo_morto_sul_lavoro-1734403/

Trento: per 30 minuti incastrata in un rullo per la lavorazione del pellame: ricoverata operaia di 22 anni
Incidente sul lavoro in una conceria di Vallarsa, in Trentino: gravi fratture per la giovane lavoratrice
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Per-30-minuti-incastrata-in-un-rullo-per-la-lavorazione-del-pellame-ricoverata-operaia-di-22-anni-64b11b66-3c07-49a6-b5be-51f2f4f4452a.html

14 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
La proroga dello stato di emergenza, l’accusa di Landini alla sinistra e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di martedì 14 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Consiglio dei Ministri ha prorogato lo stato d’emergenza che sarebbe scaduto tra due settimane, il 31 dicembre, ma ha deciso di non imporre l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto in tutto il Paese. L’OMS, intanto, ha parlato di “tsunami di contagi” sia per Omicron sia per la variante Delta e ha invitato i governi a prendere delle contromisure senza aspettare. La sinistra italiana resta muta di fronte all’accusa lanciata da Landini: i partiti di sinistra non fanno il loro lavoro. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-martedi-14-dicembre/

14 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 14 dicembre: 20.677 nuovi casi e 120 decessi. Tasso di positività cala al 2,6%
In Italia nelle ultime 24 ore si sono registrati 20.677 nuovi casi di Covid su 776.363 tamponi molecolari e antigenici effettuati, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i test erano stati 313.536. Mentre le vittime sono state 120, quasi il doppio rispetto alle 66 del giorno precedente, il numero più alto dal 28 maggio scorso quando i decessi furono 126. Mentre è oggi in netto calo il tasso di positività, al 2,66%, ieri era superiore al 4%
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/14/news/covid_in_italia_il_bollettino_del_14_dicembre-330143290/

14 dicembre: Il Consiglio dei ministri proroga lo stato di emergenza fino al 31 marzo 2022
“L’attuale contesto di rischio impone la prosecuzione delle iniziative di carattere straordinario e urgente intraprese al fine di fronteggiare adeguatamente possibili situazioni di pregiudizio per la collettività”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/cdm-stato-emergenza-misure-stretta-mascherine-proroga-3ae51d74-4125-4993-95ff-5805dc4d4ed1.html

Ordinanza, obbligo del tampone per gli ingressi in Italia dai Paesi dell’Ue
Per non vaccinati prevista anche quarantena 5 giorni. Ue: l’Italia giustifichi la scelta
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Ordinanza-obbligo-del-tampone-per-gli-ingressi-in-Italia-dai-Paesi-dell-Ue-031186df-d764-409f-94d9-ec0a776efe20.html

14 dicembre: Tragedia di Ravanusa, trovato l’ultimo disperso: nove le vittime
L’inchiesta mira a fare chiarezza sulla sicurezza della rete del gas
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Ravanusa-Il-cordoglio-e-la-vicinanza-del-Papa-ddff6fd3-4355-4c11-ae8b-1caf6a426236.html

14 dicembre: Le fumate nere di Giorgia cercando il «patriota»
Quando Giorgia Meloni domenica ha evocato con stentorea retorica un «patriota» al Quirinale, subito è corso un brivido lungo la schiena. E il ricordo è andato subito alle immagini dell’inchiesta di Fanpage sulla lobby milanese del Barone Nero con tutto il corollario di saluti romani e amarcord della Birreria di Monaco
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/le-fumate-nere-di-giorgia-cercando-il-patriota/

14 dicembre: Aggressione a Lucia Goracci in Romania. Ora serve un intervento governativo e una dura condanna da parte della Rai
Barbara Scaramucci – Articolo 21
Quel che hanno fatto le rappresentanze italiane in Romania è il minimo che si potesse pretendere dai nostri diplomatici in un paese che facendo parte dell’Unione Europea è a tutti gli effetti un paese amico e alleato. Ma l’azione violenta, premeditata e gravissima subita dalla migliore inviata della Rai nei territori che vanno dall’est europa al medio oriente all’Afghanistan, perché Lucia Goracci è bravissima, merita una risposta forte da tutto il giornalismo italiano e dalle istituzioni. Si tenta di impedire con la violenza e addirittura col sequestro il normale esercizio del proprio lavoro e poi di ribaltare le responsabilità su di loro. 
continua in
https://www.articolo21.org/2021/12/aggressione-a-lucia-goracci-in-romania-ora-serve-un-intervento-governativo-e-una-dura-condanna-da-parte-della-rai/?cn-reloaded=1

14 dicembre: Aggressione a Lucia Goracci, Bucarest condanna aggressione. La giornalista: “Non pensavo potesse succedere in Romania”
I vertici Rai condannano il “brutale tentativo di intimidazione compiuto ai danni della giornalista e della troupe con la quale era al lavoro in Romania da parte di una parlamentare locale” e “ingiustificabile il trattenimento imposto dalla polizia”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Caso-Goracci-Di-Maio-chiede-chiarimenti-al-governo-rumeno-4149c78a-8e35-4fdb-afb8-79097d6a0d7e.html


14 dicembre: Altre minacce a Floriana Bulfon, rafforzate le misure di protezione
Graziella Di Mambro – Articolo 21
Minacciata più volte, autrice di reportage straordinari contro le mafie e sullo strapotere di alcuni segmenti dell’economia, un impegno che già è costato caro a Floriana Bulfon e alla quale adesso è stata rafforzata la protezione personale. La sua storia si aggiunge a quella di decine di giornalisti che in Italia e in Europa sono inseguiti, insultati, intimiditi, aggrediti ogni giorno nell’esercizio del loro lavoro
continua in
https://www.articolo21.org/2021/12/altra-minaccia-a-floriana-bulfon-rafforzate-le-misure-di-protezione/


14 dicembre: Undici big per “Una settimana in giallo”. Senza, ma con Camilleri
Valerio Calzolaio – Strisciarossa

Tempi e luoghi differenti ma consueti per “Una settimana in giallo” di Sellerio.
A Barcellona Delicado e Garzón affrontano la morte, probabilmente per avvelenamento, di Ismael Gómez Lahuerta, un bel 31enne; era sposato con Asunción del Corral Medina, una parrucchiera 53enne, madre della robusta 25enne Sara
continua in
https://www.strisciarossa.it/undici-big-per-una-settimana-in-giallo-senza-ma-con-camilleri/

14 dicembre: L’America Latina alla COP26, tra nuovi compromessi e vecchi problemi
Alessia Cappelletti – Il Caffè Geopolitico
Durante la conferenza mondiale sul cambiamento climatico, alcuni Paesi della regione latinoamericana hanno annunciato nuovi compromessi essenziali per salvaguardare l’ambiente, ma che portano svariati problemi con sé. 
continua in
L’America Latina alla COP26, tra nuovi compromessi e vecchi problemi | Il Caffè Geopolitico (ilcaffegeopolitico.net)


14 dicembre: San Giorgio e il Draghi (Adda venì San Giorgio)
Gianni Giovannelli – Effimera

È mia convinta opinione che sia improprio ricondurre nella categoria dello stato di eccezione il costante stravolgimento delle regole e del diritto positivo, ad opera del governo in carica e delle istituzioni pubbliche o private. Per quanto possa assumere caratteristiche di continuità prolungata, in contrasto con la pretesa temporaneità, uno stato di eccezione prevede comunque, per sua stessa definizione, la contestuale esistenza, almeno astratta, di un contrapposto  stato di diritto, sospeso o perfino abrogato, ma pur sempre reale. In assenza di un puntuale riferimento al sistema complessivo infranto viene meno anche la sua eccezione, per mancanza di regola
continua in
http://effimera.org/san-giorgio-e-il-draghi-adda-veni-san-giorgio-di-gianni-giovannelli/


14 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

VERSO LO SCIOPERO GENERALE

Insieme per la giustizia, le ragioni dello sciopero generale
Davide Colella – Collettiva

Fisco, pensioni, scuola, politiche industriali, delocalizzazioni, precarietà del lavoro, giovani, donne, non autosufficienza. Tanti buoni motivi per scendere in piazza il 16 dicembre. Parola dei segretari confederali della Cgil
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/13/video/insieme_per_la_giustizia_le_ragioni_dello_sciopero_generale-1725866/

Crescono i precari, scendono i salari. L’altra faccia della ripresa
Paolo Andruccioli – Collettiva

In uno studio della Fondazione Di Vittorio i dati aggiornati sulla reale natura dei contratti di lavoro. A ottobre record di precari: tre milioni e 67 mila. Scacchetti, Cgil: “Questi dati rafforzano le motivazioni dello sciopero generale”. Fammoni, Fdv: “Mancano ancora 200 mila posti di lavoro”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/crescono_i_precari_scendono_i_salari_l_altra_faccia_della_ripresa-1734843/

Taranto, operaie in cassa integrazione tornano in sede per recuperare gli effetti personali, ma l’azienda non c’è più
Davide Colella – Collettiva

Il fatto alla Tessile 2.0 di Martina Franca. Arrivate allo stabilimento – racconta in un video Giordano Fumarola, segretario della Filctem provinciale – trovano alcuni operai edili al lavoro, ma non trovano più i macchinari”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/taranto_operaie_in_cassa_integrazione_tornano_in_sede_per_recuperare_gli_effetti_personali_ma_l_azienda_non_c_e_piu_-1735235/

Giove (Cgil Emilia-Romagna): «con questa manovra si torna indietro»
Oltre 10 mila persone dall’Emilia-Romagna dirette a Milano e Roma per la mobilitazione nazionale di giovedì. “La manovra è un’occasione sprecata, i nostri pullman a disposizione di tutti”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/giove_cgil_emilia-romagna_con_questa_manovra_si_torna_indietro_-1735886/

La piazza di Milano
L’appello di Massimo Bonini, segretario generale della Cgil Milano
(video)
A Milano il concentramento è in Piazza Castello alle ore 9, nel corteo confluiscono le delegazioni di Lombardia, Piemonte, Liguria, Trento e Bolzano, Valle d’Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia. Al comizio di Piazza Sempione all’Arco della Pace intervengono, tra gli altri, Tania Scacchetti, segretaria confederale Cgil e Ivana Veronese, segretaria confederale Uil
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/video/la_piazza_di_milano-1735343/

La piazza di Roma
Parla Michele Azzola, segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio (video)
Alla manifestazione di Roma, che si terrà a partire dalle ore 10 in Piazza del Popolo, confluiranno le delegazioni di Lazio, Campania, Toscana, Abruzzo, Molise, Umbria, Marche, Romagna. Sul palco, dopo gli interventi di sei lavoratori, alle ore 11.30 prenderanno la parola i segretari generali di Cgil e Uil, Maurizio Landini e PierPaolo Bombardieri

La piazza di Bari
Parla Gigia Bucci, segretaria generale della Cgil Bari (video)
A Bari la manifestazione si svolge in Piazza Libertà alle ore 10 con la partecipazione delle delegazioni di Puglia, Molise, Basilicata, Calabria. Previsti, tra gli altri, gli interventi di Gianna Fracassi, vice segretaria generale Cgil e Domenico Proietti, segretario confederale Uil
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/video/la_piazza_di_bari-1735416/

La piazza di Palermo
Parla Mario Ridulfo, segretario generale della Cgil di Palermo
(video)
Alla manifestazione di Palermo, convocata alle 9.30 in Piazza Verdi, l’intervento per la segreteria confederale della Cgil è affidato a Emilio Miceli
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/video/la_piazza_di_palermo-1735421/

La piazza di Cagliari
Parla Carmelo Farci, segretario generale della Cgil Cagliari (video)
A Cagliari il concentramento è in Piazza dei Centomila dove interviene Roberto Ghiselli, segretario confederale Cgil
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/video/la_piazza_di_cagliari-1735412/

14 dicembre: JustEat, i rider aderiscono allo sciopero generale
Filt-Nidil Cgil: “Se non verremo ascoltati, ci mobiliteremo anche alla Vigilia di Natale”
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/juseat_i_rider_aderiscono_allo_sciopero_generale-1734944/

Le scelte di Trenitalia penalizzano la Puglia, 16 dicembre sciopero
Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt trasporti e Fast regionali hanno indetto una giornata di sciopero, dalle 21 di mercoledì 15 dicembre alle 20:59 di giovedì 16, “per impedire che gli impianti di manutenzione chiudano o vengano ridimensionati in funzione di scelte aziendali che non valorizzano il territorio e gli asset strategici, fiore all’occhiello nel panorama infrastrutturale”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/14/news/puglia_scelte_trenitalia_penalizzano_regione-1734188/

Cgil-Uil Sicilia, dal governo misure inadeguate
“Se il Paese è in difficoltà, la Sicilia sta affondando: i siciliani hanno tante ragioni in più per aderire allo sciopero generale del 16 dicembre”. A dirlo sono i segretari generali regionali di Cgil (Alfio Mannino) e Uil (Luisella Lionti), sottolineando “la situazione critica dell’isola, per cui la manovra del Governo Draghi rivela tutta la sua inadeguatezza. In Sicilia ci sono oggi 2 milioni 700 mila contribuenti, ma per oltre i due terzi di questi il taglio dell’Irpef non avrà alcuna ricaduta. Nessun beneficio arriverà paradossalmente per i redditi più bassi”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/cgil-uil_sicilia_dal_governo_misure_inadeguate-1734401/

Genova: Edili, rinnovato il contratto territoriale
Feneal Uil-Filca Cisl-Fillea Cgil provinciali: “Interessa 10.000 operai e 2.000 impiegati del settore, alle dipendenze delle oltre 2.000 imprese iscritte alla Cassa edile locale. Fra i capisaldi dell’accordo, massimo impegno sulla sicurezza del lavoro, istituzione del ‘pass elettronico di cantiere’, significativi miglioramenti economici in busta paga ai lavoratori, premialità per le imprese virtuose, incremento dell’offerta formativa”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/edili_rinnovato_il_contratto_territoriale-1735685/

Calabria. Sanità, prioritario intervenire sulle emergenze
Cgil regionale: “Aprire un confronto vero sulle riforme strutturali”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/14/news/sanita_prioritario_intervenire_sulle_emergenze-1734185/

Genova: Palazzo reale, personale Afav in stato d’agitazione
Fp Cgil-Fps Cisl provinciali: “La decisione è stata assunta dopo una partecipata assemblea sindacale, durante la quale è stata discussa la decisione unilaterale dell’amministrazione di revocare il turno notturno affidandolo a una ditta in appalto, decisione che riteniamo grave”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/palazzo_reale_personale_afav_in_stato_d_agitazione-1734611/

Acciaierie d’Italia: Fiom, ora negoziato sul piano industriale
“Sono state presentate le linee guida di un piano industriale che delineano un’ipotesi di percorso che traguarda i prossimi dieci anni, ancora molto lontane dal dettaglio degli investimenti, delle risorse e dei tempi necessari alla realizzazione del piano stesso”. Questo il commento della segretaria generale Fiom Cgil Francesca Re David e il segretario nazionale Fiom Cgil e responsabile siderurgia Gianni Venturi, all’incontro su Acciaierie d’Italia che si è tenuto lunedì 13 dicembre, alla presenza dei ministri Giorgetti (Sviluppo economico) e Orlando (Lavoro), del presidente e dell’amministratore delegato del gruppo siderurgico…
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/acciaierie_d_italia_fiom_ora_negoziato_sul_piano_industriale-1734180/

Piemonte: European metals, i nuovi «padroni del vapore»
Fiom provinciale: “Prima dell’inizio di un’assemblea sindacale, un esponente aziendale è intervenuto sui lavoratori con tono intimidatorio al fine di dissuaderli dal prendere parte all’iniziativa indetta dalla Rsu. A scopo dissuasivo, i partecipanti sarebbero stati poi fotografati”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/european_metals_i_nuovi_padroni_del_vapore_-1735989/

A Roma in Piazza del Popolo ore 9:30 con Pierpaolo Bombardieri, Segretario Generale UIL e Maurizio Landini, Segretario generale CGIL. Altre manifestazioni a Milano, Bari, Palermo e Cagliari


Enrico Baj I funerali dell’anarchico Pinelli (foto Andrea Scuratti)

La pista anarchicaLa prima graphic novel dedicata a Giuseppe Pinelli, vittima della strategia della tensione
Ilaria Chiavacci – Linkiesta

Una graphic novel curata dalle sue figlie ricorda la storia del grande innocente accusato di essere il colpevole di Piazza Fontana, a cinquant’anni dalla sua morte misteriosa. Ce la racconta Silvia Pinelli
continua in
https://www.linkiesta.it/2021/12/anarchico-pinelli-graphic-novel/


Le figlie di Giuseppe Pinelli: “Ecco perché è importante continuare a testimoniare”
In occasione del 52esimo anniversario della morte di Giuseppe Pinelli, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato le figlie, Claudia e Silvia
continua in
https://www.radiopopolare.it/le-figlie-di-giuseppe-pinelli-ecco-perche-e-importante-continuare-a-testimoniare/


15 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
La stretta dell’Italia contro la variante Omicron irrita l’UE, il via alla vaccinazione dei bambini e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di mercoledì 15 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La variante Omicron del COVID continua a spaventare l’Europa e la decisione dell’Italia di chiedere un tampone negativo per chi entra nel Paese dall’estero è stata accolta con un po’ di irritazione dall’Unione Europea, ma anche la Grecia sta seguendo l’esempio italiano. Nel Lazio sono partite oggi le vaccinazioni dei bambini tra i 5 e gli 11 anni, mentre il governo ha scelto la linea della prudenza senza fissare un obiettivo numerico da raggiungere. Domani, intanto, l’Italia si ferma per 8 ore contro la legge di bilancio, giudicata iniqua e inadeguata, ma anche per chiedere risposte al disagio sociale, alla disuguaglianza e alla precarietà. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-mercoledi-15-dicembre/


VERSO LO SCIOPERO GENERALE

Landini: «Tutti in piazza per difendere il lavoro»
Ivana Marrone – Collettiva
Il segretario generale della Cgil invita ad aderire allo sciopero generale del 16 dicembre e a manifestare insieme alla Uil a Roma, Milano, Bari, Palermo e Cagliari
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/15/video/landini_tutti_in_piazza_per_difendere_il_lavoro_-1735985/

Sulla previdenza dal governo misure marginali e senza confronto
Paolo Andruccioli – Collettiva
Roberto Ghiselli, segretario confederale Cgil, spiega gli obiettivi che verranno rilanciati con lo sciopero generale: abbassare l’età del pensionamento, introdurre misure per sostenere la pensione delle donne e dei giovani, aumentare le risorse per far uscire prima chi svolge lavori gravosi
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/15/news/sulle_pensioni_dal_governo_solo_misure_marginali_senza_un_confronto-1729594/

Pierpaolo Bombardieri: GIOVEDÌ 16 DICEMBRE IN PIAZZA PER ACCENDERE I RIFLETTORI SULLE SOFFERENZE E SU CHI RIMANE INDIETRO
Ci rivolgiamo alle tante persone che in queste ultime settimane abbiamo incontrato sui luoghi di lavoro e nelle piazze o ci hanno scritto chiedendo aiuto. E ci rivolgiamo a tutto quel pezzo di società che non è indifferente al disagio e alle emarginazioni che vede ogni giorno con i propri occhi e a quanti credono che si possa costruire una prospettiva diversa per il nostro Paese
continua in
https://terzomillennio.uil.it/2021/12/10/sciopero-generale-basta-disuguaglianze/

CGIL E UIL, L’ULTIMA VOLTA INSIEME ERA CONTRO IL JOBS ACT
Era il 12 dicembre 2014 l’ultima volta che venne annunciato uno sciopero generale a cui aderirono solamente CGIL e UIL.
 I due sindacati scelsero di scendere in piazza contro il Jobs Act di Matteo Renzi. In quella circostanza, come oggi, la CISL decise di non aderire.
A capo delle rispettive organizzazioni sindacali c’erano altri leader e il momento storico era decisamente un altro.
Il Paese dopo la forte crisi che ha visto nascere il Governo tecnico di Monti, riprendeva la strada, seppur in salita. Il leader della “Leopolda” del PD prese delle scelte nell’ambito dei diritti del lavoro che CGIL e UIL non condividevano affatto
continua in
https://terzomillennio.uil.it/2021/12/13/cgil-e-uil-lultima-volta-insieme-era-contro-il-jobs-act/


Lo scioperante è un lavoratore che ha preso coscienza della sua condizione di sfruttato e deliberatamente affronta la lotta e sacrifici sempre maggiori, onde rivendicare i suoi diritti

Vasco Pratolini


Domani sciopero generale, coinvolti anche treni Fs ma non scuola e sanità
Domani migliaia di lavoratori incroceranno le braccia nelle principali città italiane per protestare contro la legge di bilancio voluta dal governo Draghi. Due le sigle compatte Cgil Uil, la Cisl non aderisce e protesterà sabato. “Bisogna aiutare chi sta peggio non chi sta meglio” l’appello di Landini. Cisl: “Si rispetti la verità dei fatti”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/sciopero-domani-treni-fs-trasporti-72d99f79-965f-4353-b569-db69899d837c.html

Covid Italia, il bollettino del 15 dicembre: 23.195 casi e 129 morti. E’ il dato più alto della quarta ondata
Sono 23.195 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.  Mai così tanti dal primo aprile scorso, quando furono 23.649. Ieri, invece, erano stati 20.677. Sono invece 129 le vittime in un giorno, ieri erano state 120. Il dato più alto di questa quarta ondata
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/15/news/covid_italia_il_bollettino_del_15_dicembre-330255633/

15 dicembre: Draghi alla Camera: “Natale sicuro ma vaccinatevi, per Omicron cautela”
“Ci avviciniamo al Natale più preparati e più sicuri” perché “le persone positive al virus sono 297 mila. Dodici mesi fa erano 675 mila”. Ma “i cittadini mantengano la massima cautela”, si vaccinino e facciano la terza dose”. Omicron in Italia ha una incidenza, “più bassa, quasi la metà” che nel resto d’Europa “ma è comunque in crescita”. Così il premier Draghi nell’informativa alla Camera in vista del Consiglio Ue. Sui tamponi ai cittadini europei vaccinati che arrivano in ltalia “c’è poco da riflettere”, spiega
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Draghi-Camera-Consiglio-europeo-Omicron-vaccini-9630a5fa-661e-4fde-b733-198ea9e9fe59.html

15 dicembre: Adriano Sofri. “De senectute”, da Cicerone a Bobbio. Una lezione sulle candidate al Colle
Piccola Posta – Il Foglio

Molti ultraottuagenari tra gli uomini in corsa per il Quirinale, nemmeno una tra le donne. E la speranza di vita conta, visto che è di quasi cinque anni in più per le signore
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/15/news/-de-senectute-da-cicerone-a-bobbio-una-lezione-sulle-candidate-al-colle-3468380/

15 dicembre: Inflazione, Istat rivede al ribasso le stime: +3,7% a novembre
Si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività registri nel mese di novembre un aumento dello 0,6%
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Istat-lima-inflazione-al-ribasso-3.7-per-cento-a-novembre-f1bf0c4f-5cc2-48c9-a047-b758faa97ef5.html

15 dicembre: L’alleanza sociale oltre lo sciopero generale
Rachele Gonnelli – Sbilanciamoci
A due giorni dallo sciopero generale del 16, un incontro con Landini, Bindi, Marcon, Cogliati Dezza, Fridays for Future e Uds. Per riprendere il filo del confronto tra sindacato e associazioni. Per vere riforme. “E perché non si passi da un’emergenza sanitaria a una democratica”.
continua in
https://sbilanciamoci.info/lalleanza-sociale-oltre-lo-sciopero-generale/

15 dicembre: Carta di Roma, presentato Notizie ai Margini. Giulietti: “Rapporto sia centrale nelle istituzioni della categoria”
Il presidente della Fnsi alla Stampa estera in occasione dell’illustrazione dei dati contenuti nello studio. «Il problema del linguaggio dell’odio resta, anche se sotto traccia. Lavoriamo insieme per contrastare i muri della paura, le minacce ai cronisti, le fake news», ha osservato
continua in
https://www.articolo21.org/2021/12/carta-di-roma-presentato-notizie-ai-margini-giulietti-rapporto-sia-centrale-nelle-istituzioni-della-categoria/

15 dicembre: Affidare l’orientamento scolastico alle imprese?
Leonardo (Dino) Angelini – Volere la luna
Come recita nelle sue prime righe, La Carta di Genova – La scuola delle Regioni è un atto programmatico elaborato nell’ambito del Convegno Nazionale sulla Riforma dell’Orientamento svoltosi a Genova durante il Salone Orientamenti 2021 (4 dicembre). Il documento descrive gli indirizzi nazionali per la programmazione e l’attuazione di misure di orientamento nei confronti di percorsi di istruzione e formazione e al lavoro. Lo scopo è «offrire un quadro comune per le iniziative che verranno intraprese da tutti i soggetti che operano sui territori regionali garantendo coesione ed unitarietà nella definizione di obiettivi comuni». 
continua in
https://volerelaluna.it/in-primo-piano/2021/12/15/affidare-lorientamento-scolastico-alle-imprese/

15 dicembre: I boss del Gargano: “Il mare è nostro”
Rosita Rijtano – la vialibera

L’inchiesta Omnia Nostra documenta gli affari illegali e legali del clan Romito-Lombardi-Ricucci-La Torre, ex alleato e poi rivale dei Li Bergolis: la prima batteria del Gargano condannata per mafia. Oltre la droga, in primis c’è il mercato ittico di Manfredonia, di cui era riuscito a conquistare il monopolio grazie a due società. A fare da prestanome anche il figlio di un agente di polizia di penitenziaria del carcere di Foggia
continua in
https://lavialibera.it/it-schede-793-omnia_nostra_mafia_garganica_mercato_ittico

15 dicembre: Una “Transizione” immaginata da pochi, per pochi
Enrico Mariutti – Contropiano

Secondo le favolette narrate dai “grandi della Terra” – al G20 e al Cop26 di Glasgow, nonché da buona parte dell’ambientalismo per nulla critico nei confronti del capitalismo – per realizzare la “transizione ecologica” basterebbero un bel po’ di investimenti, qualche tecnologia green e tanta, tantissima, iniziativa privata sostenuta dal debito degli Stati (che per questo dovrebbero definitivamente cancellare ogni forma di welfare interno, se ancora ne hanno)
continua in
https://contropiano.org/news/ambiente-news/2021/12/15/una-transizione-immaginata-da-pochi-per-pochi-0144856

Non è tutto gas quello che puzza, a partire dalla Germania
Fabrizio Poggi – Contropiano

La Bielorussia importa gas russo a 127 dollari per 1.000 mc; la Serbia ha rinnovato meno di un mese fa l’accordo con Mosca che le permette di acquistare il gas al prezzo di 270 dollari. Qual è la situazione nell’Europa che “non cede ai ricatti di Mosca”?
continua in
https://contropiano.org/news/internazionale-news/2021/12/15/non-e-tutto-gas-quello-che-puzza-a-partire-dalla-germania-0144877

15 dicembre: Verso le elezioni presidenziali francesi: il candidato dei Repubblicani
Luca Rosati – Il Caffè Geopolitico
Dopo due mesi di campagna elettorale interna il centrodestra francese ha scelto il candidato per la corsa all’Eliseo. Si tratta di Valérie Pécresse, 54 anni, attuale Presidente della Regione Île-de-France, già Ministra dell’Istruzione dal 2007 al 2011 e Ministra del Budget e dei Conti pubblici dal 2011 al 2012.
continua in
Verso le elezioni presidenziali francesi: il candidato dei repubblicani (ilcaffegeopolitico.net)

Afghanistan: prima dell’arrivo dei talebani ripetuti crimini di guerra e bagni di sangue senza sosta
Amnesty International
Secondo un rapporto diffuso oggi da Amnesty International, prima della presa del potere dei talebani in Afghanistan le forze di sicurezza afgane, l’esercito statunitense e gli stessi talebani si sono resi responsabili di attacchi che hanno causato enormi sofferenze alla popolazione civile
continua in
Afghanistan: prima dell’arrivo dei talebani ripetuti crimini di guerra e bagni di sangue senza sosta – Amnesty International Italia

15 dicembre: Riccardo Ehrman, il giornalista italiano che scrisse un pezzo di storia a Berlino
Paolo Soldini – Strisciarossa

Sentivamo tutti di vivere un momento in cui la Storia si metteva a correre. Ma quella sera di fine ottobre – o forse eravamo già all’inizio del fatidico novembre – tutto sembrava tranquillo, almeno in quel quartiere di BerlinoRiccardo Ehrman viveva in un falansterio realsocialista sulla Karl-Liebknecht-Strasse, la grande arteria che proseguiva, verso Alexanderplatz, il bel viale Unter den Linden, ma che non era per niente bello. Era buio perché le luci del centro storico arrivavano appena e faceva freddo. Riccardo mi aveva invitato a cena (“non una cena di lavoro: vieni ad assaggiare la cucina di mia moglie”) e io, come un cretino, mi ero perso. Avevo dimenticato metà delle indicazioni che lui mi aveva dato per raggiungere il suo appartamento: il tale blocco, al tale piano, il corridoio che va a destra (o a sinistra?). Niente, non avevo preso appunti e quel poco che ricordavo non mi aiutava.
Continua un
https://www.strisciarossa.it/riccardo-ehrman-il-giornalista-italiano-che-scrisse-un-pezzo-di-storia-a-berlino/

La lunga notte del capitale: Leopardi, la natura e il senso ultimo della lotta di classe
Sandro Moiso – Carmilla online

L’intervento seguente è dedicato a Emilio Scalzo, militante No Tav, e al coraggio e alla dignità con cui affronta una persecuzione poliziesca e giudiziaria che da sola basterebbe a dimostrare l’illusorietà di ogni promessa di giustizia e rispetto dei diritti in una società il cui ordinamento è rivolto soltanto all’accumulazione del capitale
continua in
https://www.carmillaonline.com/2021/12/15/leopardi-la-natura-il-capitale-e-la-lotta-di-classe/

15 dicembre: Guido Viale. A che punto è la notte?
A che punto è la notte? Due notizie, comparse su pagine diverse dei giornali dell’11.12, ma tra loro connesse, ce lo fanno capire. Una serie di uragani ha investito il Kentucky e quattro Stati adiacenti, con venti a 350 km l’ora, polverizzando una fabbrica con dentro i suoi operai e devastando diverse città, mentre a pochi Stati di distanza (Nord e Sud Dakota) la siccità costringeva gli allevatori, principale “industria” dell’area, a svendere il bestiame per mancanza di acqua e scarsità di foraggio. Lo stesso giorno, in Italia, Confindustria, sindacati e associazioni varie di categoria si opponevano a fissare al 2035 (data indicata dalla COP26 di Glasgow, ma non sottoscritta dall’Italia) la cessazione di produzione e vendita – non certo della circolazione – delle auto a combustione. “Troppo presto!”, gridano: se proprio si deve fare, ci occorre “molto più tempo”. Ma che cosa lega queste due notizie?
continua in
https://www.guidoviale.it/a-che-punto-e-la-notte/

15 dicembre: Come funziona Cohabitat, l’edilizia convenzionata di Lambrate
Luca Parena – Radio Popolare

Se si parte dal centro di Milano, per raggiungere Lambrate con i mezzi pubblici, conviene prendere la linea 54 e mettersi comodi. Il confine immaginario con Rubattino, periferia est della città, arriva quasi al capolinea. Scendendo dall’autobus in via Pitteri, dall’altra parte della strada si notano facilmente due grandi palazzi. Il rivestimento azzurro che domina sulle facciate, la pavimentazione di nuova posa per terra rendono il complesso di Cohabitat subito riconoscibile. È un progetto di abitare cooperativo promosso da Consorzio Cooperative Lavoratori e da Delta Ecopolis. Nel vuoto lasciato dal passato industriale del quartiere, cerca di andare in controtendenza rispetto ai piani immobiliari privati che spingono i prezzi in alto fin dove trovano acquirenti
continua in
https://www.radiopopolare.it/come-funziona-cohabitat-ledilizia-convenzionata-di-lambrate/


15 dicembre: COS’È OGGI LA CGIL? ESISTE UN PROCESSO DI RINNOVAMENTO?
Umberto Franchi – La Bottega del Barbieri
Nella storia della nostra Italia, c’è stato un periodo chiamato «il ’68», che è durato circa 15 anni, in cui la sinistra sociale, sindacale e politica ha svolto grandi battaglie in materia di sicurezza sociale, lavoro, diritti
continua in
https://www.labottegadelbarbieri.org/cose-oggi-la-cgil-esiste-un-processo-di-rinnovamento/

L’alleanza sociale oltre lo sciopero generale
Rachele Gonnelli – Sbilanciamoci

Alla vigilia dello sciopero generale del 16, un incontro con Landini, Bindi, Marcon, Cogliati Dezza, Fridays for Future e Uds. Per riprendere il filo del confronto tra sindacato e associazioni. Per vere riforme. “E perché non si passi da un’emergenza sanitaria a una democratica”
continua in
https://sbilanciamoci.info/lalleanza-sociale-oltre-lo-sciopero-generale/


Raccontare la vecchiaia e la morte con leggerezza. A teatro si può
Monica Triglia – Alonsanfan

«A invecchiare non ti insegna nessuno». Sul palco del Teatro Oscar di Milano Daniela Cristofori quasi lo urla a Giacomo Poretti. Sono moglie e marito nella vita (e si nota dalla complicità). Lo sono anche nello spettacolo Funeral Home che affronta il tabù della morte. E lo fa con leggerezza, intelligenza e con coraggio. Perché se «a invecchiare non ti insegna nessuno» lo stesso vale per l’accettare di dover morire
continua in
https://www.allonsanfan.it/2021/12/15/funeral-home-poretti-albero-lombezzi/

15 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Rialziamo insieme la testa! VERSO LO SCIOPERO GENERALE! Contro delocalizzazioni, licenziamenti, precarietà!

15 dicembre: Acciaierie di Piombino, ora è scontro aperto. Tutti contro Jindal
Aggrappati all’acciaio. Verso la proroga della cigs per i 1.500 addetti diretti dello stabilimento. Ma dopo l’ennesima riunione inconcludente, operai, sindacati metalmeccanici e amministrazione comunale dicono basta: “Trovare una alternativa al gruppo indiano, perché Jsw tiene in ostaggio il futuro dei piombinesi, usandolo come merce di scambio”
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/acciaierie-di-piombino-ora-e-scontro-aperto-tutti-contro-jindal/

Alle Canarie sulla rotta dei migranti. Il racconto di Mirca, di Torino
Tania Paolino – Strisciarossa

“La bellissima costa di Tenerife è disseminata di baracche costruite con materiale di recupero, con gli aiuti degli abitanti dei paesini. Servono da riparo ai nuovi arrivati, ma alcune diventano case definitive in mancanza di meglio”. Ce lo racconta Mirca, di “Torino per Moria“, al ritorno dal suo viaggio alle Canarie, dove si è recata per portare sostegno ai migranti provenienti in prevalenza da Nigeria, Guinea, Gambia, Senegal
continua in
https://www.strisciarossa.it/alle-canarie-sulla-rotta-dei-migranti-il-racconto-di-mirca-di-torino/

Edili, la Fillea Cgil chiede un atto di giustizia, ridurre da 36 a 30 gli anni di contributi per accedere all’Ape Sociale
Daniela Pistis – Collettiva
Anche in Sardegna la Fillea ha rivolto un appello alla presidente della Commissione Lavoro della Camera Romina Mura, affinché sostenga un emendamento che modifichi i requisiti attuali
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/15/news/edili_la_fillea_cgil_chiede_un_atto_di_giustizia_ridurre_da_36_a_30_gli_anni_di_contributi_per_accedere_all_ape_sociale-1736311/

15 dicembre: PREMIO ALL’INNOVAZIONE AMICA DELL’AMBIENTE 2021: RICONOSCIMENTI A SEI ECCELLENZE ITALIANE
Dal sistema di monitoraggio del benessere animale negli allevamenti alle pareti verdi “respiranti” al chiuso, dall’ecopelle ottenuta da arance e cactus alla tenda-rifugio ecosostenibile, i progetti vincitori del concorso promosso da Legambiente
continua in
Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente 2021: riconoscimenti a sei eccellenze italiane • Legambiente


15 dicembre: La casa rasa al suolo dall’Unione Europea
Dante Barontini – Guido Salerno Aletta – Contropiano
C’è chi ancora non comprende che il “trasferimento di sovranità” dagli Stati nazionali – e dalle democrazie, in cui questa sovranità appartiene al popolo – all’Unione Europea è un trasferimento di potere “ai mercati”. O, più precisamente, a quella fetta numericamente piuttosto sottile  che è bene chiamare borghesia europea
continua in
https://contropiano.org/news/news-economia/2021/12/15/la-casa-rasa-al-suolo-dallunione-europea-0144894



Il futuro afgano nell’agenda dell’Italia
Una sintesi dell’affollato e intenso incontro ieri a Trento sui destini del Paese asiatico. Organizzato da 46mo Parallelo e Afgana. Presente la Viceministra Sereni
Centocinquanta milioni milioni di euro in aiuti umanitari all’Afghanistan utilizzandoli come leva per spingere i Talebani a rispettare i diritti. L’apertura di una sede europea a Kabul, lo spostamento della Cooperazione italiana a Islamabad, il dibattito su come negoziare col nuovo esecutivo di Kabul – un governo senza donne e non inclusivo – ma senza riconoscerlo (…)
continua in
Il futuro afgano nell’agenda dellItalia – Lettera22


Sviluppo nella legalità, San Cipirello si mobilita per rilanciare la valle dello Jato
Vito Lo Monaco – Articolo 21
Dal 1991 al mese di ottobre 2021 le amministrazioni di 363 enti locali(356 comuni e 7 aziende sanitarie) sono state sciolte per infiltrazioni mafiose. Il numero maggiore degli enti sciolti si trova nelle quattro Regioni del Meridione (Sicilia, Campania, Calabria. Puglia)con gli insediamenti storici di Cosa nostra, Camorra, ‘Ndrangheta, Sacra corona unita; il radicamento delle mafie è documentato anche in cinque Regioni del Centro-Nord (Lazio, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, Valle d’Aosta)
continua in
https://www.articolo21.org/2021/12/sviluppo-nella-legalita-san-cipirello-si-mobilita-per-rilanciare-la-valle-dello-jato/

A Roma in Piazza del Popolo ore 9:30 con Pierpaolo Bombardieri, Segretario Generale UIL e Maurizio Landini, Segretario generale CGIL. Altre manifestazioni a Milano, Bari, Palermo e Cagliari

Aderendo alle motivazioni dello sciopero generale, gli aggiornamenti odierni saranno online dal pomeriggio

«Sciopero generale contro una pandemia salariale e sociale senza precedenti»

Roma in Piazza del Popolo ore 9:30 con Pierpaolo Bombardieri, Segretario Generale UIL e Maurizio Landini, Segretario generale CGIL.
Le Altre manifestazioni a Milano, Bari, Palermo e Cagliari

La protesta. Sciopero generale di Cgil e Uil di 8 ore contro la legge di bilancio del governo Draghi: «Insieme per la giustizia». Manifestazioni a Roma, Milano, Bari, Palermo e Cagliari. Esonerate la sanità pubblica e privata, le Rsa in prima fila nell’emergenza Covid
Roberto Ciccarelli – il manifesto
«Insieme per la giustizia». Questo è lo slogan scelto per lo sciopero generale di otto ore indetto oggi da Cgil e Uil contro la legge di bilancio del governo Draghi. Cinque sono le piazze convocate da Nord a Sud: a Roma a Piazza del Popolo con Maurizio Landini e Pier Paolo Bombardieri, e le iniziative interregionali previste a Bari, Cagliari, Milano e Palermo. Dallo sciopero sono esonerati i settori dell’igiene ambientale, gli sportelli delle Poste, la sanità pubblica e privata, le Rsa in prima fila nell’emergenza pandemica da Covid. Chi non potrà astenersi dal lavoro è stato invitato a portare un segno di riconoscimento in solidarietà con lo sciopero
continua in
https://ilmanifesto.it/sciopero-generale-contro-una-pandemia-salariale-e-sociale-senza-precedenti/

Aderendo alle motivazioni dello sciopero generale, gli aggiornamenti odierni saranno online dal pomeriggio

Patrioti

16 dicembre: Il Paese reale riparte dal lavoro

Il segretario generale della Cgil Maurizio Landini conclude la manifestazione romana di Piazza del Popolo, nel giorno dello sciopero generale: “Da questa piazza diciamo che è l’ora di cambiare. Serve occupazione stabile e sicura, bisogna superare la precarietà. Manovra sbagliata, sul fisco premia i ricchi. La mobilitazione continua”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/16/news/il_paese_reale_riparte_dal_lavoro-1741862/

La piazza di Milano
Appuntamento questa mattina in Piazza Castello alle ore 9, al corteo le delegazioni di Lombardia, Piemonte, Liguria, Trento e Bolzano, Valle d’Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia. Poi comizio in Piazza Sempione all’Arco della Pace con lavoratrici e lavoratori, Tania Scacchetti, segretaria confederale Cgil e Ivana Veronese, segretaria confederale Uil
Gli interventi, le foto, le testimonianze in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/16/news/la_piazza_di_milano-1739240/

La piazza di Bari
La manifestazione per lo sciopero generale si svolge oggi in Piazza Libertà. L’appuntamento è per le ore 10. In piazza le delegazioni della Puglia, del Molise, della Basilicata e della Calabria. Previsti, tra gli altri, gli interventi sul palco di Gianna Fracassi, vice segretaria generale Cgil e Domenico Proietti, segretario confederale Uil. Prima di loro parlano sette delegati
Gli interventi, le foto, le testimonianze in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/15/news/la_manifestazione_del_16-1739665/

La piazza di Palermo
Lavoratori e lavoratrici arrivati da tutta la Sicilia per lo sciopero indetto da Cgil e Uil per chiedere equità e giustizia sociale. Dal palco, tra gli altri, gli interventi della segretaria nazionale Uil Tiziana Bocchi e del segretario nazionale Cgil Emilio Miceli
Gli interventi, le foto, le testimonianze in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/16/news/la_piazza_di_palermo-1739249/

La piazza di Cagliari
Lavoratori, delegati, pensionati e giovani da tutta la Sardegna questa mattina in piazza dei Centomila per lo sciopero generale di otto ore indetto da Cgil e Uil. Qui le ragioni della mobilitazione sono ancora più forti perché l’isola soffre per la mancanza di lavoro, di infrastrutture e per l’isolamento. Conclude il segretario confederale Roberto Ghiselli
Gli interventi, le foto, le testimonianze in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/16/news/la_piazza_di_cagliari-1739809/


Intellettuali a sostegno di Cgil e Uil
In una lettera di solidarietà alle due Confederazioni pubblicata su Micromega si criticano “scelte del governo che non sanano gli squilibri a danno dei lavoratori e dei meno abbienti che si sono accumulati a causa delle politiche perseguite da oltre vent’anni”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/14/news/uno_sciopero_che_non_si_poteva_non_fare_un_gruppo_di_intellettuali_a_sostegno_di_cgil_e_uil-1736615/


16 dicembre: C’è sciopero e sciopero, c’è sindacato e sindacato
Alla grandissima partecipazione allo sciopero generale di tutto il sindacalismo di base e conflittuale dell’11 ottobre, promosso su una piattaforma definita e combattiva, hanno fatto seguito altri scioperi di categoria, promossi da diverse organizzazioni sindacali i cui risultati sono decisamente interessanti da analizzare
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/16/sciopero-e-sciopero-sindacato-e-sindacato-0144916

16 dicembre: Monza-Brianza: Adidas taglierà 95 posti di lavoro in tre anni
Cgil Lombardia-Cgil e Filcams territoriali: “Esprimiamo fortissime preoccupazioni per le prospettive future, la perdita di competenze e la riduzione dei livelli occupazionali”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/16/news/adidas_taglia_95_posti_di_lavoro_in_tre_anni-1743372/

16 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Decine di migliaia in piazza per lo sciopero generale, la distanza dei partiti dalla mobilitazione dei lavoratori e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di giovedì 16 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Operai, pensionati, precari, rimasti senza rappresentanza, impoveriti da 30 anni di politiche regressive, insieme nel primo sciopero generale dal 2014. L’imbarazzo dei partiti davanti alle decine di migliaia di lavoratori nelle piazze. Altri due operai morti sul lavoro. Draghi al Consiglio Europeo rivendica la scelta dei tamponi alle frontiere anche per i cittadini europei vaccinati. L’addio a Jacopo Compagnoni, fratello della campionessa di sci travolto da una valanga. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-giovedi-16-dicembre/

16 dicembre: Le tante ragioni d’uno sciopero che la politica (anche a sinistra) non ha voluto capire
Oreste Pivetta – Strisciarossa

Lo sciopero non gode buona fama. La notizia dello sciopero generale indetto dalla Cgil e dalla Uil sparisce o finisce in fondo, tradotto in problemi d’orario “per chi utilizza i mezzi pubblici”. Ecco: bus tram metrò a rischio.  Il Corriere  si interroga in un articolo  del suo editorialista Dario Di Vico sulla compatibilità nell’età contemporanea di un’arma di lotta come lo sciopero, polemizzando contro una serie di “intellettuali di sinistra”, propensi ad affidargli “il valore di un rilancio e di una nuova centralità del conflitto”, a considerarlo  “ossigeno per la democrazia” rispetto al rischio del “soffocamento della dialettica sociale”. Il titolo: “Il nuovo disagio ignorato” promette tutto o niente, l’incoraggiamento a Landini come l’interpretazione di un sondaggio del Censis
continua in
https://www.strisciarossa.it/le-ragioni-duno-sciopero-che-la-politica-anche-a-sinistra-non-vuole-capire/

16 dicembre: Gkn se ne va senza licenziare. Ma operai ancora senza garanzie
Delocalizzazioni. Dal nuovo incontro al Mise la conferma che la multinazionale dell’automotive lascia a fine anno, affidando lo stabilimento all’advisor Borgomeo. “Ma prima di arrivare a una soluzione industriale – osserva la Fiom Cgil – la questione fondamentale da chiarire è la continuità occupazionale nella fase di traghettamento”. Per questo si chiedono garanzie al governo, agli enti locali e a Invitalia
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/gkn-se-ne-va-senza-licenziare-ma-operai-ancora-senza-garanzie/

16 dicembre: Incidenti a Ischia,Taranto e nel Salernitano. Morto un 60enne a Tortolì
Ancora quattro morti sul lavoro, due erano in “nero”
A Forio, un 59enne ha perso la vita cadendo da una impalcatura. Nel tarantino un 51enne è morto, dopo essere caduto da un mezzo. Deceduti un operaio di 55 anni nel Salernitano ed un 60enne di Tortolì (Cagliari): è rimasto incastrato sotto un escavatore
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/ancora-due-operai-morti-lavoro-ischia-massafra-6664cf49-4463-440a-837b-f369f30bf384.html

16 dicembre: Ricostruire il conflitto attorno all’eguaglianza
Alessandra Algostino – Volere la luna
L’interrogativo “Che fare” è ineludibile e immane; anche perché non si possono scindere le considerazioni sul futuro di Volere la luna da quelle sul contesto complessivo. Nello spazio di queste note, mi limito a proporre qualche suggestione, muovendo dal quadro fosco, ma, insieme, di realismo non arreso, che contrassegna l’orizzonte dipinto da Livio Pepino nell’introduzione al dibattito (https://volerelaluna.it/che-fare/2021/09/22/volere-la-luna-che-fare-un-confronto-aperto/) e che costituisce, a mio parere, uno dei fil rouge del compito di Volere la luna: cercare di decifrare la realtà e al tempo stesso di trasformarla, sul piano del pensiero così come su quello dell’azione concreta sul territorio.
continua in
https://volerelaluna.it/che-fare/2021/12/16/ricostruire-il-conflitto-attorno-alleguaglianza/

16 dicembre: Lavoratori fragili, uno sguardo alla situazione attuale
Pasquale Dui – Il Diario del Lavoro

Ai sensi della circolare congiunta del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministero della Salute n. 13 del 4 settembre 2020, sono da considerare fragili quei lavoratori che, a causa di una patologia preesistente, sono esposti al rischio di un esito grave o infausto dell’infezione da Covid19. Il tutto a prescindere dal fatto che siano o meno sottoposte al ciclo vaccinale
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/lavoratori-fragili-uno-sguardo-alla-situazione-attuale/#

Covid Italia, il bollettino del 16 dicembre: 26.109 nuovi casi e 123 morti. Contagi mai così alti da marzo
In Italia nelle ultime 24 ore ci sono stati 26.109 nuovi casi di coronavirus e 123 morti. Il tasso di positività resta stabile al 3,6%, con 718.281 tamponi. In aumento le terapie intensive (+47) e i ricoveri (+29). I nuovi contagi non sono così alti dal 12 marzo scorso, quando furono 26.824
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/16/news/covid_italia_il_bollettino_del_16_dicembre-330398466/

Monitoraggio Gimbe: l’epidemia non rallenta, in sette giorni +18% casi e decessi
Contagi in aumento in tutte le regioni tranne Friuli, Molise e Bolzano. Al 15 dicembre sono state somministrate 12.563.534 di terze dosi
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-Monitoraggio-Gimbe-epidemia-non-rallenta-in-7-giorni-piu-18-per-cento-casi-e-decessi-9975ad80-1187-4fd0-98e7-593a120806f6.html

Locatelli: “Ipotesi tampone anche ai vaccinati per accedere ai grandi eventi”
Il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità invita tutti a vaccinarsi soprattutto in vista delle festività natalizie – See
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-Locatelli-ipotesi-tampone-a-vaccinati-per-i-grandi-eventi-1a3bd12f-73dc-4d87-ae4d-fb10e08b8be2.html

16 dicembre: Lotte, alternativa di società, convergenza dei movimenti
Intervista a Nicoletta Pirotta 
(Gruppo FemmSdC,  gruppo femminista attivo nella Società della Cura, rete italiana di oltre 400 associazioni) – Attac Italia
continua a
https://www.attac-italia.org/lotte-alternativa-di-societa-convergenza-dei-movimenti-intervista-a-nicoletta-pirotta/

16 dicembre: Prove di dispotismo italiano. La farsa della riforma fiscale e l’inflazioni da profitti
Andrea Fumagalli – Effimera

Il primo paradosso, di natura economico-politica, è che il dispotismo politico, oggi rappresentato dal governo Draghi, non è più semplicemente una conseguenza del dispotismo economico ma ne è regia. Se ai tempi di Renzi l’approvazione del Jobs Act rientrava nella logica di accondiscendenza della politica ai poteri forti economici, oggi assistiamo, paradossalmente, a un ritorno della “politica” ma intesa, sia chiaro, come dirigismo e accentramento del potere, indipendente da altre componenti, in teoria fondamentali, della società cosiddetta “democratica”. Ciò avviene in contemporanea (e grazie) al completo svilimento delle prerogative parlamentari come organi legislativi e deliberativi. 
continua in
http://effimera.org/prove-di-dispotismo-italiano-la-farsa-della-riforma-fiscale-e-linflazioni-da-profitti-di-andrea-fumagalli/


NASCE LA RETE DELLE COMUNITÀ ENERGETICHE RINNOVABILI E SOLIDALI
Risparmio fino al 25% sulle bollette, lotta alla disuguaglianza sociale, alla povertà energetica e al disagio insediativo. Presentato il manifesto dell’iniziativa promossa da Legambiente con la Comunità Energetica e Solidale di Napoli Est e il Comune di Ferla
CONTINUA IN
Nasce la Rete delle Comunità Energetiche Rinnovabili e Solidali • Legambiente


16 dicembre: La truffa dei bonus
Marco Ferri – Contropiano
I bonus che vorrebbero lenire i dolori sociali provocati dell’aumento generalizzato delle tariffe energetiche sono un modo sfacciato di finanziare la speculazione.
Significa, in realtà, permettere loro di agire sui prezzi senza controllo; significa addirittura rendere più vantaggiosi i rincari, perché paradossalmente finanziati con i cosiddetti bonus, che altro non sono che spesa pubblica in deficit, dunque a carico del contribuente
continua in
https://contropiano.org/interventi/2021/12/16/la-truffa-dei-bonus-0144911

16 dicembre: Hai voluto la bicicletta?
Gianluca Cicinelli – La Bottega del Barbieri

Il fantastico mondo del neoliberismo, malattia senile del capitalismo, si è arricchito di un altro capitolo che avrebbe fatto la gioia di Guy Debord, il maggior esponente del situazionismo del secolo scorso e teorico della società dello spettacolo.
Nella vicenda che raccontiamo c’è l’essenza di un modello economico che guida il mondo verso l’autoestinzione grazie anche alla nostra complicità di spettatori apparentemente passivi
continua in
https://contropiano.org/news/cultura-news/2021/12/16/hai-voluto-la-bicicletta-0144925

16 dicembre: La scienza e la buona politica
Enzo Scandurra – Comune

La scienza non solo non è la verità ma si afferma attraverso tentativi di continui fallimenti e parziali successi. Tanto meno è neutra, come ci ha ben insegnato Marcello Cini, poiché nasce in un contesto economico, politico e sociale che ne influenza gli sviluppi e gli esiti. Come accade nel “dibattito” sui vaccini, la scienza viene però tirata per la giacchetta giorno dopo giorno a sostegno di espressioni della politica che ne strumentalizzano l’uso. Accade soprattutto quando non gli esponenti politici non riescono a prendere decisioni che competono solo a loro oppure per nascondere il panico di fronte a fenomeni inattesi come la sindemia che sta sconvolgendo il pianeta
continua in
https://comune-info.net/la-scienza-e-la-buona-politica/

16 dicembre: La grande farsa mediatica su Berlusconi e il Quirinale
Paolo Soldini – Strisciarossa
Sarebbe ora di smetterla. Che Silvio Berlusconi creda veramente che può fare il presidente della Repubblica è cosa che attiene alla sua psiche e alla sua debordante autostima. Che i padrini della destra facciano finta di considerarla una cosa fattibile perché è un “patriota” (ah, davvero?) attiene al cinismo della politique politicienne all’italiana. Ma che in ogni ora della mattina e della sera il sistema dei media ci imponga con ossessiva insistenza articoli, dibattiti, dichiarazioni, approfondimenti sulla possibile ascesa alla massima carica dello stato di un pregiudicato ottantacinquenne attualmente sotto processo per corruzione in atti giudiziari come se fosse una cosa normale è il sintomo di una malattia grave non solo del nostro sistema politico, ma anche del nostro sistema dell’informazione
continua in
https://www.strisciarossa.it/la-grande-farsa-mediatica-su-berlusconi-e-il-quirinale/

16 dicembre: Brexit, la partita finale si gioca nell’Ulster
Livia Scalabrelli – Il Caffè Geopolitico
Il protocollo dell’Irlanda del Nord è al centro delle ultime discussioni sulla Brexit e una intesa fra Regno Unito e UE sembra ancora lontana
continua in
Brexit, la partita finale si gioca nell’Ulster | Il Caffè Geopolitico (ilcaffegeopolitico.net)

16 dicembre: Italia-Francia: rapporti tra “cugini” più forti
Luigi Garofalo – Il Caffè Geopolitico

Il 26 novembre 2021 Italia e Francia hanno firmato il cosiddetto Trattato del Quirinale (ufficialmente Trattato “per una cooperazione bilaterale rafforzata”). L’accordo ribadisce i tratti comuni ai due Paesi e potrebbe aprire scenari finora inediti nei rapporti interni all’Unione Europea e nel quadrante mediterraneo.
continua in
Italia-Francia: rapporti tra “cugini” più forti | Il Caffè Geopolitico (ilcaffegeopolitico.net)


16 dicembre: “Voglio solo dimenticare”: a TPI parla Patrick Zaki
Lara Tomasetta – Tpi.it

“Scriverei un libro di gratitudine per ogni persona che mi ha aiutato. Mi occuperò di diritti umani. In carcere ho imparato che è troppo presto per fare piani a lungo termine. Girerò l’Italia per ringraziarvi”
continua in
https://www.tpi.it/esteri/voglio-dimenticare-a-tpi-parla-patrick-zaki-20211216851005/


16 dicembre: Adriano Sofri. Vive ancora la memoria della strage nazifascista a Sant’Anna di Stazzema
Piccola Posta – Il Foglio

Il 12 agosto 1944 reparti delle SS accompagnati da fascisti italiani massacrarono deliberatamente 560 civili, soprattutto vecchi, donne e bambini. Tutto obliato fino al 1994. Uno degli ultimi sopravvissuti, Enrico Pieri, è morto il 10 dicembre: ha passato gli ultimi anni impegnato nel ricordo
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/16/news/vive-ancora-la-memoria-della-strage-nazifascista-a-sant-anna-di-stazzema-3471294/

16 dicembre: Tomaso Montanari. È gradita la camicia nera
Proclamare un sacrosanto sciopero generale sarebbe «irresponsabile», sostiene il coro salmodiante che celebra senza sosta né pudore il “Governo dei migliori”. Mentre vezzeggiare, sdoganare, legittimare in ogni modo l’estrema destra va benissimo. Ma come sarebbe l’Italia guidata da un governo a trazione Fratelli d’Italia-Lega? Per saperlo basta leggere l’ultimo, terrificante, libro di Paolo Berizzi (È gradita la camicia nera. Verona, la città laboratorio dell’estrema destra tra l’Italia e l’Europa, Rizzoli, 250 pp., 17 euro). E forse dovrebbe leggerlo anche Enrico Letta, che va ad Atreju a tubare con Giorgia Meloni e il suo partito: legati al mondo indagato nel libro da un filo che non conosce soluzioni di continuità
continua in
https://volerelaluna.it/allarmi-son-fascisti/2021/12/16/e-gradita-la-camicia-nera/



17 dicembre: Piazza, bella piazza
I volti, le voci e i suoni della manifestazione di Roma. Migliaia di persone che protestano con Cgil e Uil contro la manovra del governo e chiedono dignità e giustizia
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/17/video/piazza_bella_piazza-1743751/

Il videoreacconto
Facce da sciopero generale
Fabrizio Ricci – Collettiva
I lavoratori della Gkn e quelli di Airitaly, il vigile del fuoco e l’assistente sociale, la navigator e la disoccupata: una piazza dai mille volti, uniti da una richiesta comune, un Paese più giusto
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/17/video/facce_da_sciopero_generale-1744074/

17 dicembre: Lo sciopero generale e l’inutilità della sinistra di alternativa
Marco Sferini – La Sinistra Quotidiana
Questa volta è la sincerità a trionfare sul sindacalese: uno sciopero ha in sé, soprattutto se è generale, se coinvolte tutte le categorie lavorative, un fatto e un atto anche politico. Lo è perché fronteggia il dirimpettaio governativo che si propone di andare avanti con una legge di bilancio dove la redistribuzione delle risorse del PNRR si innerva nel tessuto sociale tanto poco, dirottando gli oltre 200 miliardi europei verso il mondo dell’impresa piuttosto che su quello del lavoro, da costringere lo stesso Draghi a mettere mano a tagli della spesa pubblica per finanziare la contenibilità del caro-bollette
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/lo-sciopero-generale-e-linutilita-della-sinistra-di-alternativa/

«Landini non buttare via questo sciopero»
Il collettivo Gkn: decenni di liberismo non si invertono con un singolo 16 dicembre ma con una mobilitazione di cui il 16 di dicembre è una tappa
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/16/sciopero-generale-parlano-i-lavoratori-gkn346331/

Lo sciopero generale sfonda il muro del livore politico e mediatico
Adesioni in media fino all’85% in molte realtà e settori allo sciopero generale di Cgil e Uil nonostante la carovana del nuovo conformismo che ieri ha fatto piovere altri insulti contro i manifestanti: «irresponsabili», «schizofrenici», «vergognosi», «svantaggiosi», «ideologici», «deleteri», «imbarazzanti», «pericolosi». Un florilegio raccolto da stampa, tv e radio. Nessuno è stato «intimidito» ha ricordato ieri il segretario della Uil Bombardieri. Questa è la vecchia storia di chi esce dalla «normalità» basata su paure, profezie e miraggi
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/lo-sciopero-generale-sfonda-il-muro-del-livore-politico-e-mediatico/

17 dicembre: Le vittime erano due fratellini
Rogo in un campo nomadi a Foggia: morti due bambini
I piccoli morti nel sonno. A provocare l’incendio un braciere a legna. Il padre e la madre in quel momento non erano nella baracca andata a fuoco
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/rogo-campo-nomadi-foggia-morti-bambini-f051adf9-4516-4d02-8fdb-0cc8b7a1ad19.html

17 dicembre. I fratellini morti
Il sociologo: «Rom bulgari schiavizzati per la passata economica»
Luca Liverani – Avvenire
Per Antonio Ciniero, sociologo delle migrazioni dell’Università del Salento, le responsabilità dello sfruttamento sono del caporalato, ma anche delle imposizioni della Grande distribuzione organizzata
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/i-fratellini-morti-nella-baraccopoli-il-sociologo-rom-bulgari-schiavizzati-per-la-passata-economica

17 dicembre: Due incidenti sul lavoro: 60enne muore al porto di Trieste, un 65enne in officina nel Trevigiano
A Resana (Treviso) Giuseppe Taccin stava lavorando da solo nella sua officina con un macchinario. Questa mattina un operaio ha perso la vita schiacciato da una gru al Porto vecchio
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Treviso-incidente-sul-lavoro-morto-65enne-lavora-ad-un-tornio-effc8085-06fa-4f8b-bb4e-527e47e658c6.html

17 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Le ultime sull’epidemia, la mossa di Salvini e la corsa di Berlusconi, le presidenziali in Cile e le altre notizie della giornatahttps://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-venerdi-17-dicembre/
Il racconto della giornata di venerdì 17 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Matteo Salvini fa la sua mossa per inguaiare il Pd. Il capo della Lega dice: “Mario Draghi a palazzo Chigi è l’unico modo per tenere unita la maggioranza”. Così Berlusconi gongola e pensa che sia arrivato il suo turno: il Caimano presidente della Repubblica diventa sempre meno uno scenario di fantapolitica. Il governo annuncia il decreto sulle delocalizzazioni, forse è un contentino per i sindacati dopo lo sciopero generale dello scorso 16 dicembre. L’epidemia corre. Oggi sono 28.632 casi, è il dato più alto di quest’anno e bisogna tornare al 27 novembre 2020 per avvicinarsi a una cifra simile: 28.352. Da lunedì passano in zona gialla Liguria, Marche, Veneto e Provincia Autonoma di Trento. Nuovo record di contagi in Gran Bretagna, in Germania il ministro della Sanità avverte: “La quinta ondata sarà la peggiore”. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-venerdi-17-dicembre/

18 dicembre: Delocalizzazioni, Miceli (Cgil): “Il dispositivo di legge intervenga sulle crisi in corso
È fondamentale che il dispositivo di legge sulle delocalizzazioni intervenga sulle crisi in corso. Altrimenti non avrebbe quei requisiti di vera urgenza di cui invece c’è assoluto bisogno”. In una delle Agorà organizzate dal Partito democratico quest’oggi,
Emilio Miceli, Segretario confederale della Cgil, all’indomani dello sciopero generale, esplicita con nettezza la posizione della Confederazione di corso d’Italia
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/delocalizzazioni-miceli-cgil-il-dispositivo-di-legge-intervenga-sulle-crisi-in-corso/

Covid Italia, il bollettino del 16 dicembre: 26.109 nuovi casi e 123 morti. Contagi mai così alti da marzo
In Italia nelle ultime 24 ore ci sono stati 26.109 nuovi casi di coronavirus e 123 morti.
Il tasso di positività resta stabile al 3,6%, con 718.281 tamponi. In aumento le terapie intensive (+47) e i ricoveri (+29). I nuovi contagi non sono così alti dal 12 marzo scorso, quando furono 26.824.
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/16/news/covid_italia_il_bollettino_del_16_dicembre-330398466/

17 dicembre: Liguria, Marche, Veneto e Provincia Autonoma di Trento in zona gialla da lunedì 20
Attesa a breve l’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza. Il passaggio di colore è determinato dal superamento di tutti i parametri previsti riguardo a incidenza, ricoveri e terapie intensive
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Liguria-Marche-Veneto-e-Provincia-Autonoma-di-Trento-in-zona-gialla-da-lunedi-20-5f211708-9583-4a99-94d9-13d1e59a3a4c.html

Covid, la Danimarca chiude cinema, teatri e sale da concerto
L’ordine di chiusura approvato dal Parlamento. Anche in Irlanda tornano le restrizioni
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Covid-Danimarca-chiude-cinema-teatri-e-sale-da-concerto-862b04db-8421-40ec-a9cc-648918e709a5.html

Pillole antivirali e un vaccino innovativo: le nuove armi contro il Sars-CoV-2
Vito Salinaro – Avvenire

Arriva l’ok all’«uso precoce» del farmaco orale Pfizer. La Danimarca prima in Ue ad utilizzare quello di Merck. E lunedì l’Ema potrebbe autorizzare l’antidoto Usa Novavax
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/pillole-antivirali-e-un-vaccino-innovativo-le-nuove-armi-contro-il-sars-cov-2


Vaccini e farmaci, bene comune: una proposta per la Ue
Presentata a Strasburgo la proposta di 50 esperti di farmacovigilanza, fatta propria dal Forum Disuguaglianze Diversità, per istituire un’agenzia europea pubblica per sviluppare e distribuire vaccini anche al Sud del mondo
continua in
https://sbilanciamoci.info/vaccini-e-farmaci-bene-comune-una-proposta-per-la-u
e/


17 dicembre: Draghi come Ciampi? Lo diranno i salari
Claudio Jampaglia – Radio Popolare

Vi ricordate la scala mobile? Non lo chiediamo perché sta tornando l’inflazione, ma perché 28 anni fa la sua dismissione fu una grande vittoria del padronato mitigata per Cgil-Cisl-Uil dagli accordi di luglio del 1993 e dalla “politica dei redditi” che diedero il via alla concertazione. L’inflazione fu tenuta a bada e visto che i salari non si adeguavano più automaticamente furono varati due livelli di contrattazione: uno nazionale che doveva garantire almeno la perequazione col costo della vita ogni due anni e, poi, una contrattazione di secondo livello, cioè azienda per azienda. Gli accordi avvennero sotto gli auspici di un presidente salvatore e banchiere, Carlo Azeglio Ciampi, che però alla fine si prese uno sciopero generale unitario contro la sua riforma fiscale, definita iniqua da Cgil-Cisl-Uil perché faceva gravare tutto il peso della spesa statale sul lavoro
continua in
https://www.radiopopolare.it/draghi-come-ciampi-lo-diranno-i-salari/

17 dicembre: L’appello di 100 realtà sociali. Basta con il «laissez-faire», è tempo di nuovo welfare
Leonardo Becchetti e Angelo Moretti – Avvenire
L’attualità non sembra darci tregua e ogni giorno, tra allarmi pandemici di nuove varianti ed eventi sempre più drammatici come lo sciame di tornado d’oltreoceano...
continua in
https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/basta-con-il-laissezfaire-tempo-di-nuovo-welfare

La rivolta di Campobello come banco di prova per nuove lotte bracciantili
Emilio Caja e Pietro Savastio – Radio Popolare
È di pochi giorni fa la notizia delle dimissioni del prefetto Michele di Bari, capo del dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno, dopo che sua moglie è risultata indagata per caporalato nel foggiano. Una notizia di grossa portata proprio perché, in quanto braccio destro della Ministra Lamorgese, Di Bari negli ultimi anni ha gestito tutti i protocolli di prevenzione del caporalato e fatto regolari visite ai paesi del sud Italia dove la legge contro il caporalato viene più spesso utilizzata. 
continua in
https://www.radiopopolare.it/blog/la-rivolta-di-campobello-come-banco-di-prova-per-nuove-lotte-bracciantili/

17 dicembre: Lampedusa, si capovolge barcone: muore donna in viaggio col figlio
Sindaco: “Tragedia evitabile” Sei sbarchi nelle ultime 24 ore a Lampedusa, per un totale di quasi 500 persone trasferite all’interno dell’hotspot. Nella notte durante un soccorso in mare a largo dell’isola, una imbarcazione a bordo della quale erano i migranti si è capovolta
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Lampedusa-si-capovolge-barcone-Unica-vittima-una-donna-in-viaggio-con-suo-figlio-54a6257f-872b-47f8-afbe-4d4ea9d37111.html

Migranti. Cassazione: assolti profughi “ribelli”. Condannati i respingimenti in Libia
Nello Scavo – Avvenire
Due stranieri erano accusati di essersi opposti alla riconsegna a Tripoli. La Corte, sconfessando gli accordi Italia-Libia, ha ribadito il “diritto al non respingimento” verso “un Paese non sicuro”
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/la-cassazione-assolve-due-profughi-ribelli-e-condanna-i-respingimenti-in-libia

17 dicembre: Disabili picchiati e insultati in una casa di cura, 35 gli arresti
Il servizio sanitario truffato per 7 milioni di euro. Nell’inchiesta della Guardia di Finanza si parla di “ un campionario aberrante di crudeltà”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Disabili-picchiati-e-insultati-in-una-casa-di-cura-35-gli-arresti-1af4ddb3-57f2-49cd-b873-ff0cc1b8d8b4.html

17 dicembre: Papa Francesco compie 85 anni: gli auguri da tutto il mondo
Angela Calvini – Avvenire

Da sempre Bergoglio festeggia in forma privata. Gli auguri da leader mondiali e semplici fedeli. La programmazione speciale delle reti televisive. Il regalo allo Spallanzani. Il video dei bambini
continua in
https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/85-anni-papa-francesco-compleanno

Compleanno con poveri e rifugiati: così il Papa ha festeggiato 85 anni
Gianni Cardinale – Avvenire

Ha ricevuto una decina di profughi giunti giovedì in Italia provenienti da Cipro, grazie a un corridoio umanitario. E dona siringhe e dispositivi sanitari allo Spallanzani
continua in
https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/compleanno-con-poveri-e-rifugiati-cos-il-papa-ha-festeggiato-85-anni

17 dicembre: Osservatorio sulla transizione ecologica. Nucleare e gas non entrano tra le energie da fonti rinnovabili
Il Consiglio europeo non ha trovato l’accordo sull’energia, né sull’inserimento delle energie rinnovabili tra le fonti rinnovabili – una forzatura senza alcun fondamento scientifico -, né su come fronteggiare l’aumento eccessivo, immotivato, speculativo del prezzo del gas e di altre fonti fossili
continua in
https://www.jobsnews.it/2021/12/osservatorio-sulla-transizione-ecologica-nucleare-e-gas-non-entrano-tra-le-energie-da-fonti-rinnovabili/

17 dicembre: Anche in Italia c’è bisogno di difensori dei diritti umani
Simona Fraudatario e Francesco Martone – Volere la luna
Siamo reti, organizzazioni e associazioni (Fondazione Basso, Centro Riforma dello Stato, Volere la Luna, Osservatorio Repressione, Associazione Bianca Guidetti Serra e Rete in difesa di) che da tempo lavorano sui temi della difesa dei diritti umani e che hanno seguito e seguono con crescente preoccupazione i tanti casi di violazione che avvengono, nel mondo, in Europa, e anche nel nostro Paese. Ci proponiamo di realizzare azioni comuni per favorire una consapevolezza maggiore sulla funzione che i difensori dei diritti umani – organizzazioni e singole persone – esercitano nel garantire il pieno rispetto dei diritti umani. Inoltre, intendiamo promuovere l’impegno dell’Italia nella protezione dei difensori a livello nazionale e internazionale, in conformità con quanto stabilito dalla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui difensori dei diritti umani e dalle linee guida sulla protezione dei difensori elaborate dall’Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani dell’OSCE
continua in
https://volerelaluna.it/in-primo-piano/2021/12/17/anche-in-italia-ce-bisogno-di-difensori-dei-diritti-umani/

17 dicembre: Troppe divergenze
Consiglio europeo, nessun accordo sui prezzi dell’energia
I leader dei 27, dopo ore di trattive, hanno deciso di rimandare la trattativa al prossimo appuntamento. Paesi divisi su scambio di quote di emissione di CO2 e tassonomia
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Consiglio-europeo-nessun-accordo-sui-prezzi-dell-energia-da860847-7aee-486a-814b-fbfa3f1fe311.html

17 dicembre: Per un’Anpi tridimensionale
Luca Baiada – Carmilla

Sta arrivando il congresso nazionale dell’Anpi. In una vignetta di qualche anno fa, i genitori di un bebè sono fieri di averlo vaccinato, e anche tesserato all’Anpi contro il fascismo: ecco il sunto di un bel proposito con sostanza debole. Presa così, la tessera dell’Anpi è una medaglina
continua in
https://www.carmillaonline.com/2021/12/17/per-unanpi-tridimensionale/

17 dicembre: Myanmar: i militari impediscono l’accesso a beni essenziali come acqua e cibo
Dopo aver preso il potere il 1° febbraio 2021 con un colpo di stato, le forze armate di Myanmar stanno lanciando attacchi indiscriminati contro la popolazione civile, ostacolando l’accesso ai servizi fondamentali per la sopravvivenza.
È quanto ha documentato oggi Amnesty International, denunciando il sistematico tentativo della giunta militare di ridurre alla fame la popolazione e impedire l’accesso alle cure mediche per stroncare la resistenza armata che si oppone al colpo di stato
continua in
Myanmar: i militari impediscono l’accesso a beni essenziali come acqua e cibo – Amnesty International Italia

17 dicembre. L’ultima sfida della Polonia all’Unione Europea
Il PiS continua la scia delle provocazioni all’Unione Europea: il 7 ottobre 2021 la Corte Suprema polacca ha sancito la supremazia del diritto nazionale sul diritto comunitario. Il braccio di ferro tra Bruxelles e Varsavia è sempre più teso. Nonostante ciò l’ipotesi di una “Polexit” appare remota
continua in
https://ilcaffegeopolitico.net/933996/lultima-sfida-della-polonia-allunione-europea

17 dicembre: L’appello per ridurre le spese militari e il silenzio della politica
Domenico Gallo – Volere la luna

Qualche giorno fa è stato pubblicato un appello sottoscritto da 50 premi Nobel (fra cui gli italiani Giorgio Parisi e Carlo Rubbia) e diversi Presidenti di Accademie delle scienze nazionali (fra cui Annibale Mottana, presidente dell’Accademia nazionale dei lincei) con una proposta semplice e concreta rivolta all’umanità intera. Fra i sostenitori della proposta anche il Dalai Lama, Nobel per la Pace. In un tempo in cui l’umanità deve affrontare delle sfide drammatiche come la necessità di debellare una pandemia virulenta mai conosciuta prima, l’esigenza di arrestare il riscaldamento globale e di confrontarsi con i guasti provocati dai cambiamenti climatici, dalla siccità estrema, dall’inquinamento crescente, è evidente che nessun paese si salva da solo e che le scelte più dannose devono essere modificate. L’appello intende mettere i leader politici e l’opinione pubblica mondiale di fronte a un paradosso che non può più essere ignorato per la sua gravità e che nessuno può far finta di non vedere. 
continua in
https://volerelaluna.it/in-primo-piano/2021/12/17/lappello-per-ridurre-le-spese-militari-e-il-silenzio-della-politica/

40 + 2 anni di Litfiba: dalla cantina a Firenze alla tournée d’addio
Matteo Villaci – Radio Popolare
Si intitola “L’Ultimo Girone”, partirà la prossima primavera e si annuncia come l’ultima tournée dei Litfiba. Poi le strade di Piero Pelù e Ghigo Renzulli torneranno a separarsi, come era già successo nel 1999, ma in maniera del tutto diversa. Lì fu il frutto di una grossa litigata, qui c’è invece un’idea di appagata compiutezza, la consapevolezza di aver fatto un percorso importante nella scena musicale italiana e la voglia di celebrarlo, questo percorso. Un percorso che fin dall’inizio è stato diviso tra l’afflato internazionale e le radici profonde che la band ha nella sua Firenze, la cantina in cui ha trovato il suo suono e il tour bus che li ha scarrozzati per mezza europa
continua in
https://www.radiopopolare.it/40-2-anni-di-litfiba-dalla-cantina-a-firenze-alla-tournee-daddio/



18 dicembre: Tragedia a Torino: tre morti in cantiere. Altri decessi nelle province di Siena, Venezia, Potenza e Cremona. 18 i morti negli ultimi 4 giorni

18 dicembre: Tragedia a Torino: tre morti in cantiere
Roberta Lisi – Collettiva
Ennesimo incidente sul lavoro in edilizia. È crollata una gru che ha travolto gli operai. Landini (Cgil) e Genovesi (Fillea): “Nei cantieri rischiamo il far west”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/18/news/torino_due_morti_in_cantiere-1746391/

Procura indaga per omicidio colposo a carico di ignoti
Una gru cade su un palazzo a Torino: morti tre operai, passanti feriti
Nel pomeriggio odierno, la quarta vittima sul lavoro: un camionista è morto schiacciato da un cancello nel Cremonese
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Una-gru-cade-su-un-palazzo-a-Torino-morto-feriti-b6466864-3df3-4447-828e-040ff48a7e0e.html

18 dicembre: Operaia investita a Melfi muore in ospedale a Potenza
AGI – Investita alla fermata del pullman al cambio turno di notte
continua in
https://www.agi.it/cronaca/news/2021-12-18/operaia-investita-a-melfi-muore-in-ospedale-a-potenza-14955033/

Lavagna (Genova). Simulano incidente stradale per nascondere infortunio lavoro
ANSA – Complici anche colleghi e la stessa vittima, tutti indagati. Avevano simulato un incidente stradale, con tanto di auto pirata, per nascondere in realtà un infortunio sul lavoro.
continua in
https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/12/18/simulano-incidente-stradale-per-nascondere-infortunio-lavoro_6e8b5916-05b1-4923-893b-650c5323a046.html

Morire di lavoro, una strage senza fine
Più di 1300 vittime dall’inizio dell’anno. Il solito cordoglio, ma nessuno riesce ad interrompere questo macabro trend. I sindacati denunciano: “Servono più controlli e più formazione”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/18/news/morire_di_lavoro_una_strage_senza_fine-1747912/


18 dicembre: Morti sul lavoro sono indegne per un paese civile
Sbarra:”Serve nuovo patto per il lavoro e la crescita. Ok unità sindacale, ma serve chiarezza”
“Le morti sul lavoro sono indegne per un Paese civile”, dice poi il segretario della Cisl commentando il grave incidente di Torino dove hanno perso la vita tre operai per il cedimento di una gru. Sulle pensioni incalza: “Serve flessibilità in uscita a 62 anni”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/sbarra-serve-nuovo-patto-per-il-lavoro-e-la-crescita-ok-unita-sindacale-ma-serve-chiarezza-329f36ae-d954-47a5-895b-3fa7454340d1.html

Cisl, dopo la piazza il tavolo con Draghi. «Serve coesione»
Nicola Pini – Avvenire

La manifestazione a Roma dopo il no allo sciopero generale con Cgil e Uil: «Stop al conflitto sterile». Il segretario Sbarra: lavorare a un processo di riforma della legge Fornero
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/cisl-dopo-la-piazza-il-tavolo-con-draghi-serve-coesione


18 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Le ultime sull’epidemia, la mossa di Salvini e la corsa di Berlusconi, le presidenziali in Cile e le altre notizie della Tre morti schiacciati da una gru a Torino, l’ipotesi del mini lockdown per i non vaccinati e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di sabato 18 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Tre morti nel crollo di una gru a Torino: Roberto Peretto, 52 anni, Marco Pozzetti, 54 anni e Filippo Falotico, 20 anni. Una strage che potrebbe essere stata ancora più grave. Questa è l’altra faccia del bonus del 110 per cento, l’edilizia traina la ripresa ma gli incidenti nel settore sono in aumento del 35 per cento. Dall’inizio dell’anno le morti sono 157. Davanti al profitto, alcune aziende “sorvolano” su sicurezza e formazione. La denuncia dei lavoratori della Gkn sulla legge sulle delocalizzazioni: “La legge è inutile e rende più semplice chiudere una fabbrica e riaprirla all’estero. Le sanzioni sono irrisorie”. Intanto l’Europa si blinda per Omicron, la situazione peggiore è nel Regno Unito dove i casi sono triplicati nelle ultime ventiquattr’ore. Il governo pensa a un lockdown per i non vaccinati a Natale e Capodanno. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-sabato-18-dicembre/

18 dicembre: Covid Italia, il bollettino di oggi 18 dicembre: 28.064 nuovi casi e 123 morti
Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati 28.064 i nuovi casi di coronavirus e 123 i morti. Nella giornata di ieri erano stati riscontrati 28.632 e si erano contati 120 decessi
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/18/news/covid_italia_il_bollettino_di_oggi_18_dicembre_-330641224/

Covid: il 23 dicembre cabina di regia presieduta da Draghi. Arriva la stretta di Natale
Il Governo lavora alla riduzione dei tempi di durata del Green pass a cinque mesi, l’obbligo delle mascherine all’aperto anche in zona bianca e tamponi nei luoghi affollati, come le discoteche. Sul tavolo però, se i numeri sulla variante dovessero rivelarsi più preoccupanti del previsto, ci sono anche le ipotesi sull’estensione dell’obbligo vaccinale
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Covid-il-23-dicembre-cabina-di-regia-presieduta-da-Draghi-02a66347-d436-479f-bfd9-797c7cd68341.html

Di più in Lombardia e Campania
Iss: salgono a 84 i casi Omicron in Italia. Brusaferro: “Probabile aumento”
Il presidente dell’Iss: “La presenza della variante Omicron era largamente attesa, in linea con quanto osservato anche negli altri paesi”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Iss-salgono-a-84-i-casi-variante-Omicron-in-Italia-Brusaferro-Probabile-aumento-0f515654-7b3f-42f0-8064-dc3723b9c237.html

Omicron, l’Olanda va in lockdown. Rutte: “Necessario per prevenire il peggio”
Il primo ministro lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa. Scatterà domani e durerà fino al 14 gennaio. “E’ inevitabile a causa della quinta ondata che si sta avvicinando”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/coronavirus-olanda-verso-un-nuovo-lockdown-Rutte-84ae6e1b-856c-4208-b95d-af8950ee446c.html

Germania, riunione d’emergenza dei ministri della sanità
Covid, corrono i contagi a New York: 21 mila in un giorno. Gb, Johnson: “Possibile nuovo lockdown”
Nella Grande mela, le Rockettes hanno interrotto la stagione di spettacoli e numerose esibizioni di Broadway sono state annullate a causa di focolai tra i membri del cast. Israele potrebbe aggiungere Usa a lista ‘rossa’
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-pandemia-casi-omicron-new-york-francia-bc345130-af35-4000-9af3-132270f8b889.html

Oms, Omicron in 89 Paesi: i casi raddoppiano in 1,5-3 giorni
“I ricoveri nel Regno Unito e in Sudafrica continuano ad aumentare e, dato il numero di casi in rapido aumento, è possibile che molti sistemi sanitari vengano rapidamente sopraffatti”, dice l’Organizzazione mondiale della Sanità
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/oms-omicron-casi-raddoppiano-in-1-giorno-e-mezzo-e-3-giorni-allarme-ospedali-8ec9ec3b-9eec-42dc-be32-615ce7b68904.html

18 dicembre: Brevi note sullo stato di eccezione pandemico
Dante Valitutti – La Fionda

Da più di un anno conosciamo una crisi istituzionale piuttosto evidente, che è di fatto favorita anche (se non soprattutto) dalle misure prese in vista del contenimento del virus covid-19 e delle sue varianti, crisi contraddistinta da pulsioni (semi)presidenzialiste e da richiami forti all’uomo solo al comando
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/18/brevi-note-sullo-stato-di-eccezione-pandemico/

18 dicembre: Non siamo sulla stessa barca di Draghi
Marco Bersani
  – Attac Italia (Articolo pubblicato sul manifesto del 18 dicembre 2021)
Se qualcuno avesse ancora bisogno di evidenze sulla drammaticità della diseguaglianza sociale che attraversa il pianeta e anche il nostro Paese, una lettura del World Inequality Report 2022, appena pubblicato, toglierebbe qualsiasi dubbio. Il report analizza la diseguaglianza attraverso le due lenti della distribuzione del reddito e della ricchezza e fa una fotografia impietosa
continua in
https://www.attac-italia.org/non-siamo-sulla-stessa-barca-di-draghi/


Francesco Barbetta. Come liberare il XXI secolo
Una recensione al libro Reddito di base. Liberare il XXI secolo, di Andrea Fumagalli, Sandro Gobetti, Cristina Morini e Rachele Serino, Momo Edizioni, 2021
Reddito di base. Liberare il XXI secolo scritto da Andrea Fumagalli, Sandro Gobetti, Cristina Morini e Rachele Serino è un libro estremamente utile per il nostro tempo. In primo luogo perché il tema del reddito di base è emerso con forza negli ultimi due anni a causa dell’impatto della pandemia sulla vita di milioni di persone nel mondo. In particolare, in Italia, si è discusso spesso nei movimenti della possibilità di estendere, senza condizionalità, il Reddito di Cittadinanza. Il tema di cui parla il libro, quindi, rientra a pieno titolo in un possibile programma su cui far convergere le forze ed opporsi al governo e al tipo di società che potrebbe emergere al termine di questa pandemia
continua in
http://effimera.org/come-liberare-il-xxi-secolo-di-francesco-barbetta/


18 dicembre. No all’autonomia differenziata. Lettera ai parlamentari
Lettera aperta ai Parlamentari per il ritiro del DdL sull’Autonomia differenziata  dai collegati alla Legge di Bilancio  
continua in
http://www.democraziaoggi.it/?p=7438

18 dicembre: Strategic Compass: la Bussola Strategica per l’hard power della UE
Sergio Cararo – Contropiano
Molti ne hanno sentito parlare per la prima volta da Draghi mercoledi sera in Senato. Illustrando i temi sui quali avrebbe partecipato al Consiglio Europeo del 16 gennaio scorso, Mario Draghi ha evocato il codice di “Bussola Strategica” che indica un significativo passaggio di qualità dell’Unione Europea in materia di difesa comune, politica militare ed estera comune
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/18/strategic-compass-la-bussola-strategica-per-lhard-power-della-ue-0144969

Viaggio nei luoghi dell’accoglienza, senza luoghi comuni
Carlo Gnetti – Collettiva
In Calabria, al fianco dell’associazione Medici del Mondo Italia. Una zona di sbarchi lontana dai riflettori e dalle distorsioni dell’opinione pubblica
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/italia/2021/12/18/news/viaggio_nei_luoghi_dell_accoglienza_senza_luoghi_comuni-1721088/#_


18 dicembre: Bologna. Tombola, tortellini e regali sospesi: il Natale delle Cucine popolari
Ambra Notari – Redattore Sociale

Durante le festività le tre mense bolognesi continueranno a servire pasti d’asporto grazie al sostegno di decine di volontari. Per sostenere il loro lavoro, le occasioni non mancano: dalla tombola alle marmellate di beneficenza, passando per i biscotti e i regali preparati per gli ospiti dai piccoli studenti della città
continua in
https://www.redattoresociale.it/article/notiziario/tombola_tortellini_e_regali_sospesi_il_natale_delle_cucine_popolari#


18 dicembre: Il rapporto-denuncia di Amnesty International sulla Birmania
Martina Stefanoni – Radio Popolare

La chiamano “strategia dei quattro tagli”. E’ una tecnica utilizzata dal Tatmadaw, l’esercito birmano, fin dagli anni ‘60. A quel tempo, l’esercito la utilizzava come arma contro il partito comunista birmano e la minoranza etnica dei Karen. La più grande forza di questi gruppi armati era il loro profondo legame con le popolazioni locali e, quindi, per colpire loro, bisognava colpire la popolazione
continua in
https://www.radiopopolare.it/il-rapporto-denuncia-di-amnesty-international-sulla-birmania/

18 dicembre: Inceneritori, nucleare, sprechi d’acqua, smog: tutti i fallimenti di Cingolani
Stefano Iannaccone – Tpi.it

Rimozione delle tutele ambientali in nome della semplificazione. Pochi investimenti sulla rete idrica. E l’eterna tentazione di sviluppo del nucleare, vagheggiando una tecnologia che ancora non c’è, nonostante due referendum abbiano bocciato l’ipotesi. Era stato chiamato a guidare la transizione ecologica, per diventare il paladino della svolta green. Invece Roberto Cingolani si ritrova “sotto processo” proprio da parte degli ambientalisti. Tanto che per Europa Verde è diventato il ministro della «finzione ecologica», mentre per altri guida «l’involuzione energetica». In ogni caso la richiesta è chiara: le dimissioni. Con questa missione i Verdi hanno avviato una campagna, con tanto di petizione, e di manifestazioni di fronte alla Camera.Cosa viene imputato a Cingolani?
continua in
https://www.tpi.it/politica/inceneritori-nucleare-sprechi-acqua-smog-tutti-fallimenti-cingolani-20211218851320/

18 dicembre: Adriano Sofri. L’epifania “sorrentiniana” del cammello nell’ultimo Eduardo televisivo
Piccola Posta – Il Foglio

Sarebbe un dromedario in realtà. I camelidi sono gli animali più eleganti e maestosi, e anche così, in Arabia Saudita gli fanno il lifting e il botox per gareggiare nei concorsi. La tracotanza dell’animale umano
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/18/news/l-epifania-sorrentiniana-del-cammello-nell-ultimo-eduardo-televisivo-3478123/

Il virus dell’influenza aviaria dilaga negli allevamenti italiani, tra animali ammassati e morti
Andrea Centini – Fanpage
A causa dell’epidemia di aviaria H5N1 sono stati uccisi oltre 8 milioni di animali negli allevamenti italiani, dove dilagano sofferenza, stress e scarsa igiene
continua in
https://www.fanpage.it/innovazione/scienze/il-virus-dellinfluenza-aviaria-dilaga-negli-allevamenti-italiani-tra-animali-ammassati-e-morti/


18 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Delocalizzazioni: la lotta di classe entra in Parlamento
Giorgio Cremaschi Potere al Popolo – Contropiano

Il tanto strombazzato intervento del Governo Draghi per fermare le delocalizzazioni è una bufala ed un imbroglio. Si annuncia infatti un emendamento governativo alla legge di bilancio, benedetto da Draghi e scritto a due mani dal più inutile dei ministri del lavoro, e dal più confindustriale dei ministri dello sviluppo economico
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/18/delocalizzazioni-la-lotta-di-classe-entra-in-parlamento-0144979

Pensioni, tagli insostenibili. Cgil: serve vera riforma
Il sistema contributivo pensato dal governo per poter introdurre la flessibilità nelle uscite è iniquo perché produce un taglio pesante sugli assegni: fino a oltre il 30%. I dati in uno studio dell’Osservatorio previdenza della Cgil e Fondazione Di Vittorio. Ghiselli, Cgil: “Verificheremo lunedì le reali intenzioni del governo”
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/welfare/2021/12/18/news/pensioni_tagli_insostenibili_cgil_serve_vera_riforma-1746389/

Firmato il rinnovo per gli artigiani metalmeccanici
Atre anni di distanza dalla scadenza e dopo una lunga trattativa svolta nel corso di questi ultimi due anni è stato raggiunto oggi l’accordo per il rinnovo contrattuale dei lavoratori del settore artigiano metalmeccanico. Un rinnovo contrattuale che interessa oltre 500mila lavoratrici e lavoratori occupati in 130mila imprese del settore metalmeccanico, della installazione di impianti, delle aziende del settore orafo e odontotecnico e del restauro. Lo riferisce una nota della Fiom
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/17/news/firmato_il_rinnovo_per_gli_artigiani_metalmeccanici-1745208/


Bologna: manifestanti contro il Passante bloccano lo svincolo San Donato della tangenziale: “How dare you”?
“Alcune centinaia di persone hanno partecipato questa mattina alla ‘spentolata di protesta’ contro il progetto di allargamento del Passante di Mezzo a Bologna. ‘Fermatevi!’, è stato l’appello rivolto dalla Rete delle Lotte Ambientali Bolognesi alle istituzioni. Al Consiglio Comunale convocato per il 27 dicembre le/i manifestanti hanno chiesto di bloccare l’allargamento del Passante a 18 corsie, che cementificherebbe una fascia larga 72 metri, più di piazza Maggiore”.
continua in
San Donato, manifestanti contro il Passante bloccano lo svincolo della tangenziale: “How dare you”? – Zic.it | Zeroincondott★

Foto Bologna for Climate Justice

Sul Passante si sbanda?
A ogni territorio la sua grande opera: quella in salsa bolognese è il progetto di allargamento della tangenziale e dell’A14. Per numerose realtà ambientaliste è una sciagura, mentre le forze politiche “a sinistra del Pd” lo difendono. E i movimenti? Tra piazza e Palazzo, interrogativi per una riflessione – speriamo – utile
continua in
Sul Passante si sbanda? – Zic.it | Zeroincondott★


Brindisi. Leonardo, metalli difformi per le fusoliere del Boeing 787: sequestri disposti dalla Guardia di finanza
Utilizzati titanio e alluminio non conformi: il committente parte lesa. I provvedimenti nello stabilimento in provincia di Taranto. Coinvolte le società “Processi speciali” e “Manifacturing Process Specification”
continua in
https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/puglia/leonardo-metalli-difformi-per-le-fusoliere-del-boeing-787-sequestri-disposti-dalla-guardia-di-finanza_43318480-202102k.shtml

200mila i braccianti in condizioni di sfruttamento
Cgia, con la pandemia il caporalato e il lavoro nero sono in aumento
A rimetterci non sono solo le casse dell’erario e dell’Inps, ma anche le tantissime attività produttive e dei servizi, le imprese artigianali e quelle commerciali regolarmente iscritte presso le Camere di Commercio che, spesso, subiscono la concorrenza sleale di questi soggetti
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/cgia-con-la-pandemia-il-caporalato-e-il-lavoro-nero-sono-in-aumento-f1e18bfe-f4ea-49e2-b7fd-1cfcb7e99722.html

Coldiretti
Natale in zona gialla per oltre 12 milioni di italiani. Feste in famiglia o gite a Km 0
L’aumento dei contagi rallenta le prenotazioni e ridimensiona i programmi degli italiani
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/coldiretti-Natale-in-zona-gialla-per-oltre-12-milioni-di-italiani.-Feste-in-famiglia-o-gite-a-Km-0-5dcbd229-7074-4ca2-b252-6d883865fcdd.html

18 dicembre: I portuali italiani in assemblea nazionale a Trieste
USB Unione Sindacale Di Base Mare & Porti – Federazione Di Trieste
La scelta di portare questa iniziativa a Trieste non è casuale. USB ritiene di dover ripartire dai temi del lavoro, dei diritti e della sicurezza per riportarli al centro della discussione del porto e della città, dopo mesi in cui soggetti non sindacali particolarmente ambigui, hanno strumentalizzato la forza mobilitante dei lavoratori portuali su tematiche negazioniste della pandemia, fatto per noi inaccettabile
continua in
I portuali italiani in assemblea nazionale a Trieste con USB – Contropiano


Mimmo Lucano: trovato senza un soldo in tasca, onesto; pero’ intorno a lui c’erano approfittarori.
Dato questo assunto, la giustizia italiana conclude che lui viene condannato a pagare per quel che aveva intorno e di cui non era responsabile. Si condanna Lucano per «furbizia», «falsa innocenza», «mera apparenza” — insomma dati molto ben documentabili! E’ risibile se non fosse che le persone soffrono per questa insipienza e diciamo pure stupidita’.Questa notizia fa da contraltare a quella ancora piu’ assurda: dopo Draghi, Berlusconi e’ il piu’ quotato come inquilino del Quirinale. Un patrimonialista, un evasore, un condannato — ovvero un patriota, al quale non fa certo difetto “furbizia”, “falsa innocenza” e “mera apparenza”. Eppure, in questo caso questi disvalori lo possono portare al Quirinale. Risibile se non fosse che potrebbe essere realmente il Presidente della nostra Repubblica, che comincia ad emanare un fetore sgradevole.

SIAMO NOI I SOLI RESPONSABILI. FACCIAMO ARRIVARE UNA VOCE DI OPPOSIZIONE E DI SCONTENTO PER QUESTA FARSA MAL RECITATA.

Nadia Urbinati sulla propria pagina Facebook


19 dicembre: La Repubblica fondata e caduta sul lavoro
Marco Sferini – La Sinistra Quotidiana

Il grande gigante di ferro e acciaio si è schiantato al suolo. Si è trascinato dietro lo spazio, il tempo, la vita intera di tre operai che stavano sulle sue spalle, al livello dell’orizzonte di un cielo torinese, sopra i tetti delle case dove era possibile scattarsi un selfie a fine giornata, proprio quando il tramonto rende più bello un lavoro pericoloso, acrobatico, per cui occorre uno speciale corso di formazione e un apposito patentino. Bisogna avere una specializzazione accurata, conoscere ogni minimo particolare: dalle leggi della fisica su carichi, pesi, bilanciamenti, stabilizzazioni con le zavorre a terra e con i contrappesi lassù, a trenta metri di altezza. Forse anche di più
continua in
https://www.lasinistraquotidiana.it/la-repubblica-fondata-e-caduta-sul-lavoro/

Covid Italia, il bollettino di oggi 19 dicembre: 24.259 nuovi positivi e 97 morti
Sono 24.259 i casi Covid nelle 24 ore in Italia, contro i 28.064 di ieri e i 19.215 di domenica scorsa. Con 566.300 tamponi (ieri 697.740) il tasso di positività sale al 4,3% (+0,3%).I decessi sono 97 (ieri 123), per un totale di 135.641 vittime dall’inizio dell’epidemia. Ancora in crescita i ricoveri: le terapie intensive sono 13 in più (ieri +30) con 78 ingressi del giorno, e salgono a 966, mentre i ricoveri ordinari sono 150 in più (ieri +56), 7.726 in totale
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/19/news/covid_italia_il_bollettino_di_oggi_19_dicembre_-330733737/

Speranza: “Preoccupa la situazione, giovedì valuteremo. Tenere alta la guardia”
“La portata di questa Omicron è un fatto nuovo e rilevante. Omicron avrà numeri più alti anche in Italia, ma proviamo a non disperdere il vantaggio”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/speranza-ministro-covid-situazione-preoccupante-governo-natale-c06b2517-ad0d-43e1-a6a8-ba02f81d0465.html

19 dicembre: Oltre mille morti in Russia
Covid. Il mondo si blinda contro Omicron: dal piano C del Regno Unito al lockdown in Olanda
Nuove restrizioni e feste nelle piazze annullate. I Paesi si blindano contro la variante nel periodo natalizio. In Russia tornano a salire i decessi mentre scendono i contagi
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Il-mondo-si-blinda-contro-Omicron-Dal-piano-C-del-Regno-Unito-al-lockdown-in-Olanda-12b340b4-8d02-4f65-a829-21ab6f7adf2a.html

​19 dicembre: Sono volati insulti e qualche spintone
Sanitari no-vax irrompono all’assemblea dell’Ordine dei medici a Roma, scoppia la bagarre
Contro l’obbligatorietà del vaccino e la sospensione dei sanitari non vaccinati. Il presidente Magi: “Non so ancora se prenderemo provvedimenti, valuteremo i vari comportamenti”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Protesta-dei-sanitari-no-vax-all-assemblea-dell-Ordine-dei-medici-a-Roma-7272d895-c7f3-44b2-aece-8b71754f469f.html

19 dicembre: Circolare del Ministero della Salute: “L’Italia si trova in fase epidemica acuta”  
Ulteriori impatti assistenziali potenzialmente correlati a variante Omicron
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Circolare-del-Ministero-della-Salute-Italia-si-trova-in-fase-epidemica-acuta-bc1a43d2-8e12-49d2-b4d5-8b227231fd9f.html

19 dicembre: Mission accomplished
Marco Ferri – Contropiano

Entro Natale, Draghi porta a termine le 51 riforme previste dal Pnrr che consentono all’Italia di ricevere la seconda rata di 20 miliardi di euro.
L’atlantista ed europeista ha compiuto la missione.A questo punto Draghi può anche ascendere al Colle, trionfando alla prima votazione. Ormai la politica economica e sociale italiana è incardinata su montanti prestabiliti, nessun governo può modificare la corsa delle ante, che sono spalancate per i capitali, che sono invece chiuse a chiave per la redistribuzione della ricchezza, l’unica prospettiva che avrebbe avuto la possibilità di modificare i livelli alti di disuguaglianza, tra i più alti in Europa
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/19/mission-accomplished-0145001

19 dicembre: Manovra, raggiunto l’accordo sul Superbonus
Sarà cancellato il tetto Isee di 25.000 euro previsto per le ville unifamiliari
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/manovra-bilaterali-mef-partiti-chiudere-emendamenti-eb7549eb-71c1-435a-9071-4ab33b74e258.html

19 dicembre: Concorsi pubblici, affari privati: da quando al governo c’è Brunetta 50 milioni di bandi pubblici li hanno vinti sempre gli stessi
Veronica Di Benedetto Montaccini – Tpi.it

Dall’inizio del governo Draghi la gestione dei concorsi della PA la vincono sempre gli stessi: Fiera di Roma e il consorzio Digicontest. Per un totale di 50 milioni di euro mal spesi
continua in
https://www.tpi.it/politica/brunetti-bandi-pubblici-vincono-sempre-gli-stessi-20211219851583/

19 dicembre: Vita da badante
Mauro Baldrati – Carmilla online

C’era una signora ceca, Karolina, che abitava nell’appartamento di fianco al nostro. A dire il vero era un’ospite, anche se di lungo corso, di un signore che andava per gli ottanta, Sergio, che anni prima l’aveva assunta come collaboratrice domestica, poi le aveva proposto di trasferirsi in pianta stabile nell’appartamento, in cambio di lavori per la casa, tenere in ordine, pulizie ecc. Si trattava di un’abitudine che si andava consolidando a Bologna, l’ospitalità delle donne immigrate dall’Est da parte di persone anziane, spesso sole, in cambio di compagnia e un po’ di assistenza
continua in
https://www.carmillaonline.com/2021/12/19/
vita-da-badante/

19 dicembre: Tridico: in Italia manca un’occupazione per dieci milioni di lavoratori
Francesco Filiera – Contropiano

In occasione della pubblicazione da parte dell’Inps sui conti relativi al Reddito di Cittadinanza, il Presidente dell’istituto Pasquale Tridico ai microfoni di Radio 24 ha affermato che i problemi di sostenibilità dell’ente sono soprattutto dovuti al basso tasso di occupazione nel mercato del lavoro italiano
continua in
https://contropiano.org/news/news-economia/2021/12/19/tridico-in-italia-manca-unoccupazione-per-dieci-milioni-di-lavoratori-0144994

19 dicembre: Alta velocità, si va a Parigi! Ah, ma la linea già c’è?
Dante Barontini – Contropiano

Esultate, gente, esultate! E’ stata inaugurata la linea ferroviaria alta velocità da Milano a Parigi!
“Dal 18 dicembre i treni Frecciarossa 1000 percorrono la tratta da Milano Centrale a Parigi Gare de Lyon”. In sole sette ore, comodamente seduti e senza la paura di cadere dal cielo, lascerete la Madunina e vedrete la Torre Eiffel. E naturalmente viceversa
continua in
https://contropiano.org/news/internazionale-news/2021/12/19/alta-velocita-si-va-a-parigi-ah-ma-la-linea-gia-ce-0145012

19 dicembre: Ballottaggio presidenziali
Cile, Boric verso la vittoria
L’ex leader della protesta studentesca e candidato della sinistra radicale è nettamente in vantaggio con il 54,72% rispetto al 45,28% del rivale Kast
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Presidenziali-Cile-il-voto-dei-protagonisti-059e106d-69f6-4aaf-a12d-b1e1d6493db4.html

19 dicembre: “Non vendete armi ai sauditi” … ma il governo va avanti
Antonio Mazzeo – Africa Express/Contropiano

Leonardo continua i suoi affari di morte, mentre Renzi e Minniti guidano il drappello degli amici del regno
Governi, ONG e giuristi internazionali invocano l’embargo sui trasferimenti di sistemi d’arma alle forze armate saudite per i crimini di guerra compiuti in Yemen. E allora cosa fa il gruppo italiano leader nella produzione di caccia, elicotteri, missili e cannoni? Invia la propria ultima invenzione a Riyad per rafforzare i legami culturali, tecnologici, scientifici e accademici con l’onnipotente famiglia dei sovrani d’Arabia
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/19/non-vendete-armi-ai-sauditi-ma-il-governo-va-avanti-0144981

Russia. “Stop a truppe Nato e armi nucleari alle nostre frontiere”
Alessandro Avvisato – Contropiano

La Russia ha presentato alla Nato un documento nel quale propone che l’Organizzazione ritorni indietro dopo 25 anni di espansione a est, ritirando le proprie forze dall’Europa orientale e fermando l’ulteriore crescita. Secondo Bloomberg si tratta una sfida senza precedenti per gli Stati Uniti e i suoi alleati che potrebbe far deragliare gli sforzi per porre fine allo stallo sull’Ucraina
continua in
https://contropiano.org/news/internazionale-news/2021/12/19/la-russia-getta-la-palla-nel-campo-avversario-stop-a-truppe-nato-e-armi-nucleari-alle-nostre-frontiere-0144990

19 dicembre: Migranti morti nei CPR, presidio a Milano
“Guardare oltre la propria comodità, per scoprire la scomodità dell’altro”. Queste sono le parole di un ragazzo alla fine del presidio. “Non conoscevo al situazione, non ne avevo mai sentito parlare. Ho preso contatti, grazie per esserci stati”
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/migranti-morti-nei-cpr-presidio-a-milano/


19 dicembre: Operazione Hasta Siempre. I viaggiatori di Radio Pop per gli amici di Cuba
Claudio Agostoni – Radio Popolare

Il combinato composto della pandemia di SARS-CoV-2, della crisi venezuelana e il persistere delle sanzioni economiche che non sono cessate dopo l’elezione di Biden alla Casa Bianca, ha messo in ginocchio i cubani che stanno vivendo una crisi economica paragonabile, e secondo alcuni osservatori addirittura peggiore, di quella vissuta dopo la caduta del Muro di Berlino. In particolare tutte le famiglie il cui reddito era legato al turismo battono cassa da quando il Covid ha bloccato le connessioni aeree tra i paesi del mondo. E, va ricordato, le entrate legate al turismo erano tra le voci più rilevanti dell’economia cubana
continua in
https://www.radiopopolare.it/operazione-hasta-siempre-i-viaggiatori-di-radio-pop-per-gli-amici-di-cuba/

19 dicembre: Forniture franco italiane alla giunta golpista birmana
Italia e Francia forniscono velivoli al governo militare del Myanmar che a febbraio festeggerà il suo primo anno al potere con un bilancio di vittime che già ora supera i cento morti al mese nelle file dell’opposizione e scontri che in quantità superano persino quelli dell’Afghanistan
continua in
Forniture franco italiane alla giunta golpista birmana – Lettera22

Teramo, a 100 anni dalla nascita di Luigi Tom Di Paolantonio, storica figura della Cgil e del Pci, tornerà alla luce il murale che si ispira alle sue lotte
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/19/news/teramo_a_100_anni_dalla_nascita_di_luigi_tom_di_paolantonio_storica_figura_della_cgil_e_del_pci_tornera_alla_luce_il_mura-1748140/

19 dicembre: I (presunti) limiti del capitalismo
Raúl Zibechi – Comune

Da ormai parecchi anni la molteplicità delle crisi che attraversiamo mostra con evidenza che la barbarie, e perfino la possibilità dell’estinzione di molte specie del pianeta, non sono più solo una minaccia o un’alternativa teorica. Lo erano magari cento anni fa, quando ne parlava Rosa Luxemburg. Oggi, sebbene lo si avverta in misura minore in questa piccola parte privilegiata del pianeta, i disastri climatici e ambientali, la fuga disperata di milioni di persone, le crisi del sistema alimentare e dell’acqua, l’insorgere delle pandemie e molti altri indicatori mostrano come la lotta contro il capitale sia diventata a tutti gli effetti lotta per la sopravvivenza del pianeta e di chi lo abita
continua in
https://comune-info.net/i-presunti-limiti-del-capitalismo/



Chiamatele pure morti bianche.
Ma non è il bianco dell’innocenza
non è il bianco della purezza
non è il bianco candido di una nevicata in montagna
È il bianco di un lenzuolo, di mille lenzuoli
che ogni anno coprono sguardi fissi nel vuoto…
Anche quest’anno oltre mille morti
vite coperte da un lenzuolo bianco.
Bianco ipocrita che copre sangue rosso
e il nero sporco di una democrazia per pochi.

Carlo Soricelli

Discorso di Gabriel Boric, nuovo presidente del Cile
https://www.pressenza.com/it/2021/12/discorso-di-gabriel-boric-nuovo-presidente-del-cile/

La vittoria di Boric è stata festeggiata in piazza in tutte le città del Cile.

QUE VIVA CHILE!

20 dicembre: Come ha fatto la sinistra a vincere le elezioni presidenziali in Cile
Con una vittoria di ampissimo margine, il leader della sinistra cilena Gabriel Boric si è aggiudicato il ballottaggio presidenziale che lo ha opposto in Cile all’ultraconservatore José Antonio Kast. Quando lo scrutinio aveva raggiunto il 92,12%, Boric aveva ottenuto oltre il 55% contro il 44% di Kast, con un vantaggio schiacciante di oltre undici punti che nessun sondaggio o analista aveva potuto prevedere. Secondo i dati ufficiali, l’affluenza in Cile è stata superiore al 50%, mentre nel primo turno nemmeno la metà della popolazione era andata alle urne
continua in
https://www.radiocittafujiko.it/come-ha-fatto-la-sinistra-a-vincere-le-elezioni-presidenziali-in-cile/

Il Cile si è svegliato e vota la ribellione al sistema
Sergio Bassoli – Collettiva
Il Paese ha un nuovo presidente, Gabriel Boric che al centro del suo programma ha la difesa dei diritti umani, l’equità, i diritti civili, la giustizia sociale
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/internazionale/2021/12/20/news/il_cile_si_e_svegliato_e_vota_la_ribellione_al_sistema-1748909/

Cile, Boric: “Non possiamo mai piu’ avere un presidente in guerra col suo popolo”
ANSA – Il neo presidente: “Espanderemo i diritti sociali e lo faremo con responsabilita’ fiscale”
continua in
https://www.ansa.it/sito/videogallery/mondo/2021/12/20/cile-boric-non-possiamo-mai-piu-avere-un-presidente-in-guerra-col-suo-popolo_827eb16e-41fc-4535-8be7-34b620259fb8.html?fbclid=IwAR3zcGWDBTQWtnXGrmDrlQ_fulPFLYY8ZF5u5L8BIUYTrOOvRBbXSBea9uY

20 dicembre: Cile, vince la nuova sinistra di Gabriel Boric
Checchino Antonini – Popoff

Il candidato di Apruebo Dignidad ha quasi 12 punti sul pinochetista Kast. Il futuro ancora incerto dei prigionieri della rivolta del 2019
Raramente nella storia recente del Cile i giorni delle elezioni sono stati così contagiosi. Voto per voto, con 34 gradi di temperatura e molteplici problemi di trasporto pubblico, il conteggio dei voti ha confermato il vantaggio del rappresentante della nuova sinistra Gabriel Boric sull’estrema destra, José Antonio Kast. Con quasi il 100% dei tavoli contati, il giovane candidato vince con il 55,9% dei voti, e già si sentono grida e applausi nel centro di Santiago
continua in
https://www.popoffquotidiano.it/2021/12/20/cile-vince-la-nuova-sinistra-di-gabriel-boric/



Cile. Una vittoria attesa, un panorama complicato
Intervista di José Hernandez allo storico Sergio Grez Toso, analista politico, docente dell’Universidad de Chile sul risultato delle elezioni presidenziali in Cile
continua in
Cile. Una vittoria attesa, un panorama complicato – Contropiano


20 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Le nuove misure al vaglio del governo, l’Europa sempre più blindata contro la variante Omicron e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di lunedì 20 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’Europa è sempre più blindata contro la variante Omicron. L’Olanda è entrata in lockdown, mentre molti altri Paesi dell’UE si stanno muovendo in questi giorni per introdurre nuove restrizioni. Anche il governo italiano entro giovedì deciderà come muoversi per il periodo natalizio. L’Agenzia Europea del Farmaco, intanto, ha dato l’ok a un nuovo vaccino anti-COVID, messo a punto dall’azienda americana Novavax. Per la prima volta in Italia il Ministero dell’Istruzione è stato condannato per la morte di un’insegnante a causa dell’esposizione all’amianto in una scuola. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-lunedi-20-dicembre/

20 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 20 dicembre: 16.213 nuovi casi con 337mila tamponi, 137 decessi
Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 16.213 nuovi casi con 337mila tamponi, 137 decessi. La regione con piu’ casi odierni resta ancora la Lombardia (+2.576), seguita da Emilia Romagna (+2.369), Veneto (+2.304), Lazio (+1.638) e Piemonte (+1.581). I
contagi totali in Italia dall’inizio della pandemia sono 5.405.360, con 135.778 vittime. I guariti sono 8.640 (ieri 9.403) per un totale di 4.899.879. Ancora in rialzo il numero degli attualmente positivi, 7.428 (ieri +14.803) che salgono a 369.703. Di questi, sono in isolamento domiciliare 360.615 pazienti
continua
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/20/news/covid_italia_il_bollettino_del_20_dicembre-330935590/

Giovannini: “Non sono previste altre misure per i trasporti”
Covid, Omicron fa paura: Italia verso la stretta di Natale. Sempre più regioni in ‘giallo’
Dal ripristino dell’obbligo della mascherina all’aperto fino all’accorciamento della durata del Green pass, passando per l’estensione dell’obbligo vaccinale ad altre categorie di lavoratori a contatto con il pubblico: tante le misure che la cabina di regia convocata dal premier per il prossimo 23 dicembre dovrà valutare. Draghi attende nuovi dati sulla variante prima di decidere
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-omicron-fa-paura-italia-verso-la-stretta-di-natale-sempre-piu-regioni-in-giallo-135025f2-618d-40f3-9d59-4bceb6992725.html

Sindacato infermieri: boom di casi tra gli operatori sanitari, in 30 giorni quasi 5mila contagiati
Si stanno infettando 156 operatori sanitari ogni 24 ore, e di questi ben 128 sono infermieri, spiega il presidente nazionale del Nursing Up
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/sindacato-infermieri-boom-casi-infermieri-operatori-sanitari-30-giorni-quasi-5mila-contagiati-64b4b79e-b436-4576-8b2e-affa8cc9880f.html

Via libera di Ema e Commissione europea al vaccino Novavax, il quinto approvato in Europa
E’ il primo a base di proteine. Von der Leyen: con Novavax l’Unione europea ha un portafoglio di vaccini variegato
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-via-libera-ema-a-vaccino-novavax-quinto-approvato-in-ue-7dafe24e-6990-465f-a2cb-b281eef84d96.html

20 dicembre: Parliamo di vaccino ma dimentichiamo il resto
Fabio Baldassarri – Allonsanfan

Nella tarda serata di giovedì, a Piazza Pulita di Corrado Formigli, su La7, finalmente c’è stata una discussione civile ed equilibrata fra due scienziati e due no-green pass (tra questi il professor Davide Tutino, romano, docente di storia e filosofia, sospeso dall’insegnamento per aver rifiutato il vaccino)
continua in
https://www.allonsanfan.it/2021/12/20/vaccino-talk-show/


Coop Alleanza punta sulle vaccinazioni in Africa Donazioni per affrontare la sfida della pandemia
Bologna. Un sostegno alla campagna di vaccinazione contro il Covid in Africa.

Il cardinale Matteo Zuppi, il presidente di Cefa, Raoul Mosconi, Roberto Morgantini delle Cucine Popolari e Mario Cifiello, presidente di Coop Alleanza 3.0, si sono dati appuntamento in un punto vendita per fare una donazione a favore della campagna #coopforafrica. Con questo gesto di solidarietà, gli intervenuti hanno espresso la loro adesione alla campagna di vaccinazione in Africa: un modo per dimostrare che si possono affrontare insieme le sfide globali come la pandemia, il cambiamento climatico, la fame. Proteggere dal Covid i Paesi africani vuol dire rafforzare la sicurezza sanitaria anche in altre parti del mondo
https://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/coop-alleanza-punta-sulle-vaccinazioni-in-africa-donazioni-per-affrontare-la-sfida-della-pandemia-1.7169313?fbclid=IwAR0K3cINFyVlEQ6WOshGGmSkeo_gcL8RnW4Quhui55podNFtX542f0rBX7c


20 dicembre: Mattarella: “La sfida è la ripartenza, Italia unita davanti alla pandemia”
“La prima difesa dal virus è stata la fiducia della stragrande maggioranza degli italiani nella scienza, nella medicina, nelle istituzioni. Alle poche eccezioni è stato forse dato uno sproporzionato risalto mediatico”, dice il capo dello Stato alle cariche istituzionali. “La normalità che perseguiamo non sarà comunque il ritorno al mondo di prima”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/auguri-mattarella-sfida-ripartenza-torneremo-mondo-prima-bef22b6c-3dee-4104-a20a-6ab3bbfc4551.html

20 dicembre: Draghi: profondi legami Roma-Berlino, ora accelerare su Ue. Scholz loda il lavoro dell’Italia
Dai vaccini alla difesa comune, i temi sul tavolo dell’incontro a Palazzo Chigi tra il premier italiano e il cancelliere tedesco
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Draghi-profondi-legami-Roma-Berlino-ora-accelerare-su-Ue-Scholz-loda-il-lavoro-dell-Italia-53abf0e7-3cac-4e6e-867e-3749926b4083.html

20 dicembre: Alfiero Grandi. Basta con le forzature sulla Costituzione, va rispettata e attuata
Quando il ministro Giorgetti ha proposto di eleggere Draghi alla Presidenza della Repubblica affidando la gestione del governo ad una persona di sua fiducia era ovvio chiedersi perché avesse fatto una proposta del genere. Rispondergli che la sua proposta era uno strappo costituzionale era fin troppo facile. Giorgetti è spregiudicato ed è tra quelli che vogliono conquistare alla Lega la credibilità di partito di governo, ma quella avanzata era comunque una proposta fuori dall’attuale Costituzione. 
continua in
https://www.jobsnews.it/2021/12/alfiero-grandi-basta-con-le-forzature-sulla-costituzione-va-rispettata-e-attuata/

20 dicembre: Il confronto riprenderà dopo le festività natalizie
Pensioni, Draghi ai sindacati: “Impegno per i tavoli sulla riforma”  
I tre tavoli di confronto riguarderanno la flessibilità in uscita, la previdenza per i giovani e le donne e la previdenza complementare
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/sindacati-riforma-pensioni-draghi-fornero-6e085a8d-9861-416e-9f04-c08347dcbaab.html

20 dicembre. Kafka nella Locride. Sulla surreale condanna di Mimmo Lucano
Marco Revelli – Volere la luna

Non ho mai condiviso il luogo comune secondo cui le sentenze non si commentano né si giudicano, almeno fino a che non se ne leggono le motivazioni. Ci sono sentenze che gridano vendetta al cospetto di dio fin dal dispositivo. Quella finale che ha chiuso il processo per la strage di piazza Fontana senza nessun colpevole, per esempio. O quella sulla strage ferroviaria di Viareggio. O ancora quella sull’eccidio infinito dell’Eternit di Casale. La sentenza del tribunale di Locri contro Mimmo Lucano e il suo “modello Riace” aveva già fatto inorridire molti di noi al momento del giudizio (condanne doppie rispetto alle richieste dello stesso Pubblico ministero). Ora, lette le motivazioni (904 pagine), la sensazione di trovarsi di fronte a uno scandalo giudiziario è rafforzata. Non solo un’ingiustizia, ma un capovolgimento kafkiano della realtà: della stessa realtà documentata negli atti processuali ampiamente riprodotti, come se i fatti, nel loro passaggio attraverso il labirinto mentale del giudice, mutassero senso e natura, in una metamorfosi mostruosa che rende i protagonisti irriconoscibili per chiunque li abbia conosciuti, da vicino o da lontano.
continua in
https://volerelaluna.it/controcanto/2021/12/20/kafka-nella-locride-sulla-surreale-condanna-di-mimmo-lucano/

Stop al DDL Concorrenza. Difesa dei beni comuni. No alle nuove privatizzazioni. Ripubblicizzare l’acqua pubblica
La Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua ha lanciato un appello, che volentieri pubblichiamo
continua in
http://www.democraziaoggi.it/?p=7441

20 dicembre: Il passo del gambero
Monica Di Sisto e Riccardo Troisi

La legge di bilancio è rivolta all’indietro. Il governo sottovaluta gli interventi per un’economia sociale e solidale adottati invece in Francia, non considera rilevanti gli indicatori di benessere e ancora si attende una legge contro le delocalizzazioni
continua in
https://comune-info.net/il-passo-del-gambero/

20 dicembre: Curare la democrazia
Antonio De Lellis 
Attac Italia
Guardando i bivacchi alla stazione centrale di Napoli e quelli disseminati nella città, lungo le strade e nei ripari di fortuna, mi viene da pensare che la civiltà di un popolo si misura non solo dalla condizione delle carceri, che in pochi possono valutare, ma anche dalla condizione dei propri abitanti e dall’esercizio del diritto alla casa.  La funzione sociale della casa di proprietà, sancita dalla nostra costituzione,  non è un limite, ma un indirizzo e condizione per renderla accessibile a tutte e tutti. Di recente mi è capitato anche di assistere ad una assemblea all’interno di un centro occupato e di verificare quanto sia difficile per chi non mastica interventi sociali aiutare concretamente i senza dimora. Questo a dimostrazione di quanto sia necessario “socializzare il politico”, ovvero mettere in condizione chi si occupa di pensiero, di attivare pratiche sociali. Di converso chi si occupa di sociale rifugge la partecipazione alla politica, ma questo significa cercare sempre i riferimenti giusti per poter portare avanti progetti concreti in una fase di emergenza sociale ed economica. Costoro dovrebbero imparare a “politicizzare il sociale”
continua in
https://www.attac-italia.org/curare-la-democrazia/

20 dicembre: OPEN FIELDS Senza i migranti le olive resterebbero sugli alberi
Daniela Mussumeci – Pressenza

Questo articolo prende spunto dalla tavola rotonda del 17 dicembre 2021, svoltasi a Palazzo Ziino a Palermo, per presentare i risultati del progetto Open Fields del CISS e del CRIC, volto a “prevenire e combattere razzismo e xenofobia contro i lavoratori e le lavoratrici di origine straniera nelle aree agricole dell’Italia Meridionale”. Il progetto, finanziato dalla UE, era iniziato 18 mesi fa con la scommessa, realizzata, di creare un’ampia sinergia fra istituzioni politiche, associazioni della società civile, realtà territoriali, sindacati e università. Il suo assunto di fondo era che la questione migratoria è funzionale al sistema di tutta la filiera agro-alimentare e della produzione nazionale in genere e che, pertanto, la lesione dei diritti riguarda i lavoratori tutti e non solo gli stranieri
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/open-fields-senza-i-migranti-le-olive-resterebbero-sugli-alberi/

Appello dell’associazione Bimbisvegli per la costruzione di una cupola geodetica
Abbiamo costruito con le nostre mani una grande cupola per ripararci durante le nostre attività, ma anche per metterla a disposizione di tutti: lì potrete venire a leggere un libro del bookcrossing o ad ammirare i pianeti del planetario che abbiamo costruito. Per ripararci da freddo e dalla neve ci manca la copertura. Abbiamo calcolato da soli, con l’aiuto dei maestri, che ci servono 70 metri quadri di vetroresina ed alcuni fissaggi.
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/appello-dellassociazione-bimbisvegli-per-la-costruzione-di-una-cupola-geodetica/

20 dicembre: Reagire alla denigrazione della Resistenza non è reato
Marco Pelissero – Volere la luna

Il Tribunale di Forlì (https://www.questionegiustizia.it/data/doc/3056/sentenza-forli.pdf) affronta, da una prospettiva nuova, il tema classico, e ampiamente ricorrente nella prassi applicativa, della causa di non punibilità del delitto di diffamazione in presenza della provocazione, ossia quando la diffamazione sia stata commessa nello stato d’ira determinato da un fatto ingiusto altrui, e subito dopo di esso (art. 599 codice penale). Nel caso specifico, era stato pubblicato un articolo contenente giudizi genericamente offensivi contro due partigiani e le rispettive brigate di appartenenza, le cui condotte – per l’articolista – avrebbero dovuto essere considerate nulla più che fatti gravi di criminalità comune; si esprimevano altresì note critiche sulla scelta delle autorità comunali di dedicare alcuni luoghi a questi partigiani, scelta che si sarebbe posta in contrasto con l’impianto urbanistico-edilizio della città di chiara impronta fascista. 
continua in
Reagire alla denigrazione della Resistenza non è reato (volerelaluna.it)


Pierluigi Sullo. La storia esemplare di Zingara e di Alessandro
Vorrei raccontare la storia di Zingara. Lei si chiama proprio così: non è uno pseudonimo “etnico” né un nome di fantasia, come dicono i giornali quando parlano di una vicenda personale controversa (mi viene in mente che quando raccontai, anni fa, in un libro, del ragazzo marocchino arrestato e ammanettato ai Murazzi di Torino e che poi finì nel Po e naturalmente annegò, i giornali scrissero che si chiamava “Al Arabi”, cioè l’Arabo, anche se il suo nome era Khalid)
continua in
La storia esemplare di Zingara e di Alessandro (volerelaluna.it)


20 dicembre: Lettera aperta (sanificata) alla digos di Cosenza
Riprendiamo e pubblichiamo volentieri la missiva di Claudio Diotallevi* a sostegno della libertà di Francesco, Jessica e Simone, esprimendo piena solidarietà ai giovani cosentini – nati e cresciuti nel centro storico – contro le politiche repressivi volte a criminalizzare le attività sociale in favore dei subalterni
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/lettera-aperta-sanificata-alla-digos-di-cosenza/


Dopo 5 mesi di trattative e con oltre 2 milioni di ore di sciopero, il 5 agosto del 1971 la Fiat e i sindacati metalmeccanici firmarono un complesso accordo integrativo aziendale di ben 84 cartelle destinato a regolamentare le relazioni industriali per alcuni decenni

Adriano Serafino. 50 anni dopo: l’accordo che cambiò le relazioni sindacali alla Fiat
continua in

50 anni dopo: l’accordo che cambiò le relazioni sindacali alla Fiat (volerelaluna.it)

Vedi anche
Cesare Cosi. La gestione degli accordi 5 agosto 1971 e dell’11 luglio 1975
continua in
http://www.mirafiori-accordielotte.org/1969-75/contrattazione/la-gestione-dellaccordo-5-agosto-1971/


20 dicembre: “Una promessa”, il corto realizzato dagli studenti salentini per una Puglia libera dalle mafie. Spongano (Le)
Il teatro come cura salvifica e seme puro da donare alle nuove generazioni per farne bellezza e cultura della legalità.
La socialità, pur messa a dura prova dal Covid-19, che diventa famiglia e carovana dell’antimafia sociale
continua in
“Una promessa”, il corto realizzato dagli studenti salentini per una Puglia libera dalle mafie. 20 dicembre, Spongano (Le) – Articolo21

20 dicembre: Croazia e violenze alle frontiere
Il 18 novembre la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha condannato la Croazia nel caso relativo alla morte di Madina Husseini, bimba afghana di sei anni investita da un treno dopo esser stata respinta alla frontiera serba. Oltre al divieto di espulsioni collettive, la Corte riconosciuto violazioni del diritto alla vita, alla libertà e sicurezza (per la successiva detenzione dei suoi familiari) e alla petizione individuale (per la criminalizzazione dell’avvocato della famiglia).
Come scrivono Hanaa Hakiki e Delphine Rodrik su Verfassungsblog, “la sua tragica morte in Croazia – come quella di Alan Kurdi in Grecia o di Mawda in Belgio – ha messo il pubblico europeo faccia a faccia con l’impatto ingiusto e mortale delle politiche europee sull’immigrazione.” Il caso Madina infatti “è emblematico di pratiche sistematiche di respingimento molto più ampie da parte della Croazia e di molti altri Stati membri europei”
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/croazia-e-violenze-alle-frontiere/

20 dicembre: BIELORUSSIA – UNIONE EUROPEA: AMNESTY DENUNCIA VIOLENZE
I richiedenti asilo e i migranti che cercano di entrare nell’Unione europea dalla Bielorussia vanno incontro a respingimenti e ad altre violazioni dei diritti umani lungo il confine della Polonia e sono sottoposti a torture, condizioni inumane, estorsioni e ulteriori violenze da parte delle forze di sicurezza bielorusse. Lo afferma Amnesty International a seguito di nuove prove rese pubbliche il 20 dicembre 2021
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/bielorussia-unione-europea-amnesty-denuncia-violenze/

20 dicembre: L’Iraq è piegato dalla siccità
Zuhair al Jezairy – Internazionale

Baghdad. Il tassista richiama la mia attenzione puntando il dito in direzione di alcune isolette che emergono dalle secche del fiume Tigri. “Guardi, guardi”, mi dice con apprensione. Dopo una lunga stagione senza piogge, l’autista guardando il cielo dice: “Nuvole piccole e bianche, nessun segno di pioggia”. A Baghdad la siccità incombe come una cupa prospettiva. Ma i segni erano già evidenti nella città di Al Amarah, nel sud dell’Iraq, nelle diramazioni e nei canali di quello che un tempo era un fiume. Piccoli pesci morti giacciono sparsi sull’argilla asciutta. La gente è preoccupata per la sorte dei suoi animali. Un tragico esempio del futuro della Mesopotamia, la terra tra i due fiumi
continua in
https://www.internazionale.it/opinione/zuhair-al-jezairy/2021/12/20/iraq-siccita

20 dicembre. Trent’anni fa la fine dell’Urss. Con un foglio su un portone, così tramontava il Pcus e un’epoca
Sergio Sergi – Strisciarossa

La Lada azzurra della “Militsiya (la polizia) procedeva lenta sulla Piazza del Maneggio. La raggiunsi quando aveva già superato il “Detskiy Mir”, il grande emporio dei giocattoli, e si stava lasciando alla sua sinistra il grigio e imponente edificio della Lubianka, il quartiere generale del KGB. La statua del fondatore della Ceka (l’antico servizio di sicurezza), Feliks Ėdmundovič Dzeržinskiy, era già stata abbattuta tre giorni prima, a furor di popolo: avvinta da lunghe corde, la figura in marmo era rovinata al suolo e la testa era rotolata come se fosse stata ghigliottinata. Il “golpe” da mesi annunciato, era arrivato il 19 agosto 1991. Trenta anni fa come oggi. All’alba. Le truppe speciali giunte sotto il Cremlino, Mikhail Gorbaciov rinchiuso con i suoi familiari, isolato nella dacia di Foros sul Mar Nero, uno dei capi del ”perevorot”, Ghennady Janaev, ubriaco davanti ai corrispondenti di ogni mondo nella sala stampa del ministero degli esteri, il furbo Boris Eltsin sopra un carro armato ad incitare alla resistenza.
continua in
https://www.strisciarossa.it/trentanni-fa-la-fine-dellurss-cosi-tramontava-il-pcus-e-unepoca/

20 dicembre: La nuova destra giapponese mostra i muscoli
Jake Adelstein, Andrew Salmon, Asia Times, Hong Kong

I conflitti sulla memoria storica dell’Asia si stanno nuovamente riscaldando, dopo la visita di 99 deputati giapponesi al controverso santuario Yasukuni il 7 dicembre scorso. La data segna l’ottantesimo anniversario del giorno in cui il Giappone attaccò Pearl Harbor e le forze statunitensi, britanniche e olandesi nel Pacifico, un assalto che ampliò notevolmente il teatro delle operazioni della seconda guerra mondiale. 
continua in
https://www.internazionale.it/notizie/jake-adelstein/2021/12/20/giappone-destra-revisionismo-costituzione-riarmo

20 dicembre: Non siamo legni storti
Lorenzo Palaia – La Fionda

Le culture politiche, dice un mio amico, si compongono di elementi i quali si aggregano e disaggregano secondo le condizioni storiche. La svolta autoritaria di molti Stati dell’Europa centro-occidentale sta dimostrando proprio questo, soprattutto per quanto concerne la composita area politica della sinistra. In essa si vedono separarsi, più che in altri campi, almeno due sensibilità che fanno capo a due filoni di pensiero politico paralleli: quello sullo Stato, seguendo il processo moderno che ha portato all’assolutismo di ancien régime (finalizzato a spegnere il vecchio policentrismo dei ceti e delle giurisdizioni territoriali e cittadine) e che ha prodotto la riflessione sulla sovranità, sull’interesse e sulla ratio Status, sulla dottrina dell’equilibrio ecc. (in poche parole l’odierna scienza politica e delle relazioni internazionali); quello sull’emancipazione del popolo e della sua entrata al potere, di cui certamente il movimento dei lavoratori (con tutte le sue componenti: anarchiche, social-comuniste, cattoliche, populiste ecc.) è stato la massima espressione, ma che era già venuto alla luce con la rivoluzione francese e poi con i movimenti nazionali. Una branca questa che non ha avuto l’onore della sistematizzazione accademica
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/20/non-siamo-legni-storti/


20 dicembre. Dagli ominidi all’era digitale: in un libro tutte le lingue del mondo
Valerio Calzolaio – Strisciarossa

Da quando noi si parla, ovunque e comunque accada. Le stime più recenti sul numero totale di lingue parlate oggi nel mondo oscillano tra le 6000 e le 6500. La lingua e le lingue con le quali siamo cresciuti o che abbiamo imparato sono differenti separati apparati di regole lessicali e grammaticali. Deve trattarsi, dunque, di un sistema fonetico che, indipendentemente dal numero dei rispettivi locutori e dalla quantità dei Paesi in cui è diffuso: si differenzia strutturalmente dagli altri; si distingue per l’esistenza di conseguenti barriere comunicative con i parlanti “altra” lingua; viene usato sia come mezzo di comunicazione multifunzionale sia come simbolo di un’identità culturale; possiede un’eventuale forma scritta non divergente, se esiste, rispetto a quella parlata
continua in
https://www.strisciarossa.it/dagli-ominidi-allera-digitale-in-un-libro-tutte-le-lingue-del-mondo/


20 dicembre: Alex Zanardi è tornato a casa. La moglie Daniela: “Con noi da qualche settimana, è un vero combattente”
Il campione paralimpico ha lasciato la clinica a un anno e mezzo dal pauroso incidente in handbike: “Il recupero, però, continua ad essere un processo lungo. A volte bisogna fare due passi indietro per farne uno in avanti. Stare in famiglia gli darà ancora più in forza”
continua in
https://www.repubblica.it/sport/vari/2021/12/20/news/alex_zanardi_e_tornato_a_casa_la_moglie_daniela_e_con_noi_da_qualche_settimana_-330928158/

Collari d’oro, Mario Draghi premia gli olimpionici. L’annuncio: “Alex Zanardi è tornato a casa”
A Roma la cerimonia di consegna dei Collari d’Oro 2021 inizia con una notizia meravigliosa: il ritorno in famiglia di Alex Zanardi
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Collari-oro-Mario-Draghi-premia-gli-olimpionici-annuncio-Alex-Zanardi-tornato-a-casa-31917dc3-ebd8-4626-8474-1c393ef4048a.html


20 dicembre 1968 muore John Steinbeck
“Le strade pullulavano di gente assetata di lavoro, pronta a tutto per il lavoro. E le imprese e le banche stavano scavandosi la fossa con le loro stesse mani, ma non se ne rendevano conto. I campi erano fecondi, e i contadini vagavano affamati sulle strade. I granai erano pieni, e i figli dei poveri crescevano rachitici, con il corpo cosparso di pustole di pellagra.
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=4791831917504635&set=gm.703255277326401


Catalina Duarte, ballerina del Teatro Comunale di Santiago del Cile

21 dicembre: Una sinistra da andare a prendere alla fine del mondo
Marco Sferini – la Sinistra quotidiana

Europa e America del Sud dentro la globalizzazione liberista possono sembrare mondi vicini, eppure rimangono molto lontani quando si tratta di interpretarne i cambiamenti sociali e politici che si sono susseguiti durante i primi due anni della pandemia. Il Covid-19 ha sconvolto non solo i piani della struttura economica capitalista da continente a continente, non solo ha fatto fibrillare le borse e costretto grandi magnati a ridefinire le ragioni e le finalità produttive, occupando nuove fette di mercato, reinventandosi e ricercando sempre maggiori interventi pubblici a protezione degli interessi esclusivamente privati
continua in
Una sinistra da andare a prendere alla fine del mondo – la Sinistra quotidiana

21 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Il punto sulla pandemia, il nuovo stadio di Milano e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di martedì 21 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La pandemia va sempre più in fretta e il premier Draghi parla di “Massima cautela per la variante Omicron”. Da settimane il sistema di tracciamento è saltato. Le regioni frenano sui tamponi anche per i vaccinati prima degli eventi e i presidi sulle vacanze di Natale più lunghe. Record di contagi negli Stati Uniti, dove la variante Omicron sta diventando dominante. L’inchiesta sulle plusvalenze nel calcio si allarga, ora è coinvolta anche l’Inter. Milan e Inter hanno scelto il progetto per il nuovo stadio di Milano, mentre l’attuale San Siro dovrebbe essere demolito dopo le Olimpiadi invernali del 2026. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
https://www.radiopopolare.it/riassunto-della-giornata-notizie-martedi-21-dicembre/

21 dicembre: Quirinal Party 21/12/21, la mano tesa di Renzi a Salvini
Luigi Ambrosio – Radio Popolare

Salvini era stato rimbalzato da tutti quando aveva tentato il suo primo “giro di consultazioni” per trovare un nome condiviso per l’elezione del Presidente della Repubblica. E così si era indebolito, anche nella competizione interna al centrodestra con Giorgia Meloni, la quale infatti ha rilanciato tirando fuori il nome di Letizia Moratti. E oggi chi dà una mano a Salvini, per consentirgli di risollevarsi? Renzi. Lo fa tramite Maria Elena Boschi che in una intervista dice a Salvini: “Lavoriamo insieme per il Quirinale”
continua in
Quirinal Party 21/12/21, la mano tesa di Renzi a Salvini – Radio Popolare

Covid Italia, il bollettino del 21 dicembre: 30.798 casi e 153 decessi. Tasso positività scende al 3,6%
Sono 30.798 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 16.213. Sono invece 153 le vittime in un giorno contro le 137 del giorno precedente. I nuovi positivi sono risultati da 851.865 tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore in Italia (ieri erano stati 337.222). Il tasso di positività è al 3,6%, in calo rispetto al 4,8% di ieri. Sono 1.012 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 25 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 96. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 8.381, ovvero 280 in più rispetto a ieri
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/21/news/covid_italia_il_bollettino_del_21_dicembre-331071232/

I numeri della pandemia
Covid: in Italia superata quota 30mila contagi, non accadeva da 13 mesi
Nelle 24 ore sono 30.798 i positivi al Covid e 153 le vittime, il dato più alto di questa ondata. Tasso di positività scende a 3,6%
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-dati-21-dicembre-2021-superata-soglia-30-mila-contagi-nelle-24-ore-afeb3866-578e-472c-9ac4-ffd896376425.html

Scholz: “Contagi aumenteranno in modo massiccio”. Stop disco e partite a porte chiuse in Germania
Nuove misure a partire dal 28 dicembre. “Non è più il tempo per grandi feste di Capodanno”, ha detto alla stampa il cancelliere tedesco. Restrizione ai contatti sociali anche per vaccinati e guariti, limite di incontri privati a massimo dieci persone
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/coronavirus-Germania-Schoilz-stop-discoteche-eventi-sportivi-a-porte-chiuse-acddd4ed-8ea8-4b5a-9553-8d8a810124b5.html

Agenzia europea del farmaco
Covid, Ema: “La situazione epidemiologica resta preoccupante”
“È chiaro che c’è un calo di efficacia dei vaccini contro la variante Omicron”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Covid-Ema-situazione-epidemiologica-resta-preoccupante-17d640eb-db50-490e-ab54-67822b13245b.html

21 dicembre: Conferenza degli Ambasciatori alla Farnesina
Draghi: “Anni molto difficili ma l’Italia ha saputo reagire. Omicron ci obbliga a massima cautela”
“La pandemia e la crisi economica hanno colpito soprattutto i più deboli” dice il premier. “Con i vaccini abbiamo salvato vite e siamo ripartiti”. E ancora: “Il Pnrr non è il piano di rilancio di questo governo. È il piano di tutto il Paese”. Quindi l’auspicio che “venga fatta luce sul brutale assassinio dell’ambasciatore Luca Attanasio”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Draghi-anni-molto-difficili-ma-Italia-ha-saputo-reagire-covid-crisi-economica-pnrr-vaccini-f14c79bd-1016-45f0-b040-c247cbcdff64.html

Cosa c’è nella Manovra: cartelle, disturbi alimentari e case occupate, mobili, tavolini, Superbonus
La Manovra arriva nell’Aula del Senato, votato il mandato ai relatori
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Cosa-nella-Manovra-cartelle-disturbi-alimentari-case-occupate-mobili-tavolini-Superbonus-80123f8f-4fac-4c88-b9ad-aad70c9f6d46.html

21 dicembre: Delocalizzazioni. Approvato emendamento dettato da Confindustria, rigettato quello di Potere al Popolo
La Commissione Bilancio del Senato ha respinto l’emendamento del senatore Mantero di Potere al Popolo, scritto insieme a una rappresentanza dei lavoratori GKN e ad esperti di diritto, approvando invece quello Orlando-Todde, un emendamento letteralmente ritagliato sulle esigenze di Confindustria
continua in
Delocalizzazioni. Approvato emendamento dettato da Confindustria, rigettato quello di Potere al Popolo – Contropiano


Sciopero generale per quale Italia e quale Europa
La redazione di transform!Italia ha incontrato Fausto Bertinotti. La registrazione dell’incontro in
Sciopero generale per quale Italia e quale Europa – Transform! Italia (transform-italia.it)


21 dicembre: 30 miliardi per ballare il cancan mezz’ora prima!
Angelo Tartaglia – Volere la luna

Una grande notizia. Trenitalia con i suoi Frecciarossa 1000 ha inaugurato un collegamento con due corse al giorno di andata (e altrettante di ritorno) tra Milano e Parigi, passando per Torino. Il viaggio Torino Porta Susa – Parigi Gare de Lyon dura, al mattino, 6 ore e 11 minuti e, al pomeriggio, 5 ore e 44 minuti. Il treno, tra l’altro, raggiunge il centro di Lione nella stazione Lyon Part Dieu (non come il TGV che una sola volta al giorno, su tre, ferma a una ventina di chilometri dalla città, a Lyon Saint Exupéry) e lì, essendo veloce, sosta per una ventina di minuti (poco meno dura la sosta della corsa del mattino a Modane)
continua in
30 miliardi per ballare il cancan mezz’ora prima! (volerelaluna.it)

21 dicembre: Soldati sotto il vessillo del Cane a sei zampe
Sofia Basso – Sbilanciamoci

Un rapporto di Greenpeace ha svelato che nel 2021 circa due terzi della spesa italiana per le missioni militari sono destinati a operazioni a tutela di gas e petrolio, quasi 800 milioni di euro. Dalla Guinea alla Libia, al Mozambico. Così si aggrava la crisi climatica con risorse pubbliche
continua in
https://sbilanciamoci.info/soldati-sotto-il-vessillo-del-cane-a-sei-zampe/

21 dicembre: Gruppo Wagner in Mali: l’Europa teme l’influenza russa
Daniele Molteni – Il Caffè Geopolitico

La presenza del gruppo Wagner in Africa centrale e occidentale rappresenta una minaccia per gli interessi francesi ed europei. Grazie a report, foto e video l’identità e l’operatività è ormai chiara. Cosa significa il continuo dispiegamento di mercenari dal punto di vista della strategia di Mosca? Questa nuova presenza in Mali porterà a diversi equilibri nella regione?
continua in
https://ilcaffegeopolitico.net/935600/gruppo-wagner-in-mali-leuropa-teme-linfluenza-russa

21 dicembre: La nostalgia sovietica di Vladimir Putin
Pierre Haski –  L’Obs e Internazionale

Ben prima della dissoluzione dell’Unione Sovietica – trent’anni fa, il 25 dicembre 1991 – un consulente di Michail Gorbaciov si era rivolto in modo ironico agli occidentali: “Vi renderemo il peggiore dei servizi, vi lasceremo senza nemici”. In effetti, nel corso di quelle frenetiche giornate del dicembre 1991, la “minaccia” di veder sparire uno dei pilastri dell’equilibrio strategico del ventesimo secolo fece suonare l’allarme in occidente. Quando il presidente francese François Mitterrand chiamò Gorbaciov, racconta l’ex portavoce del Cremlino Andrej Gracev, “la sua voce solitamente imperturbabile era piena di emozione, tanto che fu Gorbaciov a consolarlo”

21 dicembre: Gli archivi nascosti del Pentagono rivelano i fallimenti negli attacchi aerei mortali
Azmat Kham – New York Times e Contropiano

Poco prima delle 3 del mattino del 19 luglio 2016, le forze delle operazioni speciali americane hanno bombardato quelle che credevano essere tre “aree di sosta” dell’ISIS alla periferia di Tokhar, un borgo lungo il fiume nel nord della Siria. Hanno riferito di 85 combattenti uccisi
continua in
Gli archivi nascosti del Pentagono rivelano i fallimenti negli attacchi aerei mortali – Contropiano

21 dicembre: I Pm indagano su 100 milioni di plusvalenze
Plusvalenze, blitz della Guardia di Finanza nella sede dell’Inter e della Lega Calcio
La FC Internazionale in un comunicato: “I bilanci della società sono redatti nel rispetto dei più rigorosi principi contabili”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Blitz-Gdf-nella-sede-dell-Inter-e-Lega-Calcio-100-milioni-di-plusvalenze-f280d165-a4db-433d-8427-849235170d46.html

21 dicembre: Adriano Sofri. Una notte, a Trieste, la cena inconsapevole con Ace Mermolja, poeta sublime*
Piccola Posta – Il Foglio

Venerdì sera, a Trieste. È appena finita la presentazione della versione italiana del libro “L’organizzazione antifascista Borba, 1927-1930”, dello storico triestino sloveno Milan Pahor, dedicato all’altro monumento di Basovizza davanti al quale i due presidenti si tennero per mano. L’edizione è la gloriosa ZTT-EST, l’editore è un poeta, Ace Mermolja. È un uomo grande, in forma, andiamo insieme verso una trattoria. Sono cauto, come chi cammina accanto a un poeta di cui non ha ancora letto le poesie. A un tratto mi chiede: “Sei asmatico?”.
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/21/news/una-notte-a-trieste-la-cena-inconsapevole-con-ace-mermolja-poeta-sublime-3483225/

21 dicembre: LETTERA APERTA DELLA MADRE DI JULIAN ASSANGE AL MONDO
La Bottega del Barbieri
di Christine Assange (lettera ripresa da pressenza.it)

Cinquant’anni fa, quando ho partorito per la prima volta come giovane madre, pensavo che non ci potesse essere dolore più grande, ma l’ho dimenticato presto quando ho tenuto tra le braccia il mio bellissimo bambino. L’ho chiamato Julian
continua in

https://www.labottegadelbarbieri.org/lettera-aperta-della-madre-di-julian-assange-al-mondo/


Filosofia e scienza
Vicenzo Costa – La Fionda

La pandemia ha fatto emergere un enorme problema nel rapporto tra i saperi, e in particolare tra filosofia e scienza. Da un lato sembra esservi una filosofia che pretende di saperne più degli scienziati, dall’altro una scienza che tende a considerare la filosofia come mero discorso ideologico, da usare (quando conviene, tipo ciliegina che abbellisce la torta) o da irridere, quando non conviene, quando dice qualcosa che stona. I meccanismi mediatici diventano poi terribili, stritolano, diventano violenti verso le persone, le idee e verso un intero settore disciplinare. 
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/21/filosofia-e-scienza/

Raffaello La scuola di Atene




21 dicembre: Il dubbio come fonte della democrazia costituente
Gennaro Imbriano – La Fionda
Si procederà per slogan, per “tesi”, sette per la precisione, molto secche e immediate.
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/20/il-dubbio-come-fonte-della-democrazia-costituente/

Scienza e buona politica. Pietro Greco e il concetto di cittadinanza scientifica

Walter Tocci – Strisciarossa
Ho conosciuto Pietro Greco dagli scranni del Parlamento. Mi occupavo di politica dell’università e della ricerca e ho avuto il privilegio di poter contare sul suo contributo. Mi offriva proposte concrete, che subito facevo mie e riportavo nel dibattito parlamentare. Di solito venivano respinte, ma non ci perdevamo d’animo, né io né lui, e riprendevamo l’iniziativa insieme al movimento di ricercatori che in quei primi anni duemila si batteva contro gli scriteriati tagli ai fondi per la ricerca e la mortificazione di quella ricerca curiosity driven, di cui Pietro ha sottolineato sempre l’importanza. 
continua in
https://www.strisciarossa.it/scienza-e-buona-politica-pietro-greco-e-il-concetto-di-cittadinanza-scientifica/

21 dicembre: Non salvate il “natale”
Gabriele Guzzi and L’Indispensabile – La Fionda

È ormai il secondo anno che sentiamo l’espressione: “bisogna salvare il natale”. La curva dei contagi cresce, quella delle ospedalizzazioni anche. Bisogna mettere in atto una strategia per evitare il peggio, migliorare la condizione sanitaria. Questo significa “salvare il natale”. Sembra, tutto sommato, un’espressione innocente, anche giustificata, e infatti è la seconda volta che giornalisti, politici, preti, cantanti, la utilizzano senza suscitare alcuna reazione. Se i contagi aumentano, bisogna correre a porre in salvo la dolce festività
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/21/non-salvate-il-natale/


21 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

La crisi sanitaria di oggi viene da lontano
Potere al Popolo
Per comprendere nonché rammentare maggiormente, ed in modo inequivocabile, quanto avviene nel nostro Paese e del perché il Governo Draghi e buona parte dei media dichiarano che si è giunti alla soglia dell’obbligatorietà del vaccino, necessita, in primo luogo, fare un salto indietro nel tempo
continua in
La crisi sanitaria di oggi viene da lontano – Contropiano

21 dicembre: Una trattativa per cambiare, ma sarà una vera riforma?
Paolo Andruccioli – Collettiva

Il segretario confederale della Cgil, Roberto Ghiselli, commenta l’avvio della trattativa sul sistema previdenziale e la disponibilità del governo a discutere a tutto campo sulla base della piattaforma unitaria dei sindacati. Oggi la road map. Rimane critico il giudizio sulle scelte della Legge di bilancio
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/welfare/2021/12/21/news/parte_la_trattativa_per_cambiare_ma_sara_una_vera_riforma_-1750424/

Lavoro, c’è l’intesa per gli statali
Funzioni centrali: firmato l’accordo preliminare per il rinnovo del contratto. Riguarda 250mila lavoratori. Cgil: “Un risultato importante”. L’aspetto più innovativo: la disciplina del lavoro agile
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/21/news/lavoro_c_e_l_intesa_per_gli_statali-1750991/

Torino. Bisogna fermare la strage, basta morti sul lavoro
Dopo la tragedia di sabato in cui sono morti tre operai, oggi in piazza Castello il presidio indetto da Cgil Cisl Uil per denunciare, ancora una volta, la situazione intollerabile della mancanza di sicurezza
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/21/news/bisogna_fermare_la_strage_basta_morti_sul_lavoro-1751228/

ITA: Un’azienda pubblica che nasce già con i vecchi vizi
Unione sindacale di base
USB non sottoscrive il taglio dei diritti e dell’occupazione e lancia l’allarme sulla trasparenza
continua in
ITA: Un’azienda pubblica che nasce già con i vecchi vizi – Contropiano

Poste, la protesta dei somministrati
I 425 lavoratori di Adecco hanno scioperato e manifestato a Roma davanti alla sede in viale Europa. Chiedono la fine della precarietà. Dall’azienda di Stato nessuna risposta
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/21/gallery/poste_la_protesta_dei_somministrati-1750888/

Stop all’autonomia differenziata delle regioni. Oggi la manifestazione
Nonostante ogni evidenza, il Governo Draghi sta proseguendo sulla strada del regionalismo spinto, inserendo come collegato alla Legge di Bilancio un DDL per “l’attuazione dell’Autonomia Differenziata”, senza che ne sia noto – sempre che esista – il testo, impedendo alle cittadine e ai cittadini, alle forze sociali e politiche di conoscere un progetto che provocherebbe la frantumazione della Repubblica con conseguenze irreversibili sulla vita di tutte e tutti, nella situazione già molto grave in cui versano interi settori sociali
continua in
Stop all’autonomia differenziata delle regioni. Oggi la manifestazione – Contropiano

Studenti, la “Lupa” chiama a raccolta le scuole del paese
Lo stanno cominciando a chiamare la “Lupa”, trent’anni dopo la “Pantera”, il movimento studentesco che per ora ha agito soprattutto nella città di Roma, ma che i ragazzi e le ragazze della capitale puntano a espandere a tutto il territorio nazionale
continua in
Studenti, la “Lupa” chiama a raccolta le scuole del paese – Contropiano

Torino: Extinction Rebellion occupa l’ingresso del consiglio regionale
Attivisti di Extinction Rebellion hanno occupato l’ingresso del Consiglio Regionale del Piemonte per denunciare l’assenza di politiche regionali che abbiano l’obiettivo di contrastare la crisi climatica ed ecologica
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/torino-extinction-rebellion-occupa-lingresso-del-consiglio-regionale/

Lotte, alternativa di società, convergenza dei movimenti: Intervista a Dario Salvetti
Attac Italia
Intervista a Dario Salvetti (Collettivo di Fabbrica GKN Firenze)
continua in
https://www.attac-italia.org/lotte-alternativa-di-societa-convergenza-dei-movimenti-intervista-a-dario-salvetti/

22 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
L’autocandidatura di Draghi, bonus edilizio e truffe, la storia di Makbil e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di mercoledì 22 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Corsa al Colle, la mossa di Draghi spariglia tutto e mette in agitazione il centrodestra. Il premier si è, di fatto, candidato al Quirinale dicendo che in questo modo la maggioranza non si spaccherebbe e l’azione di governo potrebbe andare avanti anche se con qualcun altro a palazzo Chigi. “Abbiamo consegnato il Pnrr e creato le condizioni perché il lavoro continui, indipendentemente da chi ci sarà al governo”, le sue parole. Un colpo per Berlusconi, che cerca di stopparlo: “Deve restare a palazzo Chigi, almeno fino al 2023”. Intanto va avanti l’approvazione della finanziaria, ma con una frecciata ai partiti sul bonus edilizio del 110% sulle facciate. Nuovo balzo dei contagi e si prevedono nuove misure. Naufragio nell’Egeo, decine di persone sono date per disperse. E la storia di Makbil, un neonato di sedici giorni che ha trascorso metà della sua vita in mare, su una nave, quella di Sos Mediterranée. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
L’autocandidatura di Draghi, bonus edilizio e truffe, la storia di Makbil e le altre notizie della giornata (radiopopolare.it)

22 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 22 dicembre: 36.293 nuovi casi, 146 morti
Nelle ultime 24 in Italia si sono registrati 36.293 nuovi casi di coronavirus su 779.303 tamponi, e 146 morti. Il tasso di positività sale così al 4,7% (+1%). Sono 1.010 i pazienti in terapia intensiva, 2 in meno di ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 92. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 8.544, ovvero 163 in più rispetto a ieri
continua in
Covid Italia, il bollettino del 22 dicembre – la Repubblica

22 dicembre: Covid, il governo prepara la stretta contro la variante Omicron
Domattina la Cabina di regia, nel pomeriggio il Consiglio dei ministri. Alle 15 Draghi riunisce il governo sul Pnrr. Ipotesi Super green pass nei luoghi di lavoro
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/domattina-la-Cabina-di-regia-nel-pomeriggio-il-Consiglio-dei-ministri-cdbe8bd3-f443-4519-9dcf-4151f3d342d4.html

22 dicembre: Delta più Omicron: nella lotta contro il Covid resta fondamentale il vaccino
Cristiana Pulcinelli – Strisciarossa

Aspettando giovedì 23 dicembre, giorno in cui Mario Draghi ha convocato la cabina di regia sul Covid-19, le regioni e le città hanno cominciato a fare da sole per cercare di salvare le feste. Ad esempio, i sindaci di Roma, Milano, Bergamo, Bologna, Torino, Genova, Venezia, Padova e Lecce già nei giorni scorsi hanno deciso l’obbligo di mascherine all’aperto nelle strade del centro, quelle più affollate per lo shopping natalizio. A Napoli dal 23 dicembre al primo gennaio le piazze nelle zone pedonali più frequentate della città saranno chiuse o ad accessi controllati. Anche i presidenti delle regioni hanno cominciato a correre ai ripari per evitare le possibili conseguenze della quarta ondata. Nel Lazio, Zingaretti ha emanato un’ordinanza secondo cui dal 23 dicembre scatterà l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto su tutto il territorio regionale. La stessa decisione era stata presa da Zaia per il Veneto già dal 18 dicembre. In Campania De Luca ha vietato feste di laurea, scolastiche e di compleanno al chiuso, oltre alle feste di piazza a Natale e Capodanno.
continua in
https://www.strisciarossa.it/delta-piu-omicron-nella-lotta-contro-il-covid-fondamentale-il-vaccino/

La situazione della pandemia
Covid, in Gran Bretagna superati i 100 mila casi nelle 24 ore
Al via la quarta dose booster in Israele e in Germania
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-oltre-100-mila-casi-in-gb-quarta-dose-in-israele-e-germania-francia-sospende-pillola-merck-5ad548c3-e4f4-4ca7-8543-cef6b672396d.html

Paxlovid
Covid, dalla FDA via libera alla pillola di Pfizer negli Usa
E’ il primo trattamento orale contro il coronavirus. Paxlovid riduce dell’89% i casi di ricovero per i pazienti che hanno ricevuto il farmaco entro tre giorni dai primi sintomi
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Covid-Usa-FDA-via-libera-alla-pillola-di-Pfizer-Paxlovid-Nirmatrelvir-Ritonavir-2196d74e-21cb-40d9-a654-7e999e18e8e5.html

22 dicembre: Conferenza stampa di fine anno
Draghi: “Governo avanti indipendentemente da chi ci sarà. L’Italia ha tutto per tornare a crescere”
“ll mio destino personale non conta assolutamente niente, non ho particolari aspirazioni di un tipo o di un altro, sono un uomo e un nonno al servizio delle istituzioni” sottolinea il premier. E sui  vaccini dice: “Restano le strumento migliore di difesa. Invito tutti i cittadini a continuare a vaccinarsi e fare la terza dose, oggi è questa la priorità”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/governo-conferenza-stampa-di-fine-anno-del-premier-mario-draghi-segui-la-diretta-effc035e-c6b5-46b4-bca1-32ce48e6030d.html

Superbonus, ecobonus, sismabonus: pioggia di incentivi per la casa (confermati)
Superbonus, ecobonus e sismabonus, bonus facciate, idrico e per i mobili e infine un nuovo sconto per abbattere le barriere architettoniche. Nel 2022 restano quasi tutte le agevolazioni principali che hanno portato dopo la pandemia a un vero e proprio boom nel settore dell’edilizia. Un forte ridimensionamento arriva solo per i lavori sulle facciate, dove l’incentivo viene fortemente ridotto dal 90 al 60%
continua in
Superbonus, ecobonus, sismabonus: pioggia di incentivi per la casa (confermati) (avvenire.it)


22 dicembre: Contro il governo delle delocalizzazioni
Tommaso Chiti – Transform Italia

Mentre gli indicatori economici certificano un rimbalzo dell’economia italiana con una ripresa produttiva, confermata dal recente intervento della Presidente della Commissione UE, Von der Leyen; l’aritmetica algida dei dati non rispecchia il tipo di rilancio e soprattutto la redistribuzione di questa ricchezza
continua in
Contro il governo delle delocalizzazioni – Transform! Italia (transform-italia.it)


22 dicembre: Migranti. L’Oim: «In due giorni 163 morti al largo della Libia»
Sono 163 i migranti che “hanno perso la vita nell’ultimo fine settimana al largo della Libia”. Lo rende noto il portavoce dell’Oim per il Mediterraneo, Flavio di Giacomo. Di questi 102 dispersi al largo di Surman e 61 cadaveri recuperati al largo di Sabratha. Sono 1.508, spiega l’Organizzazione internazionale delle migrazioni, le persone morte nel 2021 lungo la rotta del Mediterraneo Centrale, “la più pericolosa nel mondo”
continua in
L’Oim: «In due giorni 163 morti al largo della Libia» (avvenire.it)

22 dicembre: Ue, Gentiloni: in arrivo minumum tax del 15% per le multinazionali
Tassazione per i gruppi con oltre 750 milioni di fatturato, in linea con l’accordo Ocse. Entrate per il bilancio Ue valutate tra 2,5-4 miliardi di euro l’anno
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/ue-commissario-economia-paolo-gentilon-presenta-proposta-minimum-tax-al-15-per-cento-per-multinazionali-082cadb5-9927-4154-bed8-774ed489088f.html

La pandemia che la Commissione europea non vuole riconoscere: la povertà
Manon Aubry
, parlamentare europea de La France insoumise e co-presidentessa del gruppo GUE/NGL, punta il dito contro la Commissione europea, responsabile del crescente impoverimento economico e sociale e incapace di fornire risposte concrete per risolvere i problemi che le sue politiche di austerità, concorrenza e neoliberismo sfrenato hanno generato
continua in
La pandemia che la Commissione europea non vuole riconoscere: la povertà – Contropiano


Tutta la complessità del mondo
Roberto Rosso – Transform Italia

Il momento che attraversiamo ci offre una drammatica dimostrazione della complessità delle relazioni sociali economiche, naturali che caratterizzano il mondo in cui viviamo, della mancanza di un approccio equo, globale e partecipato a questa complessità, del rifiuto di affrontare questa complessità che richiederebbe da parte di tutti soggetti un senso del limite ed una condivisione delle responsabilità e delle conoscenze necessarie
continua in
Tutta la complessità del mondo – Transform! Italia (transform-italia.it)


22 dicembre: Milano, l’alba degli invisibili. Tra gli uomini soli in cerca di aiuto
Fulvio Fulvi – Avvenire

Pane Quotidiano, Caritas, Ordine di Malta sono tappe obbligate nel “pellegrinaggio” dei poveri: una giornata insieme agli ultimi (e ai volontari) della città
Disperati, rassegnati, soli con se stessi. I poveri di Milano sono un esercito silenzioso costituito da senza dimora, da uomini e donne che hanno perso il lavoro o non ce la fanno più a vivere con lo stipendio o la pensione. Invisibili le cui esistenze la pandemia ha reso ancora più pesanti. Li abbiamo incontrati al Refettorio della Caritas Ambrosiana di piazza Greco, in coda per ricevere prodotti alimentari ai banchi del Pane Quotidiano di viale Toscana, alla mensa dell’Opera San Francesco gestita dai Cappuccini di viale Piave. E di notte, accompagnati dall’Unità di strada del Cisom (Corpo Italiano di Soccorso del’Ordine di Malta) li abbiamo visti dormire dentro i sacchi a pelo negli angoli più bui delle periferie, nascosti negli androni dei palazzi del centro, sulle panchine dei parchi
continua in
Milano, l’alba degli invisibili. Tra gli uomini soli in cerca di aiuto (avvenire.it)

Ue apre la procedura d’infrazione contro la Polonia. Varsavia replica: attacco alla sovranità
Il commissario europeo alla Giustizia: fallito il tentativo di dialogo
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/ue-apre-procedura-di-infrazione-contro-polonia-per-giurisprudenza-corte-costituzionale-e32d48f4-66b8-4385-9770-3658099e8a40.html

22 Dicembre: Germania: il fantasma dell’inflazione potrebbe far resuscitare l’austerity
Paolo Soldini – Strisciarossa
“Attention: un train peut en cacher un autre”: il cartello che si legge davanti ai passaggi a livello incustoditi in Francia potrebbe essere messo anche davanti al passaggio molto delicato di fronte al quale si trova lo spirito pubblico in Germania. C’è il treno dal quale i tedeschi debbono evitare di essere travolti aspettando che passi prima di attraversare i binari: l’epidemia. Ma dietro ce ne può essere un altro pronto, ai loro occhi, a farli a pezzi una volta scampati al primo: l’inflazione. 
continua in
https://www.strisciarossa.it/germania-il-fantasma-dellinflazione-potrebbe-far-resuscitare-lausterity/

22 dicembre: Perché il Governo svedese continua a cadere?
La frammentazione dello scenario politico, acuita dalla crescente sfiducia dell’elettorato verso i socialdemocratici, lo storico primo partito nell’ultimo decennio, ha reso la governabilità in Svezia sempre più precaria e incerta. Lo stallo parlamentare tra i due blocchi politici sinistra-destra (175 contro 174 seggi), il parlamentarismo negativo e il terzo polo sovranista sono le cause principali della continua caduta dei Governi nel corso del 2021La frammentazione dello scenario politico, acuita dalla crescente sfiducia dell’elettorato verso i socialdemocratici, lo storico primo partito nell’ultimo decennio, ha reso la governabilità in Svezia sempre più precaria e incerta. Lo stallo parlamentare tra i due blocchi politici sinistra-destra (175 contro 174 seggi), il parlamentarismo negativo e il terzo polo sovranista sono le cause principali della continua caduta dei Governi nel corso del 2021
continua in
Perché il governo svedese continua a cadere? | Il Caffè Geopolitico (ilcaffegeopolitico.net)

22 dicembre: Il “sovranismo di sinistra” si è rivelato un vicolo cieco, l’UE deve diventare terreno della ripresa del conflitto sociale
Franco Ferrari – Transform Italia
E’ opinione ormai largamente condivisa che l’Unione Europea stia attraversando un processo di cambiamento di cui però non sono per nulla chiari gli esiti. Al di là del percorso formale di riflessione avviato con la “Conferenza sull’avvenire dell’Europa” che dovrebbe completarsi nella primavera del 2022, è la pressione determinata dal contesto politico ed economico internazionale a mettere le classi dominanti di fronte alla necessità di trovare un nuovo assetto e di avviare politiche almeno parzialmente nuove
continua in
Il “sovranismo di sinistra” si è rivelato un vicolo cieco, l’UE deve diventare terreno della ripresa del conflitto sociale – Transform! Italia (transform-italia.it)

22 dicembre: Papa Francesco contro l’ergastolo, e un appello per i 9 italiani rifugiati a Parigi
Le dichiarazioni con le quali anche in questi giorni Papa Francesco ha preso posizione contro l’ergastolo, “perché deve restare una finestra di speranza”, consolidano l’esclusione di pene detentive senza possibilità di redenzione e scarcerazione dal magistero sociale dell’attuale Pontefice
continua in
Papa Francesco contro l’ergastolo, e un appello per i 9 italiani rifugiati a Parigi – Contropiano


L’ambientalismo senza giustizia sociale è giardinaggio
Roberto Musacchio – Transform Italia
continua in

L’ambientalismo senza giustizia sociale è giardinaggio – Transform! Italia (transform-italia.it)

Lo scatto, intitolato “Gli occhi speranzosi della ragazza che si guadagna da vivere tra la spazzatura”, ha fatto vincere al suo autore, il vietnamita ventenne Quoc Nguyen Linh Vinh, il titolo di Fotografo ambientalista dell’anno 2017


Nasce il Comitato Scientifico di Europa Verde, presidente Luca Mercalli
Europa Verde
 ha costituito un Comitato Scientifico a supporto delle proprie azioni e proposte sui temi della sostenibilità ambientale e della lotta ai cambiamenti climatici. Il Comitato, che affiancherà i co-Portavoce nazionali, Eleonora Evi e Angelo Bonelli, e la Direzione Nazionale, è presieduto dal climatologo Luca Mercalli
continua in
Nasce il Comitato Scientifico di Europa Verde, presidente Luca Mercalli

22 dicembre: Adriano Sofri. Così è annunciata la morte di Klaus Wagenbach, “vedova” di Kafka
Piccola Posta – Il Foglio

Di una vita lunga, tanto piena e tanto audace, la casa editrice da lui fondata ha scelto un elenco di connotati umani e civili. Molti di noi hanno frequentato la sua opera attraverso il grande amore per Franz Kafka
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/22/news/cosi-e-annunciata-la-morte-di-klaus-wagenbach-vedova-di-kafka-3486917/

Luca Billi – Verba Volant
Sono i giorni che precedono il Natale del 1940, Irving Berlin ha cinquantadue anni ed è già una leggenda. E’ l’autore di “God bless America”, che è ormai il “secondo” inno nazionale del paese. In quei giorni soggiorna in un resort di lusso di La Quinta, nella California del sud, un posto dove anche il suo amico Frank Capra si rifugia spesso per sfuggire dalla frenesia di Hollywood. Scrive le sue canzoni di notte. Quel fine settimana di dicembre vede gli aranci e le palme dalla finestra della sua suite e ha un’intuizione per un nuova canzone, ci lavora freneticamente e finalmente la consegna ai suoi collaboratori. Non so se sia vero, ma la leggenda dice che abbia commentato: “Non solo è la migliore canzone che io abbia mai scritto, è la migliore canzone che chiunque abbia mai scritto.”
continua in
(1) Verba volant | Facebook
Per saperne di più
i pensieri di Protagora…: Verba volant (738): bianco…


22 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Ita. Piovono pietre, ma non per i sindacalisti complici
Sergio Scorza – Contropiano
Secondo quanto risulta al Fatto, dopo aver rivisto in meglio le sue condizioni contrattuali e aver aderito al Contratto collettivo di categoria, la compagnia nata dalle ceneri della vecchia Alitalia si appresterebbe ad assumere una lunga lista di piloti e comandanti appartenenti soprattutto a #Cisl e #Uil ma anche a #Cgil#Ugl ed #Anpac
continua in
Ita. Piovono pietre, ma non per i sindacalisti complici – Contropiano

Poste, la protesta dei somministrati
I 425 lavoratori di Adecco hanno scioperato e manifestato a Roma davanti alla sede in viale Europa. Chiedono la fine della precarietà. Dall’azienda di Stato nessuna risposta
continua in
Poste, la protesta dei somministrati – Collettiva

22 dicembre: Le grandi manovre sul gas alimentano la “grande paura”
Stefano Porcari – Contropiano

I prezzi europei del gas restano altissimi dopo il record di ieri. I contratti Ttf olandesi, che servono da riferimento per il mercato dell’Ue, sono cresciuti di oltre il 20 per cento superando quota 182,5 euro per megawatt per le forniture di gas a gennaio
continua in
Le grandi manovre sul gas alimentano la “grande paura” – Contropiano

La posta in gioco sulle pensioni. Si ritorna all’Ottocento?
Sergio Cararo – Contropiano

Per fortuna sembra non esserci ancora identità di vedute nel confronto sulla previdenza tra governo e sindacati. Rimane la distanza sulle scelte da compiere per il 2023, una volta che si sarà esaurito l’esperimento di Quota 102 voluto da Draghi. L’ultima volta, era il 2012, nei confronti della controriforma Fornero furono fatte addirittura… tre ore di sciopero e “la Fornero” passò liscia come l’olio con qualche lacrima di circostanza
continua in
La posta in gioco sulle pensioni. Si ritorna all’Ottocento? – Contropiano

L’Eni e la transizione ecologica: l’allarme degli scienziati
Chiara Ferronato – Contropiano

Investire per limitare le emissioni di gas serra, CO2 in primis. Questo è il ritornello che soprattutto negli ultimi mesi si sente echeggiare da Bruxelles fino ai tavoli nazionali e regionali per la programmazione dei fondi del PNRR
continua in
L’Eni e la transizione ecologica: l’allarme degli scienziati – Contropiano

Tim, serve più trasparenza
Slc, Fistel e Uilcom chiedono un incontro ai vertici dell’azienda che però rimanda a gennaio. Col fiato sospeso oltre 40mila lavoratori
continua in
Tim, serve più trasparenza – Collettiva

22 dicembre: Espulsi dopo il voto contro la fiducia al governo Draghi
Il Consiglio di Garanzia dichiara nulla l’espulsione di 6 senatori dal gruppo del M5s del Senato
“Gli espulsi dal Movimento con questo provvedimento vengono reintegrati”, spiega Luigi Vitali, presidente del consiglio di garanzia che ha emesso la sentenza
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Senato-Consiglio-Garanzia-dichiara-nulla-espulsione-di-6-ex-M5s-99ec15dc-d3ae-43d9-b8b8-6d2594dc1083.html

Il Miur nel Lazio chiede sanzioni contro gli studenti che occupano le scuole
Gli studenti dell’OSA, hanno intercettato una circolare inviata dal direttore del Ufficio Scolastico Regionale (articolazione locale del Miur), nella quale si invitano i presidi a individuare e sanzionare gli studenti più attivi nella recente ondata di occupazioni delle scuole superiori a Roma
continua in
Il Miur nel Lazio chiede sanzioni contro gli studenti che occupano le scuole – Contropiano

Via l’amianto dalle scuole!
(…) un aspetto molto grave è rimasto ignorato: la presenza dell’amianto in una percentuale significativa di istituti. La situazione è stata riportata alla luce da una sentenza che si potrebbe definire storica del tribunale di Bologna, che ha condannato lo Stato a risarcire un milione di euro alla famiglia di un’insegnante, Olga D’Emilio, deceduta nel 2017 a causa di un mesotelioma contratto durante il suo servizio in una scuola media
continua in
Via l’amianto dalle scuole! – Contropiano


22 dicembre: L’emergenza e i morti di Covid. Che cosa c’è dietro un numero
Luca Billi – Allonsanfan

Qual è la soglia? Cento? Duecento? Mille? Quante persone possono morire in un giorno prima che scatti lo stato di emergenza? Quante persone devono morire in un giorno perché ciascuno di noi pensi che la situazione sta diventando davvero insostenibile? Ovviamente basta uno, se quell’uno è il nostro partner, uno dei nostri figli, o comunque una persona a cui vogliamo bene. 
continua in
https://www.allonsanfan.it/2021/12/22/soglia-numero-morti-emergenza-covid/?fbclid=IwAR3lxd9yYI_AIlFDw8CcxabMkF1RDWf24l2gntrhnCYRkYJVTf1a2Kee-Hg


23 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Le nuove restrizioni anti-COVID decise dal governo, la svolta per la GKN di Firenze e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di giovedì 23 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Consiglio dei Ministri ha varato oggi un nuovo pacchetto di restrizioni che prova a mettere un freno alla diffusione del virus. Con l’elezione del Presidente della Repubblica sempre più vicina, oggi Silvio Berlusconi ha provato a blindare il centrodestra: “Parleremo con una voce sola”. È stata archiviata l’inchiesta su Carola Rackete per aver forzato il blocco navale italiano e portato in salvo a Lampedusa 214 naufraghi. La Procura di Roma, invece, ha chiesto la condanna degli otto carabinieri imputati nel processo sui presunti depistaggi dopo la morte di Stefano Cucchi. La GKN di Firenze ad una svolta: la fabbrica acquisita da un gruppo specializzato in reindustrializzazione, via i licenziamenti. Ma è presto per dire se sia una vittoria. Il nuovo adattamento di “West Side Story” firmato da Steven Spielberg è finalmente arrivato nei cinema. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
Le nuove restrizioni anti-COVID decise dal governo, la svolta per la GKN di Firenze e le altre notizie della giornata (radiopopolare.it)

Covid Italia, il bollettino del 23 dicembre: 44.595 nuovi casi e 168 morti. E’ record di contagi
Sono 44.595 i casi di Covid individuati in Italia nelle ultime 24 ore, record assoluto da quando quasi due anni fa è esplosa la pandemia. Ieri i casi erano stati 36.293. Il precedente record era stato registrato il 13 novembre del 2020, quando i casi individuati furono 40.902. I morti sono 168. Con 901.450 tamponi il tasso di positività sale al 4,9% (+0,3%)
continua in
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/23/news/covid_italia_il_bollettino_del_23_dicembre_-331324880/

Covid. Mai così tanti contagi giornalieri da inizio pandemia: oggi sono 44.595 con 168 decessi
Oggi il numero più alto dallo scoppio della pandemia. Il totale dei tamponi (tra molecolari e rapidi) è di 901.450 (ieri 779.303) con un rapporto positivi tamponi del 4,9% (rispetto al 4,7% di ieri). La regione con più casi odierni è la Lombardia (+12.913) seguito da Veneto (+5.023), Piemonte (+4.304), Campania (+3.599), Lazio (+3.006), Emilia Romagna (+2.860), Toscana (+2.780) e Sicilia (+2.078)
continua in
Covid. Mai così tanti contagi giornalieri da inizio pandemia: oggi sono 44.595 con 168 decessi – Quotidiano Sanità (quotidianosanita.it)

23 dicembre: Crollo gru, a Torino i funerali di Filippo Falotico: rose bianche per l’operaio morto a 20 anni
Susanna Picone – Fanpage
Oggi al Duomo di Torino i funerali di Filippo Falotico, il più giovane dei tre operai morti nel crollo della gru in via Genova. Roberto Peretto e Marco Pozzetti portati nei loro comuni in Lombardia
continua in
https://www.fanpage.it/attualita/crollo-gru-a-torino-i-funerali-di-filippo-falotico-rose-bianche-per-loperaio-morto-a-20-anni/
https://www.fanpage.it/

23 dicembre: Morti e dispersi sulla rotta dell’Egeo: «Quel barcone era diretto in Italia»
Antonio Maria Mira – Avvenire

Dramma dell’immigrazione nell’Egeo, sulla rotta dimenticata che dalla Turchia porta alle coste calabresi e pugliesi. Un barcone con a bordo una cinquantina di persone è affondato nella notte di martedì al largo delle coste di Folegandros, isola meridionale delle Cicladi. Tre i corpi recuperati dalla Guardia costiera greca, 12 le persone salvate, tra le quali una donna, decine i dispersi. In gran parte di nazionalità irachena. L’imbarcazione, malgrado il tempo pessimo, era partita dalla Turchia, diretta verso l’Italia. Una rotta gestita dai trafficanti turchi e che nel 2021 ha avuto numeri record. Dall’inizio dell’anno sulle coste calabresi ioniche sono arrivate circa 7mila persone, tre volte quelle del 2020. Più di 2mila invece gli approdi sulle coste pugliesi, in particolare il Salento, quasi il doppio del 2020. E i drammi si ripetono
continua in
Morti e dispersi sulla rotta dell’Egeo: «Quel barcone era diretto in Italia» (avvenire.it)

23 dicembre: Quirinal Party 23/12/23, Berlusconi stoppa Draghi
Luigi Ambrosio – Radio Popolare

E’ durato 5 ore il trionfo di Draghi che ieri si è candidato di fatto al Quirinale durante la conferenza stampa di fine anno.
5 ore trascorse tra il momento in cui lui si è definito “nonno delle istituzioni” e il momento in cui il bisnonno Silvio ha fatto sapere che lo vede bene dove sta cioè a Palazzo Chigi.
continua in
Quirinal Party 23/12/23, Berlusconi stoppa Draghi – Radio Popolare

Obiettivo Quirinale. La mossa più abile di Draghi
Marco Sferini – la Sinistra quotidiana

Cos’è più pericoloso: un semi-presidenzialismo di diritto o di fatto, paventato o realizzato? La domanda vuole essere tutto tranne che retorica, perché il pericolo non è così bizzarramente e frivolamente confinato nel mondo delle ipotesi, ma si sta facendo strada proprio in questa fine di secondo anno della pandemia, con un governo di emergenza nazionale guidato da un ex banchiere internazionale, sostenitore a tutto spiano delle politiche che tutelano anzitutto i grandi patrimoni, l’alta finanza e il diritto di impresa sovraordinato all’interesse comune, al benessere sociale
continua in
Obiettivo Quirinale. La mossa più abile di Draghi – la Sinistra quotidiana


Fuori dall’ipocrisia
L’autocandidatura di Draghi al Quirinale è il punto più basso di caduta della democrazia di questo paese. C’entrano, e molto, le qualità dell’uomo, il suo curriculum, la sua traiettoria istituzionale. Un uomo a cavallo dell’establishment, impolitico (nella rappresentazione mediatica e per profilo personale), privo, per storia, di una qualunque rappresentatività popolare. Un precedente, quello dell’autocandidatura, che dice a tutti che la costituzione materiale di questo paese è ormai un’altra cosa dalla costituzione formale. E che il potere è ormai ben saldo nelle mani di elite finanziarie, economiche e (pseudo) imprenditoriali che hanno deciso di poter fare a meno, non solo della politica, ma di ogni parvenza di rappresentanza popolare. Queste cose dalle parti della sinistra bisognerebbe dirsele, ancor più se si volesse accompagnare con applausi questa più che probabile assunzione al soglio più alto della Repubblica via conferenza stampa. In fondo, il titolo di questo post è solo un auspicio, di quelli solitamente e puntualmente inascoltati

Giorgio Piccarreta sul proprio profilo Facebook


23 dicembre: Pnrr, una firma per il lavoro di qualità
Siglato il protocollo per la partecipazione e il confronto tra sindacati e governo. Soddisfazione del segretario generale della Cgil, Maurizio Landini: “Un risultato importante. Adesso è necessario aprire rapidamente i tavoli di confronto a tutti i livelli”
continua in
Pnrr, una firma per il lavoro di qualità – Collettiva

23 dicembre: Bilancio, Gualtieri suona da solo
Francesco Ruggeri – Popoff
Inaugura presepi, consegna nuovi bus ibridi, invita Totti al Campidoglio, pregusta il Giubileo, trova imprudente un Capodanno in piazza e giura che Roma tornerà «grandiosamente normale» e sicuramente avrà una vita frenetica e un mucchio di cose più serie da fare. Ma non trova il tempo di incontrare quel mondo del terzo settore e dell’associazionismo che tanto s’è indaffarato per far tornare un sindaco del Pd in Campidoglio. Perdipiù non trova il tempo per discutere con loro di bilancio. Si parla di Gualtieri, il sindaco. Così quel mondo ha saputo dai giornali che il primo Bilancio di previsione della nuova amministrazione capitolina avrà tempi di approvazione così ristretti che non si riuscirà neanche ad interloquire con i cittadini; perciò, alla faccia di almeno tre articoli dello Statuto, 38, 7 e 12 per gli amanti della ruota di Roma, tutti quei soggetti saranno esclusi dal confronto su uno dei principali strumenti di gestione di Roma. 
continua in
Bilancio, Gualtieri suona da solo – Popoff Quotidiano

23 dicembre: Adriano Sofri. La sfida incerta e sorprendente di Gabriel Boric parte da Punta Arenas
Piccola Posta – Il Foglio
Nella terra dove è nato il giovane presidente si è circondati da un’assenza recente e spaventosa. La memoria di un genocidio: quello del popolo Selknam, sterminato dai colonizzatori
continua in
https://www.ilfoglio.it/piccola-posta/2021/12/23/news/la-sfida-incerta-e-sorprendente-di-gabriel-boric-parte-da-punta-arenas-3490347/

Il mestiere di vivere nel Paese dell’Hindukush
“Afghana” raccoglie alcune fotografie scattate tra l’estate del 2008 e il mese di novembre 2021 da Giuliano Battiston in Afghanistan. Nel Paese centroasiatico sono stati anni di duro conflitto, di vittime civili, di vite spezzate, di promesse non mantenute, risentimento, ingiustizia, frustrazione. Ma sono stati anche anni in cui la popolazione ha cercato di conquistarsi il diritto a una vita ordinaria: il lavoro, le amicizie, lo studio, il gioco, l’amore. Il racconto giornalistico sull’Afghanistan è stato condizionato dal “feticcio del conflitto”, l’idea che un Paese in guerra possa essere raccontato solo attraverso la lente dei combattimenti e della violenza. Con queste foto Battiston prova a raccontare la vita degli afghani e delle afghane dentro e oltre il conflitto
Per vedere gli scatti della mostra clicca qui

23 dicembre: E Fiore, da Poggioreale, congelò Forza Nuova
Ercole Olmi – Popoff
Vertici di Forza Nuova verso un processo per l’assalto alla Cgil e un’inchiesta li indaga a Bari per terrorismo. Così il conducator congela le attività di Fn
continua in
E Fiore, da Poggioreale, congelò Forza Nuova – Popoff Quotidiano

Enrico Zucca. Genova 2021: quelle torture impunite
Dopo più di venti anni, l’Italia assume, per il semestre di turno, la Presidenza del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, l’organo che ha fra i suoi compiti anche quello di assicurare l’esecuzione delle sentenze della Corte Europea dei Diritti Umani. Purtroppo, non può dirsi che si presenti come Stato modello in quel ruolo: proprio in questo volgere di anni si è, infatti, prodotta in reiterate violazioni del diritto a non essere sottoposti a tortura e a trattamenti inumani o degradanti, proclamato dall’art. 3 della CEDU, di cui quella Corte è garante. Questo già dice tanto dell’autorevolezza di uno Stato che calpesta uno dei pochi diritti garantiti dalla Convenzione in modo assoluto (cioè anche in circostanze eccezionali come la guerra o una minaccia alla vita della nazione) in quanto espressione del «valore di civiltà della democrazia occidentale», secondo le parole della stessa Corte di Strasburgo. Non solo, nonostante le sentenze di condanna subite abbiano evidenziato problemi strutturali, inducendo la Corte a dare indicazioni precise sulle urgenti riforme da adottare, l’Italia si è distinta per la sfacciata negligenza a conformarsi alle prescrizioni, quello che appunto si dovrebbe discutere nel Comitato dei Ministri
continua in
Genova 2021: quelle torture impunite (volerelaluna.it)

23 dicembre: Cosenza. C’è una biblioteca in carcere (per merito di un bambino)
Domenico Marino – Avvenire

Bico, 4 anni, e la mamma, Marta, hanno realizzato a Cosenza l’idea di portare volumi da tenere dietro le sbarre. La colletta di carta è destinata ai figli dei detenuti
continua in
C’è una biblioteca in carcere (per merito di un bambino) (avvenire.it)


23 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Cgil: impressionante il quadro delle vertenze aperte
Impressionante, per la Cgil, il numero dei casi di crisi industriale aperti presso il Ministero dello Sviluppo Economico (Mise). Lo dimostra il quadro, ancora parziale, che emerge da una tabella – riportata in basso – stilata dall’Area Industria e Reti della Confederazione che torna a chiedere precise scelte del governo in materia.
continua in
Cgil: impressionante il quadro delle vertenze – Collettiva

Lavoratori sport, siglato il nuovo contratto
Siglati oggi (23 dicembre) a Palazzo H del Coni i tre contratti collettivi nazionali dei lavoratori e dei dirigenti di Sport e Salute e delle federazioni sportive nazionali. “Abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati. Un importante risultato che dà risponde concrete ai bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori”. Così Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Pa, Cisal/Fialp, Ugl e Usb commentano la firma dei contratti
continua in
Lavoratori sport, siglato il rinnovo – Collettiva

23 dicembre: Forze di Polizia, arriva il nuovo contratto
Previsti aumenti medi mensili lordi da 90 a 130 euro. Tissone, Silp Cgil – Uil Polizia: risultati apprezzabili anche sul piano normativo, ma c’è ancora tanto da fare. Massafra, Cgil: manca un pezzo importante, quello dei sindacati militari
continua in
Forze di Polizia, arriva il nuovo contratto – Collettiva

Elettrici, pronta la piattaforma per il rinnovo 2022-24
La richiesta nel triennio è di 195 euro. Fra le novità normative, forme concrete di partecipazione nelle aziende, la riduzione dell’orario di lavoro in favore della formazione; l’iscrizione per tutti i lavoratori alla previdenza complementare integrativa; il rafforzamento della sicurezza anche per le imprese in appalto
continua in
Elettrici, pronta la piattaforma per il rinnovo 2022-24 – Collettiva

Modena. Valvole Italia, un contratto storico
L’accordo raggiunto fra sindacati, Rsu e azienda, che ha portato alla sottoscrizione del primo integrativo, prevede un premio di risultato con cifre importanti e più diritti per il centinaio di addetti. Previste anche nuove assunzioni nel prossimo triennio
continua in
Valvole Italia, un contratto storico – Collettiva

Palermo. Lavoratori agricoli, il nuovo contratto provinciale
Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil: “I punti salienti del rinnovo sono un incremento del salario dell’1,7%, il rafforzamento del welfare, spazio all’innovazione nel settore e maggior contrasto allo sfruttamento del lavoro”
continua in
Agricoli, il nuovo contratto provinciale – Collettiva

Porti, «il ministero non rispetta gli impegni»
Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti : “Il costituendo fondo di accompagno all’esodo per i lavoratori portuali è stato cancellato dalla legge di bilancio, Un atto gravissimo e inconcepibile, oltreché inspiegabile e ingiustificabile, considerato che non avrebbe avuto oneri aggiuntivi a carico dello Stato. Ora riprogrammeremo lo sciopero del settore”
continua in
Porti, «il ministero non rispetta gli impegni» – Collettiva

Roma. Non chiudete l’Istituto sordi
Patrizia Pallara – Collettiva

Centro di eccellenza, offre servizi, consulenze, formazione, documentazione introvabili altrove. Eppure le sue sorti sono in bilico: da sei mesi non paga gli stipendi, e da due anni i contributi ai venti lavoratori precari che ne garantiscono il funzionamento. E oggi non ha le risorse per il riscaldamento né per i protocolli anti Covid
continua in
Non chiudete l’Istituto sordi di Roma – Collettiva

Reggio Emilia. Perseverance, il sindacato è parte civile
Cgil Emilia Romagna e Cdl Reggio Emilia: “Continua il nostro impegno di contrasto alle infiltrazioni mafiose. Con i soldi del Pnrr in arrivo va innalzato il livello di attenzione, a partire dalle istituzioni pubbliche”
continua in
Perseverance, il sindacato è parte civile – Collettiva



24 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Il secondo Natale col COVID tra tamponi e nuove restrizioni, cosa si rischia con la variante Omicron e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di venerdì 24 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’Italia supera il tetto dei 50mila nuovi casi e va verso il suo secondo Natale col COVID. A Milano è record di contagi e i cittadini, impossibilitati a fare tamponi, fanno quello che possono e si arrangiano abbandonati da un sistema che in Lombardia per 10 giorni ha lasciato senza risposta le quotidiane richieste di aumentare i tamponi, coordinare e potenziare la rete. I dati ufficiali del Ministero dello Sviluppo economico dicono di 69 aziende per cui è aperto un tavolo di crisi, da alcune vertenze ormai storiche ad altre aperte da poco. Questa mattina è entrata in porto a Pozzallo la nave Ong Sea Eye 4 con 214 naufraghi salvati in diversi interventi in mare, domani invece la Ocean Viking arriverà al porto di Trapani
continua in
Il secondo Natale col COVID tra tamponi e nuove restrizioni, cosa si rischia con la variante Omicron e le altre notizie della giornata (radiopopolare.it)

24 dicembre: Vertenze sotto l’albero: i pacchi di Natale
Giorgio Sbordoni – Collettiva

I dati ufficiali del ministero dello Sviluppo economico parlano di 69 aziende per le quali si cerca una soluzione. Da Whirlpool alla ex Ilva, da Carrefour a Gkn, da Saga Coffee a Prysmian. Decine di migliaia le lavoratrici e i lavoratori che avranno poco da festeggiare e molto da perdere
continua in
Vertenze sotto l’albero: i pacchi di Natale – Collettiva

La repubblica di Confindustria
Massimo Alberti – Jacobin Italia

Chi rappresenta milioni di lavoratori e lavoratrici viene dipinto come corporativo, mentre l’associazione di qualche migliaio di imprenditori è considerata portatrice dell’interesse generale. Un paradosso con radici lontane
continua in
La repubblica di Confindustria – Jacobin Italia

24 dicembre: Il governo potrebbe mettere la fiducia anche a Montecitorio
Manovra, dopo il Senato il testo passa alla Camera per l’approvazione definitiva. Ecco le misure
L’esame in commissione Bilancio si svolgerà tra il 27 e il 28 dicembre giorno in cui avrà inizio anche la discussione generale in Aula. I lavori proseguiranno il 29, 30 ed eventualmente anche il 31 dicembre
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/manovra-dopo-il-senato-il-testo-passa-alla-camera-per-approvazione-definitiva-ecco-le-misure-17ed4484-714f-45c4-821a-b8310b8244b5.html

Manovra. Il testo del maxiemendamento del Governo. 
Cresce fondo sanitario, più soldi per vaccini e farmaci Covid, nuovi tetti per la farmaceutica e più contratti per specializzazioni mediche
Giovanni Enriquez – Quotidiano Sanità
Con la fiducia di ieri al Senato si chiude di fatto la partita della prima legge di Bilancio del Governo Draghi. Il passaggio alla Camera tra Natale e Capodanno sarà infatti una formalità con un secondo voto di fiducia scontato. Per la sanità il pacchetto è nutrito a partire dalla dote di finanziamento corrente che cresce di 2 miliardi l’anno per tre anni, cui si aggiungono altri 2 miliardi in conto capitale. Ma sono moltissime le norme di interesse per il settore: dalla proroga delle Usca alle indennità per il personale dei pronto soccorso. 
TESTORELAZIONE TECNICA
continua in
Manovra. Il testo del maxiemendamento del Governo. Cresce fondo sanitario, più soldi per vaccini e farmaci Covid, nuovi tetti per la farmaceutica e più contratti per specializzazioni mediche. Ecco tutte le misure  – Quotidiano Sanità (quotidianosanita.it)

24 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 24 dicembre: 50.559 nuovi casi su 929.775 tamponi. I morti sono 141
Nelle ultime 24 in Italia si registra un nuovo record di contagi da coronavirus: 50.559 nuovi casi su 929.775 tamponi. I morti sono 141 (136.386 totali). Il tasso di positività sale al 5,4% (+0,5%). Sono i dati diffusi dal ministero della Salute
continua in
Covid Italia, bollettino del 24 dicembre: aggiornamento sui casi positivi, i ricoverati e i guariti – la Repubblica

La variante omicron domina la fine del 2021 e le altre notizie sul virus
Giovanna Chioini
Internazionale
La situazione in Italia e nel mondo
Nel mondo dall’inizio della pandemia sono stati registrati 278.154.574 contagi e 5.386.962 decessi collegati al covid-19. Secondo i dati raccolti da Our World in data il 57,3 per cento della popolazione mondiale ha ricevuto almeno una dose di vaccino, ma dal quota scende all’8,3 per cento nei paesi meno ricchi
continua in
La variante omicron domina la fine del 2021 e le altre notizie sul virus – Giovanna Chioini – Internazionale

24 dicembre: A Milano vigilia in coda per fare un tampone. L’azienda sanitaria: “Pressione spaventosa”
Alla vigilia del Cenone sono le farmacie ad essere state prese d’assalto, più che i negozi per lo shopping natalizio
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Covid-tamponi-Milano-vigilia-in-coda-per-tamponi-ATS-Bergamaschi-Moratti-Perugia-Roma-3db5e4dd-a449-40ed-b494-765409e75397.html

24 dicembre: Lombardia e Valle d’Aosta classificate ad alto rischio
Covid, Brusaferro: “Forte incremento casi in tutta Italia”. Non previsti cambi fascia per le Regioni
Restano 7 in giallo e 14 bianche. Ma Governatori valutano misure autonome
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/covid-iss-incidenza-settimanale-in-salita-a-351-rt-stabile-a-1-e-13-236c1513-35ab-4d6b-b2f7-dbc3d64bdf53.html

24 dicembre: Cosa bolle in pentola per la salute?
Marco Caldiroli 
(Presidente di Medicina Democratica) – Attac Italia
La “sanità” è caratterizzata da strutture e ambiti definiti “politicamente” come altri aspetti del welfare (“produzione” di salute collettiva e individuale) e agisce (o non agisce), direttamente o indirettamente, sulla ampia gamma dei determinanti della salute (condizioni lavorative, di vita, ambientali). Le “pentole” in ebollizione sono diverse per contenuti e “livelli” ma anche per le direzioni
continua in
https://www.attac-italia.org/cosa-bolle-in-pentola-per-la-salute/


24 dicembre: Omicron: per una critica della gestione della crisi sanitaria
David Lusetti – La Fionda

Di seguito riporto un breve articolo che scrissi a Settembre di quest’anno, oggi con l’avanzare del contagio dovuto alla variante Omicron questi miei pensieri tornano drammaticamente attuali.
Ora come sappiamo il rischio più grande che corriamo è il presentarsi di una variante che diminuisca sensibilmente l’effetto del vaccino tale da riportarci “al momento 0” della pandemia
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/24/omicron-critica-alle-gestione-pandemica-da-parte-del-governo-italiano/




24 dicembre: Mario Draghi: la menzogna come metodo di governo
Matteo Masi – La Fionda
Come si suol dire: 3 indizi fanno una prova. E questi 3 indizi, sul fatto che il metodo di governo di Mario Draghi sia la menzogna, li abbiamo tutti
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/24/mario-draghi-la-menzogna-come-metodo-di-governo/



24 dicembre: Paolo Maddalena firma l’appello degli studenti: “la Costituzione lo vuole”
Riceviamo e pubblichiamo con grande piacere e sentito ringraziamento le “motivazioni” all’adesione di Paolo Maddalena, Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale, all’appello scritto dalle studentesse e dagli studenti romani dopo le gravissime dichiarazioni da parte del Direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri
continua in
Paolo Maddalena firma l’appello degli studenti: “la Costituzione lo vuole” – Contropiano


24 dicembre: L’operaio a crepare, il borghese a sciare
Mario Gangarosssa – Contropiano

La rumorosa presenza dei no vax che ha ridotto tutto a una demenziale caciara reazionaria ha impedito finora una discussione e una critica severa sulla gestione criminale della crisi sanitaria
continua in
L’operaio a crepare, il borghese a sciare – Contropiano

24 dicembre: Il comunismo fiscale dei più ricchi
Chi l’ha detto che in Italia il comunismo non è mai stato realizzato? Basta guardare l’evoluzione dell’ultimo scaglione dell’imposta sui redditi per comprendere come i più ricchi con il passare del tempo hanno scelto di condividere la posizione fiscale di chi è un po’ meno ricco. Proviamo a spiegare con un po’ di storia.
Nel 1948 la Costituzione stabilisce che “il sistema tributario è informato a criteri di progressività” (art. 53). Il che significa che la percentuale di tasse da pagare sale con l’aumentare della capacità contributiva
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/il-comunismo-fiscale-dei-piu-ricchi/

24 dicembre: ITA: quando un’azienda pubblica applica il modello Schettino
Usb Trasporto aereo

Chissà perché, mentre leggiamo notizie sulle recenti assunzioni in ITA dopo gli accordi del 2 dicembre scorso, ci torna in mente il famoso “Vada a bordo, cazzo!” urlato dal comandante De Falco al capitano Schettino davanti all’isola del Giglio
continua in
ITA: quando un’azienda pubblica applica il modello Schettino – Contropiano

24 dicembre: Il modello Marchionne: un’agiografia targata Rai
Massimo Franchi – Contropiano
Una vera e propria agiografia, firmata servizio pubblico. Il documentario Sergio Marchionne andato in onda venerdì sera in prima serata su Rai3 – ora disponibile su RaiPlay – dura 112 minuti e riesce nell’impresa di non far parlare neanche un operaio in presa diretta
continua in
Il modello Marchionne: un’agiografia targata Rai – Contropiano

24 dicembre: Cosa dobbiamo imparare dalla tragedia di Ravanusa
Ugo Leone – Strisciarossa

Morti e distruzione fisica a Ravanusa nell’Agrigentino per lo scoppio delle condutture del gas. “Gas, la strage annunciata” titolava a tutta pagina La Repubblica del 13 dicembre 2021. Ormai sono poche le catastrofi che, dopo averne catalogato morti e danni materiali, non vengono definite “annunciate”.
continua in
Cosa dobbiamo imparare dalla tragedia di Ravanusa – Strisciarossa

24 dicembre: Quirinal Party 24/12/21 Salvini e Meloni rassicurano Berlusconi: sei il nostro candidato. Lui fa finta di crederci
Luigi Ambrosio – Radio Popolare

Al bisnonno Silvio non si dice no. Non in faccia, perlomeno e così ieri al pranzo nella sua villa romana tutti i leader del centrodestra hanno ribadito a Berlusconi che sì, la coalizione è unita e il candidato al Quirinale è lui. Dopo il dessert Berlusconi, che stupido non è, ha rinviato tutto a gennaio
continua in
Quirinal Party 24/12/21 Salvini e Meloni rassicurano Berlusconi: sei il nostro candidato. Lui fa finta di crederci – Radio Popolare

24 dicembre: Libia: oggi si sarebbero dovute tenere le elezioni rinviate, per ora, di un mese  
Ieri il presidente del parlamento di Tobruk, Aguila Saleh, ha incontrato il Consigliere speciale dell’Onu per la Libia, Stephanie Williams
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/libia-elezioni-24-dicembre-2021-rinvio-analisi-situazione-f78f9cf5-ab61-4307-b4fe-e21d95476286.html

24 dicembre: La Borsa di Pechino si apre alle piccole e medie imprese
Nicol Betro – Il Caffè Geopolitico

La Borsa di Pechino è operativa dal 15 novembre scorso e si rivolge principalmente alle piccole e medie imprese. Tra le società quotate stanno emergendo dei piccoli giganti, ovvero aziende caratterizzate da un alto livello di innovazione
continua in
https://ilcaffegeopolitico.net/935994/la-borsa-di-pechino-si-apre-alle-piccole-e-medie-imprese

24 dicembre: I Beatles e l’arte del lavoro di squadra
The Economist/Internazionale
Paul strimpella la sua chitarra in uno studio di Londra. George sbadiglia e Ringo osserva fiaccamente. John è in ritardo, come sempre. All’improvviso, la magia. Una melodia comincia a prendere forma; George si unisce con la sua chitarra; Ringo comincia a battere un ritmo. Quando arriva John, ci si accorge con un fremito d’eccitazione che il nuovo singolo dei Beatles, Get back, è chiaramente riconoscibile
continua in
I Beatles e l’arte del lavoro di squadra – Internazionale

24 dicembre: «E noi come stronzi rimanemmo a guardare»
Ilaria Lani – Collettiva

L’ultima fatica di Pif ci fa ridere amaramente raccontando come gli algoritmi cambiano le nostre vite di lavoratori e cittadini. Il ruolo di Nidil Cgil nella realizzazione della pellicola
continua in
«E noi come stronzi rimanemmo a guardare» – Collettiva

Il racconto di Natale. Chiacchierando di fantasmi con Mr Dickens
Luca Billi – Allonsanfan

Il giovane straniero fa un mezzo inchino mentre gli porge il biglietto, che lo scrittore guarda distrattamente. Dickens pensa che non sarebbe stato necessario precisare quell’informazione: il suo accento è davvero terribile. Lo scrittore ha già notato quello straniero alla locanda del Cervo bianco. Ricorda che un altro paio di volte ha avuto l’impressione che volesse parlargli, ma poi si è sempre allontanato”
continua in
https://www.allonsanfan.it/2020/12/24/dickens-marx-canto-natale/?fbclid=IwAR3wn_yYDmWJJnZ3L7YdyEcm9Z68ADO69m1i497QlTeuAO-D6S1Pjc9Y0kM



Tomaso Montanari. Il Natale e la speranza: attendersi l’inatteso 
Confesso che, negli ultimi tempi, non di rado mi sorprendo a pensare che la principale ragione per cui deve esserci una vita oltre la vita è che tutta questa mostruosa ingiustizia non può averla vinta. Non se ne riesce a sostenere nemmeno la vista, e ogni sforzo per combatterla pare destinato al fallimento. Così, lo ha scritto Max Horkheimer, la teologia è «la speranza che, nonostante tutta questa ingiustizia che caratterizza il mondo, non possa avvenire che l’ingiustizia possa essere l’ultima parola». Una visione altissima, vertiginosa: ma che fa correre almeno due rischi. Il primo è di collocarsi senza tentennamenti tra i giusti: assolti, e anzi giudicanti. Il secondo è di perdere ogni fiducia, e dunque ogni impegno, nella lotta quotidiana per la giustizia sulla terra
continua in
Il Natale e la speranza: attendersi l’inatteso (volerelaluna.it)

Geminello Preterossi. Fuga dalla libertà
Non voglio parlare della Grande Mistificazione. Bugie, contraddizioni, opacità, presunte verità “scientifiche” spacciate per assoluti indiscutibili e poi rinnegate (facendo finta di niente) sono squadernate davanti a noi. Del resto, la neolingua del potere – e della pseudoscienza fattasi potere – è eloquente.  Chiunque abbia occhi per vedere non può non chiedersi perché stia accadendo tutto questo. Quali siano le cause di questa cieca e furente isteria fomentata dall’alto, nel seno dell’Occidente, e in particolar modo nel centro dell’Europa
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/24/fuga-dalla-liberta/

Andrea Bigalli. Al centro del Natale c’è la vita
Solitamente tendo a non attingere alla Rete e ai social per imbastire le mie riflessioni. Consideratelo un atteggiamento un po’ snobistico, pure pericoloso, ma se avversare i populismi porta a costruire una torre eburnea, meglio sporcarsi le mani anche con dosi moderate di fanghiglia mediatica. Infatti. Chi ha postato immagini dei bivacchi familiari di fronte ai muri e al filo spinato, lì per impedire un transito legittimo verso speranza e vita, affermando che queste sono le iconografie autentiche del Presepio in questo 2021, mi dà sicuramente da pensare
continua in
Al centro del Natale c’è la vita (volerelaluna.it)

Domenico Gallo. Buon Natale dal Cile
Mentre nubi sempre più minacciose oscurano il nostro orizzonte, mentre la pandemia, non piegata dalle vaccinazioni di massa ha ripreso vigore e tiene in ostaggio le Nazioni dell’Occidente, che, abbarbicate al proprio privilegio, non hanno voluto condividere i vaccini con il resto del mondo sospendendo i brevetti, mentre i venti di guerra hanno ripreso a soffiare furiosi lungo la linea di faglia del confronto fra la NATO e la Russia, finalmente un raggio di luce squarcia quest’orizzonte cupo e riapre la dimensione della speranza
continua in
Buon Natale dal Cile (volerelaluna.it)

Luca Billi. Verba Volant. E voi ci credete a Babbo Natale?
Qual è l’età giusta per dire ai nostri bambini che Babbo Natale non esiste?
 E che anzi quel vestito rosso è stato creato da un pubblicitario di un secolo fa, per ricordare il colore dell’etichetta di una famosa bevanda gassata? E che quel vecchio è l’immagine moderna di un santo che viene dalla Licia, le cui reliquie sono state una delle cause delle crociate?E noi, quando abbiamo saputo che Babbo Natale – o la Befana o santa Lucia o sant’Antonio o chiunque porti i regali ai bambini nella festa che da sempre si celebra intorno al solstizio d’inverno – non esiste?
continua in
https://www.allonsanfan.it/2021/12/24/babbo-natale-non-esiste-innocenza-ingiustizia/?fbclid=IwAR15m0fOMhTOd2qjpsvXWQGm6QSSpUvtVwe71NN5d2SzYf40Mc92z09_Oxw


“Servire Gesù nei poveri, no a disprezzo e indifferenza”
Messa della Notte di Natale, il Papa: “Dare dignità al lavoro, basta morti”
“Nel giorno della Vita ripetiamo: basta morti sul lavoro! E impegniamoci per questo”, ha detto Bergoglio nell’omelia della messa della Notte di Natale
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Messa-della-Notte-di-Natale-Papa-Francesco-Servire-Gesu-nei-poveri-no-a-disprezzo-e-indifferenza-Basta-morti-sul-lavoro-c16d5cec-8cdf-4cc1-b317-3568e5d482cc.html

25 dicembre: Covid, il bollettino di oggi 25 dicembre: 54.762 casi e 144 morti
Nelle ultime 24 ore in Italia quasi 55mila casi e 144 decessi: è nuovo record. Ieri i casi erano stati 50.559 con 929.775 tamponi, i morti 141. Oggi nuovo record di tamponi: 969.752. Tasso di positività al 5,6%, più 0,2% rispetto a ieri. Salgono anche i numeri di terapie intensive (+33) e ricoveri (+80). Questi ultimi ora raggiungono 8.892. Le terapie intensive sono a 1.071. Le persone attualmente positive hanno superato le 500mila, cioè quasi un italiano su 100. L’incremento nelle ultime 24 ore è stato di 39.792
continua in
Covid, il bollettino di oggi 25 dicembre: 54.762 casi e 144 morti – la Repubblica

Covid. In un unico decreto la proroga dello stato di emergenza al 31 marzo e le misure anti Omicron per le festività. Il testo in Gazzetta
Quotidiano Sanità

Pubblicato sulla Gazzetta del 24 dicembre e in vigore da oggi il decreto legge che unisce in un unico testo le misure varate dal Governo il 14 e il 23 dicembre scorsi. Stato emergenza fino al 31 marzo, Green Pass rafforzato anche per il caffè al bar e poi mascherine all’aperto, proroga prezzi calmierati per i test e vaccinazioni in farmacia per tutto il 2022. Stop a discoteche e alle feste di piazza. E dal 10 gennaio fino al 31 marzo, Green Pass rafforzato anche per palestre, piscine, musei, terme e centri benessere, sale giochi e centri culturali e sociali. 
IL TESTO IN GAZZETTA
Continua in
Covid. In un unico decreto la proroga dello stato di emergenza al 31 marzo e le misure anti Omicron per le festività. Il testo in Gazzetta – Quotidiano Sanità (quotidianosanita.it)

25 dicembre: Tragedia di Natale nell’Egeo, affonfano due barconi di migranti, 27 morti
ANSA – Salvate 63 persone. Ieri cinque sbarchi a Lampedusa. Scesi a Pozzallo i 214 a bordo della Sea Eye

E’ salito a 27 il bilancio dell’affondamento die due imbarcazioni con migranti a bordo nel Mar Egeo.I due incidenti si sono verificati a poche l’uno dall’altro. Nel primo erano morte 11 persone, nel secondo 16. Lo rende noto la guardia costiera greca. Si tratta del terzo incidente del genere da mercoledì. Le autorità hanno recuperato 16 corpi, tra cui 12 uomini, tre donne e un bambino, e sono riuscite a salvare 63 persone mentre la loro barca con a bordo 80 migranti affondava nei pressi dell’isola di Paros. Poche ore prima 11 corpi erano stati recuperati dopo l’affondamento di un’imbarcazione con un centinaio di migranti a bordo, arenata giovedì su un isolotto nel sud della Grecia. Circa 90 sopravvissuti, tra cui 52 uomini, 11 donne e 27 bambini, sono stati salvati ed evacuati ieri mattina da questo isolotto situato a nord dell’isola greca di Anticitera



Gkn passa di mano. I lavoratori: «Non si smobilita»
Checchino Antonini – Popoff

Qf Spa (Gruppo Borgomeo) comunica di aver acquisito il 100% di Gkn Driveline Firenze. «Fine del rischio licenziamenti. L’azienda ritira la messa in liquidazione. Viene ritirata l’impugnazione contro il ricorso vinto dai sindacati sulla vecchia procedura di licenziamento», afferma in una nota il nuovo padrone Francesco Borgomeo
continua in
Gkn passa di mano. I lavoratori: «Non si smobilita» – Popoff Quotidiano

Gkn a Borromeo, che ne pensano i lavoratori
Documento approvato dall’assemblea dei lavoratori Gkn #insorgiamo
continua in
Gkn a Borromeo, che ne pensano i lavoratori – Contropiano


25 dicembre: Cittadinanza italiana: un milione di senza diritti
Elena Ciccarello – Lavialibera

Sono ragazze e ragazzi nati o cresciuti in Italia che aspettano sia concesso loro il diritto di votare o di trascorrere un periodo di studio all’estero. Da dieci anni la riforma della legge è ostaggio di una politica incapace di superare pregiudizi e calcoli elettorali
continua in
https://lavialibera.it/it-schede-761-cittadinanza_ius_soli_un_milione_di_senza_diritti

25 dicembre 1991, la bandiera rossa non sventola più sul Cremlino
Sergio Sergi – Strisciarossa

(…) Il “Gorby” acclamato nelle strade del mondo, invocato dai giovani berlinesi un mese prima della caduta del Muro, stava per entrare nelle case dei sovietici, da Minsk a Vladivostok, da Alma Ata a Taskent, da Kiev a Tblisi, da Leningrado a Baku, per annunciare il suo addio. E le parole più crude arrivarono presto. Guardò diritto alla lucetta rossa della telecamera e, con voce triste ma ferma, disse: “Ha vinto la disintegrazione dello Stato. Io non sono d’accordo. Vi parlo per l’ultima volta come presidente”. Poi, con amarezza: “I cittadini hanno perduto il loro Paese”
continua in
25 dicembre 1991, la bandiera rossa non sventola più sul Cremlino – Strisciarossa


Il Natale solidale della Comunità di Sant’Egidio
Le immagini dei Pranzi di Natale con i poveri 2021

Le immagini dei Pranzi di Natale con i poveri 2021 | COMUNITÀ DI SANT’EGIDIO (santegidio.org)

Nella foto il pranzo all’interno della Basilica di Santa Maria in Trastevere


26 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
L’epicentro della nuova ondata è ancora la Lombardia, una storia di riscatto da Rosarno e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di domenica 26 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Su dieci italiani che fanno un tampone, più di uno risulta positivo. La nuova ondata dovuta alla variante Omicron potrebbe durare settimane. Va in scena un’altra Caporetto della sanità lombarda: il sistema regionale di tracciamento è in tilt e anche stamattina ci sono state lunghe file di persone in attesa di tampone davanti alle poche farmacie aperte. Il punto tamponi di via Pace, quello del Policlinico, è chiuso così come quelli di altri ospedali. E il sito della Regione non dà nessuna informazione.  Ventotto morti al largo della Libia, nel Mediterraneo ci sono nelle ultime ore diverse segnalazioni per le imbarcazioni alla deriva. E’ morto Desmond Tutu, l’arcivescovo anglicano compagno di Nelson Mandela nella lotta all’apartheid in Sudafrica. Il Pil aumenta, ma pure il precariato e le aziende chiudono: i posti di lavoro non sono ancora tornati ai livelli pre pandemia. Vi raccontiamo una storia di riscatto da Rosarno, dove si raccolgono arance e clementine che si trovano sulle tavole in questi giorni. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
L’epicentro della nuova ondata è ancora la Lombardia, una storia di riscatto da Rosarno e le altre notizie della giornata (radiopopolare.it)

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 26 dicembre: 24.883 nuovi casi e 81 morti
Sono 24.883 i casi di Covid individuati in Italia nelle ultime 24 ore. Ieri i casi erano stati 54.762, il massimo dall’inizio della pandemia. Le vittime, secondo i dati del ministero della Salute, sono 81, mentre ieri erano state 144
continua in
Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 26 dicembre – la Repubblica

26 dicembre: La Lombardia non ha imparato niente dal disastro della primavera 2020
Diana Santini – Radio Popolare

L’epicentro di questa nuova ondata di Covid-19, che cresce al ritmo di contagio della variante Omicron è, due anni dopo Codogno, ancora la Lombardia
continua in
La Lombardia non ha imparato niente dal disastro della primavera 2020 (radiopopolare.it)

26 dicembre: Addio a Desmond Tutu: dall’apartheid al Nobel, primo arcivescovo anglicano nero di Città del Capo
Nel 1984 ricevette il premio Nobel per le iniziative politiche intraprese per abbattere le differenze tra bianchi e neri. In un telegramma il cordoglio del Papa
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Addio-Desmond-Tutu-apartheid-al-Nobel-primo-arcivescovo-anglicano-nero-di-citta-del-Capo-c7045445-a8ed-432d-a75f-39b957742ed7.html

26 dicembre: La Sea Watch salva 96 persone
Migranti: dal Mediterraneo all’Egeo in centinaia tentano il viaggio della speranza
Dall’Egeo al canale di Sicilia alla Libia: in centinaia tentano di raggiungere l’Europa. Sulla costa occidentale della Libia trovati i corpi senza vita di 28 migranti
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/migranti-imbarcazioni-guardia-costiera-naufragi-morte-4073c10f-e580-4290-bd93-49886c030f46.html

Sbarcati a Crotone 490 migranti
Sommati ai 3 sbarchi di sabato, sono diventati 5 in tutto gli arrivi nelle ultime 24 ore sulle coste calabresi. Secondo la Croce Rossa i migranti erano “particolarmente provati, disidratati e stremati”. Solo 1 persona al momento è positiva al Covid
continua in
Sbarcati a Crotone 490 migranti (rainews.it)

26 dicembre: Pnrr, Giorgetti: 400 milioni all’imprenditoria femminile
Per il ministro dello Sviluppo Economico necessita “Sostegno alle competenze delle donne per progetti innovativi e l’avvio di nuove attività”
continua in
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/PNRR-Giorgetti-Mise-400-milioni-imprenditoria-femminile-Italia-Bonetti-Pari-Opportunita-c765e4a9-ee55-4504-aa11-7cceaa19cc5e.html

26 dicembre: L’agricoltura contadina alla sfida della convergenza
Fabrizio Garbarino e Antonio Onorati
 (Associazione Rurale Italiana)Attac Italia
Nel 2021 il concetto di sovranità alimentare ha festeggiato il suo venticinquesimo compleanno. Si iniziò a parlarne in Messico già nel 1995 ma la questione emerse con chiarezza nel novembre 1996, quando i movimenti contadini, le associazioni, le ONG si riunirono a Roma nel Forum della società civile per il diritto al cibo, in parallelo al summit mondiale dei capi di stato sull’alimentazione tenuto presso la FAO. Da allora la sovranità alimentare è diventata un caposaldo nell’agenda delle rivendicazioni de La Via Campesina e delle centinaia di organizzazioni che la compongono, facendo di essa e del suo tessuto di oltre 200 milioni di contadini il più grande movimento sociale del pianeta
continua in
https://www.attac-italia.org/lagricoltura-contadina-alla-sfida-della-convergenza/

26 dicembre: Francia(e UE) in difficoltà in Mali e nel Sahel
Andrea Mencarelli – Contropiano

Il presidente francese Emmanuel Macron è stato costretto ad annullare il suo viaggio a Bamako, in Mali, previsto per lo scorso 20 dicembre, formalmente come misura precauzionale di fronte alla quinta ondata di Covid-19.
Qui, avrebbe dovuto passare il Natale con le truppe francesi dell’operazione Barkhane ancora presenti in loco, in particolare nella base militare di Gao, nel nord-est del paese
continua in
Francia(e UE) in difficoltà in Mali e nel Sahel – Contropiano

26 dicembre: I taleban vietano alle donne di viaggiare da sole. E nei taxi solo velate
Oltre i 72 chilometri dovranno essere accompagnate da un uomo della famiglia. E in auto non si può ascoltare musica, controlli con posti di blocco creati per le strade di Kabul
continua in
I taleban vietano alle donne di viaggiare da sole. E nei taxi solo velate (avvenire.it)


26 dicembre: Nella resistenza di Burqa c’è tutta la Palestina
Bassam Saleh – Contropiano

Burqa, è un piccolo villaggio palestinese situato a nord di Nablus, nella Cisgiordania occupata nella guerra del 1967.
Oggi questo villaggio insieme a tutti i villaggi di tre regioni, Nablus, Jenin e Tulkarem, rappresentano la Resistenza popolare palestinese, come Betna, KufrKaddum, Neelin, Belin, e tutti i territori occupati
continua in
Nella resistenza di Burqa c’è tutta la Palestina – Contropiano

Escalation di Israele nel Golan. Nuovi insediamenti coloniali nelle terre siriane occupate
Il primo ministro israeliano, Naftali Bennett, ha annunciato l’intenzione di raddoppiare la popolazione ebraica che vive nelle alture del Golan, territorio siriano fino al 1967 poi occupato da Israele nella Guerra dei Sei Giorni e successivamente annesso
continua in
Escalation di Israele nel Golan. Nuovi insediamenti coloniali nelle terre siriane occupate – Contropiano


26 dicembre: “Nucleare di quarta generazione? Non esiste. Includerlo nel piano Green della Ue è un suicidio”
Luisiana Gaita – Il Fatto Quotidiano e Contropiano

Includere il nucleare nella Tassonomia verde dell’Ue è un suicidio”. La decisione ufficiale della Commissione Ue è attesa entro la metà di gennaio, anche se è stato già anticipato che si includerà l’energia atomica.
Per Angelo Tartaglia, ingegnere nucleare e professore emerito di Fisica presso il Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia del Politecnico di Torino, quella dell’atomo non è energia “pulita e sicura”, come dicono i sostenitori della ‘quarta generazione’. E neppure è “inesauribile”
continua in
“Nucleare di quarta generazione? Non esiste. Includerlo nel piano Green della Ue è un suicidio” – Contropiano


IL 2021 SUL SITO DI INTERNAZIONALE
Dai vaccini allo smart working, dai documentari ai fumetti di Zerocalcare, passando per gli approfondimenti sulla pandemia, il lavoro, la scuola e il femminismo: i migliori articoli e video del 2021, scelti tra i più letti sul sito di Internazionale. Buona lettura!
continua in
Gli articoli di Internazionale più letti nel 2021 – Internazionale



Morto in carcere a Torino dopo aver perso 25 chili, aperta un’inchiesta. La Garante dei detenuti: “Sembrava Stefano Cucchi”
Il giovane sosteneva di non riuscire a mangiare, gli agenti pensavano simulasse, ma aveva un’infezione polmonare
Era entrato in carcere che pesava 80 chili ma ne aveva persi 30 in sei mesi e nel dicembre 2019  improvvisamente era morto, a 28 anni, nonostante un ricovero d’urgenza, che però è risultato tardivo. Il caso di Antonio Raddi era stato segnalato dalla garante dei detenuti di Torino, Monica Gallo, e ora i familiari stanno provando a far riaprire il caso e nei prossimi giorni si discuterà davanti al giudice l’opposizione all’archiviazione
continua in
https://torino.repubblica.it/cronaca/2021/12/27/news/morto_in_carcere_dopo_aver_perso_25_chili_aperta_un_inchiesta_a_torino-331770989/


27 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Le nuove regole per la quarantena, le code infinite per i tamponi e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di lunedì 27 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’aumento esponenziale dei contagi porta sempre più persone in quarantena e il governo vuole accorciare i tempi: l’obbiettivo è non svuotare le aziende, evitando di riempire gli ospedali. A Milano i medici di base denunciano i tempi lunghi per testare chi ha i sintomi. E fuori dalle farmacie tornano le code in tutte le città delle Lombardia. La task force della regione – riunita da oggi – ha annunciato che i nuovi centri per i tamponi apriranno solo nei prossimi giorni. In Gran Bretagna si registrano ancora oltre 100mila contagi, il governo per ora esclude nuove restrizioni. In Francia il consiglio dei ministri ha deciso poco fa un nuovo pacchetto di misure. Intanto ci sono proteste alla Camera per il poco tempo concesso per la discussione sulla manovra economica. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
Le nuove regole per la quarantena, le code infinite per i tamponi e le altre notizie della giornata (radiopopolare.it)

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 27 dicembre: 30.810 nuovi contagi, 142 i decessi
Sono 30.810 i nuovi contagi registrati in Italia nelle ultime 24 ore, con 343mila tamponi. Sono 142 invece i decessi.  I tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati sono stati 343.968 secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 217.052. Il tasso di positività, pertanto, scende all’8,9%, rispetto all’11,5% di ieri. Sono 1.126 (ieri erano 1.089) i pazienti in terapia intensiva in Italia, 37 in più del giorno precedente nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 100. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 9.723 (ieri erano 9.220), ovvero 503 in più. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono Lombardia (5.065), Piemonte (4.611) e Emilia-Romagna (3.482)
continua in
Coronavirus in Italia, bollettino di oggi 27 dicembre: aggiornamento sui casi positivi, i ricoverati e i guariti – la Repubblica

Covid, l’ora del caos
Dante Barontini – Contropiano

In qualche modo era previsto. Se affronti una pandemia globale con una strategia demenziale – “convivere con il virus” – il punto in cui si perde il controllo del sistema non è mai troppo lontano.
In tutto il mondo occidentale si accavallano notizie simili, dati in crescita per i contagi e i morti, anche se questi ultimi in numero minore, rispetto a un anno fa, grazie alle campagne di vaccinazione
continua in
Covid, l’ora del caos – Contropiano

27 dicembre: Uscire dalla pandemia: 10 spunti per guardare avanti
Gianni Tognoni – Volere la luna


In un mondo globale con un’autocoscienza di onnipotenza e di crescita programmabile secondo modelli lineari di un neo-colonialismo economico e culturale, l’irruzione di una pandemia infettiva, con sapore antico, si è tradotta in un’esperienza di impotenza-ignoranza rispetto a qualcosa che si temeva da sempre ma a cui non si voleva credere: un attacco terroristico alle Torri Gemelle della scienza e dell’economia. 
continua in
Uscire dalla pandemia: 10 spunti per guardare avanti (volerelaluna.it)

27 dicembre: Quirinal Party 27/12/21 Bossi ha parlato, la Lega è divisa sull’elezione del Presidente della Repubblica
Luigi Ambrosio – Radio Popolare

Torna in scena a sorpresa il Bossi.
E alla sua maniera dice a Salvini di stare attento a come si comporta.
“Parlerò con Giorgetti che mi aggiornerà sulla situazione – ha detto Bossi – ma mi sembra che Draghi e Berlusconi non ce la possano fare per il Quirinale. Per me alla fine eleggono Casini”
continua in
Quirinal Party 27/12/21 Bossi ha parlato, la Lega è divisa sull’elezione del Presidente della Repubblica (radiopopolare.it)

Il trasloco più importante d’Italia
Sandro Marucci – Articolo 21

Un drone a perpendicolo su quel chilometro di centro storico battuto dai romani potrebbe riprendere una scena inconsueta: una fila di scatoloni che dal portone del Quirinale escono in due rivoli lungo il Colle più famoso d’Italia. Il primo diretto ad un palazzo della Roma dei Papi, verso il Pantheon, l’altro verso la Roma più verde, fra villa Ada e villa Borghese, per finire in una palazzina moderna la cui ubicazione è top secret
continua in
Il trasloco più importante d’Italia – Articolo21


27 dicembre: Comunicazione deviante come modello per le speculazioni capitalistiche
Luciano Vasapollo – Contropiano

Nell’attuale fase di competizione capitalistica globale, c’è una propensione a sottoporre l’intera realtà – in tutte le dimensioni e i campi dell’umano, a partire da quello economico – alla logica del business, del profitto creando potere ideologico dominante
continua in
Comunicazione deviante come modello per le speculazioni capitalistiche – Contropiano


27 dicembre: Sabato l’addio a Desmond Tutu, l’ultimo padre del Sudafrica
Con l’arcivescovo anglicano, morto ieri mattina a 90 anni, scompare l’ultimo dei grandi vecchi che hanno vissuto la stagione che ha cambiato il Paese: da bianco e afrikaner alla Rainbow Nation
continua in
Sabato l’addio a Desmond Tutu, l’ultimo padre del Sudafrica (avvenire.it)

27 dicembre: Natale di sangue, strage di cristiani nel Myanmar
Stefano Vecchia – Avvenire

I militari hanno massacrato e bruciato decine di civili nello Stato a maggioranza cristiana del Kayah: donne e bimbi tra i 38 morti. Spariti 2 volontari di Save the Children, Rinviata la sentenza per Suu Kyi
continua in
Natale di sangue, strage di cristiani nel Myanmar (avvenire.it)

27 dicembre: Portogallo, come la corruzione può danneggiare una democrazia
Mattia Fossati – Il Caffè Geopolitico

La corruzione sta degradando la democrazia portoghese. Lo certifica l’ultimo report dell’IDEA: l’alto costo delle opere pubbliche, la legislazione farraginosa e le ultime inchieste della magistratura mostrano un Paese malato di tangenti
continua in
https://ilcaffegeopolitico.net/934371/portogallo-come-la-corruzione-puo-danneggiare-una-democrazia



28 dicembre. Roma: Ancora una vittima sul lavoro. È un edile caduto da un’impalcatura
Il 2021 si conferma un anno tragico per il mondo del lavoro. Superata la soglia delle 1300 vittime. L’ultima a Roma ed è, ancora una volta, un operaio edile, caduto da un’impalcatura. L’incidente è avvenuto oggi (28 dicembre) in via Merulana, poco prima delle 10 del mattino, Inutili i soccorsi dei colleghi. Già iniziate le indagini per capire la dinamica dei fatti, Intanto nella capitale è l’ennesima morte sul lavoro
continua in
https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/2021/12/28/news/ancora_una_vittima_sul_lavoro_e_un_edile_caduto_da_un_impalcatura-17571
59/

28 dicembre: Dati Inail. Oltre mille morti sul lavoro anche quest’anno. «Ecco cosa va cambiato»
Paolo Ferrario – Avvenire

La ripresa delle attività economiche stia determinando una recrudescenza degli incidenti. La denuncia dell’ex ministro Damiano: «Crescita senza controllo di imprese improvvisate»
continua in
Oltre mille morti sul lavoro anche quest’anno. «Ecco cosa va cambiato» (avvenire.it)

28 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Come va la pandemia, continuano le morti nel Mediterraneo, la battaglia di Memorial per i diritti umani e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di martedì 28 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’Italia va a lunghi passi verso i centomila contagi quotidiani, una settimana fa erano trentamila. L’epicentro della pandemia resta sempre la Lombardia. Domani arriva il parere del Comitato tecnico scientifico sulla durata della quarantena. Intanto a Milano non ci sono quasi più tamponi. Un operaio di 50 anni, di cui non è stato diffuso il nome, è morto oggi a Roma, precipitando da un ponteggio. La Geo Barents, la nave umanitaria di Medici senza frontiere, è stata autorizzata a fare rotta su Augusta, nel Siracusano. Resta invece in attesa di un porto la SeaWatch 3. Almeno 200 persone sono morte in mare nell’ultima settimana, secondo un testimone uno dei naufragi sarebbe stato causato dallo speronamento di una navetta della guardia costiera libica. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
Come va la pandemia, continuano le morti nel Mediterraneo, la battaglia di Memorial per i diritti umani e le altre notizie della giornata (radiopopolare.it)

28 dicembre: Marco Revelli. Draghi da una presidenza all’altra, il marasma prossimo venturo
il manifesto e La Sinistra Quotidiana

Il combinato disposto tra la tanto commentata conferenza stampa del Presidente del Consiglio Draghi e le reazioni dei partiti politici della sua maggioranza la dicono lunga sul drammatico marasma istituzionale che si rischia a inizio 2022. E anche sullo spesso strato di ipocrisia che ha avvolto sia le parole dell’uno che quelle degli altri. A Mario Draghi, evidentemente, in tutte quelle due ore e passa di speach tacitiano, interessava lanciare un unico e chiaro messaggio
continua in
Draghi da una presidenza all’altra, il marasma prossimo venturo – la Sinistra quotidiana

28 dicembre: Gkn: la lotta ha pagato, ora servono garanzie su lavoro e diritti
Dopo l’acquisto da parte dell’imprenditore Francesco Borgomeo, in programma un vertice al ministero dello Sviluppo Economico sul futuro della fabbrica di Campi Bisenzio
continua in
Gkn: la lotta ha pagato, ora servono garanzie su lavoro e diritti – Collettiva

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 28 dicembre: 78.313 nuovi casi e 202 morti. Record tamponi: più di un milione
Sono 78.313 i casi di Covid individuati in Italia nelle ultime 24 ore con il record mai registrato di tamponi: 1.034.677. Il tasso di positività scende al 7,6. Ieri i casi erano stati 30.810. Le vittime, secondo i dati del ministero della Salute, sono 202 mentre ieri erano state 142.
Aumentano pure i ricoveri nei reparti ordinari (+366) e nelle terapie intensive (+19).
Boom di contagi in Lombardia che sfiora i 30 mila nuovi positivi. Come Lazio e Piemonte, anche la Lombardia incrementa dell’1% la soglia di occupazione dei reparti passando rispettivamente al 15%, al 18% e al 16%. Le tre Regioni avevano già superato le soglie di allerta, secondo il monitoraggio di Agenas
continua in
Coronavirus in Italia, bollettino di oggi 28 dicembre: aggiornamento sui casi positivi, i ricoverati e i guariti – la Repubblica

28 dicembre: Contagi, il giorno dei record: boom di nuovi casi in Italia, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti
La Danimarca ha il più alto tasso di incidenza al mondo. In Finlandia da oggi ingressi dall’estero solo per vaccinati o guariti. In Spagna 215mila contagi da giovedì, incidenza mai così alta
continua in
Contagi, il giorno dei record: boom di nuovi casi in Italia, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti (rainews.it)

Domani 29 dicembre, sciopero dei giornalisti Rai
Daniele Macheda – Articolo 21

Il 29 dicembre le giornaliste e i giornalisti della Rai, delle testate delle reti, saranno in sciopero. Restano i tagli lineari all’informazione di servizio pubblico, decisi dal vertice aziendale, senza un piano industriale, senza un progetto e senza alcun confronto
continua in
29 dicembre sciopero dei giornalisti Rai – Articolo21

28 dicembre: Migranti, la nave Geo Barents di Msf è in rada nel porto di Augusta con a bordo 558 naufraghi
A bordo ci sono anche 145 minori, di cui l’80 per cento non accompagnati, e 3 donne incinte. Sei bimbi hanno meno di 4 anni. Finisce così l’attesa per i naufraghi soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo centrale. Molti hanno ustioni da carburante, infezioni respiratorie e ferite legate alle violenze subite
continua in
Migranti, la nave Geo Barents di Msf è in rada nel porto di Augusta con a bordo 558 naufraghi (rainews.it)

Alex Zanotelli. In migliaia a Tripoli chiedono libertà e giustizia
Dal 1° ottobre più di 300 donne e diverse migliaia di uomini stanno resistendo in un presidio permanente davanti alla sede dell’UNHCR di Tripoli.
Alcune evase ai lager libici, altre sfuggite alla cattura, hanno deciso di non nascondersi più: la speranza di una salvezza individuale da quell’inferno ha lasciato il posto alla “lotta collettiva fino alla morte”
continua in
In migliaia a Tripoli. Chiedono libertà e giustizia – Articolo21

28 dicembre: La cavalcata liberista tra democrazie e nuovi autoritarismi
Marco Sferini – la Sinistra quotidiana

C’è un paradosso su cui si reggono le più alte istituzioni di tanti Stati: per governare e, quindi, gestire le crisi strutturali del capitalismo, servono donne e uomini che sappiano bene dove intervenire quando il sistema entra in cortocircuito. Intervenire, in questi casi, prende tutto il significato di utilizzare beni e fondi comuni per interessi strettamente privati
continua in
La cavalcata liberista tra democrazie e nuovi autoritarismi – la Sinistra quotidiana

28 dicembre: Cantieri di morte
In Campania il 2021 si chiude con il tragico bilancio di 18 vittime solo nel settore dell’edilizia. Le storie di Giovanni, Tommaso e Domenico raccontano come la prevenzione e la sicurezza possono evitare questa strage
continua in
Cantieri di morte – Colle\ttiva

28 dicembre: Bilancio inesorabile della pandemia: 10mila lavoratori dipendenti in meno, salari in netto calo
La Cgil regionale elabora i dati Inps e il quadro che emerge non lascia dubbi: il lavoro paga un prezzo altissimo. A essere penalizzati sono soprattutto donne e giovani
continua in
Bilancio inesorabile della pandemia: 10mila lavoratori dipendenti in meno, salari in netto calo – Collettiva


Bologna, Passante approvato nella notte, insorgono gli ambientalisti
Il Consiglio comunale di Bologna poco dopo l’una di stanotte ha approvato l’ultima delibera che dà il via libera al potenziamento dell’asse tangenziale-autostrada. A causare il ritardo l’ostruzionismo dell’opposizione. La delibera è passata con i voti di tutte le forze di maggioranza a eccezione dei Verdi
continua in
Passante approvato nella notte, insorgono le/gli ambientalisti – Zic.it | Zeroincondott★


28 dicembre: Tra container e immondizia
Maurizio Mannucci – Collettiva
I 22 parallelepipedi resistono dal gennaio 2010, dopo la rivolta dei migranti contro lo sfruttamento e le violenze della ‘ndrangheta. Il campo doveva essere temporaneo, invece c’è ancora. Tra spazzatura, galline e degrado assoluto, vivono centinaia di braccianti impiegati nei campi della Piana
continua in
Calabria – Collettiva

28 dicembre: Afghanistan, il giro di vite dei talebani contro le donne con la patente
Andrea Aloi – Strisciarossa

Ben accessoriate, burka di serie, guida facile e senza sorprese. Unico neo l’autonomia, di appena 72 chilometri. Purtroppo le donne afghane non possono ricaricarsi plug-in e devono limitarsi – in mancanza del wali, il tutore, cioè un uomo della famiglia che le accompagni – a viaggiare da sole entro un raggio di 45 miglia al massimo, come testualmente raccomandato da un dicastero del nuovo governo degli studenti coranici che già  a partire dal nome dà qualche brividino: ministero della Promozione della Virtù e della Prevenzione del Vizio. Per un ottimista a tutti i costi sembrerebbe quasi un passo avanti, da zero a settantadue chilometri in pochi secoli. Virtù e Vizio, universi quanto mai cangianti, labili, discutibili e che però la lettura iperislamica dei talebani ingabbia in criteri comportamentali, ai nostri occhi, surreali, oltre che profondamente, dolorosamente lesivi della libertà delle donne
continua in
Afghanistan, il giro di vite dei talebani contro le donne con la patente – Strisciarossa

28 dicembre: Il sistema di credito sociale cinese
Francesca Nasi – Pandora Rivista

Il sistema di credito sociale (社会信用体系, Shèhuì xìnyòng tǐxì) può essere definito come un insieme di progetti per assegnare punteggi e classificare cittadini, aziende e organizzazioni sulla base del loro comportamento. Lo scopo è quello di monitorare, valutare e indirizzare gli atteggiamenti dei soggetti attraverso meccanismi di punizione e ricompensa. Tra le varie tecnologie che compongono il complesso sistema di sorveglianza cinese, il sistema di credito sociale appare sicuramente come una delle più inquietanti, soprattutto a un occhio occidentale. 
continua in
https://www.pandorarivista.it/articoli/il-sistema-di-credito-sociale-cinese/

28 dicembre: Dispacci dalla terra di nessuno
Paolo Fracella – Jacobin Italia

Nella foresta al confine tra Polonia e Bielorussia, al freddo e senza diritti, si ammassano migliaia di persone. Sono siriani, iracheni, curdi e yemeniti. Sono vittime dell’ennesimo conflitto geopolitico
continua in
Dispacci dalla terra di nessuno – Jacobin Italia

28 dicembre: «Infanga l’Urss»: così la Corte suprema russa chiude la ong Memorial
Il giudice Alla Nazarova ha ordinato la chiusura del Memorial International, la struttura centrale dell’organizzazione, accusata di agire come “agente straniero”. La legislazione sugli “agenti stranieri” bolla le organizzazioni che ricevono fondi dall’estero e le loro azioni sono ritenute contrarie agli interessi della Russia.I pubblici ministeri hanno anche accusato Memorial International di denigrare la memoria dell’Unione Sovietica e delle sue vittorie e di aver riabilitato i “criminali nazisti”. Durante l’udienza di oggi un pubblico ministero ha affermato che Memorial “crea una falsa immagine dell’Urss come stato terrorista e denigra la memoria della Seconda guerra mondiale”
continua in
«Infanga l’Urss»: così la Corte suprema russa chiude la ong Memorial (avvenire.it)

28 dicembre: Adriano Sofri. Panettoni ai detenuti, di cose piccolissime il carcere tira ogni tanto un respiro
Piccola Posta – Il Foglio

Sono stati consegnati nel penitenziario Don Bosco di Pisa, una tradizione che ha superato i vent’anni, inaugurata da volontari presso il carcere e rappresentanti politici
continua in
Panettoni ai detenuti, di cose piccolissime il carcere tira ogni tanto un respiro | Il Foglio

28 dicembre: La raccolta postuma di Domenico Carrara
L’esistenza umana è una fortuna, ma la vita è un temporale
Gerardo Iandoli – Strisciarossa

Sono quasi due anni di lotta contro la pandemia. Due anni in cui è riapparsa, sotto le luci accecanti del vitalismo consumistico, la consapevolezza della caducità della vita. Nonostante tutta la nostra tecnica, continuiamo a essere mortali
continua in
L’esistenza umana è una fortuna ma la vita è un temporale – Strisciarossa

Giorgio Cremaschi. Dopo 30 anni la storia è ripartita… e anche la bandiera rossa
Esattamente trenta anni fa Boris Eltstin ed i vari capi differenti repubbliche, tutti ex dirigenti del Partito Comunista, decretavano la fine dell’Unione Sovietica. Fu un vero e proprio golpe, organizzato a seguito del fallimento di quello da operetta di nostalgici brezneviani alcuni mesi prima
continua in
https://contropiano.org/interventi/2021/12/28/dopo-30-anni-la-storia-e-ripartita-e-anche-la-bandiera-rossa-0145221



29 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Stasera il Governo decide sulle quarantene, cosa capita a Milano, il teatrino di Salvini e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di mercoledì 29 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Aumentano i contagi, ma resta stabile il numero delle vittime: l’80 per cento delle persone portate in ospedale in gravi condizioni sono No vax. Questa sera si riunisce il Consiglio dei ministri per decidere sulla nuova durata delle quarantene. L’Oms lancia l’allarme: “Con lo tsunami Omicron gli ospedali sono a rischio collasso e la pressione sul personale sanitario già stremato sarà enorme”. In Italia nel 2021 resta stabile il numero di omicidi, tranne nel caso la vittima sia una donna: quest’anno le vittime di femminicidio sono 116. E sono in forte aumento anche le minacce ai giornalisti, più del 21 per cento rispetto al 2020, nella maggioranza dei casi avvengono sui social network. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
Stasera il Governo decide sulle quarantene, cosa capita a Milano, il teatrino di Salvini e le altre notizie della giornata (radiopopolare.it)

29 dicembre: Covid, Consiglio dei Ministri: niente quarantena per i vaccinati
Vale per gli immunizzati da meno di quattro mesi e per chi ha dose booster. Estensione del Super green pass per trasporti a lunga percorrenza, fiere e impianti sci. Prezzi calmierati per le mascherine Ffp2
continua in
Covid, Consiglio dei Ministri: niente quarantena per i vaccinati (rainews.it)

Quirinal Party 29.12.21 – Omicron è la bomba che può cambiare il gioco del Quirinale
Luigi Ambrosio – Radio Popolare

I maghi del pallottoliere, i professionisti della conta dei voti, in queste ore stanno impazzendo.
Mai come stavolta la corsa al Quirinale è diventata imprevedibile. Troppe varianti: la variante B come Berlusconi, la variante D come Draghi, la variante R come Renzi. E adesso arriva la variante delle varianti. La Omicron. Sì proprio lei, quella vera, quella del COVID
continua in
Quirinal Party 29/12/21. Omicron è la bomba che può cambiare il gioco del Quirinale – Radio Popolare

Covid Italia, il bollettino del 29 dicembre: 98.020 i nuovi casi e 136 i decessi
Cresce ancora il numero dei nuovi positivi nel nostro Paese e oggi sfiora i 100mila casi. In Italia nelle ultime 24 ore si sono registrati, infatti, 98.020 nuovi contagiati e 136 decessi. Sono 1.029.429 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 1.034.677. Il tasso di positività sale al 9,5%, rispetto al 7,57% di ieri. Sono 1.185 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 40 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 126. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 10.578, ovvero 489 in più. E aumenta anche il numero dei pazienti ricoverati con sintomi: nelle ultime 24 ore sono 10.578, ovvero +489 rispetto al giorno precedente e crescono anche le intensive, con 40 nuovi ricoverati oggi, che portano il totale dei pazienti più gravi a 1185
continua in
Covid Italia, bollettino del 29 dicembre: aggiornamento sui casi positivi, i ricoverati e i guariti – la Repubblica

Covid, Trenord: 12% di assenze, soppresse 100 corse al giorno
Oltre 1.800 le corse programmate nelle settimane di festività che gli italiani non useranno a causa dei contagi e delle quarantene in cui si trova il personale ferroviario
continua in
Covid, Trenord: 12% di assenze, soppresse 100 corse al giorno (rainews.it)

La richiesta dei presidi: “Tamponi agli studenti prima del rientro in classe”
Agenzia DIRE – No al prolungamento delle vacanze natalizie purchè, in vista del rientro in classe, sia previsto uno screening per gli studenti. La richiesta dei presidi arriva da tutta Italia, mentre continua a salire il numero dei contagi soprattutto tra i giovani sotto gli 11 anni (solo il 6,36 % della popolazione 5-11 ha effettuato almeno una dose di vaccino). “I dati sono preoccupanti. Nell’ultima settimana nel mio istituto i contagi sono passati da una media di 1-2 casi a circa 46 casi- racconta all’agenzia Dire Domenico Squillace, dirigente scolastico del liceo ‘Volta’ di Milano- ma la scuola è un luogo sicuro. Gli studenti si contagiano fuori: la scuola è l’unico posto in cui i ragazzi sono obbligati a stare con la mascherina”
continua in
La richiesta dei presidi: “Tamponi agli studenti prima del rientro in classe” – DIRE.it

29 dicembre: Con Draghi al Quirinale torna la monarchia
Natale Cuccurese – Transform Italia

Passato anche questo Natale l’orizzonte degli eventi non sembra particolarmente incoraggiante, visto che l’ormai imminente approvazione della Legge di Bilancio si basa sui soli voti di fiducia, senza nessuna discussione parlamentare e senza nemmeno che i parlamentari abbiano potuto prendere visione in tempi congrui dei vari articoli e discuterne. Con addirittura un collegato, quello sul via libera all’Autonomia differenziata, che al momento è formato solo dal titolo, con il testo che verrà aggiunto solo successivamente, evidentemente dopo decisioni prese nelle segrete stanze, in base alle alchimie spartitorie e agli equilibri di governo, anche in vista della elezione del nuovo Presidente della Repubblica. 
continua in
https://transform-italia.it/con-draghi-al-quirinale-torna-la-monarchia/

29 dicembre: Terremotati espropriati, spazio al resort
Mario Di Vito – il manifesto

Tutti espropriati, serve spazio per un resort. È in questi giorni che gli abitanti di Rubbiano, frazione di Montefortino in provincia di Fermo, stanno ricevendo gli avvisi che hanno seguito l’ordinanza comunale del 23 dicembre: «Procedimento per l’approvazione del progetto definitivo con l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e dichiarazione di pubblica utilità». In pratica, abitazioni, terreni, cantine, garage, legnaie, pollai, stalle, orti e giardini verranno presi in consegna per portare a termine un progetto da 7 milioni di euro per lo «sviluppo dell’offerta ricettiva» e la «valorizzazione delle Gole dell’Infernaccio», uno dei luoghi più suggestivi dell’Appennino umbro-marchigiano. Gli interessati hanno 30 giorni per presentare le proprie osservazioni
continua in
Terremotati espropriati, spazio al resort | il manifesto


29 dicembre: EMERGENZA CLIMA. 2021 ANNO DA CODICE ROSSO PER L’ITALIA
Il 2021 anno da codice rosso per il clima in Italia. Nella Penisola registrati 187 fenomeni meteorologici che hanno provocato danni nei territori con nove vittime. Il bilancio dell’Osservatorio CittàClima.
Sicilia, Lombardia, Lazio, Campania, Veneto e Sardegna le regioni più colpite. Roma, Napoli, Catania, Palermo e Milano le città con i maggiori danni
continua in
Emergenza clima. 2021 anno da codice rosso per l’Italia • Legambiente


29 dicembre: Europaverde. D’accordo con Cingolani: deve dimettersi
Il Ministro Cingolani, in un’intervista tra le innumerevoli che ha rilasciato da quando è ministro, annuncia che la sua missione al Ministero della Transizione Ecologica è terminata. Per la prima volta siamo d’accordo con lui su un punto che, benché ci spingano motivi diametralmente opposti, non modifica il risultato: non può più fare il ministro della Transizione Ecologica
continua in
D’accordo con Cingolani: deve dimettersi – Europa Verde

29 dicembre: Ground zero. L’Artico, il cambiamento climatico e la geopolitica delle risorse
Alberto Prina Cerai – Pandora Rivista

Per secoli l’Artico è apparso, nell’immaginario comune, come una regione remota, aspra, insidiosa e lontana dal percorso della modernità che si è progressivamente ramificata in tutti i continenti del globo (con l’eccezione dell’Antartide in cui vige un regime riconosciuto di “congelamento” delle aspirazioni sovrane degli Stati) [1]. Tuttavia, quelle condizioni climatiche che avevano tenuto lontana la bramosia della civiltà industriale e capitalistica oggi si stanno gradualmente modificando, giacché l’Artico si prepara ad entrare nell’Antropocene con tutte le conseguenze che ciò comporterà
continua in
https://www.pandorarivista.it/articoli/ground-zero-l-artico-il-cambiamento-climatico-e-la-geopolitica-delle-risorse/


Blockchain e NFT: nuovi paradigmi economici e trasformazioni sociali
Pietro Bottazzi – La Fionda

Una data cruciale per comprendere le trasformazioni attuali è quella della crisi finanziaria del 2008. Lì sono nate le prime criptovalute prodotte per “estrazione” da un algoritmo, inventate per contrastare il potere assoluto della finanza responsabile della crisi e fondato sull’inganno fiduciario perpetrato ai danni delle persone. La tecnologia blockchain, l’invenzione che sta alla base di tutte le criptovalute, è un registro  condiviso  che permette a queste valute virtuali di esistere e, soprattutto, di essere accettate  indipendentemente dall’emissione e dal  controllo di autorità centrali.  L’idea che la sorregge è che la fiducia possa scaturire liberamente tra le persone senza bisogno di intermediari evitando così l’esposizione a pericoli di manipolazione, appropriazione, monopoli e falllimenti.
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/29/blockchain-e-nft-nuovi-paradigmi-economici-e-trasformazioni-sociali/



Rider ed economia digitale: organizzare il lavoro al tempo delle piattaforme. Intervista a Riccardo Mancuso
Giacomo Bottos – Pandora Rivista

Negli ultimi anni le mobilitazioni dei rider sono state in grado di ottenere uno spazio rilevante nel dibattito pubblico, non solo per quanto riguarda il lavoro dei ciclofattorini. L’attenzione che hanno saputo generare ha infatti coinvolto, più in generale, anche altre forme di lavoro legate alla gig economy e alle piattaforme, mettendo in luce la necessità di regolamentare queste nuove forme economiche. Per approfondire le mobilitazioni dei rider nel recente passato e per provare a cogliere alcuni elementi dello sviluppo futuro delle loro rivendicazioni, abbiamo intervistato Riccardo Mancuso, delegato FILT CGIL e rappresentante del coordinamento nazionale “RiderXiDiritti”. Mancuso segue da tempo le esperienze di organizzazione dei rider ed è stato tra gli esponenti di “Riders Union
continua in
https://www.pandorarivista.it/articoli/rider-ed-economia-digitale-organizzare-il-lavoro-al-tempo-delle-piattaforme-intervista-a-riccardo-mancuso/

29 dicembre: Brevi note sul diritto alla disconnessione nel lavoro agile: lo stato dell’arte
Pasquale Dui – Il Diario del Lavoro

Il dibattito sul diritto alla disconnessione è più che mai attuale, da un lato, in previsione del ritorno alla situazione normale post-pandemia (per quanto sia possibile allo stato delle ultime vicende) e, dall’altro lato, in ragione del bisogno – universamente sentito – di arrivare ad una qualche forma di regolamentazione
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/brevi-note-sul-diritto-alla-disconnessione-nel-lavoro-agile-lo-stato-dellarte/

29 dicembre: L’attualità di Lucio Magri
Ugo Onelli – Transform Italia

Son passati dieci anni ed un mese e per non fare un torto a Lucio Magri non si deve fare un burocratico, sterile ricordo ma bisogna riaprire ancora una volta, con ostinazione,  una riflessione per proseguire un percorso che sembra smarrito
continua in
https://transform-italia.it/lattualita-di-lucio-magri/


29 dicembre: Un anno fa ci lasciava Livia Giustolisi, il ricordo del Comune di Fivizzano e della Giuria del Premio Franco Giustolisi
Il Comune di Fivizzano (Massa Carrara) e la Giuria del Premio Giustolisi, intitolato alla memoria di Franco Giustolisi,  il 28 dicembre 2021, hanno ricordato Livia Giustolisi,  a un anno dalla sua scomparsa, in un incontro in collegamento via Zoom e in diretta sulla pagina Facebook del Premio Giustolisi.
Livia Giustolisi nel nome di papà Franco, uno dei più importanti giornalisti d’inchiesta italiani, ha tenacemente voluto, organizzato e difeso il Premio Franco Giustolisi “ Giustizia e Verità “ per ricordare l’attività di suo padre e per continuare a onorare memoria, giustizia e verità nel campo del giornalismo d’inchiesta del nostro Paese
continua in
Un anno fa ci lasciava Livia Giustolisi, il ricordo del Comune di Fivizzano e della Giuria del Premio Franco Giustolisi – Articolo21



A Roma nasce il Forum cittadino per il riutilizzo sociale dei beni confiscati
Ylenia Sina – la vialibera

Il sogno della Capitale di un Forum cittadino per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie è realtà. Fermo dal 2018 con la giunta Raggi, il progetto è stato sbloccato dall’attuale amministrazione Gualtieri. Un passo decisivo, dicono le associazioni coinvolte, considerato che a Roma il 45 per cento degli immobili confiscati è ancora inutilizzato
continua in
https://lavialibera.it/it-schede-803-roma_forum_riutilizzo_sociale_beni_confiscati_mafie



29 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

Boom quarantene, Coldiretti: “A rischio le forniture alimentari”
Agenzia DIRE
– Con l’avanzare dei contagi e la crescita esponenziale degli italiani in isolamento o in quarantena sono a rischio anche le forniture alimentari del Paese garantite da quasi 4 milioni di persone che dai campi alle stalle, dalle industrie dalla botteghe fino alle catene delle distribuzione fino ad ora non hanno mai smesso di lavorare durante la pandemia. È quanto afferma la Coldiretti in riferimento all’ipotesi di quarantena breve per non bloccare le filiere strategiche del Paese come quella alimentare.
continua in
Boom quarantene, Coldiretti: “A rischio le forniture alimentari” – DIRE.it

Padova. Vittoria del Patronato Inca contro l’Inps: riconosciuto il diritto all’indennità di disoccupazione ad una studentessa-lavoratrice
La storia parte da lontano, almeno dal 2012, da quando una giovane ragazza ucraina mette piede sul suolo italiano per motivi di studio, essendosi iscritta all’Università di Udine
continua in
Vittoria del Patronato Inca contro l’Inps: riconosciuto il diritto all’indennità di disoccupazione ad una studentessa-lavoratrice – Collettiva

Bologna. Alla Palletways assunti direttamente 150 lavoratori degli appalti logistica
Giulia Gentile – Collettiva

“Per anni abbiamo contestato una serie infinita di errori contributivi e retributivi di ogni genere – racconta Susanna Sandri, Filt Cgil provinciale – dalla mancata applicazione del contratto collettivo nazionale al mancato versamento dei contributi e agli errori in busta paga”. Finché il sindacato non ha chiesto alla multinazionale uno scatto di responsabilità
continua in
Alla Palletways di Bologna grazie alla Cgil assunti direttamente 150 lavoratori degli appalti logistica – Collettiva

 “ Dopo un raccolto ne viene un altro, bisogna andare avanti ”

IL GIORNO DOPO RESTANO LE DONNE
Non se ne parla mai abbastanza delle donne di Casa Cervi ed è un gran peccato. Eppure sono loro quelle che sono rimaste dopo che il 25 novembre del 1943 i sette figli e il padre Alcide sono stati arrestati. Loro che insieme ai bambini erano riuscite a mettersi in salvo dalle famiglie vicine, lasciando a malincuore gli uomini ad affrontare i fascisti. Loro che torneranno senza nemmeno saper immaginare cosa avrebbero dovuto aspettarsi dal futuro, dopo quell’alba tragica e piovigginosa. Il 25 novembre la prima a tornare ai Campirossi è Margherita, moglie di Antenore, e lo fa con un groppo al cuore, cercando di gestire una paura che non si può tenere a bada e che per questo va lasciata libera di sfogarsi, di uscire, di sapere. È la paura di trovare il suo Antenore e gli altri uomini della famiglia morti lungo la strada e di non sapere come fare ad affrontare quel che la vita le sta riservando. Il percorso verso casa è invece stranamente deserto. In giro non c’è nessuno, solo le bestie che stanno scappando dalla stalla in fiamme. Mentre in cucina trova le altre bestie che gozzovigliano davanti al fuoco acceso, lo stesso dove poco prima avevano fatto arrostire i cotechini, dopo che i Cervi erano stati catturati e portati via. Trova i fascisti, Margherita, che mangiano il pane che lei e le altre donne avevano fatto il giorno prima e bevono dai bottiglioni di vino, frutto del lavoro dei suoi uomini. Di Antenore e i suoi fratelli non c’è più traccia. Solo il fumo della stalla e la cagnara dei fascisti che mangiano e bevono come se stessero festeggiando una sadica e ferina vittoria. Prima di andarsene poi i fascisti hanno anche rubato tutto quello che potevano prendere dalle stanze da letto, per ritornare il giorno dopo e finire ciò che avevano iniziato. Persino la latta dello strutto si volevano portare via. Quella che Genoveffa usava per friggere un po’ di polenta per i bambini e le bambine di casa. E io me la figuro Genoveffa, con le sue mani ruvide e callose, il fazzoletto in testa e il grembiule sul ventre intenta a friggere e chissà … forse su quella polenta bollente usava metterci anche un poco di zucchero, per provare ad addolcire la vita delle sue nipotine e dei suoi nipotini, ché lei se lo sentiva che da quel giorno sarebbero rimasti senza i loro papà. Già, perché una madre lo sa, se lo sente quello che sta per succedere e Genoveffa sapeva tutto, ancor prima degli altri. E non a caso una delle fotografie che ritrae tutta la famiglia insieme l’aveva voluta fare proprio lei, poco dopo lo scoppio della guerra in Africa, perché si sentivano dire tante brutte cose. E perché, con la guerra e il fascismo, non si sa mai cosa sarebbe potuto accadere a quella sua bella famiglia.Le donne. Le donne sono rimaste anche dopo il 28 dicembre. Oltre a Genoveffa destinata, suo malgrado, a diventare lo stereotipo di tutte le madri di guerra, ci sono le sue due figlie Rina e Diomira e le sue quattro nuore: Margherita moglie di Antenore, Jolanda moglie di Gelindo, Irnes moglie di Agostino e Verina compagna di Aldo. E ci sono anche dieci bambini di cui la più grande, Maria, aveva solo 9 anni. Restano le donne a portare il peso del lavoro dei Campirossi e quello assai più gravoso della perdita, della sofferenza. Restano a crescere i figli, a custodire una vita che va avanti, a costruire il museo, a conservare la memoria. Loro che sapevano quello che ancora Alcide non poteva sapere e che riusciranno a tenere in piedi una famiglia che apparentemente aveva perso tutto. Restano dopo i tanti incendi, che continueranno anche a guerra finita. Restano a dire che chi è dalla parte giusta non deve scappare, ma deve invece continuare ad andare avanti a testa alta, sebbene con il cuore lacerato. Restano a ricordare che i morti non sono tutti uguali perché c’è chi è morto per difendere i lavoratori e chi per difendere i padroni e la differenza è tanta. Lo dovremmo ricordare sempre, anche noi.Nel 1934 a Casa Cervi nacque Maria, la primogenita di Antenore. Il suo papà la portò a far battezzare e volle che venissero suonate anche per lei le campane, esattamente come si usava fare quando nascevano i figli maschi, perché pensava che le donne dovessero avere i medesimi diritti. Erano così i Cervi. Convinti che si dovesse lottare per costruire un mondo nel quale le campane suonassero a festa per la nascita di una figlia femmina così come per quella di un figlio maschio. Un mondo di pace, equità e libertà. Un mondo nel quale anche ai contadini era permesso sognare e portare in giro il mondo sul trattore. I Cervi non sono riusciti a vedere quel mondo, ma le loro donne sì, perché hanno saputo continuare quel che gli uomini avevano iniziato.Il giorno dopo sono rimaste le donne a costruire quell’avvenire che i Cervi avevano osato sognare. E credo che il nostro grazie vada anche a quelle donne, senza le quali, niente di ciò che oggi conosciamo sarebbe stato possibile
Elisabetta Salvini sulla propria pagina Facebook
https://www.facebook.com/elisabetta.salvini.7

29 dicembre: Liliana Segre: «L’eroismo umile di mamma Giuseppina Panzica»
A Como nascose e salvò centinaia di ebrei e perseguitati politici, aiutandoli a fuggire in Svizzera. Ora un libro di Severino e Grienti ne narra la vicenda. La prefazione di Liliana Segre
continua in
https://www.avvenire.it/agora/pagine/leroismo-umile-di-giuseppina

Il pericoloso “patriottismo” di Giorgia Meloni
Gianfranco Pagliarulo – Volere la luna

L’enfasi e la retorica da un lato e l’accurata rimozione dall’altro sembrano alle volte la cifra di tanta parte della politica italiana. A proposito di rimozione è semplicemente stupefacente il grande silenzio sulle dichiarazioni di Giorgia Meloni a proposito del Parlamento, della repubblica presidenziale con l’elezione del capo dello Stato a suffragio universale e diretto, dell’Assemblea costituente. Intendiamoci: Matteo Salvini e Silvio Berlusconi hanno immediatamente ed entusiasticamente aderito alle proposte della leader di Fratelli d’Italia; ma, per il resto, silenzio
continua in
Il pericoloso “patriottismo” di Giorgia Meloni (volerelaluna.it)


I tre studenti che guidarono lo sciopero delle università cilene dieci anni fa: Camila Vallejo, Giorgio Jackson e Gabriel Boric.
Oggi uno di loro è diventato Presidente del Cile


30 dicembre: Le notizie di Radio Popolare
Le nuove regole per la quarantena dei vaccinati, la pressione sugli ospedali italiani e le altre notizie della giornata
Il racconto della giornata di giovedì 30 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo ha approvato l’allargamento del Super Green Pass a partire dal 10 gennaio, mentre tra poche ore scatta l’eliminazione della quarantena per chi entra a contatto con una persona positiva ma ha fatto tre dosi di vaccino o ne ha avute due da meno di 4 mesi. La Camera ha approvato la legge di bilancio con 355 sì e 45 no ed è così arrivato l’ok definitivo per il testo che introduce anche la contestata riforma dell’Irpef. Il 1° gennaio 2022 arriva nei cinema italiani l’atteso 4 capitolo della saga di Matrix. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia
continua in
Le nuove regole per la quarantena dei vaccinati, la pressione sugli ospedali italiani e le altre notizie della giornata (radiopopolare.it)

30 dicembre: Finanziaria. Via libera finale alla manovra da 32 miliardi. Ecco cosa prevede
Legge di bilancio all’ultimo step. Ieri sera la Camera ha votato la fiducia sul provvedimento (414 sì, 47 no e un astenuto, Vittorio Sgarbi) e stamattina c’è stato il via libera definitivo, sempre da parte della Camera, con 355 favorevoli, 45 contrari. Il
provvedimento è legge
continua in
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/e-legge-la-manovra-da-32-miliardi-ecco-cosa-prevede

SALTA IL TETTO AI SUPER STIPENDI DEGLI ALTI BUROCRATI MENTRE VA IN SCENA L’ATTACCO FINALE AI SERVIZI PUBBLICI
Sergio Scorza sulla propria pagina Facebook
A marzo, l’accordo tra il ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta( il demolition man della P.A.) e CGIL, CISL e UIL sulla Pubblica Amministrazione che punta dritto all’aziendalizzazione del servizio pubblico ed alla mera colpevolizzazione del dipendenti pubblici italiani, i meno pagati d’Europa. Ad ottobre, il flop del “Concorso Coesione per l’assunzione di 2.800 tecnici specializzati(precari) nelle amministrazioni del Mezzogiorno”, il primo a seguire la formula demenziale del ministro della Pubblica amministrazione (…)
continua in
https://www.facebook.com/photo/?fbid=1153845138773934&set=a.124721745019617

30 dicembre: Covid Italia, il bollettino del 30 dicembre: 126.888 nuovi casi e 156 morti
Record di positivi oggi in Italia dove sono 126.888 i nuovi casi di Covid individuati in Italia nelle ultime 24 ore. Ieri i casi erano stati 98.020. Le vittime, secondo i dati del ministero della Salute, sono 156 , mentre ieri erano state 136. Sono 1.150.352  i tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24: ieri erano stati 1.029.429. Il tasso di positività è al 11,03%, in aumento rispetto al 9,5% di ieri. Sono 1.226 (ieri 1.185) i pazienti in terapia intensiva in Italia, 41 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 134. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 10.866 (ieri 10.578), 288 in più rispetto a ieri. Sono 779.463 gli attualmente positivi al Covid: 104.598 in più rispetto a ieri. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 5.981.428 e i morti 137.247. I dimessi e i guariti sono invece 5.064.718, con un incremento di 22.246 rispetto a ieri
continua in
Covid Italia, il bollettino del 30 dicembre: aggiornamento sui casi positivi, i ricoverati e i guariti – la Repubblica

30 dicembre: Quirinal Party 30/12/21. L’autocandidatura di Berlusconi è il problema più grande per chi cerca un nome condiviso per il Quirinale
Luigi Ambrosio – Radio Popolare
Anche Mattarella domani nel suo discorso di fine anno, che è anche un discorso di fine mandato, probabilmente farà appello all’unità più ampia possibile.
Per superare la pandemia certo. Ma anche per eleggere il suo successore. Il problema è che ci sono troppi ego, troppe ambizioni personali, troppi che giocano la loro partita di potere. Il più grande, ipertrofico ego che volteggia come uno spettro è quello di Berlusconi.
Glielo stanno dicendo in tanti che se si fa da parte la situazione si sblocca. Oggi lo ripetono Letta e i grillini. Il problema è che sono tutti avversari politici
continua in
Quirinal Party 30/12/21. L’autocandidatura di Berlusconi è il problema più grande per chi cerca un nome condiviso per il Quirinale (radiopopolare.it)

30 dicembre: 2021. L’anno primo del Parlamento veramente dimezzato
Marco Sferini – La Sinistra Quotidiana

C’è un retrogusto di acido neocesarismo bonapartista nel modo in cui il governo di Mario Draghi tratta le prerogative del Parlamento in questa fine d’anno. Se è vero che la Legge di bilancio è un po’ sempre (almeno negli ultimi lustri) stata trattata come una norma cui le Camere devono apporre solo la loro corale firma e niente più, è però altrettanto vero che si è ridotto anche quel tempo di discussione, divenuta purtroppo una mera formalità, cui seguivano i maxiemendamenti dell’esecutivo prima e le richieste di fiducia oggi
continua in
2021. L’anno primo del Parlamento veramente dimezzato – la Sinistra quotidiana


Il Mulino – Speciale Quirinale 2022
Edmondo Berselli. TUTTI I POTERI DEL PRESIDENTE
Tra i più acuti osservatori della «Repubblica dei partiti», nel momento della sua implosione Berselli scrisse questo articolo che ripercorreva le diverse presidenze, da De Nicola a Cossiga. Un pezzo da rileggere oggi, alla vigilia di un voto delicatissimo
continua in
https://www.rivistailmulino.it/a/tutti-i-poteri-del-presidente

Federico Furlan. DA PALAZZO CHIGI ALLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA? UN GROVIGLIO ISTITUZIONALE
Si fa strada l’ipotesi che ad essere eletto prossimo capo dello Stato possa essere Mario Draghi. Ma come districare la matassa istituzionale provocata dall’elezione del presidente del Consiglio alla presidenza della Repubblica?
continua in
https://www.rivistailmulino.it/a/da-palazzo-chigi-alla-presidenza-della-repubblica-un-groviglio-istituzionale


30 dicembre: Sea-Watch 3, invece del porto arrivano latte in polvere e pannolini
Giansandro Merli – il manifesto

A bordo 440 persone. Sette le richieste di Place of safety (Pos) per sbarcare. La Geo Barents ad Augusta: per oltre 200 persone l’ennesima notte sulla nave
continua in
https://ilmanifesto.it/sea-watch-3-invece-del-porto-arrivano-latte-in-polvere-e-pannolini/

30 dicembre: Il nucleare “verde” e l’energia di transizione
Salvatore Palidda – La Fionda

La Commissione europea si appresta a classificare il nucleare come energia verde. Parallelamente definirà il gas “energia di transizione”, a seguito dei negoziati con la Francia e la Germania
continua in
https://www.lafionda.org/2021/12/30/il-nucleare-verde-e-lenergia-di-transizione/

30 dicembre: Nucleare Auf Wiedersehen! Riflessioni sull‘addio al nucleare della Germania
Giorgio Ferrari – Pressenza

Fra un anno esatto a partire da oggi la Germania metterà fuori servizio gli ultimi tre reattori nucleari ancora in funzione: Isar 2, Emsland e Neckarwestheim 2, ma già da questo 31 dicembre 2021 saranno spenti quelli di Gundremmingen C, Grohnde e Brokdorf. Per la gran parte dell’opinione pubblica è probabile che questi nomi non stiano ad indicare niente di più che dei punti su una carta geografica, piccole località come tante altre in Europa a cui è toccato in sorte di ospitare un impianto nucleare; ma per quelli che hanno la mia età e che nei primi anni settanta si battevano contro il nucleare, i nomi di Grohnde e Brokdorf richiamano momenti indimenticabili. 
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/nucleare-auf-wiedersehen-riflessioni-sulladdio-al-nucleare-della-germania/

30 dicembre: Adriano Sofri. Auguri a Massimo Toschi, nuovo presidente del Movimento Shalom
Piccola Posta – Il Foglio
In Toscana è stato assessore a “Cooperazione internazionale, perdono e riconciliazione dei popoli” oltre che ai diritti dei disabili: può suonare magniloquente e retorico, ma lui faceva sul serio
continua in
Auguri a Massimo Toschi, nuovo presidente del Movimento Shalom | Il Foglio

30 dicembre: E’ morta a 86 anni. Il figlio scomparso da 40 anni: “Mi farei 30 anni per lui”
Pupetta Maresca, storia di Madame camorra: l’omicidio per vendicare il marito, il parto in carcere e la sfida a Cutolo
Ciro Cuozzo – Il Riformista

Dall’omicidio per vendicare il marito, quando aveva appena 20 anni, al parto nel carcere di Poggioreale pochi mesi dopo. Dal cinema alla relazione con il boss dei due mondi, Umberto Ammaturo,  alla scomparsa del figlio per lupara bianca alla sfida a Raffaele Cutolo e al suo esercito mentre gestiva dei negozi di abbigliamento a Napoli.
continua in
https://www.ilriformista.it/pupetta-maresca-storia-di-madame-camorra-lomicidio-per-vendicare-il-marito-il-parto-in-carcere-e-la-sfida-a-cutolo-270112/?refresh_ce

30 dicembre: È un pericolo per la stabilità europea lo spostamento a est della NATO
Paolo Soldini – Strisciarossa

Mario Draghi lo aveva denunciato nell’ottobre scorso, al termine d’una visita in Slovenia. Lo ha ripetuto nel corso della conferenza stampa di fine anno: la NATO sembra disinteressarsi un po’ troppo dell’Europa e sposta la sua “area d’interessi” in altre zone del mondo. L’Indo-Pacifico, ha precisato a Roma. Il senso dell’osservazione del capo del governo italiano è chiara, anche se – a proposito di spostamenti –  contiene uno spostamento semantico dovuto, forse, a uno scrupolo diplomatico: chi ha delocalizzato la propria area di influenza non è tanto l’Alleanza atlantica, che con le vicende di laggiù statutariamente non ha nulla a che vedere come segnala l’aggettivo che accompagna il nome, ma sono gli Stati Uniti e, al più, la Gran Bretagna
continua in
È un pericolo per la stabilità europea lo spostamento a est della NATO – Strisciarossa

30 dicembre: Droni militari: una breve panoramica
Stefano Marras – Il Caffè Geopolitico

Lo sviluppo e l’impiego dei droni militari in operazioni di combattimento rappresenta sicuramente una delle innovazioni più importanti nel campo della difesa. Capacità operative, potenziali sviluppi futuri e il ruolo dell’Europa.
continua in
https://ilcaffegeopolitico.net/937032/droni-militari-una-breve-panoramica


Riflessioni eretiche sulle politiche pandemiche: TIA (There Is Alternative)
e il grande Leviatano



Riccardo Barenghi. Cronaca del futuro
Sarà un anno indimenticabile, il 2022. Un anno da raccontare a figli e nipoti, di quelli che “io c’ero”. Ma siccome siamo appena all’inizio, possiamo solo prevedere quel che sarà, senza alcun ottimismo fuori luogo, ma con un sano realismo, che spesso sfocia nel pessimismo più nero. Con la speranza che non vada così.  E la speranza, come si sa, è sempre l’ultima a morire
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/cronaca-del-futuro/


30 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

GKN. Borgomeo subentra, serve un accordo che dia garanzie
Usb

Nel tavolo convocato ieri al Ministero dello Sviluppo Economico, Francesco Borgomeo ha presentato alle istituzioni e alle organizzazioni sindacali quello che sarà il percorso che avrà come obiettivo cedere l’azienda a un soggetto industriale credibile e abbia le caratteristiche adatte per effettuare una vera riconversione industriale dello stabilimento
continua in
GKN. Borgomeo subentra, serve un accordo che dia garanzie – Contropiano

30 dicembre: Fim-Cisl, ancora 107 tavoli di crisi nel settore metalmeccanico
Il Diario del Lavoro

Sono 107 i casi di crisi del settore metalmeccanico. Nel dettaglio, attualmente al Ministero dello Sviluppo Economico si contano 51 tavoli nazionali, a cui si sommano altri 56 tavoli di crisi regionali. In totale si parla di 54 mila 712 lavoratori coinvolti. A questi poi si aggiungono tutta una serie di aziende per le quali non sono aperti tavoli regionali o ministeriali, in genere si tratta di piccole e medie imprese intorno ai 15/20 dipendenti e che sono quelle che stanno maggiormente accusando la crisi. E’ quanto rileva il report della Fim Cisl sulle vertenze del settore metalmeccanico per il secondo semestre del 2021
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/fim-cisl-ancora-107-tavoli-di-crisi-nel-settore-metalmeccanico/

Manovra, Sbarra: migliorata grazie al sindacato
“È una Legge di bilancio notevolmente migliorata quella approvata oggi in via definitiva dalla Camera dei deputati. Una Manovra partita a ottobre con ampie zone d`ombra, e arrivata al traguardo molto diversa, espansiva e con importanti elementi redistributivi. Raccogliamo i frutti di un`azione sindacale responsabile, che ha puntato a riallacciare e consolidare il confronto con il Governo per rafforzare il profilo sociale del provvedimento”. Lo afferma in una nota Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl. 
continua in
https://www.ildiariodellavoro.it/manovra-sbarra-migliorata-grazie-al-sindacato/

Pesaro Urbino, lotta al Covid: per Spi e Cgil vaccinazione diritto fondamentale. Il caso di Patricio e Cecilia Vidal
La più grande campagna vaccinale che si ricordi, quella contro il Covid, è stata ed è tuttora fondamentale contro questa terribile pandemia. Il lavoro concreto del sindacato
continua in
Pesaro Urbino, lotta al Covid: per Spi e Cgil vaccinazione diritto fondamentale. Il caso di Patricio e Cecilia Vidal – Collettiva

Marche. Pnrr e sanità, arrivati i primi 182 milioni. I sindacati: la Regione cosa fa?
Preoccupazione di Cgil, Cisl e Uil: “Immobilismo, silenzio e ritardo sconcertanti, visto che entro il 28 di febbraio 2022 si dovrà presentare al ministero i suoi progetti”
continua in
Pnrr e sanità, arrivati i primi 182 milioni. I sindacati: la Regione cosa fa? – Collettiva

Palermo. Aggressione a un rider, colpito da una bottiglia di vetro alla testa. Il sindacato: “Tuteliamoli. Non sono lavoratori di serie B”
È accaduto nel quartiere Cep dove il lavoratore è stato colpito dalle stesse persone che avevano ordinato la consegna e non volevano pagare. 
continua in
Aggressione a un rider, colpito da una bottiglia di vetro alla testa. Il sindacato: “Tuteliamoli. Non sono lavoratori di serie B” – Collettiva


Capodanno 2022: l’elenco delle vecchie cose che non vogliamo buttare
Luca Billi – Allonsanfan

Visto che passeremo insieme la notte di san Silvestro, ho proposto alle amiche e agli amici di Allonsanfàn un piccolo gioco di società. Solitamente a fine anno si buttano le cose vecchie. Ci sono delle cose “vecchie” che io invece voglio assolutamente conservare, anche se in questi anni ci hanno detto che ormai dovremmo gettarle. Io vi dico le mie, alcune – vedrete – personalissime, e altre che probabilmente abbiamo in comune. Voi, se volete, dite le vostre. E faremo l’elenco delle cose da conservare di questo blog in forma di magazine e, ovviamente, viceversa
continua in
Capodanno ’22: l’elenco delle vecchie cose che non vogliamo buttare (allonsanfan.it)


Quirinal Party 31/12/21. L’ultimo discorso alla Nazione di Mattarella. L’ultimo?
Luigi Ambrosio – Radio Popolare

Ci aspettiamo un richiamo alla responsabilità e all’unità degli italiani.
Per rispondere alla pandemia che non passa. Per tenere duro in questo tempo difficile, dopo tanto dolore e sacrifici. Ma sarà un messaggio, vedremo quanto tra le righe, anche ai politici che hanno spesso dato prova di essere meno responsabili dei cittadini. L’unità e la responsabilità servono anche per eleggere il nuovo Capo dello Stato e Mattarella non vorrebbe essere rimpianto. Nel senso che responsabilità significa eleggere un successore all’altezza
continua in
Quirinal Party 31/12/21. L’ultimo discorso alla Nazione di Mattarella. L’ultimo? (radiopopolare.it)

Messaggio di Fine Anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Palazzo del Quirinale, 31/12/2021

Care concittadine, cari concittadini,
ho sempre vissuto questo tradizionale appuntamento di fine anno con molto coinvolgimento e anche con un po’ di emozione

continua in
https://www.quirinale.it/elementi/61822

Il video
https://www.quirinale.it/elementi/61820

Il chiarissimo No di Mattarella a Berlusconi e a Meloni
Luigi Ambrosio – Radio Popolare

Il chiarissimo No di Mattarella a Berlusconi e a Meloni. Il chiarissimo rimprovero ai no vax e a chi li corteggia politicamente. Il chiarissimo “sveglia!” alla classe politica che deve scegliere il suo successore.
In piedi, in posa informale, a dire “allora io vado”. Ma con nessuna intenzione di togliersi di mezzo silenziosamente. Sergio Mattarella nel suo ultimo discorso alla Nazione ha spiegato chiarissimamente che non chiunque può arrivare a prenderne il posto
continua in
Il chiarissimo No di Mattarella a Berlusconi e a Meloni – Radio Popolare


31 dicembre: Perché Draghi non può andare al Quirinale
Francesco Pallante – Volere la luna
continua in
Perché Draghi non può andare al Quirinale (volerelaluna.it)

Quale presidente della Repubblica nel nuovo anno?
Francesco Gallo – Volere la luna

«L’anno vecchio è finito, ormai / ma qualcosa ancora qui non va…». Ogni volta a Capodanno ritornano d’attualità i versi dell’Anno che verrà, ma è sempre più difficile nutrire la speranza che ci sarà la trasformazione annunciata da Lucio Dalla. Non solo perché non sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno e i preti non potranno sposarsi, neanche a una certa età, ma soprattutto perché il ritorno della pandemia, malgrado i vaccini, con numeri mai visti, ci annuncia che l’emergenza sanitaria non è mai passata e con essa, a cascata, tutti gli altri problemi economici e sociali
continua in
Quale presidente della Repubblica nel nuovo anno? (volerelaluna.it)

31 dicembre: Tomaso Montanari. Un anno da Draghi

«Un’ampia privatizzazione è una grande, direi straordinaria, decisione politica che scuote le fondamenta dell’ordine socio-economico, riscrive confini tra pubblico e privato che non sono stati messi in discussione per quasi 50 anni, induce un ampio processo di deregolamentazione, indebolisce un sistema economico in cui sussidi alle famiglie e alle imprese hanno ancora un ruolo importante. […] Consideriamo questo processo di privatizzazione accompagnata da deregolamentazione inevitabile, perché innescata dall’aumento dell’integrazione europea: l’Italia può promuoverla da sé, oppure essere obbligata dalla legislazione europea. Noi preferiamo la prima strada». Era il 2 giugno 1992, e l’allora Direttore generale del Tesoro Mario Draghi celebrava la festa della Repubblica parlando così a bordo del panfilo Britannia, di proprietà della regina Elisabetta (https://volerelaluna.it/controcanto/2020/03/29/draghi-lupi-faine-e-sciacalli/)
continua in
Un anno da Draghi (volerelaluna.it)


Volere la Luna e l’anno che verrà

Livio Pepino – Volere la luna

Neppure nel 2022 raggiungeremo la luna. Le premesse sono – se possibile – ancora peggiori di quelle di un anno fa. Per limitarsi al nostro Paese, la pandemia, nonostante i vaccini, corre come non mai; la povertà e la diseguaglianza aumentano (il Covid non ha colpito allo stesso modo, ma ha reso i ricchi più ricchi e i poveri più poveri); il lavoro manca ed è sempre meno tutelato; i poveri sono considerati degli scarti e si continua a respingere in mare bambini, donne e uomini condannandoli a morire o a subire violenze e torture; la politica ha anche formalmente decretato la propria incapacità e inconcludenza eludendo ogni richiesta di partecipazione e rappresentanza effettiva (sino a dimenticare le promesse di riforma elettorale in senso proporzionale) e affidando il governo al massimo esponente del sistema bancario (quello che ci ha portati nella situazione attuale) coadiuvato da un generale in tuta mimetica che evoca, almeno nell’immagine, esperienze autoritarie; la sinistra parlamentare si avviluppa nella sua crisi e si distingue dalla destra quasi solo per la sua collocazione nelle Camere; anche fuori dal Parlamento c’è, a sinistra, davvero poco. Lo abbiamo detto e scritto più volte
continua in
Volere la Luna e l’anno che verrà


Covid, il bollettino del 31 dicembre: 144.243 nuovi casi e 155 i morti
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 144.243 nuovi casi e 155 decessi. Ieri erano risultate positive 126.888 persone, con un tasso di positività all’11,03%, e i morti erano stati 156. Sono 1.224.025 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 1.150.352. Il tasso di positività è all’11,78%, stabile rispetto all’11,03% di ieri. Sono 1.260 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 34 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 119. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 11.150, 284 in più rispetto a ieri
continua in
Covid, il bollettino del 31 dicembre: 144.243 nuovi casi e 155 i morti – la Repubblica

Covid. Dalle quarantene all’isolamento ecco tutte le nuove regole. La circolare del Ministero
Pubblicato il documento che chiarisce le nuove misure del decreto legge varato dal Governo e pubblicato in Gazzetta ufficiale e che sono in vigore da oggi. “Terza dose riporta efficacia vaccini contro Omicron  a livelli comparabili a quelli contro la variante Delta conferendo una buona protezione nei confronti della malattia grave”. LA CIRCOLARE
continua in
http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=101229

Medici di famiglia. La proposta di Regioni e Ministero per la nuova convenzione: 38 ore settimanali di cui 20 a studio, 6 nella Casa di Comunità e 12 nel Distretto; resta rapporto fiduciario e 30% retribuzione sui risultati
Luciano Fassari – quotidianosanità.it
noltre, gli studi dovranno essere collegati in rete e saranno incentivate le aggregazioni tra professionisti secondo il modello delle AFT. L’apertura dello studio è fissata in 5 giorni a settimana nella fascia oraria 8-20, con due fasce mattutine e due pomeridiane. Lo studio dovrà essere aperto preferibilmente dal lunedì al venerdì ed obbligatoriamente il lunedì. E i tirocini dei giovani mmg dovranno essere svolti anche nelle Case della Comunità con remunerazione aggiuntiva rispetto alle borse.  IL DOCUMENTO
continua in
http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=101228

31 dicembre: Le quarantene del nuovo anno e le altre notizie sul virus
Giovanna Cioini – Internazionale

Nel mondo dall’inizio della pandemia sono stati contati 286.571.791 casi di contagio e 5.431.860 decessi dovuti al sars-cov-2 e alla malattia del covid-19. In base ai calcoli di Our world in data, il 31 dicembre 2021 risulta vaccinato il 58,2 per cento della popolazione con almeno una dose; la quota scende a un drammatico 8,5 per cento per la popolazione dei paesi più poveri. Come ricordano l’Organizzazione mondiale della sanità – “nel 2022 dovremo mettere a frutto le nostre esperienze per promuovere la salute per tutti e portare a termine la pandemia” – e la People’s vaccine alliance, i paesi poveri pagano lo scotto delle forti disuguaglianze con i paesi ricchi nell’acquisto, la produzione, la produzione e la fornitura dei farmaci. 
continua in
Le nuove norme sulla quarantena per contagiati e contatti con positivi – Giovanna Chioini – Internazionale

31 dicembre: Meno tasse per i più ricchi. Le sorprese di una riforma fiscale alla rovescia
Paolo Andruccioli – Collettiva
Un documento curato dalla Fp e dalla Cgil nazionale svela le false verità che sono state usate per sostenere le scelte del governo Draghi e attaccare lo sciopero generale. “Hanno torturato i dati, ma lavoratori e pensionati capiranno l’inganno”
continua in
Meno tasse per i più ricchi. Le sorprese di una riforma fiscale alla rovescia – Collettiva

Aria di privatizzazione: salta il tetto ai superstipendi degli alti burocrati
Sergio Scorza e Giorgio Cremaschi

A marzo, l’accordo tra il ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta (il demolition man della P.A.) e CGIL, CISL e UIL sulla Pubblica Amministrazione che punta dritto all’aziendalizzazione del servizio pubblico ed alla mera colpevolizzazione del dipendenti pubblici italiani, i meno pagati d’Europa
continua in
Aria di privatizzazione: salta il tetto ai superstipendi degli alti burocrati – Contropiano

Draghi affossa l’estensione del congedo di paternità
Da alcuni mesi gli organi di stampa e diversi esponenti del governo Draghi, tra cui la stessa Ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti (Italia Viva), lo davano per cosa fatta: la durata del congedo di paternità obbligatorio, ossia i giorni pagati concessi ai neopadri per stare a casa entro i primi 5 mesi dalla nascita dei figli, sarebbe stata notevolmente estesa, passando dagli attuali 10 a 90 giorni
continua in
Draghi affossa l’estensione del congedo di paternità – Contropiano

31 dicembre: Le “fonti” del direttore de La Repubblica
Wikileaks Italian questa mattina ha pubblicato un tweet in cui fornisce un file estremamente significativo, anche se riferito al 2006. L’attuale direttore di Repubblica Maurizio Molinari, allora editorialista de La Stampa, acquisiva informazioni dalla società di intelligence privata statunitense Stratfor, ritenuto vicino alla CIA
continua in
https://contropiano.org/news/politica-news/2021/12/31/le-fonti-del-direttore-de-la-repubblica-0145324

31 dicembre: Sergi Raventós: “Di fronte alla povertà è necessario proporre il Reddito di Base”
“Il Reddito di Base non è la soluzione a tutti i problemi di questa società, ma può mettere fine alla povertà da un punto di vista economico e può aiutare le persone ad avere più libertà per pianificare la propria vita, fare altre cose che non comportino necessariamente un lavoro sempre più precario e una vita condannata a mendicare, a elemosinare sussidi e contratti.”
continua in
https://www.pressenza.com/it/2021/12/sergi-raventos-di-fronte-alla-poverta-e-necessario-proporre-il-reddito-di-base/

Adriano Sofri. Discutiamo degli effetti dell’ora legale sul sonno, e del binge watching che diciamo?
Piccola Posta – Il Foglio
I produttori di serie ormai conoscono bene i metodi per non farci staccare dallo schermo. E in fondo non sono poi così diversi dai romanzi a puntate ottocenteschi
continua in
Discutiamo degli effetti dell’ora legale sul sonno, e del binge watching che diciamo? | Il Foglio

31 dicembre
Compagni dai campi e dalle officine……
Notizie sparse raccolte qua e la

31 dicembre: Terremotati, senza casa, ma dovete pagare il mutuo…
Mario Di Vito – Contropiano

Accade che segreteria del Mef ha stralciato l’emendamento che prorogava lo stop al pagamento dei mutui sulle case terremotate.
In pratica, chi cinque anni fa si è ritrovato la propria abitazione distrutta dovrà tornare, ogni mese, a pagare alla propria banca una rata di debito contratto per quelle che ormai sono soltanto macerie. È l’ennesimo capitolo di una legge di bilancio che pare la storia di Robin Hood al contrario: togliere ai poveri per dare ai ricchi
continua in
Terremotati, senza casa, ma dovete pagare il mutuo… – Contropiano

31 dicembre: Bologna. People Mover: quella del Pd è una giunta al servizio della speculazione
Poco più di un mese fa il “nuovo” sindaco sbraitava ai quattro venti e a tutti i mezzi di comunicazione che al People Mover non avrebbe più dato un euro e, se necessario, avrebbe impugnato il contratto.
Ora, la Marconi Express annuncia che da Gennaio aumenterà il costo del biglietto spiegando che “le nuove tariffe sono previste dalla convenzione e approvate dal Comune di Bologna.”
continua in
People Mover: quella del Pd è una giunta al servizio della speculazione – Contropiano

31 dicembre: La Bosch licenzia a Bari. 620 lavoratori a rischio
La multinazionale tedesca Bosch ha fatto sapere che ha intenzione di procedere con il licenziamento di 620 lavoratori dello stabilimento di Bari.
La Bosch  produce componenti per automobili ed ha deciso di tagliare migliaia di posti di lavoro, in Italia ma anche in Germania. Il sindacato IG Metall ha affermato che sarebbero circa 3.000 i lavoratori che potrebbero essere licenziati negli stabilimenti di Monaco e Arnstadt
continua in
La Bosch licenzia a Bari. 620 lavoratori a rischio – Contropiano

Il 2021 attraverso gli editoriali di Contropiano
Dall’assalto a Capitol Hill alla pandemia, dal governo Draghi allo sciopero generale, dalla fuga occidentale dal’Afghanistan alle discussioni su scienza, vaccini e green pass, dal volto feroce dell’Unione Europea al vertice del G20, gli snodi più rilevanti del 2021 analizzati dagli editoriali pubblicati da Contropiano. Buona lettura, buona memoria e buon anno a tutte e tutti
continua in
Il 2021 attraverso gli editoriali di Contropiano – Contropiano


Messaggio di Fine Anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Palazzo del Quirinale, 31/12/2021

Care concittadine, cari concittadini,

ho sempre vissuto questo tradizionale appuntamento di fine anno con molto coinvolgimento e anche con un po’ di emozione
continua in
https://www.quirinale.it/elementi/61822

Il video
https://www.quirinale.it/elementi/61820



error: Content is protected !!