1976

Gennaio: il quotidiano La Repubblica pubblica il nome del capo stazione della Cia a Roma, si tratta di Hugh Montgomery, che è accreditato presso l’ambasciata statunitense sotto copertura diplomatica e rivela inoltre l’esistenza di un (….) vasto e segreto organismo della Cia (…) descritto come (…) unità dei progetti dell’esercito americano per l’Europa meridionale (…)

2 gennaioRoma, il Giornale d’Italia è messo in liquidazione dal proprietario, il petroliere Attilio Monti. Dopo uno scontro fra l’amministratore ed il comitato di redazione, il direttore Rizzi sospende la firma

La Singer avvia le procedure di licenziamento per i 2.000 operai dallo stabilimento di Leinì (Torino), presidiato dai lavoratori dall’estate scorsa

3 gennaioMilano, Angelo Rizzoli con un’intervista al Sole-24 Ore, smentisce le voci sulla precarietà della situazione finanziaria del gruppo
Palermo, dove la lotta per la casa non si è fermata, il prefetto requisisce 35 appartamenti sfitti per procedere ad altrettante assegnazioni
Roma, nel quartiere di San Basilio è rimossa per ordine della magistratura la lapide che ricorda Fabrizio Ceruso, caduto negli scontri con la polizia dell’8 settembre 1974

4 gennaioIrlanda, nuova ondata di terrorismo. In pochi giorni vengono uccise 15 persone in vari attentati. Il governo britannico invia nuovi reparti antiguerriglia.

Washington, emergono dai lavori della Commissione d’inchiesta del Senato importanti rivelazioni sulle tangenti pagate dalla società Lockheed a due ministri italiani per la fornitura dei nuovi aerei Hercules C 130 all’aviazione italiana
Beirut (Libano), i falangisti cristiani assediano i campi profughi palestinesi di Tall al Zaatar e di Jisr al Basha, e distruggono quello di D’Bai massacrandone gli abitanti, in maggioranza palestinesi di fede cristiana. L’eccidio provoca l’indignazione di Paolo VI che afferma: “La Chiesa non accetta che cristiani vengano uccisi sotto la Croce di Cristo”

5 gennaio: Genova, sparati alcuni colpi di pistola contro militanti del Pci davanti alla sezione Bianchini. Nella notte, a Carrara, un ordigno devasta la sezione del Pci del quartiere S.Antonio
Susa (To), i lavoratori occupano le Acciaierie per impedire i 40 licenziamenti annunciati: la lotta finirà con un accordo che incentiverà le autodimissioni. A Napoli, i lavoratori occupano gli uffici della Sebna, un’azienda dell’Iri che si occupa di riparazioni navali, che vuole ridurre l’organico. Dopo la chiusura delle vertenze alla Gie e alla Merrel, è ancora occupata la Angus. A Milano, in difesa dell’occupazione, manifestano gli operai della Innocenti, formando una delegazione in Prefettura ed incontrandosi con quelli delle altre fabbriche in agitazione: Fargas, Alfa Romeo, Ceruti, Santangelo
Sciopero generale nella piana di Gioia Tauro. Aderiscono anche i braccianti e lavoratori di Cinque Fronti, S.Giorgio, Mericucco

6 gennaio: attentato esplosivo ai binari ferroviari nei pressi di Terontola (Ar). Non ci sono vittime.

7 gennaioRoma, in seguito alle rivelazioni sulle tangenti pagate dalla Lockheed e per il ritiro della delegazione socialista, si dimette il governo Moro. Il giorno 13 il presidente della Repubblica Leone riaffida a Moro l’incarico di formare il nuovo governo.

Arezzo, attentato sulla linea ferroviaria Firenze – Roma nei pressi di Rigutino (Ar). Nessuna vittima
Il New York Times pubblica le dichiarazioni rese da William Colby, direttore della Cia, davanti alla commissione d’inchiesta del Congresso sui finanziamenti concessi a partiti politici italiani nella campagna elettorale del 1972: “Se partiamo dal presupposto che gli Stati Uniti hanno un qualche ruolo in Italia, allora dobbiamo convenire di avere l’obbligo di aiutare i nostri amici”. Secondo il quotidiano gli amici andrebbero trovati “tra le file della Democrazia cristiana, del Partito socialdemocratico (…) dei repubblicani e delle altre organizzazioni anticomuniste” . Un altro quotidiano, il The Washington Star, scrive che le intromissioni americane in Italia, “compreso il finanziamento a partiti e sindacati anticomunisti” non ha mai avuto soste, ed “è continuato regolarmente dal 1948 ad oggi”

8 gennaio: sciopero di otto ore del pubblico impiego convocato dalla federazione unitaria Cgil Cisl e Uil per protestare contro le inadempienze del governo nei confronti della categoria
Pechino, muore il primo ministro cinese Chou En-lai
Il generale Maletti e il capitano Labruna sono incriminati per favoreggiamento nei confronti di Giovanni Ventura
Agenti della Guardia di finanza, informati dal confidente Michele Galati, simpatizzante del Msi e vicino ad Avanguardia Nazionale, rinvengono a Reggio Calabria 6 congegni ad orologeria a pulsante provvisti di cavi di collegamento
Bolzano, rinviati a giudizio 5 esponenti sindacali, fra i quali il segretario provinciale della Flm, per violenza privata, per aver organizzato alcuni picchetti

9 gennaio: Mino Pecorelli, scrive su OP: “Oggi, assassinato con Moro l’ultimo centrosinistra possibile, muore insieme con il leader pugliese ogni possibilità di sedimentazione indolore della strategia berlingueriana (…)Il comitato direttivo della Cgil, aperto dalla relazione di Rinaldo Scheda, esamina le conseguenze della crisi di governo e le proposte precedentemente formulate dallo stesso esprimendo parere sostanzialmente negativo, come già la federazione unitaria dei metalmeccanici (Flm), riunita nei giorni precedenti

10 gennaioAlessandria,il brigatista rosso Massimo Maraschi è condannato a 30 anni di reclusione

11 gennaioMilano, la polizia scioglie un picchetto davanti alla Gemeaz, multinazionale francese, ed arresta un operaio. La protesta dei lavoratori è contro lo smantellamento degli uffici deciso dalla direzione

13 gennaio: sciopero nazionale dei chimici, con manifestazioni a TorinoMilanoVeronaVarese Mira. Ad Agrate Brianza rientrano in fabbrica, come forma di protesta contro la cassa integrazione, i lavoratori della Sgs Ates
L’Aquila, tre sindacalisti e 13 lavoratori della Sit Siemens sono rinviati a giudizio, con l’accusa di “violenza privata”, per alcune manifestazioni del marzo 1973

14 gennaio: esce nelle edicole il quotidiano La Repubblica, diretto da Eugenio Scalfari
Firmato l’accordo aziendale alla Montefibre

15 gennaio: sciopero nazionale di 4 ore dei metalmeccanici
Un appunto della Guardia di Finanza redatto dal colonnello Franco Mannucci e trasmesso al comando generale dei carabinieri informa che a Reggio Calabria Avanguardia Nazionale ha acquistato, nel 1975, dei timers  al prezzo di due milioni di lire l’uno. I congegni, sei dei quali sono stati recuperati dalla polizia, sarebbero stati forniti dal colonnello dell’esercito Antonio Profazio, residente a Trieste e affiliato alla Loggia P2, e consegnati a Carmine Dominici e Gabriele Squillaci appartenenti all’organizzazione terroristica. La fonte della notizia, dichiarerà il colonnello Mannucci, è il calabrese Bruno Galati
I giudici milanesi D’Ambrosio e Alessandrini prosciolgono, perché “il fatto non sussiste”, il petroliere ed editore Attilio Monti e i coimputati (Riffeser, Zoni, Cavalli), dall’imputazione di favoreggiamento per il finanziamento concesso a Pino Rauti
Presentato il programma della Costituente di destra. Al primo punto si legge: “L’Italia vive un’ora drammatica. Il comunismo è alle porte”Milano, i legali di Michele Sindona denunciano Giorgio Ambrosoli, accusandolo di essersi appropriato indebitamente delle azioni della Fasco
Milano, il giudice istruttore Gaetano Assante chiude l’istruttoria sulla morte di Saverio Saltarelli, rinviando a giudizio il capitano di Ps Alberto Antonetti e prosciogliendo gli altri imputati
Bassano del Grappa (Vi), il pretore Riccardo Caccin dichiara illegali i licenziamenti alle Smalterie. La proprietà dello stabilimento è del gruppo Westen, lo stesso che ha chiuso la Metallurgica Sicula di Milazzo

16 gennaioCaserta, la polizia sgombera il liceo scientifico. Arrestati tre studenti. Indetto uno sciopero di protesta per il giorno successivo
Lamezia Terme, 400 operai licenziati dalla Sir, occupano gli impianti

17 gennaioRoma, si conclude con una dura condanna dell’imperialismo in America Latina la sessione del Tribunale Russel
Bari, manifestazione di disoccupati davanti all’ufficio di collocamento
Milano, manifestazione della la sinistra extraparlamentare contro le condanne in Iran e in appoggio alle iniziative della Federazione studenti iraniani

18 gennaioPadova, la polizia disperde una manifestazione del Partito Radicale a favore della depenalizzazione del reato di procurato aborto
MilanoMilano, i carabinieri arrestano, in un appartamento della zona di Porta Ticinese, Renato Curcio, evaso undici mesi prima dal carcere di Casale Monferrato. Insieme a lui c’è Nadia Mantovani, studentessa padovana. Prima di arrendersi l’ex leader delle Br ingaggia una sparatoria poi, ferito ad una spalla, butta le armi. Anche questa azione verrà rivendicata a merito del Sid dal direttore dell’Ufficio D generale Giovanni Romeo che dichiarerà deponendo davanti  alla Commissione Stragi: “Tutta l’operazione di preparazione, ad eccezione della parte finale compiuta dai carabinieri, è stata condotta dal reparto D”. Nel corso dell’operazione resta ferito il brigadiere dei carabinieri Lucio Prati. Poco prima erano stati arrestati anche Vincenzo Guagliardo, Silvia Rossi Marchesa e Angela Basone. Successivamente, sono tratti in arresto Giuliano Isa, Adriano Colombo, Antonio Morlacchi

19 gennaioNapoli, la polizia carica i disoccupati che manifestano in piazza Mancini e in via Roma
Roma, la polizia sgombera le case occupate a Casalbertone

20 gennaio: parlando a Copenaghen, Henry Kissinger afferma: “L’evoluzione interna dei paesi europei deve essere determinata dalle singole nazioni. D’altra parte, se ci viene chiesta la nostra opinione, noi rispondiamo, dicendo esattamente che cosa pensiamo. Il nostro punto di vista è che la partecipazione dei comunisti ai governi europei avrà conseguenze per la Nato e nella politica internazionale in genere. Detto questo, convengo che sta a ciascun governo decidere per conto suo come procedere”Giornata di lotta proclamata dai sindacati in difesa dell’occupazione e contro la smobilitazione nelle fabbriche. Lo sciopero è generale in Sardegna e a Lecce, dove i lavoratori solidarizzano con i compagni della Harry’s Moda, da tempo in lotta a difesa del posto di lavoro. A Salerno, si svolge un’assemblea alla Pennitalia, che vuole smobilitare. Scioperano anche per un’ora i lavoratori della multinazionale Itt, in solidarietà con i compagni della Itt Spagna

21 gennaio: le autorità monetarie decidono la chiusura del mercato dei cambi per tutelare la lira dalle manovre speculative seguite alla crisi di governo. La moneta subisce una svalutazione di oltre il 6%, che salirà di un altro punto nel mese di febbraio
Roma, la polizia carica gli operai della Tecnedile in lotta per la difesa del posto di lavoro
Messina, sciopero provinciale per l’occupazione

21 – 22 gennaioAmburgo, la 18° sessione ministeriale del Gruppo della pianificazione nucleare esamina l’incremento delle risorse nucleari sovietiche e il programma di stabilizzazione a mezzo dei negoziati Salt

22 gennaio: la segreteria della Flm approva una risoluzione sulla crisi monetaria, definita “manovra finanziaria premeditata per interferire con il ricatto monetario sulla evoluzione della crisi economica e di governo”Si sciopera in diverse zone d’Italia per i contratti. L’agitazione è particolarmente vivace alla Fiat di Torino dove si svolgono cortei interni e a Milano, dove gli operai dell’Alfa bruciano il pupazzo di Cortesi davanti alla direzione ed i sospesi della Pirelli attuano un presidio del grattacielo e il rientro in fabbrica come forma di protesta. Ad Acerra (Napoli), i cantieristi occupano lo stabilimento della Montefibre: rivendicano l’assunzione

23 gennaioRoma, si svolge a Palazzo di giustizia un’assemblea, convocata da Magistratura Democratica, contro il trasferimento del giudice Franco Marrone da Roma a Viterbo
Napoli, manifestazione della sinistra extraparlamentare per ricordare Enzo De Waure, morto il 21 gennaio 1972, per mano di militanti di destra. Il Tribunale ha archiviato il caso come suicidio

25 gennaioMilano, si svolge alla Innocenti un’assemblea di sole lavoratrici. Partecipano delegazioni di operaie di altre fabbriche in lotta

26 gennaioTorino, Stampa Sera pubblica una prima lista di 21 nominativi di uomini politici che, secondo il rapporto di Otis Pike, capo della commissione d’inchiesta della Camera dei rappresentanti sulle attività della Cia, avrebbero ricevuto soldi dal servizio di spionaggio americano
Milano, inizia il processo a carico dei dirigenti dell’Ente minerario siciliano, che si concluderà con la loro condanna per interessi privati in atti di ufficio. Graziano Verzotto sarà condannato a 4 anni di reclusione in contumacia: è latitante in Libano
Raggiunto l’accordo per gli statali che ottengono la “qualifica funzionale” e una nuova normativa sugli straordinari
La Leyland Innocenti invia 4.500 lettere di licenziamento ad altrettanti lavoratori dello stabilimento di Milano Lambrate. I sindacati si appellano al ministro del Lavoro Carlo Donat Cattin che s’impegna a mettere in moto la Gepi
Bologna, Radio Alice, emanazione dell’Autonomia e del Movimento studentesco bolognese, inizia le trasmissioni dalla sede di via del Pratello, con il brano “White rabbit” dei Jefferson Airplane. La radio si distingue, oltre che per le sue posizioni radicali, per una forma di comunicazione nuova, basata sull’ironia, la leggerezza, la follia. Radio Alice svolgerà una funzione importante durante i giorni del marzo ’77, fino alla chiusura forzata a seguito di un’irruzione della polizia

27 gennaioAlcamo (Tp), nella notte sono uccisi nella casermetta di Alcamo Marittima l’appuntato dei carabinieri Salvatore Falcetta e il militare Carmine Apuzzo. Qualcuno li ha assassinati nel sonno a colpi di pistola. Gli inquirenti , soprattutto i carabinieri, parleranno immediatamente di responsabilità del terrorismo di sinistra, in particolare delle Br. E questo anche grazie alla rivendicazione fatta da un sedicente Nucleo armato Sicilia. Ma l’ipotesi non reggerà. Contribuirà a farla crollare lo stesso comandante dei carabinieri generale Enrico Mino, che in una conferenza dichiarerà: “Anche i carabinieri possono parlare a vanvera”Bruno Visentini pubblica il “Rapporto sull’anagrafe tributaria”
Marina di Pisa, 24 lavoratori sono processati e condannati a 15 giorni di reclusione, per un picchetto
Palermo, aderenti ai comitati di lotta per la casa occupano il Municipio

28 gennaioRoma, alcuni terroristi sparano cinque colpi di pistola, ferendolo alle gambe, contro Pietro Margariti, magistrato in servizio al ministero della giustizia e addetto ai penitenziari. Rivendicano l’azione i Nap 
Si conclude a Torino, con uno sciopero di 8 ore, una settimana di lotta dei metalmeccanici. A Milano i lavoratori della Innocenti occupano la stazione di Lambrate

30 gennaioMosca, Boris Ponomarev invia al comitato centrale del Pcus una nota nella quale segnala che “il membro della direzione e della segreteria del Partito comunista italiano compagno U. Pecchioli, su incarico della direzione del Pci (compagno E. Berlinguer) si è rivolto al Cc del Pcus con la richiesta di assistenza al Pci per quanto riguarda l’addestramento di istruttori, radiotelegrafisti, esperti di travestimento e camouflage, dell’organizzazione di nascondigli segreti, di individuazione di microfoni segreti nonché assistenza per quanto riguarda la realizzazione di documenti italiani in bianco per uso esterno e interno. Queste richieste della direzione del Pci sono motivate dal proposito di garantire al partito sicurezza in caso di repentino aggravamento della situazione politica del paese (…) Riterremo opportuno soddisfare la richiesta della direzione del Pci di accogliere in Urss, durante l’anno 1976, per un corso di preparazione speciale 7 comunisti italiani (…)” Washington, cessa dall’incarico di direttore della Cia, William Colby. E’ sostituito da George Bush
Philip Agee, ex agente della Cia, dichiara al settimanale L’Europeo che i servizi segreti americani hanno una lunga pratica di intervento nelle vicende politiche italiane, “addirittura cominciata prima della fine dell’ultima guerra, quando si capì che i socialisti e i comunisti, i più attivi nella resistenza al fascismo, avrebbero avuto un ruolo di primo piano nella vita del paese. Gli americani scelsero presto i democristiani come forza di opposizione ai partiti marxisti, anche perché i loro contatti con la Chiesa garantivano l’affidamento con il partito cattolico”. Philip Agee dichiara, inoltre, che molti agenti dei servizi segreti italiani “i migliori e i più fidati, vengono spesso reclutati dal servizio americano, e in effetti è soltanto per esso che lavorano. Gli apparati dello Stato sono molto curati, così come le banche e certe organizzazioni politico – religiose. Nei ministeri chiave, come gli Interni e gli Esteri, la Cia deve avere sempre uomini fidati, dalla base fino al vertice. Con gli apparati militari la cosa è spesso piuttosto semplice; essi sono infatti integrati nelle strutture della Nato, e la Cia conosce sempre con precisione quali sono gli ufficiali a tutti i livelli di cui si possa eventualmente disporre nel caso si rendesse necessaria una azione violenta, colpo di Stato o repressione eccezionale”Il governo approva il decreto che autorizza il rifinanziamento della Gepi, sollecitato dal ministro del Lavoro Carlo Donat Cattin 
Roma, militanti missini aggrediscono i partecipanti ad un corteo contro la disoccupazione nei pressi della sezione di via Noto

31 gennaio – 2 febbraio: Varese, la rivista Giustizia e Costituzione organizza un convegno su Magistratura e pubblica amministrazione. Nel suo intervento, Pietro Ingrao afferma: “I comunisti non pensano di risolvere tutto con il loro ingresso nella stanza dei bottoni. Questa stanza va cambiata, l’intero apparato dello Stato va riformato. Ed a tale compito debbono accingersi non solo le forze politiche ma le diverse articolazioni democratiche della società, in un rapporto di collaborazione con il corpo sociale nel suo insieme”GennaioBologna, il Tribunale condanna a 6 mesi di reclusione Roberto Bibbi e Aldo Gaiba, ferraresi, per aver tentato di vendere formule chimiche ad una “potenza straniera”. Le indagini, iniziate il 19 novembre 1971 su denuncia di Eugenio Cefis, erano state condotte dal Sid
Caronno (Varese), i lavoratori occupano la Sair-Sar dove la proprietà minaccia 700 licenziamenti e i lavoratori non percepiscono il salario da ottobre. In agitazione anche i lavoratori della Sirti per il licenziamento di Angela Ledda, militante di Avanguardia operaia ed attiva sindacalmente

Febbraio: seminario dedicato all’Italia del Csis (Centro studi strategici e internazionali) dell’Università di Georgetown. Relatori William Colby, Ray Cline e Claire Booth Luce. Colby è stato capostazione Cia a Roma ed è arrivato fino a dirigere la Cia, Cline è stato direttore dei servizi di spionaggio e la signora Luce è stata ambasciatrice in Italia negli anni cinquanta. Il Csis è uno dei centri di pensiero della destra statunitense e svolgerà un ruolo di primo piano nell’elezione a presidente di Reagan. Il seminario è imperniato sulla lotta contro “la minaccia comunista”. Tutti gli oratori si mostrano d’accordo per una “azione americana” al fine di impedire una vittoria comunista in Italia. Molti citano l’esempio cileno come “precedente ben riuscito”. Il Pci è oggetto di discussione non in quanto elemento del contesto italiano, ma come “minaccia per la sicurezza nazionale degli Usa” Washington, uno studio della Cia rileva che “l’ingresso [del Pci] in un governo italiano porrebbe seri problemi di sicurezza alla Nato, dove gli italiani hanno fatto parte sin dall’inizio del gruppo aderente al Piano Nucleare. Nondimeno, sembra assodato che la sua risposta a un test decisivo come un’invasione militare sovietica dell’Europa occidentale sarebbe conforme alla probabile reazione delle altre maggiori formazioni politiche europee: la propensione a procedere nel contrattacco ordinato dalla Nato”Beirut (Libano), una delegazione del Pci, composta da Pietro Conti, Remo Salati e Antonio Rubbi, incontra Yasser Arafat e il leader druso Kamal Jumblatt
Abuzer Ugurlu, grande baba (capo) della mafia turca, offre alle fa­miglie siciliane l’esclusiva per la raffinazione della morfina base, di cui ha il con­trollo in tutto il Medio Oriente
La rivista dei gesuiti, Civiltà Cattolica, scrive: “La grande stampa è divenuta ormai dominio radical- comunista e filo- comunista, mediante l’azione combinata di finanziatori interessati che, fiutando il vento, si sono prontamente allineati, e di comitati di redazione e di tipografi egemonizzati dal Pci”Milazzo, il pretore Sidoti stabilisce che gli operai sospetti di “assenteismo ingiustificato” siano controllati da medici militari. Dopo che lo Statuto dei lavoratori ha vietato il controllo decidente da parte dei medici di fabbrica, si sono moltiplicati gli appelli contro lo “assenteismo in sede di informazione e politica ed un riferimento di questo genere è stato pronunciato anche da Aldo Moro nel discorso programmatico del governo”

1 febbraio: il quotidiano comunista L’Unità, commentando le rivelazioni tratte dai documenti americani declassificati, scrive: “pare importante oggi…trovare nelle oscure vicende di ieri lo stimolo a una effettiva svolta”

Washington, esplode lo scandalo Lockheed. L’impresa americana è accusata di aver corrotto uomini politici di diversi paesi per vendere i suoi aerei

2 febbraioLos Angeles, Henry Kissinger, sollecitato dalla domanda di un giornalista dichiara: “Se questi partiti comunisti sono cambiati o meno è cosa che nessuno può realmente sapere in questo momento, perché quella della prudenza è la politica che hanno attualmente. E’ nel loro interesse dire di essere cambiati”


3 febbraioRoma, una trentina di militanti del Fuan aggredisce, nell’atrio della facoltà di Giurisprudenza, un gruppo di studentesse che avevano organizzato una mostra a favore della depenalizzazione dell’aborto. Lo stesso giorno, a Brescia, la 19enne Monica Sala viene malmenata e lasciata a terra con una svastica appesa al collo
Umbria, sciopero regionale con migliaia in piazza a Perugia, in testa gli operai della Buitoni e della Terni. A Genova, manifestano 5.000 lavoratori nel centro della città per la difesa del posto di lavoro, guidati dagli operai della Torrington, occupata da 7 mesi
Milano, i carabinieri sgomberano una casa occupata in via Piave. Gli occupanti però si organizzano e, dopo una manifestazione nella zona, rioccupano gli alloggi

4 febbraioTorino, interrogato dai magistrati come testimone l’ex direttore del Sid, generale Vito Miceli. Gli vengono chieste notizie “su eventuali finanziamenti ricevuti dall’ambasciata Usa a Roma quando ricopriva la carica di capo del Sid”, ma il generale oppone il segreto politico-militare, evitando così ogni risposta. Il magistrato si rivolgerà allora al presidente del Consiglio Ado Moro per ottenere lo scioglimento del segreto, ma non otterrà risposta.

La Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia approva a maggioranza la relazione del suo presidente, il senatore democristiano Luigi Carraro. Il documento, che le minoranze ritengono più arretrato rispetto a quello del suo predecessore Cattanei, si sofferma in particolare sulle figure di Vito Ciancimino e Luciano Leggio. Nella relazione di minoranza presentata dalla sinistra, si legge, tra l’altro: “Il commercialista Pino Mandalari (candidato del Msi nel 1972) ospita nel suo studio le società finanziarie di alcuni tra i più noti gangster, tra cui Salvatore Riina (braccio destro di Liggio) e il Badalamenti di Cinisi, nonché di Padre Coppola”. Il successivo presidente della Commissione sarà il deputato comunista Abdon Alinovi
Napoli, il dirigente missino Massimo Abbatangelo aggredisce, in piazza San Giacomo, un sindacalista della Cgil 

4 – 8 febbraioSaint-Ouen, si svolge il 22° congresso del Partito comunista francese. Tolto dallo statuto il il riferimento alla “dittatura del proletariato”
5 febbraio: sui giornali italiani cominciano a uscire le prime indiscrezioni sullo scandalo Lockheed
La Leyland denuncia il consiglio di fabbrica dell’Innocenti di Milano per il blocco delle merci, alla vigilia dello sciopero generale

6 febbraio: sciopero nazionale di 4 ore, deciso dalla federazione Cgil-Cisl-Uil, in difesa dell’occupazione l’occupazione e per la chiusura dei contratti. Manifestazioni a Milano per il nord, Firenze per il centro e Bari per il sud
Madrid, Marco Pozzan invia un memoriale a Giovanni Ventura nel quale accusa il Sid di averlo fatto espatriare
Novara, manifestazione di soldati per i diritti nelle caserme. La polizia interviene identificando gruppi di presenti ed arrestando 6 persone
Napoli, processati per direttissima 3 disoccupati, condannati a 6 mesi di reclusione, con sospensione pena per 2 di essi, non per il terzo già condannato per un’altra manifestazione
Roma, il sostituto procuratore Santacroce deposita le conclusioni dell’istruttoria sommaria sulle “supertariffe telefoniche”. Rinviati a giudizio i dirigenti della Sip Perrone e Nordio, della Stet Giannini, della Seat Alcaro. Oltre alle “tariffe speciali” aumentate illegittimamente, il magistrato ha accertato evasioni fiscali per 200 miliardi
Reggio Calabria, accertata il soggiorno di Mario Moretti, accompagnato da Giovanna Currò, presso l’hotel Excelsior

7 febbraioRoma, Aldo Moro presenta il nuovo governo del quale, per la prima volta, fanno parte due tecnici: Stammati e Bonifacio
La Repubblica pubblica alcune notizie dei lavori della commissione statunitense Church che indagasulle attività delle multinazionali ed in particolare la testimonianza del vice presidente della Lockheed, Carl Kotchian, dalla quale emerge la responsabilità dei ministri italiani Gui e Tanassi e dell’avvocato Antonio Lefebvre D’Ovidio, amico e politicamente legato al presidente della repubblica Giovanni Leone
Brescia, manifestano le femministe. Durante la manifestazione è bruciato un pupazzo che raffigura il papa. L’Osservatore Romano attacca “le ragazze acerbe e incolte che sfilano recando insegne repellenti” e parla di strumentalizzazione da parte di forze oscure
Si chiude la vertenza della Merrel. E’ garantito il mantenimento dei posti di lavoro. L’azienda farmaceutica riprende la denominazione di Istituto sieroterapico

8 febbraio: Antonio Lefebvre d’Ovidio, chiamato in causa per l’affare Lockheed, fa sapere che i suoi rapporti con il presidente della repubblica Giovanni Leone sono “di antica data e risalgono al comune lavoro nella commissione per il Codice di navigazione e alla colleganza universitaria nelle facoltà di giurisprudenza di Bari, Napoli e Roma”Cremona, muore l’esponente democristiano e già presidente della Camera, Ennio Zelioli Lanzini

9 febbraioRoma, in un agguato notturno, è ferito gravemente il brigadiere di polizia Antonio Tuzzolino, che cinque mesi prima aveva ucciso in un conflitto a fuoco, la nappista Anna Maria Mantini. Il crimine è rivendicato dai Nap.

Il direttore del Sid ammiraglio Mario Casardi torna ad opporre il segreto politico-militare al giudice istruttore di Torino che gli ha chiesto di “trasmettergli i documenti relativi agli eventuali rapporti intrattenuti dall’imputato Edgardo Sogno con appartenenti ai servizi di sicurezza italiani”. Lo stesso farà per un’analoga richiesta riguardante “l’imputato Luigi Cavallo”Milano, sgomberate le case occupate in via Piave, Capecelatro e Viviani

10 febbraioPesaro, durante uno sciopero, Bruno Baldelli di 29 anni è ucciso a coltellate da un crumiro
Padova, il Tribunale militare processa 10 soldati della caserma Banne di Trieste, accusati di “manifestazione sediziosa”. La pena più alta è inflitta a Livio Sicuranza, condannato a 8 mesi
Giornata nazionale di lotta degli studenti per la riforma della scuola e l’occupazione giovanile. A Torino, la polizia disperde gli studenti che protestano dinanzi al Provveditorato agli studi

11 febbraioNapoli, sgomberate le case Incis a Ponticelli. Gli ex occupanti organizzano una manifestazione di protesta


12 febbraioRoma, varato il quinto governo Moro, monocolore Dc a cui partecipano due tecnici (Stammati alle Finenze e Bonifacio alla Giustizia) non parlamentari. Alla Difesa viene confermato Forlani, Cossiga ministro dell’Interno e Rumor agli Esteri
Il governo: http://www.senato.it/leg/06/BGT/Schede/Governi/0001_M.htm


12 febbraio: inviate due comunicazioni giudiziarie ai fratelli D’Ovidio Lefebvre per “corruzione di pubblici ufficiali”Torino, il giudice istruttore Luciano Violante chiede al presidente del Consiglio Aldo Moro, riferendosi alle dichiarazioni del generale Miceli sui finanziamenti americani, di “confermare se la materia relativa agli eventuali finanziamenti suindicati e alle finalità specifiche di detti finanziamenti fosse coperta dal segreto politico- militare”. Non otterrà risposta
La federazione unitaria Cgil-Cisl-Uil esprime riserve sul programma di governo, giudicato inadeguato ad affrontare la crisi,soprattutto per l’aspetto occupazionale e degli investimenti nel Mezzog    iorno.

Siglato l’accordo per la Harry’s Moda di Lecce13 febbraio: Roma, Mariano Rumor, interrogato sulla protezione accordata a Guido Giannettini, nega di esserne mai stato a conoscenza
Pomezia (Roma), i carabinieri caricano le operaie della fabbrica metalmeccanica Emac, che stanno tenendo un’assemblea davanti alla fabbrica per organizzare la risposta ai 5 licenziamenti fatti dalla direzione
Roma, in via Appia nuova 4 persone rimangono ferite in una carica della polizia contro una manifestazione di disoccupati. Dopo la carica i disoccupati confluiscono alla Camera del lavoro e indicono un corteo di protesta per l’indomani
L’Italsider di Taranto raggiunge il drammatico record di 333 morti sul lavoro. L’ultima vittima, in ordine di tempo, è Vittorio Caforio di 37 anni, operaio di una ditta di appalto

14 febbraioRoma, sono incriminati 18 lavoratori della Snam Progetti per aver partecipato alla manifestazione sindacale del 12 novembre 1974
Roma, attentato dinamitardo contro la sezione Pci di Centocelle. Contemporaneamente sono colpite 4 sedi democristiane e 3 del Psdi

15 febbraioRoma, la polizia sgombera le case occupate in via Inselci. A Napoli, invece, la giunta presieduta da Maurizio Valenzi, apre la strada alle requisizioni per tamponare la protesta e limitare le occupazioni
Milano, si tiene al Piccolo Teatro un convegno, promosso dalla Fim ed altre categorie della Cisl, su “Autogestione operaia”16 febbraio: secondo indiscrezioni pubblicate da Paese Sera, due emissari governativi sono in viaggio verso gli Stati Uniti per fermare le rivelazioni sullo scandalo Lockheed
Roma, il ministero delle Poste e telecomunicazioni invia alla Rai l’elenco delle stazioni radio e televisive private. Sono 177 impianti radio e 32 televisivi. 113 sono stati denunciati e in 13 casi i magistrati hanno rimesso il problema alla Corte costituzionale
Polizzi Generosa (Palermo), i lavoratori occupano simbolicamente la Timpa di Mandorle, azienda agricola fiorente ma messa in smobilitazione. Ne chiedono la requisizione che sarà poi attuata dal Comune
Napoli, manifestazione dei disoccupati organizzati per la liberazione dei 4 compagni arrestati nei giorni precedenti
Manduria (Taranto), la polizia sgombera una palazzina dello Iacp occupata ed arrestano Carmelo e Piero Giordano, Remo Di Noi e Ludovico Vico

17 febbraioIvrea, scioperano i lavoratori della Montefibre contro la cassa integrazione decisa per 360 operai
Roma, la polizia sgombera nuovamente le case di Casalbertone che erano state rioccupate, per la quarta volta. Il giorno successivo le tenaci famiglie rientrano nelle abitazioni. A Palermo, la sala consiliare del Municipio è occupata da senzatetto ed ex occupanti in lotta per la casa

18 febbraio: nel suo discorso programmatico, il presidente del Consiglio Aldo Moro riafferma la non disponibilità democristiana a “rapporti in forma nuova con il Pci” perché, dice, “bisogna ricercare nel Parlamento il costruttivo confronto sulle rispettive tesi”Il governo nomina una commissione d’inchiesta per accertare le condizioni d’acquisto da parte dell’Aeronautica militare di 14 aerei da trasporto Hercules C-130
L’Italia riconosce il governo del Mpl in Angola
Si chiude la vertenza della Facis. L’azienda s’impegna a non effettuare tagli occupazionali solo per l’anno in corso
Sequestrato il numero in edicola dell’Espresso, e il suo direttore denunciato, per aver pubblicato in copertina una caricatura del presidente della repubblica Leone  e i suoi rapporti con l’avvocato Lefebvre
Padova, 11 soldati della caserma Matter sono condannati a 3 mesi e 17 giorni, con la condizionale, per una manifestazione contro il regolamento Forlani19 febbraioRoma, il sostituto procuratore della repubblica Enrico Di Nicola richiede la chiusura dell’istruttoria sulla morte di Armando Calzolari per “non doversi procedere perché ignoti sono i responsabili dell’omicidio volontario premeditato”. Calzolari, cassiere del Fronte Nazionale, è uno dei morti “strani” dell’inchiesta sulla strage di piazza Fontana
Bari, la polizia scioglie il picchetto alla Fiat, dove è in corso uno degli scioperi articolati proclamati dal sindacato: 5 operai e 1 studente sono fermati
Foggia, i carabinieri sgomberano 60 appartamenti occupati da altrettante famiglie che, successivamente, occupano simbolicamente una chiesa ed organizzano una manifestazione di protesta

20 febbraio: intervenendo alla Camera, Enrico Berlinguer afferma che il Paese non può più essere governato senza la partecipazione dei comunisti

21 febbraio: il presidente della Camera dei deputati, Sandro Pertini, chiede al suo collega americano, Carl Albert, di poter “conoscere i nomi dei parlamentari che si dice essere implicati nell’affare Cia”. Albert risponde che l’indagine non ha portato “ad alcuna informazione come da lei richiesto”Sindacati e direzione dello stabilimento Vallesusa (Montedison) raggiungono un accordo che sospende temporaneamente i licenziamenti collettivi e prevede un piano di vendite frazionate. L’assetto proprietario ed i piani produttivi restano ancora in larga parte indefiniti
Pisa, nonostante il forte clima repressivo, un centinaio di delegati in rappresentanza dei sottufficiali dell’Aeronautica partecipano al teatro Verdi alla 5° assemblea nazionale del movimento. Apre i lavori il sindaco della città, Lazzaro
Manduria (Taranto), occupato il Municipio da cittadini in lotta per il diritto alla casa e per protesta per gli arresti dei giorni precedenti
Napoli, convegno di Medicina Democratica

22 febbraioMonaco di Baviera, Alexander Haig, comandante generale della Nato, afferma che l’Alleanza atlantica è destinata a rompersi se i comunisti andranno al governo in qualche paese dell’Alleanza
Spiccato un mandato di cattura a carico del generale Duilio Fanali per lo scandalo Lockheed. Un secondo contro Camillo Crociani, presidente di Finmeccanica, non sarà eseguito per la fuga dell’interessato

23 febbraioMilano, al processo intentato dalla direzione Pirelli contro l’esecutivo del Consiglio di fabbrica per il blocco delle merci effettuato nel 1972, prevale la tesi dei lavoratori sulla legittimità della forma di lotta. Rinviato invece l’esame della legittimità dello sciopero del rendimento e del cottimo
Napoli, la polizia sgombera 120 appartamenti occupati
Palermo, la polizia carica una manifestazione del Coordinamento case pericolanti. Otto fermati

24 febbraioLazio, sciopero generale a sostegno dell’occupazione e della vertenza regionale, con manifestazioni a Cassino e Civitavecchia mentre a Roma si svolge l’assemblea nazionale dei delegati delle aziende in crisi, aperta dal dirigente della Uil Ravenna. Sono 130.000 posti di lavoro attualmente a rischio, oltre quelli già perduti
Il Tribunale di Milano autorizza 3 mesi di esercizio provvisorio per la Fargas di Novate, dove i lavoratori vogliono dimostrare che lo stabilimento è stato chiuso per motivi diversi dalla crisi economica
Roma, aggredito e ferito Tommaso Luzzi, segretario della sezione Appio del Msi-Dn

25 febbraioTorino, il quotidiano La Stampa pubblica un servizio da Washington, nel quale sono riportati ampi stralci del rapporto elaborato dalla Commissione Pike sugli aiuti finanziari concessi nel 1972 dalla Cia e dal governo americano a uomini politici e a ufficiali dei servizi se­greti italiani. Nello stesso periodo, secondo quanto riferisce il giornalista Vittorio Zuc­coni, autore del servizio, la Cia finanziò ventuno candidati alle elezioni politiche, tutti appartenenti “ai partiti di centrosinistra”, tra i quali vi sarebbe anche un leader d’impor­tanza nazionale. Le rivelazioni confermano quanto era già venuto alla luce da varie set­timane, e cioè che il generale Vito Miceli, all’epoca capo del Sid, incassò dall’amba­sciatore americano a Roma Graham Martin mezzo miliardo di lire per finan­ziare una campagna anticomunista in Italia. Un anno dopo, nel 1973, quando il nuovo ambasciatore John Volpe decise di sospendere i pagamenti a Miceli, questi ammise di aver usato quel denaro per sovvenzionare 50 uomini politici italiani
Verona, scioperano i lavoratori dell’Abitel (Montedison) contro il progetto di licenziare 100 persone e la messa in cassa integrazione di altre 500
Taranto, processati per direttissima e condannati a 7 mesi di reclusione, con la condizionale, 4 occupanti di Manduria

26 febbraio: su richiesta del pubblico ministero Vincenzo Pochettino, Luciano Violante invia comunicazioni giudiziarie a Sogno, Pacciardi, Borghesio, Ricci, Drago, Pecorella, Pinto, Orlandini, Nicastro, Pagnozzi e Cavallo dopo che il Sid ha trasmesso ai magistrati documenti “nei quali è messa in evidenza l’equivoca attività del Cavallo nell’ambito di attività di carattere eversivo”Roma, il sostituto procuratore romano Lo Piano invia una comunicazione giudiziaria ai dirigenti della Selenia (una delle maggiori società elettroniche con 7 miliardi di capitale e 2.000 dipendenti, controllata dall’Iri) Pasquale Chiomenti, Marcello Biagioni, Leone Mustacchi, Carlo Calosi nell’ambito dell’inchiesta sulle tangenti pagate alla Com El allo per la vendita di apparecchiature al ministero della Difesa
Sciopero dei metalmeccanici con manifestazioni a Milano, Torino, Napoli, Caserta, Genova ed in altre località. A Ivrea lo sciopero è di 8 ore in difesa dell’occupazione alla Montefibre e contro lo stillicidio di licenziamenti nella zona. A Caronno (Varese), gli operai della Sair bloccano la stazione contro il tentativo di chiusura dello stabilimento
Roma, la polizia interviene contro gli occupanti di case a Casalbertone ed arresta 10 donne. I cittadini in lotta per la casa manifestano in piazza Maria Consolatrice. Occupati 100 appartamenti a Castelnuovo di Porto

27 febbraioMosca, Enrico Berlinguer interviene al 25° congresso del Pcus rivendicando per i partiti comunisti “fratelli” il diritto di percorrere in modo autonomo la via per giungere alla affermazione del socialismo
Le rivelazioni sullo scandalo Lockheed scatenano in Italia la caccia ai personaggi implicati che si nascondono dietro i nomi in codice Antilope Cobbler e On. Pun
Milano, firmato il piano Gepi – De Tomaso per la Innocenti, definito “accettabile” dai segretari della Flm Trentin e Ravenna, che prevede la rioccupazione graduale di circa 4.000 unità (500 in meno)
Il Fronte Polisario proclama la Repubblica araba democratica sahariana
MilanoTreviglio Zingonia (Bg): i lavoratori occupano gli stabilimenti della Faema per impedire i 1.165 licenziamenti proposti dalla Direzione

28 febbraio: arrestato il generale Gian Adelio Maletti, capo dell’ufficio D del Sid per favoreggiamento nell’ambito dell’inchiesta sulla strage di Piazza Fontana
Il consiglio nazionale del Pri approva la relazione di Ugo La Malfa che richiede un accordo fra tutte le forze politiche dell’arco costituzionale necessario, a suo avviso, per superare la grave crisi in cui versa il Paese
Raggiunta l’intesa fra sindacati metalmeccanici (Flm), Intersind e Asap sul controllo degli investimenti nelle aziende pubbliche. Il ministro del Tesoro, Emilio Colombo, critica l’accordo a suo giudizio troppo oneroso per l’economia nazionale

Rimini, si svolge, a un anno dalla sua costituzione, un convegno nazionale del Nuovo Partito Popolare. L’inziativa è stata pubblicizzata con l’affissione di un manifesto contenente un appello agli “italiani liberi e forti” chiamati alla battaglia (le elezioni politiche del giugno 1976 ndr) “nel nome di Dio, della patria e dell’ordine sociale”. Il segretario politico Epifanio Lupo denuncia “l’arrendevolezza della Democrazia Cristiana di fronte all’incalzare della sinistra”, Adelchi Perissinotto svolge una relazione sul programma economico-sociale. Quanto ai finanziamenti ottenuti dal Nuovo Partito Popolare, il suo segretario amministrativo nonché fondatore Mario Foligni dichiarerà: “I paesi arabi, soprattutto la Libia, sono ricchissimi e di tutti quei soldi non sanno che farsene. Noi diamo consigli su come fare buoni investimenti e loro ci pagano la consulenza”Torino, i lavoratori occupano la Legatoria Moderna contro 12 licenziamenti.Assemblea anche alla Galliano di Solaro (Milano), già occupata da alcune settimane dalle lavoratrici contro 13 licenziamenti. A Livorno, si sciopera e manifesta a sostegno delle operaie della tessile Barcas, sulle quali pende la minaccia di 70 licenziamenti su 250 occupate
Milano Roma, nellanniversario della morte di Miki Mantekas, si accendono tafferugli fra militanti di destra e sinistra. Un militante di Avanguardia Operaia, Francesco Cardini è ferito gravemente da una coltellata

29 febbraio: Giancarlo Pajetta smentisce le interpretazioni date dalla stampa italiana al discorso tenuto da Enrico Berlinguer al congresso del Pcus che avvaloravano la tesi di una “rottura” fra il Pci e Mosca, affermando: “Macché rottura. Se c’è qualcosa che dimostra incomprensione di quel che stiamo facendo è proprio questo. Il problema non è rompere: è mantenere, estendere dei legami che abbiano però un significato non liturgico. L’obiettivo era quello di far conoscere la nostra linea”

MarzoRoma, congresso Dc: la sinistra guidata da Moro e Zaccagnini si scontra con dorotei, andreottiani e forlaniani. Per la prima volta il segretario è eletto direttamente dall’assemblea e prevale di misura Zaccagnini
Torino, grazie all’appoggio di Gianni e Umberto Agnelli, quest’ultimo suo vecchio compagno di scuola, Carlo De Benedetti è nominato amministratore delegato della FIAT. Come “dote” porta con sé il 60% del capitale della Gilardini, che cede alla FIAT in cambio di una quota azionaria della stessa società (il 5%) venduta dalla holding IFI. De Benedetti cerca di svecchiare la dirigenza della società torinese, nominando manager a lui fedeli (a cominciare dal fratello Franco) alla guida di importanti unità operative del Gruppo. Dopo un breve periodo di quattro mesi – a causa, si disse, di “divergenze strategiche”– abbandona però la carica in FIAT. Per alcuni, ma il condizionale è più che d’obbligo, i due fratelli avrebbero trovato un ostacolo insormontabile nella parte di dirigenza FIAT più legata alla famiglia Agnelli, che avrebbe scoperto un loro tentativo di scalata della società, appoggiato da gruppi finanziari elvetici. De Benedetti diede la sua versione dei fatti solo dopo la morte dei fratelli Agnelli, nell’occasione della conferenza stampa tenutasi il 26 gennaio 2009 a palazzo Mezzanotte, con la quale annuncia le sue dimissioni dalla presidenza di tutte le società che aveva fondato: sostenendo che le divergenze consistevano nella forte esitazione da parte della famiglia Agnelli a ridurre in modo drastico il numero degli occupati. L’ingegnere, proseguendo il discorso, ribadisce che queste difficili scelte saranno comunque prese dal Lingotto quattro anni più tardi; ma dopo aver subito ingenti perdite (una “barcata” di denaro, secondo le sue testuali parole)

1 marzoGenova, il pretore Mario Almerighi emette 35 comunicazioni giudiziarie per gli scarichi inquinanti

2 marzo: Chiara Valentini scrive su Panorama che nel rapporto Pike sulle attività dei servizi segreti americani si afferma che la Cia ha versato 3,4 milioni di dollari nel 1972, “ad una organizzazione politica italiana da lei stessa creata e appoggiata (…). I dirigenti di Comunione e Liberazione smentiscono quelle che definiscono “illazioni”3 marzoMezzojuso (Palermo), assassinato Giuseppe Muscarella, esponente dell’Alleanza contadini
Inviata una comunicazione giudiziaria al generale Maletti e al capitano Labruna per aver favorito l’espatrio di Marco Pozzan
Napoli, 10 militanti dei Nap sequestrano una guardia carceraria e tentano di evadere dal carcere di Poggioreale

3 – 7 febbraioRoma, si svolge il 40° congresso nazionale del Psi, con la riconferma nella carica di segretario nazionale di Francesco De Martino

4 marzoRoma, in via Orti a Trastevere, sono sgomberati 130 appartamenti occupati solo il giorno prima da altrettante famiglie organizzate dall’Unione inquilini. Gli ex occupanti manifestano in corteo nel centro città, insieme a gruppi di studenti
Il governo americano nega il visto di ingresso negli Usa al flautista italiano Severino Gazzelloni, iscritto al Pci

5 marzo: con un telegramma indirizzato ad Aldo Moro, il cancelliere tedesco Helmut Schmidt chiede grazia per l’ex comandante delle SS a Roma Herbert Kappler, responsabile della strage delle Fosse Ardeatine
Il gruppo parlamentare comunista alla Camera chiede le dimissioni del presidente dell’Iri Giuseppe Petrilli, del direttore generale Leopoldo Medugno e dei direttori centrali Franco Viezzoli e Fausto Calabria
Attentato contro l’abitazione del sindaco comunista di Torre Annunziata, Ciro Telese

6 marzo: firmato il contratto dei chimici pubblici, che prevede previsioni programmatiche sui diritti di informazione su investimenti, appalti e nocività
Roma, tre cittadini libici, Mohamed Saad Abdulsalam, Ibrahim Ahmed Mohamed e Abdulqasem Amerel Senussi, vengono arrestati all’aeroporto di Fiumicino perché trovati in possesso di una valigia contenente tre pistole e una bomba a mano. Condannati a sette anni di reclusione, il 29 aprile saranno scambiati con tre imprenditori italiani arrestati in Libia per spionaggio. Incaricato della missione di scambio, che avverrà con un aereo diretto a Tripoli dopo uno scalo a Catania, sarà il tenente colonnello Enrico Milani dietro ordine del vicedirettore del Sid generale Giuseppe Terzani
Henry Kissinger, durante una conferenza stampa, dichiara che “una significativa partecipazione dei partiti comunisti al governo [di Italia e Francia] investe direttamente le relazioni con gli Stati uniti. Investe direttamente le relazioni con la Nato. Ed è diretta a produrre in questi Paesi un cambiamento di priorità che cambierà la natura del mondo come adesso lo conosciamo”Pesaro, invendiata una sezione del Pci

9 marzoCavalese (TN), cade la funivia del Cermis: 42 vittime.

14 marzoRoma, un gruppo di extraparlamentari di sinistra lancia alcune bottiglie molotov davanti all’Am­basciata spagnola presso la Santa Sede in piazza di Spagna, poi si dà alla fuga. Gli agenti inseguono i giovani e nei giardini del Pincio un poliziotto, Lucio Lucentini, spara quattro colpi in rapida successione. Un proiettile raggiunge alla fronte l’ingegner Mario Marotta, mentre passeggia insieme ad un’amica. Il Marotta muore all’istante, un’altra pallottola colpisce al polpaccio il giovane Luigi De Angelis che viene piantonato in stato di arresto all’ospedale

15 marzoBologna, Franco Berardi Bifo, tra i fondatori di Radio Alice e della rivista A/traverso, viene arrestato nell’ambito dell’inchiesta sull’Autonomia operaia e in relazione alla sanguinosa rapina di Argelato. E’ accusato di appartenenza alle Brigate rosse e istigazione a delinquere. Per richiedere la sua scarcerazione Radio Alice organizza il 28 marzo una festa in piazza Maggiore a cui partecipano circa 10.000 persone. Alcuni giorni dopo Bifo sarà completamente scagionato dalle accuse

16 marzoLondra, si dimette il primo ministro inglese Harold Wilson. L’otto aprile sarà nominato in sua sostituzione James Callaghan

17 marzoRoma, muore il regista Luchino Visconti

19 marzoRoma, convegno di Autonomia Operaia in cui si discute dell’estensione e della riunificazione “delle lotte dell’autonomia operaia”. Dagli appunti che a suo tempo saranno sequestrati ad Toni Negri e a Luciano Ferrari Bravo, l’impegno è di bloccare la tendenza “dello sviluppo e della crisi capitalistica verso il passaggio ad una fase più avanzata di riformismo, che si chiami compromesso storico o alternativa socialista”.

22 marzoRoma, termina il processo contro Fulvio Grimaldi, direttore responsabile del quotidiano Lotta Continua, denunciato dalla polizia per diffusione di notizie false e tendenziose in seguito alla pubblicazione nel novembre 1972 di tre articoli in cui si sosteneva che gli attentati compiuti a Trento all’inizio del 1971 erano da addebitare a provocatori al servizio della polizia. Il tribunale assolve l’imputato perché il fatto non costituisce reato e dispone la trasmissione degli atti alla Procura della repubblica di Trento dato che “nel corso del dibattimento sono emersi elementi utili al fine dell’accertamento delle responsabilità sui fatti di Trento”. In quella città l’inchiesta sugli attentati è in stallo da cinque anni.

24 marzo: i giornali danno notizia dell’arresto di Giorgio Semeria, uno dei capi storici delle Br.

Roma, il ministro degli Esteri Mariano Rumor oppone il segreto politico-militare alla richiesta del giudice istruttore di Catanzaro di esibire le pratiche relative ai passaporti rilasciati dal suo ministero su richiesta del Sid. Il magistrato aveva avanzato la richiesta dopo avere accertato che terroristi di estrema destra erano stati sottratti dal Sid all’autorità giudiziaria facendoli espatriare con passaporti falsi. Al giudice istruttore di Catanzaro il segreto era già stato opposto in materia dal direttore del Sid ammiraglio Mario Casardi e dal ministro della difesa Arnaldo Forlani.

Buenos Aires, un colpo di stato provoca la caduta di Isabelita Peron. Il generale Videla assume i pieni poteri e instaura un duro regime repressivo che provocherà migliaia di morti e migliaia di desaparecidos. Molti dei generali protagonisti del colpo di stato risulteranno legati alla P2 di Licio Gelli.

26 marzo: accordo tra Stati Uniti e Turchia per il mantenimento delle basi militari statunitensi in territorio turco. Le basi saranno comandate e amministrate da ufficiali turchi
Milano, assassinata  Olga Julia Calzoni, 16 anni. Il delitto è compiuto da due ragazzotti della Milano bene, Giorgio Invernizzi e Fabrizio Demichelis. 
La vicenda è ricostruita da Antonella Beccaria che la racconta come una storia di bullismo anni Settanta (v.)

28 marzo: mandato di cattura emesso dal giudice istruttore di Catanzaro nei confronti degli ex ufficiali del Sid generale Gianadelio Maletti (Tessera P2 1610) e capitano Antonio La Bruna (tessera P2 1613), accusati di reati collegati alla strage di piazza Fontana. Sono accusati di favoreggiamento aggravato per aver fatto fuggire Pozzan e per aver mantenuto rapporti col latitante Giannettini. Resteranno in carcere fino al 21 aprile quando torneranno in libertà provvisoria.

30 marzo: abolite le norme sull’aborto che risalivano al ventennio fascista. Due giorni dopo 50.000 mila donne partecipano a una grande manifestazione in favore della legge sull’aborto. Alla fine di aprile il governo Moro sarà costretto a dimettersi proprio per divergenze nella maggioranza sulla stessa legge.

Arrestato a Roma il bandito francese Albert Bergamelli, autore di sequestri di persona e di numerosi fatti delinquenziali. Al momento dell’arresto dichiara: “Qualcuno mi ha tradito, ma si ricordi che sono protetto da una grande famiglia”. Bergamelli nomina suo difensore l’avvocato Gianantonio Minghelli, massone e segretario della Loggia P2

2 aprileRoma, messi sotto inchiesta dal Parlamento i ministri Gui e Tanassi in seguito agli sviluppi dello scandalo Lockheed.

Washington, si svolge un convegno sul tema “La stabilità politica dell’Italia”. E’ organizzato dal Csis (Centro Studi Strategici e Internazionali) della Georgetown University. Vi partecipano Ray Cline, direttore del Centro e già uomo della Cia, l’ex segretario al Tesoro dell’amministrazione Nixon John Connally, l’ex direttore della Cia William Colby, l’ex ambasciatore in Italia Clare Boothe Luce, Joshua Wynfred della Dia (Defense Intelligence Agency), la giornalista Claire Sterling, Eleanor Dulles sorella di John Foster e di Allen, Marino De Medici giornalista italiano. In tutti gli interventi si esprime grande preoccupazione per la crescita del Partito Comunista Italiano e per la sua eventuale partecipazione al governo. 
Partanna (Trapani), terremotati, edili in sciopero e studenti occupano il Municipio. Il giorno precedente si erano svolte manifestazioni a S. Margherita Belice e Montevago
Milano, il cantautore Francesco De Gregori, durante e al termine di un concerto, subisce una dura contestazione e un tentativo di aggressione da parte di un gruppo di autonomi che lo è accusa di essere un borghese e di arricchirsi con le sue canzoni (per saperne di piùhttps://www.rivistailmulino.it/news/newsitem/index/Item/News:NEWS_ITEM:5122?&utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=%3A%3A+Rivista+il+Mulino+%7C+edizione+online+%3A%3A+%5B7300%5D)

3 aprileRoma, manifestano le femministe e l’Udi contro la formulazione dell’art.2 della legge sull’aborto. 50 mila donne scendono in piazza
Foggia, si svolge la 4° conferenza agraria del Pci 
Milano, la polizia disperde i militanti di sinistra che hanno organizzato, in vari punti della città, dei “mercatini rossi”Napoli, la magistratura scarcera per mancanza di indizi 29 disoccupati arrestati il giorno 30 durante gli scontri con la polizia

5 aprile: Sydney Tarrow, politologo della Cornell University, dichiara Corriere della Sera: “Il pubblico informato e coloro che lo informano sono pronti a comprendere la specificità della posizione italiana come hanno capito in passato le differenze tra Belgrado, Mosca e Pechino. Ma per ciò che riguarda l’alleanza internazionale gli americani avrebbero dei seri dubbi ad accettare la svolta, in quanto difficilmente si capisce come il Pci possa al tempo stesso mantenere i legami con Mosca e stare nel cuore dell’Alleanza atlantica”Intervistato dalla Bbc, Gianni Agnelli dichiara: “Non vorrei vivere in Italia se i comunisti andassero al potere. Non vorrei vivere in Italia in quelle circostanze ma mi batterei per evitare che quelle circostanze si verificassero”Firenze, inizia il processo di appello a carico di Mario Tuti. Si concluderà dopo 3 udienze con la conferma della condanna all’ergastolo
Roma, pubblicate le motivazioni della condanna, a carico di Sandro Saccucci, a 4 anni di reclusione per tentata ricostituzione del Pnf. Tra l’altro, si legge: “per aver, unitamente ad altri, costituito, organizzato e diretto il movimento politico Ordine Nuovo, basato sull’esaltazione dei principi propri del disciolto partito fascista e dedito alla minaccia e all’uso della violenza quale metodo di lotta politica”. La sentenza era stata emessa il 13 dicembre 1975

5 – 8 aprileRoma, è in visita ufficiale il presidente egiziano El Anouar Sadat

6 aprile: L’Osservatore Romano definisce “una pena, per non dire una vergogna” le manifestazioni delle donne per la depenalizzazione della interruzione di gravidanza, dove “le manifestanti cantano e ballano considerando con disprezzo chi crede e difende la legge morale (…) Il fatto che nessuno si dissoci pubblicamente da questa sagra e che una associazione come l’Udi abbia aderito alla sarabanda femminista di sabato con kermesse finale, lascia pensosi (…) La donna – prosegue il giornale del Vaticano – non è la sola e insindacabile arbitra secondo il motto fiorito l’utero è mio. Respinto il principio della inviolabilità della vita, della sacralità dell’amore e della responsabilità di chi genera, la via è aperta all’edonismo puro e semplice”Scioperano gli edili, i lavoratori del trasporto merci ed i metalmeccanici con manifestazioni in diverse città fra le quali Milano, Roma, Santa Maria Capua Vetere

6 – 7 aprile: sciopero nella Valle del Belice con manifestazioni e blocchi stradali a Santa Ninfa, Gibellina, Salaparuta, Partanna, S. Margherita, Salemi, Montevago. Intanto a Roma prosegue l’attività della delegazione dei sindaci per denunciare l’abbandono delle zone terremotate

7 aprile: il sindacato respinge la proposta governativa di bloccare temporaneamente i salari
Roma, un gruppo di appartenenti all’area dell’Autonomia Operaia, lancia bottiglie mo­lotov contro la porta posteriore del ministero di Grazia e Giustizia in segno di protesta per la conferma della condanna dell’anarchico Giovanni Marini. L’agente di cu­stodia in borghese Domenico Velluto si lancia all’inseguimento dei giovani e spara al­cuni colpi di rivoltella e uccide lo studente Mario Salvi, 21 anni 
Condannati in appello Paolo Braschi, Paolo Faccioli e Ivo Della Savia per gli attentati del 1968

8 aprile: dopo l’uccisione del giovane Mario Salvi, il Partito comunista chiede la abrogazione di alcune norme della legge Reale, in particolare quelle che legittimano l’uso delle armi da parte della polizia in servizio di ordine pubblico, l’avocazione da parte dei procuratori generali dei relativi processi e il divieto di concedere la libertà provvisoria nei casi in cui è obbligatorio il mandato di cattura
Roma, la polizia disperde una manifestazione di militanti di sinistra che protestano per l’uccisione di Mario Salvi. Manifestazioni di protesta si svolgono anche in altre città

10 aprileNapoli, la polizia carica i disoccupati che tentano di occupare un ospedale in costruzione per chiedere di essere assunti

11 aprile: Roberto Fabiani riporta su L’Espresso, una affermazione del generale Gianadelio Maletti, fatta dopo il suo arresto nell’ambito dell’inchiesta sulla strage di piazza Fontana: “Siamo stati convinti ad agire in quel modo dalle pressioni di un servizio segreto amico”. Sempre sull’Espresso Franco Scottoni parla della “Loggia II P”, della sua “struttura interna, [fino ai] ai collegamenti con ambienti della malavita organizzata e dell’estrema destra”Napoli, termina il 15° congresso nazionale del Partito liberale con l’approvazione a larga maggioranza della relazione del segretario nazionale Valerio Zanone

12 aprile: la lira subisce un’ulteriore flessione sul mercato valutario ed è scambiata 900 a 1 nei confronti del dollaro. Per arginare la speculazione, il governo decreta vincoli all’acquisto di valuta straniera

Milano, per l’uccisione di Alberto Brasili e il ferimento della sua compagna, Lucia, il sostituto procuratore Alberto Liguoro chiede il rinvio a giudizio per Antonio Bega, Giorgio Nicolosi, Enrico Caruso, Giovanni Sciavicco, Pietro Croce

13 aprileTorino, le Br sparano al capo dell’officina 78 di Mirafiori, Giuseppe Borello

21 aprileRoma, un commando delle Formazioni Comuniste Armate ferisce Giovanni Theodoli, presidente dell’Unione petrolifera italiana.

25 aprileRoma, in un articolo, a firma Lino Jannuzzi, pubblicato da Il Tempo, si parla per la prima volta dell’esistenza della base di Capo Marrargiu dove risulterà poi sono addestrati i membri di Gladio.

27 aprileMilano, un gruppo di neofascisti usciti da una sezione del Msi si scontra con appartenenti alla sinistra extraparlamentare, aggredendoli a coltellate. Il ferito più grave, lo studente Gaetano Amoroso, morirà tre giorni dopo. Nove neofascisti saranno ritenuti responsabili e condannati a varie pene detentive: Gilberto Cavallini, Angelo Croce, Antonio Pietropaolo, Gian Luca Folli, Marco Meroni, Luigi Franchini, Danilo Terenghi, Walter Cagnani e Claudio Forcati

28 aprileGenova, le BR fanno irruzione negli uffici distrettuali dell’Intersind

29 aprileMilano, Enrico Pedenovi, avvocato, consigliere provinciale del MSI e membro del Comitato centrale del Movimento Sociale Italiano, è ucciso in piazza Durante da un commando di Prima Linea. Sei anni dopo saranno accusati dell’omicidio Enrico Galmozzi, Bruno La Ronga, Giovanni Stefan e Pietro Del Giudice.

1° maggioAtene, muore Alexandros Panagulis, simbolo della resistenza antifascista al regime dei colonnelli.

Al valico di frontiera di Prato Drava, in Alto Adige, la Guardia di finanza ferma il cittadino tedesco Karl Peter Weinmann, residente in Alto Adige, agente dei servizi segreti del suo paese e informatore del Sid. In Germania è stato infiltrato contemporaneamente nell’organizzazione terroristica di sinistra Raf (Rote Armee Fraktion) e in quella di estrema destra Wehrsportgruppe di Norimberga. 
Rinnovato il contratto dei metalmeccanici. Il rinnovo del Ccnl stabilisce che dal 1 maggio 1978 sarà introdotta la mezz’ora di mensa retribuita per i lavoratori turnisti; inoltre si sancisce le 39 ore di lavoro settimanale per il settore siderurgico

4 maggio: la Corte d’assise di Torino conclude il processo contro 41 imputati appartenenti al Mpon (Movimento Politico Ordine Nuovo). La sentenza ne condanna nove e assolve tutti gli altri. I condannati sono Salvatore Francia, Adriana Pontecorvo, Vittorio Ambrosini, Emilio Garrone, Luigi Caramori, Enrico Maselli, Giuseppe Stasi, Giovanni Pierri e Antonio Usai. Probabilmente, concluderà la sentenza, “il gruppo aveva fini cospirativi, ma non appare certo valido a fare insorgere preoccupazioni per la saldezza delle istituzioni”. Presidente della Corte è Guido Barbaro, che risulterà poi affiliato alla P2

5 maggioRio de Janeiro, congresso mondiale dell’Ompam. Nel suo discorso inaugurale, Gelli afferma tra l’altro: “Considero superfluo ricordare a tutte le potenze occidentali che oggi il vero grande pericolo per l’umanità è rappresentato dalla penetrazione del comunismo che sta abbattendo le più sacre e inalienabili libertà umane”.

Torino, nell’ambito dell’inchiesta sul golpe bianco programmato per l’agosto del 1974, sono arrestati, su mandato del giudice istruttore di Torino Luciano Violante, Edgardo Sogno e Luigi Cavallo. Li accusa di essersi associati con Andrea Borghesio, Randolfo Pacciardi, Ugo Ricci, Salvatore Drago, Salvatore Pecorella, Lorenzo Pinto, Remo Orlandini, Maria Antonietta Nicastro e Vincenzo Pagnozzi – in sostanza apparteneti al Comitato di Resistenza Democratica e al Fronte Nazionale – “al fine di mutare la Costituzione dello Stato e la forma di governo” con un’iniziativa programmata per l’agosto 1974 e giovandosi “di cospicue erogazioni provenienti dalla società Fiat”. Allo stesso tempo il magistrato, le cui indagini sono state ripetutamente bloccate con il segreto di stato, denuncia alla Corte Costituzionale il “conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato, in particolare tra questa autorità giudiziaria e il governo”.

Roma, terroristi in moto affiancano l’auto del sostituto procuratore Paolino Dell’Anno sparandogli e ferendolo non gravemente. Rivendicano il crimine i Nap.

6 maggio: un violentissimo terremoto scuote il Friuli, radendo al suolo alcuni paesi tra cui Gemona. Un migliaio le vittime, oltre 50.000 senza tetto.

9 maggioStoccarda, si impicca in carcere Ulrike Meinhof. Era stat tra i principali esponenti del gruppo terroristico Raf.

Il movimento carlista, ossia i sostenitori degli eredi di don Carlos, antico pretendente al trono di Spagna escluso dal regno, si da appuntamento a Montejurra in Navarra per il tradizionale incontro annuale. Ma i carlisti sono diventati un punto di riferimento per l’antifranchismo,e per questo aggrediti dalle organizzazioni neofasciste. Gli scontri si concludono con l’omicidio di due carlisti. Tra gli aggressori non ci sono soltanto spagnoli, tra i quali i cattolici tradizionalisti del gruppo Guerriglieri di Cristo Re, ma anche argentini, portoghesi, francesi e italiani, armati dalla Guardia Civil che assiste senza intervenire agli scontri. Tra gli italiani sono Stefano Delle Chiaie, Augusto Cauchi, Mario Ricci, Piero Carmassi, Carlo Cicuttini e Giuseppe Calzona, tutti latitanti ed appartenenti Avanguardia Nazionale e al Movimento Politico Ordine Nuovo. Sul luogo degli scontri ci sono anche altri due latitanti: Gaetano Orlando del Movimento Azione Rivoluzionaria e Giovanni De Rosa del Fronte Nazionale.

18 maggio: Michele Sindona, che per la legge italiana è un latitante, scrive una lettera a Henry Constantin Lascaris Paleologue, residente a Cannes, per spiegargli in che cosa consista la Americans for a Democratic Italy, associazione costituita negli Stati Uniti per intervenire nella campagna elettorale italiana. Scrive che l’associazione “si sta attivamente occupando di combattere l’ascesa comunista in Italia”. L’Associazione è diretta, oltre che da Sindona, da Paul Rao jr. e da Philip Guarino, iscritti come Sindona alla P2.

28 maggioSezze Romano (Latina), una squadraccia fascista, capeggiata dal deputato del MSI Sandro Saccucci, uccide a colpi di pistola Luigi De Rosa, 19 anni, studente, militante della Federazione giovanile comunista e ferisce Antonio Spirito di Lotta Continua. Dopo la sparatoria Saccucci abbandona il paese insieme ad Angelo Pistolesi, Pietro Allatta e al maresciallo dei carabinieri Francesco Troccia, agente del Sid. Saccucci sarà dichiarato “decaduto dall’iscrizione al Msi-Dn” e al processo sarà prosciolto dall’accusa di omicidio

La Francia vende al Sudafrica due centrali nucleari. Il regime sudafricano è così attrezzato per costruire armi atomiche.

Stati Uniti e Unione Sovietica sottoscrivono un patto per la limitazione delle esplosione nucleari sotterranee a fini pacifici.

8 giugnoGenova, il procuratore generale Francesco Coco, 65 anni, è assassinato dalle Brigate Rosse. Nell’agguato muoiono anche due uo­mini della scorta, il brigadiere Saponara e l’appuntato Deiana.

Il ministro deIl’Interno Francesco Cossiga scioglie, con il sequestro dei beni e la chiusura delle sedi, Avanguardia Nazionale. Il provvedimento è la conseguenza della conclusione del processo che a Roma, tre giorni prima, ha condannato per ricostituzione del partito fascista 31 dei 64 imputati appartenenti all’organizzazione. Le condanne più significative hanno colpito Delle Chiaie Stefano, Tilgher Adriano, Genoese Zerbi Felice, Fiore Antonio, De Eccher Cristiano. Avanguardia Nazionale tornerà a ricostituirsi clandestinamente

9 giugnoTorino, sospeso il processo contro i capi storici delle Br apertosi il 17 maggio con 23 imputati di cui 11 detenuti (Pietro Bassi, Pietro Bertolazzi, Alfredo Buonavita, Renato Curcio, Valerio De Ponti, Paolo Maurizio Ferrari, Alberto Franceschini, Prospero Gallinari, Arialdo Lintrami, Roberto Ognibene e Tonino Paroli)

16 giugnoTrento, Gianni Endrici, operaio militante di Lotta Continua, è ferito a colpi di pistola dal neofascista Stefano Caracristi.

Sudafrica, scoppia la rivolta nel ghetto nero di Soweto, alla periferia di Johannesburg, fra giovani di colore che protestavano contro la discriminazione razziale e la polizia. Gli scontri dureranno una settimana e provocheranno 176 vittime.

17 giugnoBarletta (Bari), Giuseppe Paglialonga, militante 23enne della sinistra extraparlamentare, è ridotto in fine di vita da alcuni missini che lo accoltellano.


20 giugno: elezioni politiche anticipate, forte avanzata comunista che si attesta al 34,4% (+ 7,2% e 227 deputati), mentre le sinistre, complessivamente, arrivano al 47%. Calano i partiti di centro e di destra, aumenta anche la DC che si attesta al 38,7 %
I risultati
Camera: https://elezionistorico.interno.gov.it/index.php?tpel=C&dtel=20/06/1976&tpa=I&tpe=A&lev0=0&levsut0=0&es0=S&ms=S
Senato: https://elezionistorico.interno.gov.it/index.php?tpel=S&dtel=20/06/1976&tpa=I&tpe=A&lev0=0&levsut0=0&es0=S&ms=S

Nota per la navigazione: dai link sopra riportati si accede – menù a tendina sulla sinistra – alle pagine dei risultati delle diverse Circoscrizioni, delle singole provincie e da queste ai singoli comuni


24 giugno: nasce ufficialmente la Repubblica socialista del Vietnam con capitale Hanoi.

27 giugno: prima condanna per Sindona, il tribunale di Milano lo condanna a 3 anni e mezzo di reclusione per violazione delle leggi bancarie.

Sette terroristi palestinesi dirottano un Airbus dell’Air France, in volo da Tel Aviv a Parigi, con 247 passeggeri a bordo. Chiedono la liberazione di 53 compagni detenuti in Israele. La vicenda si concluderà con un massacro il 4 luglio a Entebbe in Uganda. Un commando di truppe aviotrasportate israeliane assalterà l’aereo: muoiono i sette terroristi, tre ostaggi e una ventina di soldati ugandesi.

30 giugno: durante la Conferenza dei partiti comunisti europei, Enrico Berlinguer espone la teoria dell’Eurocomunismo e la necessità dell’esistenza di partiti autonomi senza direttive e vincoli.

1 luglio: l’avvocato Rodolfo Guzzi, legale del latitante Michele Sindona, incontra il maestro venerabile della P2 Licio Gelli per ottenerne il sostegno per un progetto di sistemazione delle conseguenze finanziarie seguite alla bancarotta della Banca Privata Italiana e per vanificare la richiesta di estradizione in Italia di Sindona. Anche il finanziere è affiliato alla P2. 

2 luglio: muore a Genova l’industriale e armatore Angelo Costa” (…)  iniziò la sua attività nel settore degli oli alimentari e la estese poi all’industria armatoriale, serica, tessile e meccanica; presidente della Confederazione generale dell’industria italiana (1945-55; 1966-69). Dal 1947 fu presidente della Confederazione armatori liberi italiani. Sono stati pubblicati i suoi Scritti e discorsi (8 voll., 1980-84), di carattere economico. Cavaliere del lavoro (1952). n Il complesso di circa cinquanta aziende, già da lui dirette e costituenti una holding familiare, si è trasformato (1979) in una società per azioni, avente come amministratore delegato il figlio Giacomo (n. 1929), cui è successo nel 1983 il cugino Andrea” (www.treccani.it/enciclopedia/angelo-costa)

5 luglioRoma, il deputato comunista Pietro Ingrao è eletto presidente della Camera, il democristiano Amintore Fanfani del Senato.

10 luglioRoma, Vittorio Occorsio, 47 anni, sostituto procuratore generale della Repubblica, è ucciso da un comando di Ordine Nuovo. Due uomini armati di mitra sparano a raffica contro il ma­gistrato uccidendolo sul colpo. Il magistrato aveva indagato sul Sifar, sulla strage di piazza Fontana e aveva decretato la messa al bando di Ordine Nuovo. Il giorno prima di essere assassinato Occorsio, parlando con un giornalista, aveva sottolineato come la cifra totale ricavata dai rapimenti di persona coincidesse esattamente con la cifra spesa per l’acquisto della sede dell’OMPAM di Licio Gelli. Sul corpo della vittima sono lasciate varie copie di un volantino con il quale il Mpon rivendica l’omicidio. Nel volantino è scritto tra l’altro: “Un Tribunale speciale del Mpon ha giudicato Vittorio Occorsio e lo ha ritenuto colpevole di avere, per opportunismo carrieristico, servito la dittatura democratica perseguitando i militanti di Ordine Nuovo. Anche i boia muoiono!”. La storia processuale del crimine avrà un lungo svolgimento. I giudizi di secondo grado, ripetutamente annullati dalla Cassazione, risulteranno addirittura quattro. Alla fine le condanne più significative riguarderanno Concutelli, autore confesso del crimine, e il suo complice, Gianfranco Ferro
Bologna, alcune ore prima dell’uccisione a Roma del giudice Vittorio Occorsi, un’altra organizzazione neofascista di estrema destra, Ordine Nero, firma un attentato contro il portone dell’abitazione di Domenico Bonfiglio, Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Bologna

Organizzata dal segretario centrale Guy Amaudruz si svolge a Barcellona la tredicesima assemblea del Noe (Nouvel Ordre Européen). Come nelle precedenti occasioni in cui la manifestazione si è svolta in Spagna, all’organizzare dei lavori partecipa il Cedade (Circulo Espanol de Amigos de Europa).

Seveso (Mi), lo scoppio di un reattore nella fabbrica ICMESA, provoca una nube tossica di diossina. E’ un vero e proprio disastro ambientale, aumentato anche dai ritardi dell’intervento. Basti pensare che gli abitanti vengono evacuati solo 15 giorni dopo lo scoppio.

15 luglioRoma, il comitato centrale socialista, riunito all’hotel Midas, elegge Bettino Craxi segretario.

16 luglioLisbona, il socialista Mario Soares è il nuovo primo ministro portoghese.

Nizza, rapinata una banca da un gruppo che lascia su una parete il simbolo neofascista della croce celtica. Il bottino è ingente e deve servire, come dirà il francese Albert Spaggiari, ex membro dell’Oas (Organisation Armèe Secrete) in contatto con la Cia nonché tra gli organizzatori della rapina, ad aiutare i militanti anticomunisti. Spaggiari sarà condannato all’ergastolo in contumacia. La sua convivente, Annie Otal, sarà arrestata sei mesi dopo a Madrid insieme a numerosi neofascisti italiani latitanti.

20 luglioRoma, l’avvocato Giorgio Arcangeli rivela informalmente alla polizia che l’ordinovista Pierluigi Concutelli è l’assassino del magistrato Vittorio Occorsio. Arcangeli frequenta gli ambienti di Avanguardia Nazionale.


31 luglio: nasce il terzo governo Andreotti, un monocolore Dc che può contare sull’astensione di Pci, Psi, Psdi, Pri e Pli. Ministro della Difesa è il democristiano Vito Lattanzio, Cossiga confermato all’Interno, Forlani agli Esteri. 
Il governo: http://www.senato.it/leg/07/BGT/Schede/Governi/0002_M.htm


31 luglio: il giudice istruttore di Catanzaro, concludendo l’inchiesta-stralcio sul coinvolgimento del Sid nella strage di piazza Fontana, rinvia a giudizio otto imputati: Guido Giannettini per concorso nella strage di piazza Fontana e altri reati (già contestati a Freda, Ventura, Pozzan, all’anarchico Valpreda e ad alcuni suoi compagni), Massimiliano Fachini e Pietro Loredan per partecipazione ad associazione sovversiva, Stefano Serpieri e Gaetano Tanzilli per falsa testimonianza; Claudio Mutti, Gianadelio Maletti e Labruna Antonio per favoreggiamento.

Agosto: continua la guerra civile nel Nord Irlanda. Alla fine dell’anno si conteranno 296 nuove vittime di attentati terroristici.

2 agosto: con un decreto del ministro dell’interno Francesco Cossiga cambia denominazione l’Ispettorato generale contro il terrorismo (Antiterrorismo), ribattezzato Sds (Servizio di sicurezza). A dirigerlo resta Emilio Santillo, già a capo del precedente organismo.

6 agostoArezzo, 14 saponette di tritolo sono trovate intorno ad un pilone del raccordo autostradale che scavalca la ferrovia Roma – Firenze. Una soffiata aveva avvertito la polizia. Se ci fosse stata l’esplosione, i morti sarebbero potuti essere centinaia, per il deragliamento del treno e il crollo del raccordo autostradale.

9 agostoRoma, lo storico dell’arte Giulio Carlo Argan, comunista, è eletto sindaco della città. 

12 agosto: Beirut, i falangisti cristiani, appoggiati da reparti siriani, attaccano il campo profughi di Tal El Zaatar. Migliaia di vittime

14 agostoBologna, un bulldozer inviato dalla Giunta comunale abbatte uno stabile occupato in via Berretta rossa, nel rione Santa Viola. Ex centro ricreativo comunale, ospitava da alcuni mesi un gruppo di senza casa e un centro del proletariato giovanile. Un centro analogo è presente in un capannone vuoto del quartiere San Donato. Il 1 settembre il Centro Berretta rossa occuperà abusivamente uno stabile dell’Amministrazione provinciale in viale Vicini, poi per pochi giorni l’hotel Bologna. I giovani chiedono la requisizione delle case vuote e la schedatura dei proprietari speculatori

20 agostoLecce, dieci detenuti, tra cui Graziano Mesina, evadono dal carcere. L’operazione viene rivendicata dai Nap.

23 agosto: Paul Rao Jr. e Philip Guarino, sostenitori negli Stati Uniti di Michele Sindona, sono a Roma per un colloquio col presidente del Consiglio Giulio Andreotti, al quale chiedono appoggi per il latitante. I due sono stati accompagnati dall’avvocato di Sindona Rodolfo Guzzi al quale, al termine del colloquio, Guarino dice di essere molto soddisfatto perché Andreotti “ha assicurato un completo interessamento”. Rao e Guarino incontrano anche il capo della P2 Licio Gelli. Sia Sindona che Guarino sono affiliati alla P2.

26 agostoL’Aja, il principe Bernardo, coinvolto dallo scandalo Lockheed, si dimette da ogni incarico ufficiale.

27 agostoMacerata, il vice questore Giuseppe Piccolo è trasferito d’ufficio ad un commissariato di Spoleto. Nei mesi precedenti aveva denunciato al ministro dell’Interno Cossiga che la questura di Macerata era retta da funzionari in stretti rapporti con fascisti. In particolare Piccolo aveva accu­sato il capo di gabinetto del questore Leonardo Tancredi di aver favorito la fuga di Lu­ciano Bonocore, coinvolto nelle trame golpiste del 1974. A seguito delle accuse, era giunto a Macerata l’ispettore ministeriale Ferruccio Alitto Bonanno e, al suo ritorno a Roma, era stato preso il provvedimento contro Piccolo.

La Sezione istruttoria della Corte d’appello di Catanzaro concede la libertà provvisoria a Franco Freda e Giovanni Ventura per decorrenza dei termini di carcerazione preventiva, imponendo ad entrambi il soggiorno obbligato all’isola del Giglio.

29 agostoLilla (Francia), nonostante l’esplicito divieto del Papa, il vescovo scismatico Lefebvre celebra la messa tradizionalista.

1° settembreBiella, Francesco Cusano, 51 anni, vice questore, è ucciso da due brigatisti rossi che aveva fermato per un controllo. I due brigatisti sono Lauro Azzolini e Calogero Diana

3 settembre: scoppiano delle proteste nei carceri di Milano, Torino e Genova. I detenuti chiedono una rapida attuazione della riforma penitenziaria

5 settembreComo, Pietrantonio Castelnovo, 42 anni, operaio, militante del PCI, è ucciso dai fascisti durante il Festival dell’Unità nel rione Castello.

8 settembreNew York, arrestato Michele Sindona. Ritorna subito in libertà pagando una cauzione di 3 milioni di dollari. Anche l’autorità giudiziaria statunitense ha in corso un procedimento penale contro Sindona e il suo ex collaboratore Carlo Bordoni per il fallimento della Franklin National Bank e il giudice di New York deve decidere quale dei due procedimenti prevalga, se quello italiano o quello americano. Prevarrà la seconda ipotesi.

9 settembrePechino, muore a 83 anni Mao Tse-tung, padre della Repubblica popolare cinese. Il potere passa nella mani dei sostenitori di Deng Xiao-pjing che aprono la campagna contro la cosiddetta banda dei quattro.

10 settembreMaiorca (Spagna): Gianni Nardi, il militante fascista sospettato di essere implicato nell’assassinio del commissario Calabresi, muore in un misterioso incidente stradale. La notizia viene co­municata solo otto giorni dopo: l’agenzia Ansa, che si mette in contatto con la polizia spagnola, riceve tre versioni differenti del fatto. Fabio Dean, avvocato della famiglia, dirà che “era arrivato a Maiorca da pochi giorni; veniva dall’America Latina, dove aveva soggiornato in Brasile e in Colombia”. Nessuno può vedere il cada­vere. Qualche giorno dopo una bara viene riportata, sigillata, in Italia. Fino a molti anni dopo alcune voci sosterranno che l’incidente è stato una messa in scena e che in realtà Gianni Nardi è vivo. Un’ulteriore smentita verrà con l’esumazione della salma, ma la perizia necroscopica lascerà molti margini di dubbio nonostante la perentorietà con cui i periti sosterranno il riconoscimento di Nardi.

16 settembre: a La Plata i militari argentini iniziarono l’operazione “Matite Spezzate”. Furono arrestati studenti degli istituti superiori che avevano organizzato uno sciopero contro l’aumento del biglietto del bus e del costo dei libri. Furono imprigionati, torturati e violentati a lungo. Infine sparirono (desaparecidos)
continua in
https://sites.google.com/site/sentileranechecantano/magazzino/la-notte-delle-matite-spezzate

20 settembre: i paesi della CEE raggiungono l’accordo per l’elezione a suffragio universale diretto del Parlamento europeo.

28 settembre: Michele Sindona scrive da New York una lettera al presidente del Consiglio Giulio Andreotti in cui, dopo averlo ringraziato “dei rinnovati sentimenti di stima che Ella ha recentemente manifestato nel momento più difficile della mia vita”, sollecita l’esito positivo di un progetto per risolvere le sue pendenze. Ma la lettera contiene, secondo le conclusioni dell’autorità giudiziaria di Milano, anche un ricatto: “Sarò costretto mio malgrado a presentare, per capovolgere la situazione a mio favore, i reali motivi per cui è stato emesso a mio carico un ingiusto mandato di cattura: farò cioè presente che sono stato messo in questa situazione per volontà di persone e gruppi politici a Lei noti che mi hanno combattuto perché sapevano che combattendo me avrebbero danneggiato altri gruppi a cui io avevo dato appoggi con tangibili e ufficiali interventi”.

30 settembre: il socialista Giorgio Benvenuto è eletto segretario generale della UIL. Per molti anni aveva guidato i metalmeccanici della UILM. 

8 ottobreGenova, espropriata da esponenti della sinistra estrema la Cassa di risparmio presso l’ospedale San Martino

10 ottobre: una delle prime azioni di Prima Linea è l’assalto alla sede della DC di Torino. Tra i componenti del commando c’è Marco Donat Cattin, figlio di uno dei massimi esponenti democristiani.

11 ottobreRoma, tre terroristi arabi appartenenti all’organizzazione Giugno Nero diretta da Sabri Khalil Abdul Hamid Al Banna (Abu Nidal) fanno irruzione armati nell’ambasciata di Siria. Loro obiettivo è colpire l’ambasciatore, che però è assente. Feriscono alle gambe il diplomatico Hussein Hatem poi si consegnano alla polizia. Dichiarano di chiamarsi Hasnen Nabil, Mohamed Jahed e Ahmed Hosein, nomi sicuramente falsi. Saranno tutti e tre condannati.

15 ottobreTorino, cinque terroristi armati e mascherati fanno irruzione negli uffici del Centro studi Donati, sede della corrente democristiana di Forze Nuove che fa capo al ministro Carlo Donat Cattin. Distruggono manifesti e opuscoli, lanciano bottiglie incendiarie e lasciano un volantino firmato Squadre Proletarie Armate. Uno degli assalitori dimentica un paio di guanti che risulterà di proprietà di Barbara Graglia.

18 ottobreBologna, muore a 85 anni il cardinale Giacomo Lercaro. Già arcivescovo di Bologna dal 1953 al 1968, era stato uno dei principali protagonisti del Concilio Vaticano II per essere poi messo in disparte dalla gerarchia vaticana.

21 ottobrePadova, registrata, presso la locale Camera di commercio, come società di fatto Radio Sherwood. Risultano soci Emilio Vesce, già direttore del periodico Potere Operaio e ora direttore di Rosso, Luciano Ferrari Bravo, Ettore Gasparini e Antonio Temil. L’emittente si propone di fornire ad Autonomia Operaia “gli strumenti necessari ad articolare la lotta, ad esplicitare il percorso nell’illegalità di massa e diffusa”

22 ottobre: sequestrato a Genova, da esponenti della sinistra estrema, il dirigente della Ansaldo Vincenzo Casabona

28 ottobre: il generale dei carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa presenta domanda di affiliazione alla P2. E’ presentato dal generale Franco Picchiotti, garanti il generale Raffaele Giudice e Francesco Cosentino, segretario della Camera dei deputati. Della P2 fa parte anche Romolo Dalla Chiesa, ufficiale dei carabinieri e fratello di Carlo Alberto. Per una serie di circostanze la domanda di affiliazione non avrà seguito

NovembreBologna, nasce il Collettivo Jacquerie, che raccoglie militanti della sinistra extraparlamentare e ex esponenti di Lotta Continua. Si rende protagonista nelle settimane seguenti di azioni di rottura, come le “autoriduzioni”. Lo slogan è “Basta con la miseria, vogliamo appropriarci della ricchezza”. Due-trecento giovani entrano nei cinema senza pagare e durante l’intervallo spiegano al megafono il significato politico della loro azione. Dopo l’aumento dei prezzi da parte dell’Opera universitaria, sono organizzate autoriduzioni e autogestioni nelle mense. In seguito la lotta si estende ai ristoranti e ai negozi alimentari. E’ occupato anche un asilo nido, con la richiesta di riduzione delle tariffe. Le azioni, da alcuni considerate “vere e proprie ruberie” provocheranno sempre più spesso disordini e scontri con la polizia

4 novembreWashington, il democratico Jimmy Carter è eletto 39° presidente degli Stati Uniti.

Rimini, si scioglie Lotta Continua.

7 novembre: il capo del governo. Andreotti mette pace tra Lima e Ciancimino. Questi ottiene la delega agli enti locali siciliani.

12 novembreMadrid, dopo quarant’anni viene indetto uno sciopero generale per protestare contro la politica economica del governo Suarez e per chiedere un rapido ritorno alla democrazia.

18 novembreRoma, otto neofascisti assaltano armati di pistole una sezione del Pci in via Tigrè. I militanti comunisti che sono all’interno vengono aggrediti. Fra gli assalitori viene riconosciuto Andrea Insabato.

29 novembre: cinque esponenti di Prima Linea irrompono nella sede del Gruppo dirigenti della Fiat a Torino, incatenano gli impiegati, espropriano i soldi che trovano e scrivono con una bomboletta spray Prima Linea. E’ la prima comparsa della sigla.

30 novembre: Roma, gli ex ministri Gui e Tanassi sono messi in stato d’accusa per corruzione, nell’ambito dello scandalo Lockheed, dalla Commissione Inquirente
Bologna, tre uomini, supportati da altrettanti complici rimasti all’esterno, tentano una rapina all’armeria Grandi in via Castagnoli, in piena zona universitaria. L’azione fallisce per la reazione decisa del titolare. Anni dopo essa sarà attribuita a una struttura clandestina facente capo alla rivista Rosso, portavoce dell’area dell’Autonomia Operaia

NovembreMilano, un gruppo di artisti riuniti nel Laboratorio di Comunicazione Militante occupa la ex-chiesa di S. Carpoforo a Brera per utilizzarla come sede di iniziative d’arte. Viene chiamata la “Fabbrica di Comunicazione”

1° dicembreTorino, la Fiat annuncia il passaggio del 10% del capitale di Fiat Auto alla Lybian Foreign Bank. Il pacchetto azionario sarà riacquistato nel 1986
Per contrastare la richiesta di estradizione in Italia del latitante Michele Sindona, all’inizio del mese vengono presentati all’autorità giudiziaria americana degli affidavit (dichiarazioni giurate) che accreditano la tesi che Sindona sia in Italia un perseguitato politico in quanto anticomunista. Firmano gli affidavit il deputato socialdemocratico ed ex segretario del partito Flavio Orlandi, l’avvocato Stefano Gullo, Anna Bonomi, il gran maestro della massoneria di piazza del Gesù Francesco Bellantonio, John McCaffery e i piduisti Licio Gelli, Philip Guarino, il magistrato di Cassazione Carmelo Spagnuolo ed Edgardo Sogno

Dicembre: rapporto del colonnello Aldo Vitali, comandante della Guardia di Finanza di Venezia, su alcuni traffici petroliferi a cui non sarebbe estraneo “un noto uomo politico veneto”. Inizia così il “terzo scandalo dei petroli” che coinvolgerà, tra gli altri, il comandante generale della Guardia di Finanza Raffaele Giudice, Sereno Freato, il petroliere Musselli, monsignor Duca, penitenziere presso la cattedrale della Storta a Roma e monsignor Annibale Ilari 

7 dicembre: la contestazione della prima della Scala a Milano dicembre, da parte dei Circoli del Proletariato Giovanile, segna l’inizio del movimento del ’77, centrato più che sulla condizione studentesca, su quella del precariato sociale. Tra le manifestazioni più eclatanti a Bologna l’occupazione di case e sedi universitarie, i cortei-festa degli studenti, le autoriduzioni del Collettivo Jacquerie, la diffusione di una pratica politica basata sull’ironia e il non-sense da parte di gruppi come gli indiani metropolitani e Agit prop. Il 22 dicembre ci saranno pesanti scontri in pieno centro tra il movimento dei “giovani proletari per l’autoriduzione” e la polizia, con lanci di pietre e molotov, vetrine di negozi e autobus danneggiati

13 dicembre: una risoluzione del Consiglio e dei Ministri della Pubblica Istruzione della Comunità Europea, riguardante i “provvedimenti volti a migliorare la preparazione dei giovani al lavoro e a facilitarne il passaggio dagli studi alla vita attiva” stabilisce una serie di misure da adottare sia da parte dagli Stati membri, che a livello comunitario.
Agli Stati membri si chiede di tenere conto, nelle loro politiche nazionali di istruzione, della realizzazione di programmi di formazione che realmente preparino i giovani alla vita attiva, della promozione di un sistema permanente di orientamento scolastico e professionale, del conferimento agli studenti di agevolazioni per l’accesso ai sistemi formativi, della formazione iniziale e permanente degli insegnanti.
Per quanto riguarda gli impegni della Comunità, è avviata una prima serie di progetti pilota con lo scopo di analizzare gli ostacoli che i giovani incontrano nel passaggio dal mondo della scuola a quello del lavoro e di studiare possibili soluzioni.

14 dicembreRoma, Prisco Palumbo, agente di PS, è ucciso in un agguato da un commando dei Nuclei Armati Proletari, diretto da Marino Zicchitella e diretto contro Alfonso Noce, capo del SDS (Antiterrorismo) dell’Italia Centrale. Anche Zicchitella resta a terra ucciso. A colpirlo, forse non per errore, è un suo compagno, Antonio Lo Muscio.

15 dicembreSesto Giovanni, in via Leopardi, il vice questore Vittorio Padovani e il maresciallo Sergio Bazzega muoiono in uno scontro a fuoco mentre tentato di arrestare, nella sua abitazione, Walter Alasia, un giovane sospettato di appartenere alle BR. Anche Alasia rimane mortalmente ferito, mentre cerca di fuggire attraverso il cortile. Morirà durante il tra­sporto all’ospedale. Nell’appartamento vengono trovati armi, munizione e documenti delle BR
Madrid, il referendum nazionale spagnolo sulla Ley para la Reforma Política segna una altra vittoria del Sovrano Juan Carlos sull’ala più conservatrice del movimento nazionalista: la legge pone definitivamente termine alla dittatura, codificando un sistema parlamentare bicamerale, nel quale ricompaiono il Congreso de los Diputados e il Senado, da eleggersi a suffragio universale, diretto e segreto

16 dicembreBrescia, Bianca Daller, 61 anni, insegnante, è uccisa dallo scoppio di una bomba collocata in piazzale Arnaldo, altre persone restano ferite. L’autore dell’at­tentato, che poteva provocare una strage di vaste proporzioni, è Giuseppe Piccini, evaso da Porto Azzurro. La sua versione, che non convince gli inquirenti, farebbe escludere la matrice politica. L’attribuzione dell’attentato rimarrà a lungo incerta, oscillando tra terrorismo nero e terrorismo rosso e mettendo in evidenza profondi contrasti tra carabinieri e polizia. Alla fine l’impresa sarà attribuita alla malavita, anche se nella sentenza d’appello i giudici scriveranno che l’atto dinamitardo “si inserisce nel contesto della famigerata strategia della tensione”.

17 dicembre: scambio di prigionieri politici tra i governi di Cile e Urss. Il regime di Pinochet libera il segretario del Partito comunista cileno, Luis Corvalan. I sovietici rimettono in libertà il fisico dissidente Vladimir Bukovski.

Il colonnello della Guardia di Finanza Lucio Siragusa e il suo ex collaboratore maresciallo Salvatore Saija sono arrestati per ordine del pubblico ministero di Trento con l’accusa di concorso in strage, detenzione e trasporto di esplosivi in riferimento agli attentati compiuti a Trento all’inizio del 1971. In precedenza erano finiti in carcere con le stesse accuse Sergio Zani (nome in codice Sartana) e Caudio Widmann (nome in codice Lucas), entrambi confidenti della Guardia di Finanza, ma anche della Questura, dei carabinieri e del Sid. A sostenere l’accusa contro i due finanzieri è soprattutto il colonnello dei carabinieri Michele Santoro. L’inchiesta di Trento sugli attentati del 1971 ha avuto impulso dopo la trasmissione di atti giudiziari dal Tribunale di Roma che ha assolto il quotidiano Lotta Continua, che aveva attribuito le bombe a provocatori al servizio della polizia.

18 dicembre: la nazionale italiana di tennis vince la sua prima Coppa Davis battendo in finale il Cile. L’incontro provoca numerose manifestazioni di dissenso da parte di cittadini contrari all’affrontare una nazionale di una nazione guidata da un regime fascista

19 dicembre: alle 20,30, in prima serata su Rai Due, inizia la prima delle quattro puntate di “Onda libera” o, a seconda delle versioni, “Televacca”. Originariamente, infatti, il titolo scelto era “Televacca”, ma questo ha destato subito scandalo nell’ambiente televisivo dell’epoca poiché ritenuto eccessivamente volgare. Di qui la decisione di chiamare la trasmissione “Onda libera”. Si tratta di un programma altamente innovativo, trasmesso da una Rai che è alla ricerca di un profondo rinnovamento e di spunti non conformistici. Si tratta di una data fondamentale non solo nella vita dell’attore, ma anche nella storia della televisione italiana

22 dicembreBologna, durante la mattinata il direttore di un grande magazzino del centro rifiuta a un gruppo di “giovani proletari per l’autoriduzione” una spesa a prezzi dimezzati. Nel pomeriggio parte da piazza Verdi un corteo di circa duecento appartenenti ai collettivi autonomi. In via Indipendenza i manifestanti si scontrano con la polizia: a una fitta sassaiola si accompagna il lancio di bottiglie molotov. Costretti a ritirarsi, alcuni giovani a volto coperto si sfogano fracassando vetrine di negozi e danneggiando automobili e bus. L’ATC (Azienda trasporti consorziata) proclama uno sciopero contro la “teppaglia fascista”

DURANTE L’ANNO
“Quasi 400 milioni di ore autorizzate dalla cassa integrazione, oltre 1.500.000 fra disoccupati e lavoratori a rapporto di lavoro precario, centinaia di migliaia di giovani operai, diplomati, laureati in attesa di prima occupazione, riduzione della produzione industriale rispetto all’anno precedente di circa il 12%, riduzione del reddito nazionale di circa il 3%. Sono queste le cifre con le quali si apre, per i lavoratori italiani, il 1976 (…)” (Da Rassegna Sindacale n.1 – 8 gennaio 1976) 
Bologna, nel quartiere Pilastro viene edificato uno dei più imponenti complessi residenziali della città: il “Virgolone”. Si tratta di un edificio curvilineo di sette piani, che si snoda all’incirca per 700 metri. E’ costituito da 552 appartamenti, di proprietà dello IACP e di cooperative. Con il Virgolone si intende favorire l’insediamento di persone con redditi più alti di quelli dei primi abitanti, con l’obiettivo di migliorare il tessuto sociale del quartiere
Venezia, fondato l’Ente di sviluppo agricolo del Veneto (Esav)

error: Content is protected !!